Shakespeare è ancora online

La fondazione del Teatro Globe lancia una biblioteca virtuale per raccogliere le opere del drammaturgo. Un pezzo di storia della letteratura britannica (e mondiale) razionalizzata in Rete

Roma – Avrà il suggestivo nome di Ariel il sistema bibliotecario online sviluppato dallo Shakespeare Globe Theatre per raccogliere sul web il vasto catalogo del genio di Stratford-upon-avon. Una collezione di testi, ma anche di documenti elettronici e materiale multimediale all’interno di un più ampio progetto di ricerca della Globe Education , a favore di ricercatori, studiosi ed attori impegnati nella sempre ardua impresa di recitare opere immortali come l’Amleto.

La biblioteca web è destinata a contenere il testo e le revisioni critiche dell’ opus magnum shakespeariano, insieme ad una vasta raccolta di opere britanniche risalenti al 16esimo e 17esimo secolo . Presenti nel database anche una serie di periodici tra cui Shakespeare Survey , Shakespeare Bulletin e Shakespeare Quarterly .

Il progetto sarà , inoltre, un punto di riferimento web-based per tutti i materiali di ricerca relativi alle produzioni del poeta e drammaturgo e a quelle dei suoi contemporanei, in modo da ricostruire ancora una volta un periodo decisamente fertile per la letteratura della moderna Inghilterra.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • DirigenteFi at scrive:
    la parabola del buon samaritano
    oggi volevo raccontavi la parabola del buon samaritano.Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti che lo spogliarono, lo percossero e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e quando lo vide passò oltre dall'altra parte. Anche un levita, giunto in quel luogo, lo vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno. Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti?». Quegli rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va' e anche tu fa' lo stesso»qualcuno che vuole fare un commento costruttivo.
Chiudi i commenti