Si costituisce l'autore di Anna.Worm

Dopo aver capito quello che stava combinando il virus che aveva creato, il ragazzo olandese si è costituito presentandosi ad un commissariato di polizia di Amsterdam. Ora rischia quattro anni di galera


Amsterdam – E alla fine si è costituito l’autore del virus che sfrutta l’immagine della tennista russa Anna Kournikova per convincere gli utenti Internet ad aprire l’allegato del messaggio con cui si diffonde.

L’autore è un ragazzo di 20 anni di Amsterdam che, dopo aver capito i problemi che il suo worm sta causando in mezzo mondo e dopo aver consultato i propri genitori, ha deciso di costituirsi recandosi ieri mattina in un commissariato di polizia.

In una nota, la polizia ha confermato che il ragazzo usa “OnTheFly” come nickname, un soprannome che ha utilizzato due giorni fa, come si ricorderà, per affermare su una board online che non era sua intenzione creare danni a qualcuno con quel worm.

Nella “confessione”, OnTheFly spiegava di aver realizzato quel virus utilizzando un tool di creazione piuttosto noto e sotto ispirazione della tennista russa… Altro motivo che lo avrebbe spinto a realizzare il worm è l’accusa che rivolge agli utenti Internet, “che non si proteggono dai virus”.

Il ragazzo è stato rilasciato, ma dovrà presto presentarsi in tribunale per affrontare un processo che, nel peggiore dei casi, potrebbe portarlo in carcere per quattro anni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Solita percentuale idiota.
    Forse il 25% degli utenti non sa usare il computer! ... che è molto più probabile!!!...allora non mi stupirei perdessero anche la cpu !!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Backup or not backup??
    Ieri meeting generale in Iomega domanda: quanti di vuoi fanno il backup dei propri dati tutti i giorni? risposta: 2 mani alzate su una 50ina di persone. eh si che in Iomega non dobbiamo preoccuparci di pagare software come Quiksync2 o comprare dispositivi di backup.Da qui possiamo trarre tutte le conseguenze del caso e perfino i dati della ricerca mi sembrano ottimistici.
  • Anonimo scrive:
    Non è vero!
    L'unica vera statistica in materia di perdita dei dati sui Personal Computer è la seguente:il 50% degli utenti di PC ha perso i propri datiil 50% degli utenti di PC perderà i propri dati!Bye
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è vero!
      - Scritto da: HuangDi
      L'unica vera statistica in materia di
      perdita dei dati sui Personal Computer è la
      seguente:

      il 50% degli utenti di PC ha perso i propri
      dati
      il 50% degli utenti di PC perderà i propri
      dati!

      Byeti potevi risparmiare questa cazzata
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è vero!
        - Scritto da: a


        - Scritto da: HuangDi

        L'unica vera statistica in materia di

        perdita dei dati sui Personal Computer è
        la

        seguente:



        il 50% degli utenti di PC ha perso i
        propri

        dati

        il 50% degli utenti di PC perderà i propri

        dati!



        Bye

        ti potevi risparmiare questa cazzataCaro a, non è una cazzata trovami un utente di PC (che lo usa) e che non abbia perso i propri dati... il problema è che al backup ci si pensa sempre dopo!Bye p.s. cerca sempre di azionare il cervello prima di parlare!
  • Anonimo scrive:
    Io mi preoccuperei di piu' dei Sistemi Operativi
    Come da oggetto, la scarsa affidabilita' di questi spesso mette a repentaglio anni e anni di storia e di lavoro di aziende e professionisti.Se lo sviluppo del software avesse avuto l'incremento qualitativo che ha avuto l'hardware negli ultimi anni (bada bene, parlo di Hard disk e chip di ram e CPU) oggi potremmo tranquillamente fare a meno dei backup (almeno nel senso vero e proprio del termine) e potremmo scordarci i virus e i cracker nonche' i black out.il problema e' che anche certi "analisti" e "consulenti" devono campare....
  • Anonimo scrive:
    Solita cazzata!
    Nota bene: come al solito accomunano virus, hacker e crackers con qualsisasi altra sfiga informatica (che mettono per ultima).Cosa c'entrano i black-out con gli hacker e i virus? Sono cose tanto slegate tra loro che una statistica fatta veramente su quei parametri non so quanto avrebbe senso ... ma d'altra parte, qualsiasi cosa può essere "provata statisticamente" se si bara sulle premesse.
    • Anonimo scrive:
      Re: Solita cazzata!
      - Scritto da: Andrea
      Nota bene: come al solito accomunano virus,
      hacker e crackers con qualsisasi altra sfiga
      informatica (che mettono per ultima).
      Cosa c'entrano i black-out con gli hacker e
      i virus? Sono cose tanto slegate tra loro
      che una statistica fatta veramente su quei
      parametri non so quanto avrebbe senso ... ma
      d'altra parte, qualsiasi cosa può essere
      "provata statisticamente" se si bara sulle
      premesse.guarda io alla Iomega ci lavoro, lo sai da cosa sono accumunate tutte quelle cose li'??? l'imbecillita' totale del 70% di chi usa il pc, quelli che poi tentano di fare i backup a volte sono ancora piu' imbecilli e infine l'imbecillita' di chi lavora alla Iomega e fa comunicati del cazzo...cmq non hai idea di quanti "professionisti" perdono qlc anno di lavoro e poi si mettono a piangere.cmq i comunicati iomega non arivano da palo alto:ROY, Utah, February 12, 2001 .....
      • Anonimo scrive:
        Re: Solita cazzata!

        guarda io alla Iomega ci lavoro, lo sai da
        cosa sono accumunate tutte quelle cose
        li'??? l'imbecillita' totale del 70% di chi
        usa il pc, quelli che poi tentano di fare i
        infine l'imbecillita' di chi lavora alla
        Iomega e fa comunicati del cazzo...cmq non
        backup a volte sono ancora piu' imbecilli e
        hai idea di quanti "professionisti" perdono
        qlc anno di lavoro e poi si mettono a
        piangere.

        cmq i comunicati iomega non arivano da palo
        alto:

        ROY, Utah, February 12, 2001 .....he he he.... e magari i "back-up" li fanno sullo stesso hdd primario di sistema, o su ripartizione, "al riparo" dai danneggiamenti.Una volta l'accesso ai PC avveniva dagli ZX81 o Vic20-64, uno acquisiva conoscenza dei principiinformatici gradatamente, a bestemmie e maledizioni per nastri incisi male in cui avevi perso il Supermario la cui copia era costata una pizza all'amico di turno. Oggi il primo PC che comprano è un PIII con un bel Win98 ultima generazione che sotto le mani "esperte" dell'utente va in crack dopo 10 gg tante sono le disinstallazioni fatte con il click dx "elimina" cartella. Ci si può lamentare poi dell'imbecillità??????
  • Anonimo scrive:
    Schermata Blu
    Perché essere interrotti mentre stai preprando qualcosa e non si era salvato non è il terrore di tutti?Quelli un po' scafati quando installano word non gli mettono l'autosave ogni minuto???I black-out??? Batsa un economico ups... ma con Winzozz non bastano milioni...Secondo me questa indagine fa di tutta l'erba un fascio...CoiX
Chiudi i commenti