Sistemisti o programmatori? Il concorso

Al Senato si è tenuto un concorso dopo il quale in redazione sono giunte diverse segnalazioni. Tra queste, anche una ricostruzione che mette in discussione il senso stesso della prova di pre-selezione


Roma – Caro Punto Informatico, vi scrivo dopo aver partecipato con mio grande entusiasmo al mio primo concorso pubblico per esperto informatico indetto dal Senato Italiano di cui vi segnalo il link .

Senza dilungarmi troppo, il suddetto bando indiceva un concorso per la figura di 7 programmatori e 3 sistemisti.
Visto il grande afflusso di candidati, si stabiliva di effettuare una prova di preselezione con un test comprendente 60 domande a risposta multipla.
Queste domande venivano scelte da un totale di 1000 domande pubblicate dal Senato circa 20 giorni prima della prova stessa. Raccolta di quesiti che trovate anche sul sito.

La cosa curiosa e non so fino a che punto legale è questa. Di questi 1000 quesiti almeno 600 domande erano di programmazione, 200 domande di sistemistica e 200 di tecnologie web e varie.

Alla fine cosa si è verificato:

– che la prova preliminare è stata data uguale per tutti sia programmatori che sistemisti, con il piccolo vantaggio che i programmatori avevano molte più possibilità di passare il test vista la maggioranza di domande di loro pertinenza

– che si potrebbe creare l’assurdo che passeranno solo i programmatori e che i posti riservati ai sistemisti verranno affidati comunque ai primi

– non si è tenuto minimamente conto che il mondo informatico è talmente vasto che è impossibile spaziare da Oracle a Java, a sistemi distribuiti al linguaggio SQL, a Linux, alla sicurezza informatica con piena padronanza

Quindi mi chiedo: è corretto che io, come molti altri che avremmo potuto tranquillamente sostenere le prove di sistemistica, siamo stati esclusi da tali prove perchè la prova preliminare è stata fatta sugli argomenti di entrambi gli indirizzi con netta prevalenza delle domande di programmazione?

Per dovere di cronaca su 3000 persone, ne passavano 250. E per essere tra i primi 250 bisognava fare tutte le 60 risposte corrette o al massimo sbagliarne una.

PS: Io ne ho fatte corrette 54, ma sfido un sistemista a dirmi quale è il corrispettivo Java del compilatore IDL di Corba:-)

Grazie
Artemisio

Ciao Artemisio
tra le altre segnalazioni che sono giunte a PI c’è anche chi sosteneva di essere riuscito a passare avendo memorizzato tutte le risposte alle mille domande, proprio come già hanno fatto per anni tutti coloro che hanno partecipato a concorsi per Camera o Senato in qualsiasi posizione. Si vuol fare una scrematura e pur di riuscirci, evidentemente, ogni mezzo è buono…
Un saluto, Adele Chiodi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    240 kili di combustibile fossile..
    vabbè... ma vi siete chiesti quanti kili di combustibile fossile buttiamo all'anno per spostarci con le nostre stufe a 4 ruote??SICURAMENTE più di 240 kili! a testaforse dovrebbero mettere un etichetta su tutte le cose che acquistiamo con su scritto la quantita di petrolio usata per farla.allora 240 kili per un pc sembreranno pochi
  • Anonimo scrive:
    Re: OK OK
    Scendi in strada e prova a pagamento.
  • Anonimo scrive:
    Re: OK OK
    E tu ne sei il frutto.Accidenti.
  • Anonimo scrive:
    OK OK
    "Tra i componenti più onerosi dal punto di vista delle risorse viene indicato il microprocessore. "Questo accade - ha spiegato ad AFP uno degli autori del rapporto, Ruediger Kuher - per il singolare rapporto tra il peso estremamente ridotto di questi dispositivi rispetto alle enormi quantità di energia e sostanze chimiche che sono necessarie per la loro produzione"torniamo a vivere come i trogloditi cavernicoli, almeno quelli sco*avano di piùdonne datela!
Chiudi i commenti