Skype si aggiorna per Linux e Chrome OS

Il team di Skype annuncia novità per il client Linux della piattaforma di comunicazione VoIP e per la versione Web dedicata a Chrome su Linux e Chrome OS

Roma – Questo è un mese veramente intenso per il team di Skype: dopo aver annunciato le novità su Skype for Meetings , Microsoft annuncia grosse novità per Linux, Chrome e ChromeOS. In queste ore, attraverso un post sul blog ufficiale, è stato annunciato il rilascio di Skype For Linux Alpha .


Questo nuovo client , in sostanza una web app, rispetto a quello precedente ormai obsoleto e aggiornato al 2014 fa uso della nuova interfaccia Skype UI , ma soprattutto della più aggiornata infrastruttura per le comunicazioni, che si appoggia sulle API WebRTC .
WebRTC, il cui sviluppo è stato portato avanti da Google, aggiunge ai browser funzionalità come chiamate, videochiamate e file sharing. Questa tecnologia è stata implementata in quasi tutti browser più famosi, e viene usata, ad esempio, in Firefox per l’estenzione Hello .

Il programma, essendo in alpha, è ancora piuttosto acerbo e al momento permette solamente di fare chiamate verso tutti gli altri client, ad eccezione della versioni precedenti per Linux.

Inoltre, per replicare le funzioni garantite dall’ implementazione della tecnologia ORTC su Edge, che rende superflua l’installazione di plugin per l’uso di Skype For Web , il team di Skype ha annunciato che, sempre sulla base di WebRTC, è stata messa disposizione la soluzione di comunicazione mediata dal browser anche per Chrome su Linux e ChromeOS.

Agli utenti è stato chiesto di testare queste novità e di inviare dei feedback al team per aiutarli a migliorare i servizi e correggere eventuali errori.

Pasquale De Rose

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Uyouyi scrive:
    grazie
    Bell'articolo, grazie.
  • rosbif scrive:
    touch è la soluzione economica
    "i costruttori premium siano meno propensi ad usare display touch anche se li stanno pian piano introducendo. I marchi meno esclusivi sono invece partiti direttamente, o quasi, con questo tipo di HMI, che ha consentito loro di creare plance meno "affollate" e quindi probabilmente capaci di una gestione più sciolta dei comandi."C'è anche una ragione economica: i pulsanti fisici costano (produzione, montaggio, magazzino ricambi).Qualche inconveniente di praticità, ma costo vettura inferiore.
  • rosbif scrive:
    per la redazione
    Bello il refresh della pagina che mi cancella i commenti mente scrivo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 luglio 2016 11.50-----------------------------------------------------------
    • 8nt8 scrive:
      Re: per la redazione
      Ormai è un vezzo comune; questione di click.Comunque non farai fatica a trovare un plugin per il browser....
Chiudi i commenti