SMS, tassa nel cestino?

Il Consiglio dei Ministri frena sulla tassa di 2 centesimi a messaggino per finanziare il fondo calamità della Protezione Civile

Roma – Vibranti polemiche da parte delle associazioni a tutela dei consumatori, poi la brusca frenata a Palazzo Chigi. Il Consiglio dei Ministri ha infatti eliminato la tassa sui brevi messaggi di testo (SMS) inizialmente prevista negli 11 articoli del decreto legge per la riforma della Protezione Civile.

Non è chiaro se, per finanziare il fondo contro le calamità, resterà semplicemente un aumento dell’aliquota delle accise sui carburanti, previsto fino a 5 centesimi a litro sia a livello regionale che statale . Il testo del provvedimento è tuttora incompleto, limato in queste ore dai tecnici del Governo. (M.V.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • djechelon scrive:
    Cacc*iate :)
    Certo è lodevole l'iniziativa. Il problema è che un provider di telecomunicazioni, cioè un soggetto giuridico residente negli Stati Uniti, è soggetto alle leggi degli Stati Uniti e pertanto se la legge chiede il monitoraggio il provider deve monitorare.Mi viene in mente l'Italia per un paragone rapido, dove i provider sono già obbligati a memorizzare e trattenere i dati di traffico e fonia per un certo periodo. Ciò lo impone la legge. Un simile provider crowdfinanziato in Italia verrebbe chiuso in pochi giorni di attività.Con buona pace dei crowdmilioni di euro/dollari-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 aprile 2012 00.16-----------------------------------------------------------
  • djechelon scrive:
    Cacc*iate :)
    Certo è lodevole l'iniziativa. Il problema è che un provider di telecomunicazioni, cioè un soggetto giuridico residente negli Stati Uniti, è soggetto alle leggi degli Stati Uniti e pertanto se la legge chiede il monitoraggio il provider deve monitorare.Mi viene in mente l'Italia per un paragone rapido, dove i provider sono già obbligati a memorizzare e trattenere i dati di traffico e fonia per un certo periodo. Ciò lo impone la legge. Un simile provider crowdfinanziato in Italia verrebbe chiuso in pochi giorni di attività.Con buona pace dei crowdmilioni di euro/dollari-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 aprile 2012 00.16-----------------------------------------------------------
  • no problem scrive:
    chi ha bisogno di cosi' tanta segretezza
    non mi viene in mente altro che "criminali"
  • no problem scrive:
    chi ha bisogno di cosi' tanta segretezza
    non mi viene in mente altro che "criminali"
    • voluisti birotam scrive:
      Re: chi ha bisogno di cosi' tanta segretezza
      - Scritto da: no problem
      non mi viene in mente altro che "criminali"A me invece viene anche in mente l'art. 15 della Costituzione della Repubblica Italiana:La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria con le garanzie stabilite dalla legge.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: chi ha bisogno di cosi' tanta segretezza
      contenuto non disponibile
    • krane scrive:
      Re: chi ha bisogno di cosi' tanta segretezza
      - Scritto da: no problem
      non mi viene in mente altro che "criminali"La stessa unione europea raccomanda alle aziende di utilizzare comunicazioni criptate.
    • iome scrive:
      Re: chi ha bisogno di cosi' tanta segretezza
      - Scritto da: no problem
      non mi viene in mente altro che "criminali"a me viene in mente "povero XXXXXXXX".
Chiudi i commenti