Sony sistema il firmware 2.40 per PS3

Dopo averne temporaneamente sospeso la distribuzione per alcuni gravi problemi segnalati da una minoranza di utenti, Sony ha nuovamente rilasciato il firmware 2.4 per PlayStation 3 aggiornandone il numero di versione

Roma – Rilasciato il 2 luglio, ritirato il giorno seguente, e reso nuovamente disponibile nelle scorse ore con il numero di versione 2.41. Questa la cronistoria dello sventurato firmware 2.40 per PlayStation 3, uno degli aggiornamenti più attesi dagli utenti della console marchiata Sony .

Il produttore giapponese afferma che il nuovo firmware 2.41 contiene le stesse caratteristiche del precedente, ma risolve gli inconvenienti segnalati la scorsa settimana da un certo numero di utenti: il problema più diffuso era il mancato caricamento, dopo l’avvio del sistema, dell’ambiente grafico Xross Media Bar (XBM).

Secondo alcune testimonianze, l’update al firmware 2.40 poteva anche impedire del tutto l’avvio della console , lasciando il sistema in uno stato inservibile. Nelle note di rilascio del nuovo update di sistema Sony non fa espressa menzione a questo tipo di problema, riferendosi genericamente a “problemi di download e installazione”. Inizialmente l’azienda aveva suggerito agli utenti che fossero incorsi in questo intoppo, di salvare i propri dati su di un hard disk esterno per procedere poi alla formattazione del disco interno di PS3.

Altri utenti avevano infine lamentato un cattivo funzionamento del controller e sporadici blocchi del sistema con alcuni giochi, ma Sony non ha mai pubblicamente confermato questo genere di problemi.

Come noto, le due principali novità del firmware 2.4x di PS3 sono date dalla possibilità di visualizzare l’interfaccia XMB senza uscire dal gioco, che permette di accedere alle opzioni di sistema e alla chat testuale, e dall’aggiunta del sistema dei Trofei, una risposta agli Obiettivi disponibili da diverso tempo su Xbox 360. Le note di rilascio in italiano della versione 2.40 sono qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fabiz scrive:
    Accessibilià del portale MEF?
    Salve,a questo indirizzo il nuovo portale del MEF , che non è certificato accessibile!!!http://www.mef.gov.it/ministero/di-piu-mef/accessibilita.asp mah...
    • gibollo scrive:
      Re: Accessibilià del portale MEF?
      - Scritto da: fabiz
      Salve,
      a questo indirizzo il nuovo portale del MEF , che
      non è certificato
      accessibile!!!A me sembra ben fatto. Che significa non è certificato accessibile? Si vede che non gliene frega niente del bollino, giustamente.
  • Anonimo Codardo scrive:
    Il CNIPA è un carrozzone
    Centinaia di consulenti per scrivere alcuni documenti tecnici, è un carrozzone che non serve quasi a niente, inzeppato di amici di amici, anni luce lontano dall'AIPA, una struttura snella che ha scritto invece degli standard di informatica per la P.A. che erano i migliori al mondo.
    • gino scrive:
      Re: Il CNIPA è un carrozzone
      - Scritto da: Anonimo Codardo
      luce lontano dall'AIPA, una struttura snella che
      ha scritto invece degli standard di informatica
      per la P.A. che erano i migliori al
      mondo.:-) dai, dinne uno almeno...
  • CCC scrive:
    il perchè
    magari c'entra qualcosa il fatto che troppi dei più diffusi (cosiddetti) software (commerciali) di sviluppo per il web se ne strafregano dell'accessibilità e dell'usabilità?magari c'entra qualcosa il fatto che sempre di più WEB(2.0)=MERCATO ==
    FARE SOLDI e dei più deboli (l'accessibilità è un costo) chissenefrega? (la legge Stanca farà la fine delle normative a favore dei disabili...)magari c'entra qualcosa il fatto che troppo spesso tutti i sedicenti "sviluppatori web" legati alle PA sono degli emeriti INCOMPETENTI cresciuti a pane e Frontpage e messi lì solo per ragioni politiche?magari c'entra qualcosa che da un pessimo governo dove regnava l'incompetenza si è passati ad un altro pessimo governo dove regnano incompetenza e lobbismo?
    • antgri scrive:
      Re: il perchè
      Purtroppo accade anche nelle province :(Purtroppo capita che le PA non conoscono (o fa comodo non conoscere) la legga 4/2004, quindi non possono far "valere" le proprie esigenze.La cosa più grave è che molti addetti ai lavori ne ignorino (più o meno volutamente ) l'esistenza!Basti osservare alcuni portali delle PA (mi riferisco a portali di province e regioni), realizzati da realtà medio-grandi, ingorando completamente la normativa sull'Accessibilità, anzi peggio, cercando di raggirarla.Magari si potesse creare maggiore coscienza, nei politici, negli addetti ai lavori...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 luglio 2008 19.38----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 luglio 2008 19.40-----------------------------------------------------------
    • antgri scrive:
      Re: il perchè
      In questo periodo si corre in rischio che l'Accessibilità diventi solo puro esercizio accademico?
  • uno come tanti scrive:
    "sii spontaneo! te lo ordino!" (satira2)
    in sostanza: FACCIAMO le cose (bene) e parliamo di meno, vi pregoe i bollini lasciamoli sulle banane
    • antgri scrive:
      Re: "sii spontaneo! te lo ordino!" (satira2)
      perfetto facciamo le cose bene ma.. per fare TUTTI le cose bene, bisogna accordarsi in qualche modo?Se ognuno si fa le proprie leggi, come facciamo a far tutti le cose bene?
    • rscano scrive:
      Re: "sii spontaneo! te lo ordino!" (satira2)
      - Scritto da: uno come tanti
      e i bollini lasciamoli sulle bananeuè che fai citi una mia frase storica? :-)http://robertoscano.info/random-bits/il-bollino-blu-lasciamolo-alla-banana/
  • uno come tanti scrive:
    "sii spontaneo! te lo ordino!" (satira)
    l'usabilità è buon senso, e non è vero che si può stabilire con un a verifica soggettiva, si può e si deve dimostrare con veri e propri esperimenti, che se condotti in numero sufficiente potrebbero, almeno per me che non sono esperto di statistica, anche essere considerati da un punto di vista statisticofare un legge per imporre il buon senso mi sembra un po' come obbligare una persona a comportarsi in modo spontaneoil fatto poi che ci sia bisogno di un bollino per dire che qualcosa è fatta bene, mi lascia quasi senza parole: mi viene in mente solo questo: ho bisogno di un bollino per capire se una cosa fa quello che mi serve? se è efficace al di là di quanto possa essere efficiente? per sapere se sono comodo su una sedia, giudico in base a come mi sento quando mi alzo, o in base al bollino?
    • gibollo scrive:
      Re: "sii spontaneo! te lo ordino!" (satira)
      - Scritto da: uno come tanti
      l'usabilità è buon senso, e non è vero che si può
      stabilire con un a verifica soggettiva, si può eOk, ma qui si parla di accessibilità, non di usabilità. Per la Stanca, accessibilità è:a) «accessibilità»: la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari;D'accordissimo sul parlare meno, però quando lo si fa almeno informarsi dell'argomento mi sembra il minimo
    • mavimo scrive:
      Re: "sii spontaneo! te lo ordino!" (satira)
      Avete perfettamente ragione, accessibilità e usabilità dovrebbero essere obbiettivi ETICI per chi crea un sito per la PA, ma avete mai fatto un giro per siti della PA?sopratutto per le scuole, dove a fari i siti sono i docenti, che devono insegnare informatica e magari li fanno con FrontPage & simili; e dove (al 99%) non sanno manco cosa è l'accessibilità di un sito?Di recente ne sto controllando parecchi per un lavoro commissionato, ma devo dire che se va bene l'1% rispetta i requisiti minimi per la Stanca, molti sono delle vere accozzaglie di pagine senza un minimo di interfaccia, non solo accessibile, ma nemmeno usabile per normodotati.Detto questo la legge serve (e andrebbe fatta rispettare), ma vedrei molto più interessange una legge che obblighi a rispettare normative internazionali che vengono aggiornate da gente competente e con costanza, pensate solo all'uso massiccio che viene fatto di AJAX all'interno di siti ora che non sono assolutemente previsti nella 4/2004.Eventualmente si potrebbe rendere non obbligatoria, così se un istituto non ha soldi da spendere epr realizzare un sito accessibile e non ha personale comeptente per farlo può comunque creare delle semplici pagine, senza incorrere in sanzioni.JM2C
      • gibollo scrive:
        Re: "sii spontaneo! te lo ordino!" (satira)
        - Scritto da: mavimo
        sopratutto per le scuole, dove a fari i siti sono
        i docenti, che devono insegnare informatica e
        magari li fanno con FrontPage & simili; e doveNon saprei, ci sono centinaia di siti anche complessi fatti da insegnanti che non hanno nulla da invidiare a persone che si qualificano come webmaster di webagency uebb 2.
        internazionali che vengono aggiornate da gente
        competente e con costanza, pensate solo all'usoTipo le WCAG o la Section 508? E' un pezzo che ci sono.
  • mastino scrive:
    chiudono anche il sito CNIPA oggi
    Da oggi anche il sito: http://www.italia.gov.it/non sarà più consultabile.Ciao
  • antgri scrive:
    Speriaom bene...
    Sarebbe auspicabile che non ci fossilizzassimo ulteriormente, più di quanto non abbiamo già fatto in passato... Appare già così difficoltoso sensibilizzare persone e addetti ai lavori sull'argomento. Ad ogni modo credo che chiunque sia un profesisonista del settora debba far quadrato, stringere in denti ed essere ancora più determinato ed incisivo, per quanto può!E' importante capire che il "digital-divide" non si combatte solo allargando la banda, bensì rendendo usabili ed accessibili le applicazioni che veicolano in Rete.( http://antoniogrillo.wordpress.com/2008/05/21/digital-divide-davvero-tutta-colpa-della-banda-larga/ )Forse questo potrebbe spingere ad investire in tal senso...Speriamo!
    • rscano scrive:
      Re: Speriaom bene...
      - Scritto da: antgri
      Sarebbe auspicabile che non ci fossilizzassimo
      ulteriormente, più di quanto non abbiamo già
      fatto in passato...


      Appare già così difficoltoso sensibilizzare
      persone e addetti ai lavori sull'argomento.


      Ad ogni modo credo che chiunque sia un
      profesisonista del settora debba far quadrato,
      stringere in denti ed essere ancora più
      determinato ed incisivo, per quanto
      può!

      E' importante capire che il "digital-divide" non
      si combatte solo allargando la banda, bensì
      rendendo usabili ed accessibili le applicazioni
      che veicolano in
      Rete.
      (
      http://antoniogrillo.wordpress.com/2008/05/21/digi

      Forse questo potrebbe spingere ad investire in
      tal
      senso...

      Speriamo!Eh si speriamo bene :-)
  • gibollo scrive:
    per la redazione
    Scusate, sono in cerca di lavoro, posso scrivere anche io un articolo? HAHAHAHAHA ma che gente che c'è in giro.
    • Userlist scrive:
      Re: per la redazione
      E finalmente buttano fuori lo Scano! Dopo l'abolizione dell'ICI, un altro risultato raggiunto dal nuovo governo!
      • gibollo scrive:
        Re: per la redazione
        - Scritto da: Userlist
        E finalmente buttano fuori lo Scano! Dopo
        l'abolizione dell'ICI, un altro risultato
        raggiunto dal nuovo
        governo!Fuori da dove?
        • rscano scrive:
          Re: per la redazione
          - Scritto da: gibollo
          - Scritto da: Userlist

          E finalmente buttano fuori lo Scano! Dopo

          l'abolizione dell'ICI, un altro risultato

          raggiunto dal nuovo

          governo!

          Fuori da dove?Ah boh non so mica :-) Forse girano ancora le "balle" per cui ci siam fatti i milioni con l'accessibilità e siam strapagati per scrivere le norme Se sapessero che non ci rimborsavano manco un panino perchè non eravamo dipendenti PA, eh eh :-)
      • rscano scrive:
        Re: per la redazione
        - Scritto da: Userlist
        E finalmente buttano fuori lo Scano! Dopo
        l'abolizione dell'ICI, un altro risultato
        raggiunto dal nuovo
        governo!Questa non l'ho capita. Fuori da dove?Ah questi troll estivi :-)
  • Teo_ scrive:
    Pensierino in malfede
    Deve ripartire italia.it e per farlo decente seguendo le indicazioni del CNIPA cè da ripartire da zero e ci costerebbe un altro botto. Cogliamo due piccioni con una fava, taglio dei costi per il declassamento della commissione e taglio dei costi sui siti istituzionali non accessibili.
    • gibollo scrive:
      Re: Pensierino in malfede
      - Scritto da: Teo_
      Deve ripartire italia.it e per farlo decente
      seguendo le indicazioni del CNIPA cè da
      ripartire da zero e ci costerebbe un altro botto.No, questo lavoro era già stato fatto e italia.it era già a norma Stanca prima della sua chiusura.
      • rotfl scrive:
        Re: Pensierino in malfede
        - Scritto da: gibollo
        - Scritto da: Teo_

        Deve ripartire italia.it e per farlo decente

        seguendo le indicazioni del CNIPA cè da

        ripartire da zero e ci costerebbe un altro
        botto.

        No, questo lavoro era già stato fatto e italia.it
        era già a norma Stanca prima della sua
        chiusura AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!! Certo, come no...
        • rscano scrive:
          Re: Pensierino in malfede
          Certo, è stato pure certificato. L'unico dei 100 siti a suo tempo autobollinati ad avere una certificazione fatta da una società di certificazione.
          • loris scrive:
            Re: Pensierino in malfede
            a questo punto mi chiedo a cosa serva la certificazione.. .. che se ci navigavi con firefox si vedeeva da schifo.- Scritto da: rscano
            Certo, è stato pure certificato. L'unico dei 100
            siti a suo tempo autobollinati ad avere una
            certificazione fatta da una società di
            certificazione.
        • gibollo scrive:
          Re: Pensierino in malfede
          - Scritto da: rotfl
          AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!! Certo,
          come
          no...Possibile ci siano ancora in giro degli ignoranti tali? informati, studia, leggi...
    • rscano scrive:
      Re: Pensierino in malfede
      - Scritto da: Teo_
      Deve ripartire italia.it e per farlo decente
      seguendo le indicazioni del CNIPA cè da
      ripartire da zero e ci costerebbe un altro botto.

      Cogliamo due piccioni con una fava, taglio dei
      costi per il declassamento della commissione e
      taglio dei costi sui siti istituzionali non
      accessibili.Come ha detto gibollo, era già a norma...
      • rotfl scrive:
        Re: Pensierino in malfede
        - Scritto da: rscano
        - Scritto da: Teo_

        Deve ripartire italia.it e per farlo decente

        seguendo le indicazioni del CNIPA cè da

        ripartire da zero e ci costerebbe un altro
        botto.



        Cogliamo due piccioni con una fava, taglio dei

        costi per il declassamento della commissione e

        taglio dei costi sui siti istituzionali non

        accessibili.

        Come ha detto gibollo, era già a norma...http://www.fucinaweb.com/fw/italia-it-bugie-accessibilita/
        • rscano scrive:
          Re: Pensierino in malfede
          - Scritto da: rotfl
          - Scritto da: rscano

          - Scritto da: Teo_


          Deve ripartire italia.it e per farlo decente


          seguendo le indicazioni del CNIPA cè da


          ripartire da zero e ci costerebbe un altro

          botto.





          Cogliamo due piccioni con una fava, taglio dei


          costi per il declassamento della commissione e


          taglio dei costi sui siti istituzionali non


          accessibili.



          Come ha detto gibollo, era già a norma...

          http://www.fucinaweb.com/fw/italia-it-bugie-accessLeggi la data di quell'articolo... come ha detto gibollo, l'hanno chiuso pochi mesi dopo che era stato messo a norma.
        • gibollo scrive:
          Re: Pensierino in malfede
          - Scritto da: rotfl

          Come ha detto gibollo, era già a norma...

          http://www.fucinaweb.com/fw/italia-it-bugie-accessAppunto, Informati, studia, leggi, guarda le date...
  • pinco pallino scrive:
    Conclusioni errate
    Concludendo, l'autore è forse in cerca di un lavoro?La domanda nasce spontanea dato che l'aderenza a delle nuove WCAG non comporta un miglioramento dell'accessibilità.Se così fosse vorrebbe dire che fino ad ora rispettando le WCAG 1.0 alcuni disabili non hanno potuto fruire di alcuni contenuti.
    • rscano scrive:
      Re: Conclusioni errate
      - Scritto da: pinco pallino
      Concludendo, l'autore è forse in cerca di un
      lavoro?Non ne ho bisogno, fortunatamente :-)
      La domanda nasce spontanea dato che l'aderenza a
      delle nuove WCAG non comporta un miglioramento
      dell'accessibilità.Questo su che basi lo dici?
      Se così fosse vorrebbe dire che fino ad ora
      rispettando le WCAG 1.0 alcuni disabili non hanno
      potuto fruire di alcuni
      contenuti.E' complesso spiegarlo in poche parole: le WCAG 1.0 risalgono al 1999... oggi sono in uscita le WCAG 2.0 che consentono di utilizzare, in modo accessibile, nuove tecnologie.
      • gibollo scrive:
        Re: Conclusioni errate
        - Scritto da: rscano
        - Scritto da: pinco pallino

        La domanda nasce spontanea dato che l'aderenza a

        delle nuove WCAG non comporta un miglioramento

        dell'accessibilità.

        Questo su che basi lo dici?Su, non fare domande imbarazzanti, è evidente che non ha idea di cosa sta parlando.
    • p_p scrive:
      Re: Conclusioni errate
      - Scritto da: pinco pallino
      Concludendo, l'autore è forse in cerca di un
      lavoro?Aggiungo: l'autore forse faceva parte di qualche commissione che è stata cassata?
      • Luca Fabbri scrive:
        Re: Conclusioni errate
        - Scritto da: p_p
        - Scritto da: pinco pallino

        Concludendo, l'autore è forse in cerca di un

        lavoro?

        Aggiungo: l'autore forse faceva parte di qualche
        commissione che è stata
        cassata?Rimane il fatto che non hai risposto all'autore su domanda diretta, il che rende il tuo commento poco costruttivo.Sono sinceramente interessato a capire perchè le nuove norme non portino miglioramenti!
      • rscano scrive:
        Re: Conclusioni errate
        Prima di parlare magari è da informarsi, non credi? :-)Io come molti altri facevano parte della segreteria tecnica che - tecnicamente - significa: partecipi a tue spese.Altra cosa sono le commissioni, ma quelle sono sempre commissioni interministeriali e quindi i rappresentanti sono a nomina ministeriale (quindi sono dipendenti del ministero).
    • Sconcertato scrive:
      Re: Conclusioni errate
      - Scritto da: pinco pallino
      Concludendo, l'autore è forse in cerca di un
      lavoro?Conosco Roberto e posso affermare con certezza che non ha bisogno dell'accessibilità per lavorare data la sua enorme competenza in ambito web. Anzi conoscendo i fatti, posso garantire che Roberto non ci ha mai guadagnato un euro dalla sua partecipazione ai gruppi di lavoro tecnici del W3C nè ai gruppi di lavoro del CNIPA così come nessuno dei 67 membri delle 37 organizzazioni e associazioni di disabili che hanno partecipato ai tavoli tecnici.Commissione e Segreteria tecnica non hanno mai avuto nessun costo per lo Stato ma erano mosse solo dall'entusiamo e la passione di persone come Roberto Scano e Antonio De Vanna. Purtroppo in questo Paese se si lavora bene senza sperperare denaro pubblico si viene trombati a causa di politici incompetenti e demagoghi e persone che emettono giudizi senza conoscere i fatti
      La domanda nasce spontanea dato che l'aderenza a
      delle nuove WCAG non comporta un miglioramento
      dell'accessibilità.
      Se così fosse vorrebbe dire che fino ad ora
      rispettando le WCAG 1.0 alcuni disabili non hanno
      potuto fruire di alcuni
      contenuti.Sai chi ha scritto le WCAG?Partecipano le persone più preparate su scala internazionale sull'argomento che vengono dal mondo dell'Università e dalle grandi aziende di informatica. Ti chiedo solo di informarti e non emettere giudizi senza conoscere i fatti, poichè da quello che dici dimostri solo questo.
      • AndreFred scrive:
        Re: Conclusioni errate

        Conosco Roberto e posso affermare con certezza
        che non ha bisogno dell'accessibilità per
        lavorare data la sua enorme competenza in ambito
        web. Anzi conoscendo i fatti, posso garantire che
        Roberto non ci ha mai guadagnato un euro dalla
        sua partecipazione ai gruppi di lavoro tecnici
        del W3C nè ai gruppi di lavoro del CNIPA così
        come nessuno dei 67 membri delle 37
        organizzazioni e associazioni di disabili che
        hanno partecipato ai tavoli
        tecnici.
        Commissione e Segreteria tecnica non hanno mai
        avuto nessun costo per lo Stato ma erano mosse
        solo dall'entusiamo e la passione di persone come
        Roberto Scano e Antonio De
        Vanna.
        Purtroppo in questo Paese se si lavora bene
        senza sperperare denaro pubblico si viene
        trombati a causa di politici incompetenti e
        demagoghi e persone che emettono giudizi senza
        conoscere i fatti
        e i 18.000 che ha preso quando ha fatto parte delle commissioni, non sono guadagno? la fonte è il cnipa stesso.oh, sia chiaro, è giusto essere pagati.ma il commento sopra è tendenzioso e falso.inoltre scano è risaputo (ha espresso le sue opinioni nella mailing list sull'accessibilità più volte) essere simpatizzante della destra, ed aver fatto parte delle commissioni quando il cdx era al governo.il suo attacco al governo di csx è quindi strumentale, ed è inopportuno che vengano pubblicate le sue opinioni politiche in un contesto informatico.scano ha molto da insegnare su accessibilità e web design, ma il suo compito deve fermarsi lì, anche perché rischia di perdere credibilità.
        • gibollo scrive:
          Re: Conclusioni errate
          - Scritto da: AndreFred
          e i 18.000 che ha preso quando ha fatto parte
          delle commissioni, non sono guadagno? la fonte è
          il cnipa
          stesso.Puoi copiare/incollare la fonte, please?
          il suo attacco al governo di csx è quindi
          strumentale, ed è inopportuno che vengano
          pubblicate le sue opinioni politiche in unAttacco a chi? dove? hai bevuto?
        • rscano scrive:
          Re: Conclusioni errate
          - Scritto da: AndreFred
          e i 18.000 che ha preso quando ha fatto parte
          delle commissioni, non sono guadagno? la fonte è
          il cnipa
          stesso.Il che significa che non sai leggere :-)Dove hai letto che quei fondi sono dovuti alle commissioni?
          oh, sia chiaro, è giusto essere pagati.Certamente. Chiaramente quello che è stato svolto per quella cifra è un lavoro che non riguarda l'attività di sviluppo di norme tecniche.
          ma il commento sopra è tendenzioso e falso.Attenzione a quel che dici eh :-) MI pare che non sai leggere i documenti posti da Brunetta ... accanto al compenso è scritto per cos'è.
          inoltre scano è risaputo (ha espresso le sue
          opinioni nella mailing list sull'accessibilità
          più volte) essere simpatizzante della destra, ed
          aver fatto parte delle commissioni quando il cdx
          era al governo.Io non ho mai fatto parte di commissioni ma di segreterie tecniche, sia col governo che ha emanato la stanca, sia col successivo (che era di tutt'altro colore). Quindi anche qui mi pare hai lanciato un dardo a salve.
          il suo attacco al governo di csx è quindi
          strumentale, ed è inopportuno che vengano
          pubblicate le sue opinioni politiche in un
          contesto informatico.Non mi torna una cosa. Chi ha attaccato il governo precedente? Sto solo dicendo che il CNIPA ha cambiato rotta.
          scano ha molto da insegnare su accessibilità e
          web design, ma il suo compito deve fermarsi lì,
          anche perché rischia di perdere
          credibilità.Opinione tua personale ma, se rileggi bene, parecchie tue opinioni sono risultate prive di fondamento... e probabilmente lo è pure questa.
        • Sconcertato scrive:
          Re: Conclusioni errate
          - Scritto da: AndreFred

          Conosco Roberto e posso affermare con certezza

          che non ha bisogno dell'accessibilità per

          lavorare data la sua enorme competenza in ambito

          web. Anzi conoscendo i fatti, posso garantire
          che

          Roberto non ci ha mai guadagnato un euro dalla

          sua partecipazione ai gruppi di lavoro tecnici

          del W3C nè ai gruppi di lavoro del CNIPA così

          come nessuno dei 67 membri delle 37

          organizzazioni e associazioni di disabili che

          hanno partecipato ai tavoli

          tecnici.

          Commissione e Segreteria tecnica non hanno mai

          avuto nessun costo per lo Stato ma erano mosse

          solo dall'entusiamo e la passione di persone
          come

          Roberto Scano e Antonio De

          Vanna.

          Purtroppo in questo Paese se si lavora bene

          senza sperperare denaro pubblico si viene

          trombati a causa di politici incompetenti e

          demagoghi e persone che emettono giudizi senza

          conoscere i fatti


          e i 18.000 che ha preso quando ha fatto parte
          delle commissioni, non sono guadagno? la fonte è
          il cnipa
          stesso.che confusione!!!!Una cosa è essere pagati per aver effettuato un lavoro per conto dell'Ufficio Accessibilità.Signori chi lavora deve ESSERE PAGATO, non facciamo inutile demagogia e qualunquismo.Tutt'altra partecipare a proprie spese a gruppi di lavoro a proprie spese per emettere le regole tecniche.
          oh, sia chiaro, è giusto essere pagati.
          ma il commento sopra è tendenzioso e falso.
          inoltre scano è risaputo (ha espresso le sue
          opinioni nella mailing list sull'accessibilità
          più volte) essere simpatizzante della destra, ed
          aver fatto parte delle commissioni quando il cdx
          era al
          governo.Penso che l'accessibilità, il superamento del digitl divide non debbano essere questioni di uno o di quell'altro governo, ma trasversali agli schieramenti politici: ti ricordo che la legge 04/2004 nel dicembre 2003 passò all'unanimità
          il suo attacco al governo di csx è quindi
          strumentale, ed è inopportuno che vengano
          pubblicate le sue opinioni politiche in un
          contesto
          informatico.Adesso il governo è di csx allora... e dal ragionamento che porti avanti Scano esce con questo articolo per attaccare il governo di centrosinistra guidede altrui ma impegnaato da Berlusconi...bahhhNon attacchiamo le persone tanto per farlo ma impegnamoci affinchè si diffonda la cultura dell'accessibilità informatica.
          scano ha molto da insegnare su accessibilità e
          web design, ma il suo compito deve fermarsi lì,
          anche perché rischia di perdere
          credibilità.
          • AndreFred scrive:
            Re: Conclusioni errate
            non ho attaccato scano, ma il tizio che diceva che scano faceva tutto "aggratis".e comunque per la questione politica, basta andare a consultare gli archivi della mailing list di scano.per quanto riguarda se fa parte o no di una commissione, non mi riferivo all'attuale governo, ma a quello in cui stanca era ministro per l'innovazione. tirare in ballo brunetta è spostare l'obiettivo altrove.che scano meriti di essere pagato è fuori di dubbio, ma questo l'avevo già chiarito.poi se volete far finta di non capire, ditelo. ma basta leggere l'intervento sopra per capire che qualcuno o ci è o ci fa (il taliban).non capisco perché su pi continua a commentare gente che non sa fare a leggere.
          • rscano scrive:
            Re: Conclusioni errate
            - Scritto da: AndreFred
            non ho attaccato scano, ma il tizio che diceva
            che scano faceva tutto "aggratis".Per legge e requisiti non ho preso un euro, di quello puoi starne certo :-)
            e comunque per la questione politica, basta
            andare a consultare gli archivi della mailing
            list di scano.Usti ho una mailing list? Tutta mia? Maddai? Mi dai l'indirizzo? :-)Buttarla in politica (se leggi il pezzo togliendo il paraocchi... e leggendo i commenti che ho postato, uno tra tutti l'attacco fatto a Stanca per il bollino, gli articoli su P.I.... capirai che il sottoscritto quando si fanno male le cose non guarda il colore da dove provengono... idem quando vengono fatte bene. O vuoi dirmi che ad esempio la Regione Emilia Romagna è diventata di centro-destra?
            per quanto riguarda se fa parte o no di una
            commissione, non mi riferivo all'attuale governo,
            ma a quello in cui stanca era ministro per
            l'innovazione. tirare in ballo brunetta è
            spostare l'obiettivo
            altrove.Neppure in quello facevo parte di commissioni, ma di gruppi di lavoro tecnici (in cui non si era remunerati e nemmeno rimborsati delle spese).
          • AndreFred scrive:
            Re: Conclusioni errate
            La mailing list sull'accessibilità (http://itlists.org/pipermail/webaccessibile/) viene collegata principalmente a te.e mi ricordo che in alcuni momenti ci sono stati degli scambi di opinione "politicamente orientati" in cui traspariva una tua nemmeno tanto velata preferenza al cdx (esempio: la critica a rutelli per il portale da lui non commissionato).continuo a non capire cosa ci sia di male se ti pagano per un consulto, un'opinione o uno studio di fattibilità.se è svolto in maniera professionale, il pagamento secondo me è d'obbligo.se vuoi che il messaggio arrivi nella sua interezza, non buttare di mezzo la politica e i politici, si perde l'orientamento sul vero senso del discorso.
          • rscano scrive:
            Re: Conclusioni errate
            - Scritto da: AndreFred
            La mailing list sull'accessibilità
            (http://itlists.org/pipermail/webaccessibile/)
            viene collegata principalmente a
            te.La mailing list è di IWA, non di Roberto Scano e tra l'altro non ne sono nemmeno moderatore (è Roberto Castaldo). Forse fai confusione tra Roberti :-)
            e mi ricordo che in alcuni momenti ci sono stati
            degli scambi di opinione "politicamente
            orientati" in cui traspariva una tua nemmeno
            tanto velata preferenza al cdx (esempio: la
            critica a rutelli per il portale da lui non
            commissionato).Se criticare Rutelli perchè ha consentito una pessima gestione di italia.it, affondato subito dopo la messa a norma, significa essere di cdx beh, mi sa che hai delle visioni un po' limitate della politica. Anche perchè (forse non lo sai, informati) Rutelli ha si affossato italia.it (non vado a rivangare la "bella" immagine lanciata con il video "pleeeese, visit italy...") e con un'altra mano ha dato alle regioni un importo ben superiore allo stanziamento totale di italia.it alle regioni... per farsi i loro portalini da milioni di euro. Quel che mi da sinceramente fastidio, e scusa se lo ripeto, è che mi si vuole etichettare politicamente per dire: ecco... critica X perchè sta dalla parte di Y... Ripeto che quotidianamente sono in contatto con realtà di qualsiasi colore, e che di qualasiasi colore siano - se fanno cavolate - si beccano legnate (anche su P.I.... Regione Lazio a suo tempo c'era un presidente di Cdx, Regione Veneto idem...).

            continuo a non capire cosa ci sia di male se ti
            pagano per un consulto, un'opinione o uno studio
            di fattibilità.Il fatto è che non mi pagano per fare normative... qualcuno asseriva quello :-)
            se è svolto in maniera professionale, il
            pagamento secondo me è
            d'obbligo.Giusto.
            se vuoi che il messaggio arrivi nella sua
            interezza, non buttare di mezzo la politica e i
            politici, si perde l'orientamento sul vero senso
            del discorso.Bisogna anche avere il coraggio di dire chi commette i "peccati"... che siano di dx o di sx... altrimenti rimane tutto nel limbo. Io da parte mia, e lo ripeto, non ho problemi a criticare ne da una parte e ne dall'altra: forse è per quello che in entrambe le parti mi rispettano.
          • gibollo scrive:
            Re: Conclusioni errate
            - Scritto da: AndreFred
            non ho attaccato scano, ma il tizio che diceva
            che scano faceva tutto
            "aggratis".Il tizio diceva:

            Roberto non ci ha mai guadagnato un euro dalla

            sua partecipazione ai gruppi di lavoro tecnici

            del W3C nè ai gruppi di lavoro del CNIPA così

            come nessuno dei 67 membri delle 37

            organizzazioni e associazioni di disabili che

            hanno partecipato ai tavoli

            tecnici.Confermo, ho fatto parte di due di quei gruppi tecnici e non sono rimborsate nemmeno le spese.
      • Andrea Giammarchi scrive:
        Re: Conclusioni errate
        Concordo in gran parte con quello che hai detto, anche se qualche soldo sara' comunque girato.Ma su questa frase:- Scritto da: Sconcertato
        Sai chi ha scritto le WCAG?
        Partecipano le persone più preparate su scala
        internazionale sull'argomento che vengono dal
        mondo dell'Università e dalle grandi aziende di
        informatica.non mi trovo tanto d'accordo, poiche' sono si persone preparate, ma non necessariamente le piu' preparate.Il W3, con i suoi gruppi, e' indispensabile, ma piu' di una volta ha fallito, soprattutto nei fatti, poiche' quelli veramente piu' preparati, o parte di grandi compagnie, hanno fatto di meglio e prima, ed il W3 e' andato spesso a seguire, giustamente, standardizzando il possibile (e grazie al cielo), ma sempre in working draft - perpetual beta -In ambito accessibilita', il W3 ha fallito con tempi irragionevoli, specifiche datate, raramente aggiornate, e l'incapacita' di analizzare il reale sviluppo tecnologico.Le tecnologie piu' famose o funzionali di assistenza si basano infatti per lo piu' sul browser, per la maggiore IE, quello che meno segue le specifice stesse del W3, e sono largamente utilizzate, che il sito sia "accessibile" o meno, seppur con maggiore "fatica" nell'ultimo caso.Piu' di una volta mi sono personalmente scontrato con l'ottusa convinzione che se l'ha detto il W3, o sta nelle WCAG, e' giusto e indiscutibile, quando in tanti ci siamo spesso lamentati di ridondanza, inutilita', o inefficienza, di certe pratiche consigliate, per lo sviluppo quotidiano e la stessa user experience.HTML 5 e' l'esempio piu' concreto di quanto il W3 spesso faccia il passo piu' lungo della gamba, ed impieghi poi anni per finalizzare ogni singola proposta, la cui coerenza nel suddetto fatto, non ha certo agevolato gli stessi produttori a sviluppare strumenti adeguati.
        The WHATWG (aka HTML5 team) was formed in response to the slow
        development of web standards monitored by the W3C.Questo mio commento vorrebbe solo chiarire alcuni punti, ed alcune inesattezze, espresse precedentemente nei commenti, ma appoggia assolutamente lo sviluppo secondo standards rigorosi con un occhio di riguardo sempre attento in termini di accessibilita'.Poi, se la Stanca e' rispettata in pieno o meno, dati i requisiti anch'essi non sempre aggiornati e basati su specifiche del '99, a mio umile parere poco importa.Cio' che conta, invece, e' che la qualita' dei siti migliori e si avvicini giorno dopo giorno a quell'ideale etere accessibile a tutti, al fine da abbattere le barriere digitali, e permettere, grazie a standard qualitativi elevati, di produrre dispositivi sempre piu' funzionali, capaci di aiutare, nel migliore dei modi, chiunque ne abbia bisogno.Questo con o senza organi ufficiali addetti a validare il lavoro svolto, semplicemente come etica di sviluppo, laddove sia applicabile.Purtroppo, la tendenza che almeno io noto, e' spesso quella di ignorare specifiche e standards, pur di "finire prima", quando sappiamo tutti che la corsa al *fatto male, ma fatto* non puo' che avere effetti negativi a breve e lungo termine, nonche' mancata crescita di know-how generale e professionalita' individuale.Mi scuso per il commento prolisso, e mi congratulo con PI per l'interessante post su un argomento che ancora oggi, in troppi ignorano, e che purtroppo, stando alle notizie date, sara' probabilmente sempre piu' ignorato.Cordiali saluti.
        • gibollo scrive:
          Re: Conclusioni errate
          - Scritto da: Andrea Giammarchi
          Il W3, con i suoi gruppi, e' indispensabile, ma
          piu' di una volta ha fallito, soprattutto nei
          fatti, poiche' quelli veramente piu' preparati, o
          parte di grandi compagnie, hanno fatto di meglio
          e prima, ed il W3 e' andato spesso a seguire,Tipo? inventando blink o marquee?
          giustamente, standardizzando il possibile (e
          grazie al cielo), ma sempre in working draft -
          perpetual betaMi sembra che di raccomandazioni il W3C ne abbia fatte parecchie, e non è colpa o a causa del W3C se gli stessi che hanno approvato quelle specifiche poi le disattendono.
          Le tecnologie piu' famose o funzionali di
          assistenza si basano infatti per lo piu' sul
          browser, per la maggiore IE, quello che menoTipo?
          quando in tanti ci siamo spesso lamentati di
          ridondanza, inutilita', o inefficienza, di certe
          pratiche consigliate, per lo sviluppo quotidiano
          e la stessa user
          experience.tipo?
          HTML 5 e' l'esempio piu' concreto di quanto il W3
          spesso faccia il passo piu' lungo della gamba, ed
          impieghi poi anni per finalizzare ogni singolama de ché? semmai è chi non legge la documentazione che sbaglia. Nel caso di HTML 5, i tempi di sviluppo stimati sono 10 anni circa... poi se pur di fare audience i blog si scatenano con notizie, non è colpa o causa del W3C.
          Questo con o senza organi ufficiali addetti a
          validare il lavoro svolto, semplicemente come
          etica di sviluppo, laddove sia
          applicabile.No, è evidente che sarebbe bello che fosse così, ma gli organi ufficiali ci vogliono, basta guardarsi in giro.Concordo con le tue conclusioni, ma dici anche molte cose un po' imprecise e per sentito dire.
          • Andrea Giammarchi scrive:
            Re: Conclusioni errate
            - Scritto da: gibollo
            Concordo con le tue conclusioni, ma dici anche
            molte cose un po' imprecise e per sentito
            dire.tipo ?Non e' scrivendo "tipo" che si contraddice eh ... e se conoscessi a fondo l'argomento non scriveresti 10 "tipo" piu' frasi da troll stile: "la solita blogosfera che spara a caso" senza argomentare.JAWS, e' un "tipo", eventi legati a tastiera e mouse sono un altro "tipo", HTML5 non arriva dal W3, ed XHTML 2 e' ancora utopia, eccetera, eccetera ... leggo e seguo specifiche del W3 da circa 10 anni, ed in passato anche partecipando attivamente in ml, e non saranno 10 "tipo" a farmi cambiare idea, o contraddire, quanto detto.Mi fa piacere tu abbia colto, comunque sia, il succo del mio post.Buona giornata.
          • gibollo scrive:
            Re: Conclusioni errate
            - Scritto da: Andrea Giammarchi
            Non e' scrivendo "tipo" che si contraddice eh ...
            e se conoscessi a fondo l'argomento non
            scriveresti 10 "tipo" piu' frasi da troll stile:
            "la solita blogosfera che spara a caso" senza
            argomentare.Caro Andrea, è inutile che ti inalberi. A parte che non ho idea di cosa significhi "la solita blogosfera che spara a caso" (e chi l'ha detto?), sei tu che devi argomentare le tue perentorie dichiarazioni, visto che le hai scritte.
            JAWS, e' un "tipo", eventi legati a tastiera e
            mouse sono un altro "tipo", HTML5 non arriva dal
            W3, ed XHTML 2 e' ancora utopia, eccetera,Ma chi se ne frega di toglierti dalle tue certezze, volevo capire a cosa ti riferissi. Ora che l'hai spiegato, capisco che ti nutri di slogan. Jaws funziona con qualsiasi browser, eventi non capisco cosa vuoi dire, e così via.
          • Andrea Giammarchi scrive:
            Re: Conclusioni errate
            - Scritto da: gibollo
            sei tu che devi argomentare le tue perentorie
            dichiarazioni, visto che le hai scritte.ho scritto quello che dovevo scrivere, e se interessato puoi approfondire gli argomenti poiche' non e' la sede giusta, ne ho il tempo, per spiegare tutto quello che ho scritto :)- Scritto da: gibollo
            Ora che l'hai spiegato, capisco che ti nutri di
            slogan. Jaws funziona con qualsiasi browser,
            eventi non capisco cosa vuoi dire, e così
            via.Jaws funziona con qualsiasi browser da poco piu' di un anno, non dal 1999.Inoltre e' falso dire che funziona su qualsiasi browser, dato che l'hanno chiamato, presumo non a caso, JAWS for Windows :)Per gli eventi andrei sul tecnico, e come gia' detto, non e' il luogo, ne ho il tempo, per descrivere tutto.Ma se leggi le draft noterai quanto siano cambiati gli eventi, nonche' i consigli sul come implementarli correttamente.Vedi che basta quindi informarsi meglio, invece di sparare a zero sugli altri con informazioni, le tue, tanto superficiali quanto poco costruttive, dato che chiedi con ironia e saccenza, pur non conoscendo a fondo quello che tu stesso scrivi.Buona giornata :)
          • gino scrive:
            Re: Conclusioni errate
            - Scritto da: Andrea Giammarchi
            costruttive, dato che chiedi con ironia e
            saccenza, pur non conoscendo a fondo quello che
            tu stesso
            scrivi.Ma su, l'unico saccente qui sei tu. Mi hai dato del troll, dici che ti faccio dieci domande quando erano due, ecc ecc.Poi ti rifugi nel troppo tecnico, o mi accusi di incompetenza. Fa niente dai. Come già detto, ti nutri di slogan, parli per sentito dire.
    • gibollo scrive:
      Re: Conclusioni errate
      - Scritto da: pinco pallino
      Concludendo, l'autore è forse in cerca di un
      lavoro?
      La domanda nasce spontanea dato che l'aderenza a
      delle nuove WCAG non comporta un miglioramento
      dell'accessibilità.E dall'articolo tu hai capito questo? siam messi bene... nasce spontanea una cacchiata tremenda :-)
Chiudi i commenti