S.P.A.M. test by McAfee, la prova definitiva

Un singolare esperimento, per dimostrare che 30 giorni da leone online non sono privi di conseguenze. L'ideatore: aumenterò la consapevolezza del problema spam

Roma – Disporre di 250 sterline da spendere liberamente con una carta di credito. Avere un PC connesso alla rete completamente sprotetto, privo di firewall, antivirus e antispyware. Creare un indirizzo email nuovo di zecca – quindi sconosciuto – e poterlo usare liberamente, iscrivendosi a ogni sorta di servizio, comprese alcune online pharmacy , alla ricerca di pilloline azzurre , di metodi per prolungare le notti di sesso e di aumentare il piacere dell’alcova. E quant’altro, a fantasia, libera di volare e sognare.

Cos’è, un incubo? No, assolutamente: è il progetto S.P.A.M. (Spammed Persistently All Month, “spammati” persistentemente per tutto il mese ), un’ idea di McAfee che, alla sola condizione di tenere un accurato diario blog dell’attività svolta, con l’aiuto di alcuni volontari vuol dimostrare cosa può accadere in 30 giorni caratterizzati dalla negligenza più disinvolta e dall’inetta e assoluta assenza di (auto)controll> sulla propria attività online.

Nella prima settimana di test i volontari si iscriveranno a ogni possibile “incredibile offerta gratuita” che incontreranno. La settimana successiva acconsentiranno ad attingere all’impazzata ad ogni sito che offre “download di musica gratis”. Nella terza dovranno invece cercare di diventare ricchi, iscrivendosi a ogni programma per “guadagnare da casa, online, eccetera”. Alla quarta settimana si passa alla fase drugs and pills .

In tutto, saranno cinque volontari per dieci paesi diversi a prender parte all’esperimento. Non avranno freni di alcun tipo e impiegheranno PC completamente vergini, su cui – precisa SecurityPro News – “c’è installato Windows XP (e non Vista?…)”.

Dave DeWalt L’ideatore di questa iniziativa è Dave DeWalt di McAfee. Dice : “Questo esperimento aumenterà la consapevolezza del problema dimostrando come una dieta di 30 giorni a base di spam è controproducente per la salute online “.

Appuntamento, dunque, a tra qualche settimana. Naturalmente, sarà bene consultare i blog del progetto dotandosi di protezioni ultra-aggiornate : non si sa se i partecipanti a S.P.A.M. avranno o meno cura di bloggare le loro esperienze da un PC diverso da quello usato per l’esperimento…

Marco Valerio Principato

( fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anonimo scrive:
    com'è possibile?
    com'è possibile una cosa del genere? senza un web server locale? che è tutto gestito in javascript?ps: non ho mai usato gdocs
  • cristianx scrive:
    credevo fosse un pesce d'aprile...
    ...visto che è stato lanciato il 31 nel pomeriggio e l'ho visto solo il 1 aprile. Ad ogni modo ho testato il tutto e non l'ho trovato neanche su google in english (????)
  • Qfwfq scrive:
    Attendo GMail offline
    come da oggetto... senzadubbio GMail è l'app web più importante da rendere offline.
    • anonimo scrive:
      Re: Attendo GMail offline
      - Scritto da: Qfwfq
      come da oggetto... senzadubbio GMail è l'app web
      più importante da rendere
      offline.sarebbe a dire
      • nuke_us_all scrive:
        Re: Attendo GMail offline
        - Scritto da: anonimo
        - Scritto da: Qfwfq

        come da oggetto... senzadubbio GMail è l'app web

        più importante da rendere

        offline.

        sarebbe a diresarebeb adire avere una apps con la grafica che rtovi nell'interfaccia web attuale
    • Teo_ scrive:
      Re: Attendo GMail offline
      - Scritto da: Qfwfq
      come da oggetto... senzadubbio GMail è l'app web
      più importante da rendere
      offline.Cè già, si chiama IMAP.
    • DanTichrist scrive:
      Re: Attendo GMail offline
      Io uso Thunderbird, non ti fa uguale?
    • mirkojax scrive:
      Re: Attendo GMail offline
      Beh si sarebbe utile poter mandare email senza internet in offline...
      • marcello a scrive:
        Re: Attendo GMail offline
        - Scritto da: mirkojax
        Beh si sarebbe utile poter mandare email senza
        internet in
        offline..sei ironico?
        • Streamer scrive:
          Re: Attendo GMail offline
          Ma si può già usare qualunque client di posta elettronica per Gmail per scaricare tutti i messaggi (ed eventualmente lasciarli anche online) funziona anche sul mio Motorola A1000 (mi dispiacerà cambiarlo :'( )
        • mirkojax_no n_loggato scrive:
          Re: Attendo GMail offline
          si... e' un controsenso avere gmail offline no?? spero fosse una battuta di QfwfqOppure no, scrivi l'email la salvi su floppy disk da 5" metti il francobollo sul disco e lo spedisci.
  • pentolino scrive:
    Interessante
    Io uso soprattutto il foglio elettronico, però mi sembra chiaro che se l' esperimento applicato su larga scala funzionerà verrà esteso anche a questo. Personalmente penso che si rivelerà molto comodo.
  • Spauracchio scrive:
    iPhone
    Qualcuno ha provato (se possibile) google docs via Safari su iPhone?Si possono salvare documenti offline?
  • lo sapevo scrive:
    per ora non aprono office2007
    per ora comunque non aprono i documenti di office 2007
    • babaz scrive:
      Re: per ora non aprono office2007
      e bene cosìc'è da sperare che i formati proprietari di MS o di chiunque altro vengano rapidamente isolati ed abbandonati in favore di formati veramente open e "future proof"avanti col piccone, yes :D
      • Spauracchio scrive:
        Re: per ora non aprono office2007
        - Scritto da: babaz
        e bene così
        c'è da sperare che i formati proprietari di MS o
        di chiunque altro vengano rapidamente isolati ed
        abbandonati in favore di formati veramente openIl formato ooxml è uno standard e a breve sarà implementato da tutti.chi se ne frega di open non open.
    • Fabio scrive:
      Re: per ora non aprono office2007
      Probabilmente perché non sono "aperti"!!!Di chi è la causa: di Microsoft o di Google?
      • pentolino scrive:
        Re: per ora non aprono office2007
        sostanzialmente quoto; tempo fa ho letto che MS parteciperà ad una nuova versione del progetto Apache POI (in java) che comprenderà i formati nuovi. Se dovessero mantenere le promesse direi che un po' tutti i programmi di terze parti potrebbero approfittarne per migliorare la compatibilità con tali formati (anche se io preferirei che si puntasse su formati veramente aperti, ma non vado oltre se no vado off-topic)
    • Strappapanni scrive:
      Re: per ora non aprono office2007
      E chi se ne...
      • Fabio scrive:
        Re: per ora non aprono office2007
        Allora continuate ad usare office 2007 e non rompete se altri programmi/servizi non sono in grado di editare un file di office!Microsoft: tutto intorno a te... e basta!
Chiudi i commenti