Spazio, problemi di budget per NASA

L'agenzia si prepara al lancio del suo nuovo rover marziano. Nel mentre la sua omologa russa Roscosmos pensa a future missioni congiunte con l'ESA dopo il fallimento dell'ultima sonda

Roma – Il futuro dell’esplorazione spaziale è appesa al budget sempre più ristretto e limitato delle agenzie spaziali di tutto il mondo: soffrono tutti a partire da NASA, che si vede costretta ad approfittare di “passaggi” russi per riportare sulla Terra gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale dopo il ritiro dello storico Shuttle.

È stata appunto una delle navicelle Soyuz di costruzione russa a riportare a casa tre degli ospiti della ISS: la capsula è atterrata nelle steppe centrali del Kazakistan con a bordo lo statunitense Mike Fossum, il russo Sergei Volkov e il giapponese Satoshi Furukawa, concludendo per tutti e tre una permanenza nello spazio che si protraeva oramai dai sei mesi.

Il recente fallimento del lancio vettore Soyuz-U aveva fatto temere per la sicurezza dei “passaggi” spaziali offerti da Roscosmos a NASA, ma fortunatamente la missione di ritorno è filata liscia come l’olio.

In attesa del nuovo sistema di trasporto integrato chiamato Space Launch System , che dovrebbe risolvere il problema, l’agenzia spaziale statunitense pensa ora a portare sul pianeta rosso il suo nuovo rover Curiosity , ritardando di un giorno la partenza “in sella” a un razzo vettore Atlas 5 per sostituire una batteria ai booster di autodistruzione.

Curiosity, ovvero il Mars Science Laboratory (MSL), dovrebbe far parlare parecchio di sé nel corso dei suoi due anni di missione pianificati, considerando la notevole dotazione di strumenti di analisi e controllo compattati da NASA in un veivolo dal valore di 2,5 miliardi di dollari e capace di analizzare rocce e aria, testare campioni del terreno, rivelare radiazioni e registrare video durante l’ ammartaggio .

E le eventuali scoperte scientifiche di MSL saranno probabilmente le notizie principali dei titoli dedicati a NASA per i prossimi anni, visto che per l’entrata in servizio della capsula Orion ci vorrà ancora un bel po’ di tempo e anche i test dei primi vascelli commerciali sono stati rimandati al 2017 per i tagli decisi dal Congresso USA al budget dell’agenzia.

Dovrà fare i conti con le esigenze di budget anche Roscosmos: l’agenzia spaziale russa ammette di non avere molte speranze sul ripristino della missione Fobos-Grunt diretta verso una delle lune di Marte e incappata in alcune difficoltà dopo il lancio che le hanno impedito di cominciare il viaggio. Per il futuro si pensa di far ripartire una nuova sonda verso il pianeta rosso in partnership con ESA (European Space Agency) e la missione europea ExoMars .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    SOPA?
    Eh?SOPAAAAA! @^
  • Maurizio scrive:
    sopa
    Basta un senatore corrotto dai milioni della Mpaa per scatenare un putiferio, in un mondo normale uno che presenta una proposta di legge di questo tipo andrebbe semplicemente internato senza far perdere un solo secondo a nessuno, putroppo in questo mondo dominato dalle conglomerate può succedere veramente di tutto, Orwell era stato perfino ottimista nelle sue visioni.
    • collione scrive:
      Re: sopa
      - Scritto da: Maurizio
      Basta un senatore corrotto dai milioni della Mpaa
      per scatenare un putiferio, in un mondo normale
      uno che presenta una proposta di legge di questo
      tipo andrebbe semplicemente internato senza far
      perdere un solo secondo a nessuno, putroppo in
      questo mondo dominato dalle conglomerate può
      succedere veramente di tutto, Orwell era stato
      perfino ottimista nelle sue
      visioni.e il bello è che quando si cita Orwell, lo si fa sempre per dimostrare che i comunisti sono brutti e cattiviinvece il mondo orwelliano lo stanno creando i cosidetti "liberisti"
  • panda rossa scrive:
    L'Open Source azzera la pirateria.
    C'e' una semplice soluzione per eliminare il fenomeno della pirateria del software.Quante installazioni pirata di linux ci sono al mondo?Quante installazioni pirata di OpenOffice ci sono al mondo?Quante installazioni pirata di Firefox ci sono al mondo?Se avete risposto ZERO a tutte e tre le domande di cui sopra, avrete la soluzione al problema della pirateria del software.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: L'Open Source azzera la pirateria.
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' una semplice soluzione per eliminare il
      fenomeno della pirateria del
      software.

      Quante installazioni pirata di linux ci sono al
      mondo?Questa conta?http://www.alienos.com/articles/2007/02/02/linux-genuine-advantage-cracked
      • roberto scrive:
        Re: L'Open Source azzera la pirateria.
        si tratta di uno scherzo. -_-'http://natonelbronx.wordpress.com/2007/03/05/la-vostra-copia-di-linux-e-stata-regolarmente-acquistata/http://www.linuxgenuineadvantage.org/
Chiudi i commenti