Spytunes, Apple corregge

Ufficiale


Cupertino (USA) – Per placare gli animi e allontanare da sé qualsiasi ombra, Apple ha accolto le segnalazioni e deciso che il suo iTunes MiniStore continuerà a proporre agli utenti suggerimenti musicali basati sulla musica che sono soliti ascoltare, ma lo farà in assoluta trasparenza, con un bottone che spiegherà agli utenti come funziona il servizio che associa titoli e gusti, e che non rappresenta quel problema di privacy prospettato da alcuni.

Ora il pulsante consente agli utenti di attivare la funzionalità prevista da Apple, che invia il numero identificativo unico all’azienda, un numero associato a carta di credito e altri dati personali, e che consente di offrire i “suggerimenti”. Se il pulsante non viene premuto la funzionalità semplicemente non è abilitata.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gatinho188 scrive:
    informazione
    buongiorno giustamente questo assunto mi interessa,ho fatto moltissimi pagamenti per internet in vari siti e recentemente in facebook con carte prepagate e pochi mesi fa in marzo 2014 hoavuto problemi con la cartaconto Biver che ha duplicato enormemente le mie transazioni su facebook di valor infimi non piu di 4 eur, ma ripetute in totale circa 200 volte per una sola transazione effettuata, desidero sapere se il Phising come penso e' soprattutto utilizzato in frodi relative a carte prepagate perche'non verificate specialmente dalle banche perche'non unite a un conto corrente,ringraziando sin d ora per le risposte, vi porgo distinti saluti, Stefano Dattrino
  • Wakko Warner scrive:
    Egregio signore Marco Pancini
    Forse lei ed eBay ritenete di avere a che fare con dei bambini. Non è così e non desideriamo essere trattati da tali specie quando, e scusi se glie lo dico, c'è il legittimo sospetto che si voglia affossare un metodo di pagamento economico come la Postepay in favore di metodi proprietari vostri.Come le dicevo siamo *adulti* e conosciamo i rischi che corriamo ogni volta che usiamo tali sistemi. Se a noi questo va bene non vedo proprio in base a quale principio voi dobbiate impedircelo arrivando addirittura a minacciare di sospendere l'account per gli ADULTI che non vogliono adeguarsi alle vostre paure.Approfitto della visibilità di questo mio post per farle presente anche altri problemi, alcuni riguardano eBay e l'altro riguarda il vostro sistema di pagamento PayPal.1) eBay: Per quale assurda ragione non è possibile vendere materiale opensource sul vostro sito? Materiale coperto per esempio da licenza GPL che dichiara esplicitamente la possibilità di messa in vendita di tale materiale.2) eBay: Perché i vostri operatori, quando rispondono a domande simili, lo fanno sempre in modo evasivo, richiamando ridicole regole interne vostre? Vi state forse sostituendo alla legge? C'è qualche interesse da parte di eBay a mettere i bastoni fra le ruote alla diffusione del software opensource?3) eBay: Spesso ho ricevuto email da parte del vostro personale riguardante mie domande ben precise che erano decisamente superficiali o addirittura completamente fuori tema. Avete per caso un pool di possibili risposte da cui scegliete di volta in volta quella che "potrebbe" rispondere alle domande dei vostri clienti ed in mancanza ne scegliete una a caso?4) eBay: Non state forse esagerando con i prezzi di inserzione? Possibile che con tutti i clienti che avete dobbiate aumentare tali prezzi? C'è una giustificazione ragionevole a questo visto che in gran parte il funzionamento di eBay è del tutto automatico? (O dovete pagare la pensione e il periodo di gravidanza ai vostri server?)5) PayPal: Si legge di persone a cui è stato sospeso l'account bloccando tutti i soldi che erano sul conto. Questo voi lo definite un metodo "sicuro" di pagamento? Sicuro per voi immagino... non certo per coloro a cui tenete bloccati i soldi.Tempo fa trovai su internet questa bella vignetta... la ripropongo qui:[img]http://paypalsucks.org/graphics/PPS-Cartoon1.gif[/img]Anche questa volta vi sentite in grado di sostituirvi alla legge decidendo addirittura di bloccare i soldi dei vostri ignari utenti?Rimango in fiduciosa attesa di una risposta a queste mie domande, nel frattempo consiglio alle persone che leggeranno questo post un servizio a voi concorrente: http://www.qxl.it/Ricordo inoltre che google sta mettendo in piedi un servizio alternativo a paypal http://checkout.google.com/ non ho ancora molte informazioni su di esso ma visto come vanno le cose mi informerò sicuramente... forse è bene che lo facciate anche voi.Grazie.
  • serdeste scrive:
    MORTE A EBAY!!!!!!!!!!!
    MORTE A EBAY!!!!!!!!!!!ACCOZZAGLIA DI LADRI COL MONOPOLIO DELL'ESTORSIONE IMPUNITA!!!!!...UNIAMOCI E CACCIAMOLO VIA DALL'ITALIA!!!!!!!!!!!!!!!1
  • Anonimo scrive:
    eBay cerca sicurezza?Con postpay si puo!
    Non capisco tutta la polemica!!!Il problema nasce dalla scarsa sicuezza del sistema di garanzia del venditore ..... non da PostPay.E' vero! PostPay con il sistema di eBay si presat a truffe!Ma...Basterebbe che Ebay accreditasse su di se la cifra che il venditore desidera avere .... a garanzia della trattazione verso chi acquista....Escludere PostPay è solo un modo sbrigativo e ... credo .... da manager da quattro soldi che cominciano a passare dallo status di chi si fa pagare per un servizio a quello di iniziare a derubare la gente (ossia avere gli stessi soldi prestando meno servizi).PostPay e il metodo di garanzia per chi paga e sappiatelo che se in Italia il commercio elettronico è iniziato a decollare il motivo del successo si deve a PostPay e non a Pay Pall
    • Giuseppe S. scrive:
      Re: eBay cerca sicurezza?Con postpay si puo!
      Sono perfettamente d'accordo su un sistema di questo tipo ma è Ebay a non avere interesse di vagliare altre possibilità (sinchè le vendite continuano!!)
  • Anonimo scrive:
    E' solo una questione di pidocchi!
    Noto con fastidio che molti cosiddetti venditori non offrono il pagamento con bonifico (lasciamo perdere le solite scemenze che i bonifici costano più di PostePay). Ma come, utilizzate PC e Internet e non avete uno straccio di conto corrente? Fate tanto i moderni e poi come strumenti di pagamento offrite vaglia postale e PostePay (e non venite a ripetere la solita idiozia che si può pagare online perché lo può fare solo chi è correntista e ha la carta) e dobbiamo fare tutti la fila alle poste come i vecchietti che devono ritirare la pensione?Se proprio siete tanto pidocchiosi da non potervi accollare le commissioni di Paypal (chissà perché un negoziante può pagare le commissioni delle carte di credito e i furbi venditori di eBay no) almeno offrite la possibilità di pagare con bonifico.Ebbene, andate a spalare un pò di carbone e ad annerire la faccia brufolosa, quindi con i soldi guadagnati tornate, apritevi un bel conto corrente e iniziate la vostra attività. Semplice, no?Un'altra cosa: quelli di eBay possono impedirvi di utilizzare PostePay come e quando vogliono (anche se ci mettete tutti gli avvocati dei romanzi di Grisham messi insieme) e se ne fregano di qualche utente italiano pidocchioso in meno, quindi pensate a crescere e a civilizzarvi.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' solo una questione di pidocchi!
      Concordo su tutta la linea!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' solo una questione di pidocchi!
      Si vede che non hai mai subito una truffa!!!!Una volta che invii il codice di carta di credito chi la riceve può eseguire la tranzazione a qualsiasi prezzo!!!Sta solo alla sua onesta non farlo!!!Il recupero dei soldi....be dipende se hai garanzia sulla carta se controlli immediatamente la carta entro un mese dall'operazione (l'estratto arriva dopo 20)dipende dalla cartadipende dalla bancaanche se hai una carta di credito con 1 euro ti possono ritirare fino al suo limite (2000 euri di solito ma ...dipende...)..poi la banca ti chiede a te lo scoperto non a chi l'ha usata ilecitamenteUsare PayPall!??Scusa ma perche devo fare tre transazioni per una sola operazione.......forse perche qualcuno ci guadagna e il farlo notare non è essere pidocchiosi ma onesti.senno se so pochi spicciol perche non mi paghi tu le mie transazioni
      • Anonimo scrive:
        Re: E' solo una questione di pidocchi!

        Una volta che invii il codice di carta di credito
        chi la riceve può eseguire la tranzazione a
        qualsiasi prezzo!!!Stai dicendo solo idiozie! E poi si stava parlando di conto corrente bancario.
        senno se so pochi spicciol perche non mi paghi tu
        le mie transazioniE che ti ho forse obbligato io a mettere la tua bella inserzione? Accetta le regole e offri le dovuto garanzie (di comodità e di sicurezza nel ricevere la merce) oppure vai a vendere nelle bancarelle al mercato.
        • Anonimo scrive:
          Re: E' solo una questione di pidocchi!
          - Scritto da: Anonimo

          Una volta che invii il codice di carta di
          credito

          chi la riceve può eseguire la tranzazione a

          qualsiasi prezzo!!!

          Stai dicendo solo idiozie! E poi si stava
          parlando di conto corrente bancario.Guarda che cosi avvengono le fregature ma non li leggii giornali?Il bancomat è una cosa la carta di credito un'altra non confondere!!!Con solo il conto corrente non puoi fare transazioni su internet ---
          devi fare il bonificio e specificare nome cognome etc... ma comunque devi andare in banca!!
  • Anonimo scrive:
    Ma paypal...
    Non è un sistema a carta prepagata?Non devi dare il tuo numero di carta di credito agli strozzini per ricaricare il conto?Chi garantisce la sicurezza?Ebay?Paypal non è forse il sistema più soggetto a phising e quant'altro al mondo?Che stiano zitti invece di rispondere idiozie!
    • AnyFile scrive:
      Re: Ma paypal...
      Appunto chi garantisce per Paypal?E' gestita da un'azienda che NON e' una bancaNON e' una finanziariaNON aderisce a convenzione a protezione dei consumatoriecc. ecc.chi ci garantisce su Paypal?
  • Anonimo scrive:
    Postepay su Paypal?
    mai n fin dei conti postepay è utilizzabile per ricevere pagamenti con paypal senza conto?E comunque come al solito invece di perseguire i truffatori si penalizza tutti... insomma anche chi truffa paga le commissioni :|
  • Anonimo scrive:
    Bene, io ho appena chiuso il mio account
    .. su eBay... i miei dati personali verranno conservati nei loro archivi per ben 5 anni nonostante io non vanti nè debiti nè crediti nei confronti della stessa. La postepay era qualcosa di utile per me, studente, senza lavoro, senza busta paga, a cui una banca non da e non darà MAI purtroppo una carta di credito non prepagata.Non potete proprio farne a meno di eBay?bah..
    • AnyFile scrive:
      Re: Bene, io ho appena chiuso il mio acc
      Non confondere pero' l'uso delle carte per pagare (carte di credito prepagate e Postapay su questo punto sono del tutto uguali)e quello di usare la carta PostePay per farsi pagare in qualche modo (un po' bizzarro).Anche se tu avessi un lavoro, un pingo conto in banca e una carta di credito (magari anche Gold o Platinum) non potresti usarla per farti pagare.Per quella occorre un merchant account, che e' tutta un altra cosa ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene, io ho appena chiuso il mio acc
      Se la usavi solo per pagare hai chiuso l'account per niente, se invece la usavi per ricevere... scusa ma utilizzavi un sistema molto insicuro... e allora hai fatto bene.
  • grassman scrive:
    Ebay sbaglia mira
    Le truffe ci sono sempre state su ebay, e sempre ci saranno.Pure paypal non è immune da truffe. Non so, se io a uno che compra un laptop gli invio 2,5 kg di riviste come dimostra che il computer non gli è arrivato, mentre io ho gli estremi della spedizione con pacco celere 3?Viceversa, se lui riceve il laptop e dichiara a paypal di aver ricevuto riviste che succede? mi requisiscono i soldi dal conto?Infatti ci sono già numerose truffe perpetrate con paypal. Soprattutto a danni dei venditori, ma non solo.Il problema sarebbe facilmente risolvibile a monte: 1) chiedere copia di un documento all'atto della registrazione su ebay2) chiedere un indirizzo (fisico!) in cui mandare un codice indispensabile per attivare l'account3) fornire alle forze dell'ordine le informazioni in caso di contenzioso (oggi non è una cosa facile)Inoltre per chi vende professionalmente (basta che dichiara di vendere roba nuova):1) chiedere la partita iva e renderla pubblica nelle transazioni (in modo da poter fare delle visure)2) adeguarsi alla normativa circa il diritto di recesso (soprattutto per la roba comprata con il compralo subito).Sono convinto che applicando questi 5 punti si ridurrebbero del 95% le truffe e si darebbe una segata al tanto lavoro in nero (con relativa evasione ed elusione) che oggi c'è su ebay.No?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ebay sbaglia mira
      ebay infatti chiede di inserire un codice spedito ad un indirizzo fisico.paypal una volta abbinata una carta vuole essere confermata l'iscrizione tramite un codice che si trova solo sull'estratto conto di quella carta.Però in caso di truppe paypal non rimborsa tutto l'importo e ebay non dà il nominativo per esteso del venditore per denunciarlo e fargli causa.Che faccio denuncio ebay perchè per proteggere la privacy del truffatore si rende suo complice?
  • Anonimo scrive:
    Voi che ne pensate di qxl.it ?
    Qxl ha gli stessi problemi di ebay o cura di più le esigenze dei propri clienti?
    • Anonimo scrive:
      Re: Voi che ne pensate di qxl.it ?
      - Scritto da: Anonimo
      Qxl ha gli stessi problemi di ebay o cura di più
      le esigenze dei propri clienti?sarebbero fessi se curassero di meno i loro clienti, dovendosi scontrare con un monopolio
  • Anonimo scrive:
    Le commessioni le paga il venditore
    Se vado a comprare un cosa in un negozio non mi viene chiesto di pagare UN EURO di commisisone ricarica, se non vi piace PayPal potete accettare i bonifici che con molte banche online sono GRATIS.
  • lupetta94 scrive:
    Postepay vs ebay
    Gentile Sig. Pancini,le ricordo che se Visa e Postepay hanno implementato questa tipologia di carta un motivo ci dovrà pur essere, Lei si riferisce al fatto che in nessun modo viene rilasciata la ricevuta di pagamento immagino e quindi non è possibile risalire al pagamento effettuato? Però non sarei del tutto d'accordo in quanto se si reca in un'ufficio postale e paga con postepay, le viene rilasciata una regolare ricevuta del versamento fatto a suo nome e viene pure indicato il numero di carta su cui tale versamento viene accreditato, la data, e l'importo. L'unica differenza che c'è con il vaglia postale è che non vengono indicati il nome del destinatario e la sua residenza (oltre che alla differenza delle commissioni pagate!!! ) Quando un'utente attiva la postepay deve riempire un modulo con tutti i propri dati, firmarlo e pure consegnare una fotocopia di un documento di identità e . Solo a quel punto viene rilasciata... Quindi al numero di carta è associato il nome cognome indirizzo e documento di identità. E poi mi spieghi come mai se mi registro a paypal e presento la postepay come carta di credito viene accettata? E poi non mi venga a raccontare che se pago con un bonifico bancario ho la possibilità di recuperare i miei soldi...(per esperienza personale..) ho fatto la procedura da Voi in dicata per il recupero crediti ho inviato tutti i documenti richiesti e dopo diversi mesi non ho riavuto il mio denaro...tutto questo come lo spiega? Perchè se siete in vena di modifiche non ne apportate, si, alla sicurezza, ma magari al controllo degli utenti frodatori? Quelli che vengono indicati come utenti non paganti o venditori che prendono i soldini e poi non spediscono la merce? Perchè non sospendete loro gli account dopo che da varie persone sono giunte (specialmente sul vostro forum) segnalazioni su frodi ai danni dei poveri malcapitati? Inoltre vorrei che miglioraste la vostra comunicazione con gli utenti, in quanto se noi abbiamo bisogno di comunicarvi qualcosa, lo dobbiamo fare solo tramite fredde procedure e a volte non molto chiare invece comunicare tramite email con un'operatore sarebbe molto piu agevole e ci si potrebbe spiegare meglio. Non credo che Voi potete e (dovete) imporre agli utenti il tipo di pagamento, in quanto indicare paypal insistentemente, potrebbe da parte vostra far pensare ad un'interesse evidente, in quanto ebay è azionista o proprietaria ( non conosco bene il vostro statement societario) di paypal. Io pago molto spesso con paypal, quando è possibile ossia se gli altri utenti da cui acquisto oggetti me lo propongono, ma sempre tramite postepay in quanto ho registrato quella carta come carta di credito. Trovo questo sistema comodissimo in quanto lascio sul conto postepay solo il denaro che mi serve per le mie transazioni ed evito di dare numeri di carta di credito che accedono direttamente al mio conto bancario. Se permette questa è vera sicurezza..in quanto se qualcuno riuscisse a carpire tramite procedure di phishing il mio account paypal resterebbe fregato in quanto non potrebbe togliere che pochi spiccioli dalla carta! Evitate quindi di demonizzare la carta postepay ed invitate i vostri utenti a fare come me, a registrarsi a paypal con quella carta così Voi siete contenti perchè prendete i soldini sul suo utilizzo e noi utenti siamo felici perchè paghiamo con questo mezzo.Distinti salutiOry G.
    • Anonimo scrive:
      Re: Postepay vs ebay
      - Scritto da: lupetta94
      Gentile Sig. Pancini,
      Però non sarei
      del tutto d'accordo in quanto se si reca in
      un'ufficio postale e paga con postepay, le viene
      rilasciata una regolare ricevuta del versamento
      fatto a suo nome e viene pure indicato il numero
      di carta su cui tale versamento viene
      accreditato, la data, e l'importo. Solo che la ricarica non e' una forma di pagamento (a prescindere dal fatto che in questo modo i soldi escono dalla tua tasca ed entrano in quella del titolare della carta): non c'e' una causale per la ricarica.Tu potresti fare la ricarica per conto terzi senza un reale motivo legato alla compravendita di qualcosa.Manca la prova documentale che il fine della ricarica e' una compravendita.
      L'unica
      differenza che c'è con il vaglia postale è che
      non vengono indicati il nome del destinatario e
      la sua residenza (oltre che alla differenza delle
      commissioni pagate!!! ) E l'altra differenza, non da poco, e' la CAUSALE DEL VERSAMENTO, che ha valore legale e puo' essere abbinata alla compravendita di qualcosa.
      Quando un'utente attiva
      la postepay deve riempire un modulo con tutti i
      propri dati, firmarlo e pure consegnare una
      fotocopia di un documento di identità e . Solo a
      quel punto viene rilasciata...
      Quindi al numero
      di carta è associato il nome cognome indirizzo e
      documento di identità. E con questo? Le poste sanno chi e' il titolare della carta, ma tu no.
      E poi mi spieghi come mai se mi registro a paypal
      e presento la postepay come carta di credito
      viene accettata? Viene accettata in quanto carta di credito e usata come tale. Non viene usata come ricarica.
      E poi non mi venga a raccontare
      che se pago con un bonifico bancario ho la
      possibilità di recuperare i miei soldi...(per
      esperienza personale..) ho fatto la procedura da
      Voi in dicata per il recupero crediti ho inviato
      tutti i documenti richiesti e dopo diversi mesi
      non ho riavuto il mio denaro...tutto questo come
      lo spiega? Qui ti deve rispondere lui, ma se invece del bonifico facevi una ricarica che cosa cambiava?
    • Anonimo scrive:
      Re: Postepay vs ebay
      - Scritto da: lupetta94
      Io pago molto spesso con paypal, quando è
      possibile ossia se gli altri utenti da cui
      acquisto oggetti me lo propongono, ma sempre
      tramite postepay in quanto ho registrato quella
      carta come carta di credito. Trovo questo sistema
      comodissimo in quanto lascio sul conto postepay
      solo il denaro che mi serve per le mie
      transazioni ed evito di dare numeri di carta di
      credito che accedono direttamente al mio conto
      bancario. Se permette questa è vera sicurezza..in
      quanto se qualcuno riuscisse a carpire tramite
      procedure di phishing il mio account paypal
      resterebbe fregato in quanto non potrebbe
      togliere che pochi spiccioli dalla carta!
      Evitate quindi di demonizzare la carta postepay
      ed invitate i vostri utenti a fare come me, a
      registrarsi a paypal con quella carta così Voi
      siete contenti perchè prendete i soldini sul suo
      utilizzo e noi utenti siamo felici perchè
      paghiamo con questo mezzo.Ti è sfuggito un dettaglio che fa cadere tutte le tue argomentazioni.eBay non vieta l'uso delle carte prepagate se utilizzate come carte di credito (sia con PayPal che senza); quello che vieta sono le ricariche.Quindi puoi continuare ad utilizzare tranquillamente la PostePay con PayPal (che è poi quello che da qualche parte suggerisce eBay stessa nel caso di carta prepagata).
  • Anonimo scrive:
    Pagamenti "SICURI"
    Vi scrivo per narrarvi la mia avventura con paypal/ebay. Vendo un monitor 26" a 700 euro. Mi pagano con paypal e mi accreditano la somma. Quindi, giustamente, spedisco il monitor.Dopo dieci giorni risulta che la carta di credito era rubata e mi stornano la somma di 700 euro.Mi chiedo: a cosa serve l'esosa commissione del 4,5 %? Sto procedendo con avvocati e divulgherò la notizia a quante più testate possibili.Altro che pagamenti sicuri. Truffe autorizzate!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pagamenti "SICURI"
      - Scritto da: Anonimo
      Vi scrivo per narrarvi la mia avventura con
      paypal/ebay. Vendo un monitor 26" a 700 euro. Mi
      pagano con paypal e mi accreditano la somma.
      Quindi, giustamente, spedisco il monitor.
      Dopo dieci giorni risulta che la carta di credito
      era rubata e mi stornano la somma di 700 euro.
      Mi chiedo: a cosa serve l'esosa commissione del
      4,5 %? Sto procedendo con avvocati e divulgherò
      la notizia a quante più testate possibili.
      Altro che pagamenti sicuri. Truffe autorizzate!Hai un indirizzo a cui hai spedito il monitor, no?Comunicalo alle forze dell'ordine che stanno indagando sul furto e riservati di fare denuncia quando beccano il tipo...La commissione di PayPal serve per garantire la transazione non e' una polizza contro le carte rubate.
  • Anonimo scrive:
    Propongo una trattativa..
    Bene, non mi dilungo su polemiche più o meno sterili, basti dire che sono uno che usa ebay e che apprezza la possibilità di usare Postepay ma conscio del fatto che la sicurezza serve.Ora: qual'è l'uso prevalente del sistema postepay? Ve lo dico io: i piccoli/piccolissimi pagamenti. E' qui che la ricarica risulta comoda, veloce e facile. Per oggetti più grossi, molto meglio bonifico &c che sono più "lenti" ma più sicuri. Allora proponiamo ad eBay di permettere l'uso della postepay SOLO con determinati tetti di spesa, ad es max 50 euro, tutto compreso, inoltre non assumendosi la responsabilità del pagamento. Secondo me potrebbero essere disposti ad accettare un discorso del genere, mentre noi possiamo ritenerci soddisfatti (ovviamente i rischi truffa rimangono, ma per piccole cifre...). questa è la mia idea, ditemi che ne pensateMago
    • Anonimo scrive:
      Re: Propongo una trattativa..

      Metto un'asta del genere per una settimana,
      incasso 50 euro da parte di tutti i gonzi che ci
      cascano e ti saluto.

      Se ti lamenti con eBay loro ti rispondono "te lo
      avevo detto".
      Se ti lamenti con le poste quelle ti
      risponderanno che sono problemi tuoi che non
      avresti dovuto farlo.
      E se percaso riuscissi a rintracciarmi lo stesso,
      non puoi neanche denunciarmi perche' io neghero'
      di essere il signor PIPPO di eBay anzi, mi
      lamentero' pure che qualcuno ti ha dato il mio
      numero di postepay per farci una ricarica.
      Naturalmente non ti ridaro' i soldi perche' nel
      frattempo li avro' spesi, non solo ma tu non
      potrai dimostrare di essere stato tu a caricare
      la mia carta di 50 euro il tal giorno alla tal
      ora.

      Contento?E tu contento di prendere una querela per truffa, di restituirmi i soldi, di pagare le spese processuali e la parcella del mio avvocato nonché il risarcimento del danno?Contento?
      • Anonimo scrive:
        Re: Propongo una trattativa..

        E tu contento di prendere una querela per truffa,
        di restituirmi i soldi, di pagare le spese
        processuali e la parcella del mio avvocato nonché
        il risarcimento del danno?

        Contento?Dubito che anche con il miglior avvocato tu possa ottenere una sentenza di risarcimento ^_^
        • Anonimo scrive:
          Re: Propongo una trattativa..
          - Scritto da: Anonimo

          E tu contento di prendere una querela per
          truffa,

          di restituirmi i soldi, di pagare le spese

          processuali e la parcella del mio avvocato
          nonché

          il risarcimento del danno?



          Contento?

          Dubito che anche con il miglior avvocato tu possa
          ottenere una sentenza di risarcimento ^_^Ma io dubito perfino che tu possa risalire al nome del venditore, altro che denuncia...
  • Anonimo scrive:
    "esperienza di acquisto"?
    Ma come parlano questi commerciali sfornati dalle scuole di economia e marketing moderne... Oggi le aziende non vendono più servizi, vendono "esperienze"...io posso definire "esperienza" un evento in qualche modo mi fa sperimentare qualcosa di nuovo e cambia in qualche modo di vedere le cose.Se io dicessi ad un mio cliente "con il mio programma proverà l'esperienza di stampare una fattura", mi risponderebbe "ma credi che io sia idiota, o mi stai pigliando per il c*lo?".Non vedo perchè non dovrei fare la stessa domanda al signor Marco Pancini.La gente usa ebay per fare acquisti, non per provare il brivido di pagare qualcosa via internet."esperienza"... bah!
  • puffetta scrive:
    L'e-mail di e-Bay
    Peccato che sono fuori postazione e non davanti al mio pc per contare tutte l'email che ho ricevuto e che ricevo ancora da eBay perchè una volta ho cercato un cavo usb per il cellulare. Ebbi a cliccarci sopra per vedere quanto costava e come fosse la modalità di pagamento e ruppi le uova.Più che dell'email di invito sembrano un'intimidazione spammatoria, ma con me cascano male! 8) Grazie all'articolo ora capisco perchè non trovai l'accesso a postpay, benchè fra le possibilità c'era pure la "VISA" . . Capisco anche perchè cliccando sopra la visa si apre la finestra per la registrazione a PayPal.Alla fine non ho comprato un bel niente.P.S:Avve sappi che se mi sono iscritta a eBay, la colpa e tutta tua! :@
    • Anonimo scrive:
      Re: L'e-mail di e-Bay

      P.S:
      Avve sappi che se mi sono iscritta a eBay, la
      colpa e tutta tua! :@ E la colpa di 24 euro di suonerie?
      • puffetta scrive:
        Re: L'e-mail di e-Bay
        - Scritto da: Anonimo

        P.S:

        Avve sappi che se mi sono iscritta a eBay, la

        colpa e tutta tua! :@

        E la colpa di 24 euro di suonerie?:$ preistoria!!!
  • Candido scrive:
    Paypal - Commissioni
    Chiedo scusa, c'è qualcuno che può spiegarmi una cosa sulle commissioni?Sul sito di paypal si parla di due differenti tipi di conto, quello personale e quello business.Il conto personale non permette di ricevere pagamenti tramite carta di credito, però non prevede commissioni. Da quello che ho capito per pagare bisogna essere iscritti per forza a Paypal.Il conto business, al contrario, permette la ricezione di pagamenti tramite carta di credito a fronte di una commissione di 3,4% + 0,35, quindi si può pagare sia essendo iscritto a Paypal, sia direttamente tramite carta di credito.E' corretto o mi sono perso qualcosa?Per quale motivo, quindi, chi vende non usa un conto personale ed evita di far pagare al compratore commissioni che spetterebbero a lui, oltretutto mettendole al 4%? La maggiorparte di quelli che pagano con Paypal sono iscritti al servizio, quindi ben potrebbero pagare evitando commissioni.Inoltre vorrei capire come sia possibile sapere se un venditore, che addebita al compratore le commissioni, sia titolare di un conto business oppure personale.Grazie in anticipo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Paypal - Commissioni
      Quelle che interessano nel caso discusso nel forum sono le tariffe per i commercianti, esposte di seguito:https://www.paypal.com/it/cgi-bin/webscr?cmd=_display-receiving-fees-outsideQuindi chi vende un oggetto e riceve soldi tramite Paypal deve sempre pagare una commissione, esattamente come fanno i negozianti con le carte di credito.
      • Candido scrive:
        Re: Paypal - Commissioni
        - Scritto da: Anonimo
        Quelle che interessano nel caso discusso nel
        forum sono le tariffe per i commerciantiNon capisco alcune cose.La differenza essenziale tra i due tipi di conto è nella possibilità di ricevere pagamenti tramite carta di credito.Per chi usasse Paypal anche al di fuori di Ebay mi sembra una scelta ragionevole, ma per chi lo usa per vendere esclusivamente su Ebay non tanto.Penso che ci siano più utenti di Ebay che paghino via Paypal piuttosto che direttamente con carta di credito.Questi utenti potrebbero comprare da un venditore senza alcuna commissione.Inoltre Paypal permette esplicitamente di avere più di un tipo di conto, anche se con alcune limitazioni.Non capisco, quindi, per chi vende esclusivamente su Ebay la necessità di avere un conto Premier o Business. Forse c'é qualche aspetto della questione che non conosco, se ci fosse qui un venditore potrebbe aiutarmi a capire meglio.Infine ancora non capisco come possa l'acquirente sapere che tipo di conto ha il venditore, per poter controllare se le commissioni applicate siano dovute o meno.
        • Anonimo scrive:
          Re: Paypal - Commissioni

          La differenza essenziale tra i due tipi di conto
          è nella possibilità di ricevere pagamenti tramite
          carta di credito.Il nocciolo della questione è che il conto personale non permette di ricevere pagamenti con carta, anche quando essi provengono da altri conti paypal.Mi spiego.Se io devo ricevere un pagamento sul conto personale, questo deve arrivare per forza da un conto paypal, ma non solo. La sorgente del pagamento deve essere un fondo liquido sul conto paypal e non una carta di credito.Anche io avevo interpretato come te la questione.. poi ho scritto a paypal (mi hanno risposto in 10 minuti) e mi hanno spiegato.Ecco qui spiegato il tutto.
          • Candido scrive:
            Re: Paypal - Commissioni
            - Scritto da: Anonimo
            Il nocciolo della questione è che il conto
            personale non permette di ricevere pagamenti con
            carta, anche quando essi provengono da altri
            conti paypal.Grazie mille. In effetti questo non era assolutamente chiaro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Paypal - Commissioni
      - Scritto da: Candido
      Il conto personale non permette di ricevere
      pagamenti tramite carta di credito, però non
      prevede commissioni. Da quello che ho capito per
      pagare bisogna essere iscritti per forza a
      Paypal.Esatto non è altro che un trasferiemnto tra conti PyPal e chi paga deve avere disponibilità , fondamentalmente è un bonifico senza costi tra utenti della stessa "Banca"
      Il conto business, al contrario, permette la
      ricezione di pagamenti tramite carta di credito a
      fronte di una commissione di 3,4% + 0,35, quindi
      si può pagare sia essendo iscritto a Paypal, sia
      direttamente tramite carta di credito.Fondamentalmente è un POS Vituale come ne esistono tanti ed il costo è abbastanza allineato con gli altri.Comunque queste commissioni dipendo pricipalmente da 2 fattori:- Circuitodella CC (VISA, MAstare, AmericanExpress,....)- Dal transato, ne senso che + il negogiante genere movimenti, in valore non in numero, - paga sendendo a volte anche sotto il 2%.
      Per quale motivo, quindi, chi vende non usa un
      conto personale ed evita di far pagare al
      compratore commissioni che spetterebbero a lui,
      oltretutto mettendole al 4%? La maggiorparte di
      quelli che pagano con Paypal sono iscritti al
      servizio, quindi ben potrebbero pagare evitando
      commissioni.Si è no, nel senso che un conto è un operazione tra privati, un conto invece è se sei un vero negoziante e le commissioni sulle CC sono il coso del servizio.Quando vai in un negozio fisico e paghi con CC il negoziante ci paga delle commissione che vanna conteggiati come costo servizi come anche la Luce, il telefono, ecc..CiaoSèvero
  • Anonimo scrive:
    costo oggetto + spedizione + paypal
    ...alla fine vado in negozio e mi compro la stessa cosa nuova...sicuramente ho esagerato, ma se un ogetto costa 50 euro, 10 li metto per la spedizione e poi come spesso succede qualche venditore ti chiede pure la commissione paypal, a questo punto il prezzo sale troppo e non conviente piu' comprarlo...ho acquistato postepay per fare acquisti su internet, adesso scopro che non è ottimale...ovviamente se non posso faci questo la postepay la butto via...e poi se non sbaglio il rischio della postepay e' di comunicare il proprio numero a tutti, o che i soldi possono perdersi?
    • Anonimo scrive:
      Re: costo oggetto + spedizione + paypal

      ho acquistato postepay per fare acquisti su
      internet, adesso scopro che non è ottimale...No, per pagare va benissimo. E' che c'è gente che per farsi pagare si fa ricaricare la carta, e questo come metodo di pagamento è un'idiozia.
  • Anonimo scrive:
    idiozie
    Ed eccola qua, l'orda dei lamentosi.Ebay ha fatto benissimo, è una mossa responsabile di un azienda (multinazionale) responsabile. Se quello non è un mezzo di pagamento sicuro (e lo dichiarano le poste italiane stesse) c'è poco da lamentarsi, usate gli annunci sui quotidiani.Se volete rovinarvi pubblicando i vostri dati o desiderate fortemente essere frodati, ci sono molti altri metodi a parte ebay, quindi basta con questi inutili e noiosi articoli, PI in testa.
    • Anonimo scrive:
      Re: idiozie
      Hai perfettamente ragione, se si vuole usare la piattaforma ebay allora è così, altrimenti nessuno ti obbliga ad usarla, puoi cercare altri sistemi di vendita. Più semplice di così... Ebay può benissimo fare quello che sta facendo. Postepay è un'anomalia tutta italiana... ma soprattutto è tutta italiana la polemica che ne sta scaturendo... come al solito... sic!
    • Anonimo scrive:
      Re: idiozie
      QUOTO!!!!! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: idiozie
      - Scritto da: Anonimo
      Se volete rovinarvi pubblicando i vostri dati o
      desiderate fortemente essere frodati, ci sono
      molti altri metodi a parte ebay, quindi basta con
      questi inutili e noiosi articoli, PI in testa.Se uno vuole rovinarsi o essere frodato (...) sono solo fatti suoi, le persone sono adulte e non ha bisogno della "mammina" che gli dica che una carta non si può/non si deve usare.
  • Anonimo scrive:
    ITALIANI? Brutta gente?
    Che storia, leggo che:1) dobbiano essere liberi di usare i mezzi di pagamenti che piu' ci piacciono, anche a nostro rischio;- PECCATO CHE SIETE IN CASA DI ALTRI E NON COMANDATE VOI;2) che ebay fa tutto cio' solo per incentivare paypal.- PECCATO CHE CI SONO ANCHE ALTRI METODI DI PAGAMENTI COME BONIFICO ECC.3) quella delle prepagate e' tutta una moda italiana.- GIA', INFATTI QUESTO METODO SI E' DIFFUSO SOLO IN ITALIA, perche' si sa' l'italiota e' furbo, ma sappiamo benissimo che quello della postepay e' un metodo poco sicuro di essere pagati. Vi ricordo che in questa italietta usiamo poco la carta di crediti (non ricaricabile)ITALIANI? IL SOLITO PRESSAPPOCHISMO italiano, di pretendere di voler comandare in casa di altri e di fare i furbi.
    • Anonimo scrive:
      Re: ITALIANI? Brutta gente?
      - Scritto da: Anonimo
      - PECCATO CHE SIETE IN CASA DI ALTRI E NON
      COMANDATE VOI;mi ricorda un po' il proclama "Padroni a casa nostra!"...non è questone di casa o di padronanza: eBay è estranea alla compravendita (leggiti il regolamento), quindi non siamo certo a casa sua...
      - PECCATO CHE CI SONO ANCHE ALTRI METODI DI
      PAGAMENTI COME BONIFICO ECC.appunto, tu acquirente sceglli quello che più ti aggrada, fra postepay, bonifico, vaglia...
      - GIA', INFATTI QUESTO METODO SI E' DIFFUSO
      SOLO
      IN ITALIA,anche il metodo di URLARE senza motivo nei forum è molto diffuso in Italia, a quanto vedo
      ITALIANI? IL SOLITO PRESSAPPOCHISMO italiano, di
      pretendere di voler comandare in casa di altri e
      di fare i furbi.i furbi? ma che c'entra? ma de che?
      • Anonimo scrive:
        Re: ITALIANI? Brutta gente?
        - Scritto da: Anonimo
        mi ricorda un po' il proclama "Padroni a casa
        nostra!"...Appunto, a casa tua non ti mpone nulla nessuno.
        non è questone di casa o di padronanza: eBay è
        estranea alla compravendita (leggiti il
        regolamento), quindi non siamo certo a casa
        sua...Ma l'incontro tra chi vende e compra lo fai secondo le sua regole, quindi.....
        appunto, tu acquirente sceglli quello che più ti
        aggrada, fra postepay, bonifico, vaglia... Sempre non violando le regola della casa che ti ospita.
        anche il metodo di URLARE senza motivo nei forum
        è molto diffuso in Italia, a quanto vedoCerto, perche' in Italia, per ottenere qualcosa e' necessiaro urlare, e spesso nemmeno quello.
        i furbi? ma che c'entra? ma de che?Fenomeno (o vizio) tutto italiano quello, come molti altri. Ma dove vivi?
        • Anonimo scrive:
          Re: ITALIANI? Brutta gente?
          - Scritto da: Anonimo
          Appunto, a casa tua non ti mpone nulla nessuno.e questo non è vero, ma sorvolo per non andare OT
          Ma l'incontro tra chi vende e compra lo fai
          secondo le sua regole, quindi.....e di questo stiamo a discutere: dell'imposizione di una regola ad hoc per inc*larti più soldi possibili, mascherandola da policy sulla sicurezza

          appunto, tu acquirente sceglli quello che più ti

          aggrada, fra postepay, bonifico, vaglia...

          Sempre non violando le regola della casa che ti
          ospita.leggi sopra

          anche il metodo di URLARE senza motivo nei forum

          è molto diffuso in Italia, a quanto vedo

          Certo, perche' in Italia, per ottenere qualcosa
          e' necessiaro urlare, e spesso nemmeno quello.se non hai altri mezzi di persuasione oltre la maleducazione, problemi tuoi

          i furbi? ma che c'entra? ma de che?

          Fenomeno (o vizio) tutto italiano quello, come
          molti altri. Ma dove vivi?ma che c'entra la furbizia con l'argomento della discussione?ma come ragioni?
        • Anonimo scrive:
          Re: ITALIANI? Brutta gente?
          - Scritto da: Anonimo

          non è questone di casa o di padronanza: eBay è

          estranea alla compravendita (leggiti il

          regolamento), quindi non siamo certo a casa

          sua...

          Ma l'incontro tra chi vende e compra lo fai
          secondo le sua regole, quindi.....Quindi l'incontro non prevede il pagamento, che non interessa ebay, ma che riguarda solamente acquirente e venditore.

          appunto, tu acquirente sceglli quello che più ti

          aggrada, fra postepay, bonifico, vaglia...

          Sempre non violando le regola della casa che ti
          ospita.Ma cos'è ebay? Uno stato con delle leggi?L'unico furbo della situazione è ebay, altro che utenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: ITALIANI? Brutta gente?

            Quindi l'incontro non prevede il pagamento, che
            non interessa ebay, ma che riguarda solamente
            acquirente e venditore. Non è vero, se io sono la piattaforma che offre servizi posso benissimo decidere che le transazioni concluse attraverso il mio sistema vengano concluse in un certo modo, anche se poi non mi intrometto nell'intemediazione posso benissimo decidere di non accettare inserzioni che prevedano metodi di pagmento a me sgraditi o ritenuti insicuri.
            Ma cos'è ebay? Uno stato con delle leggi?

            L'unico furbo della situazione è ebay, altro che
            utenti.Ebay è sicuramente furbo ma ciò non gli vieta di decidere come devono essere concluse le transazioni generate dalle aste del suo sito. Ebay è libera di decidere che regole imporre come tu sei libero di cambiare "stato" se quelle regole non ti stanno bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: ITALIANI? Brutta gente?
            - Scritto da: Anonimo
            Ebay è sicuramente furbo ma ciò non gli vieta di
            decidere come devono essere concluse le
            transazioni generate dalle aste del suo sito.
            Ebay è libera di decidere che regole imporre come
            tu sei libero di cambiare "stato" se quelle
            regole non ti stanno bene.Ben detto!!
          • Anonimo scrive:
            Re: ITALIANI? Brutta gente?
            - Scritto da: Anonimo


            Quindi l'incontro non prevede il pagamento, che

            non interessa ebay, ma che riguarda solamente

            acquirente e venditore.

            Non è vero, se io sono la piattaforma che offre
            servizi posso benissimo decidere che le
            transazioni concluse attraverso il mio sistema
            vengano concluse in un certo modo, Le transazioni economiche non vengono concluse su piattaforma di ebay. Quello che fa ebay è la stessa cosa che affittare un negozio e pretendere che in quel negozio non vengano accettati assegni o carte di credito.

            Ma cos'è ebay? Uno stato con delle leggi?



            L'unico furbo della situazione è ebay, altro che

            utenti.

            Ebay è sicuramente furbo ma ciò non gli vieta di
            decidere come devono essere concluse le
            transazioni generate dalle aste del suo sito.I casi sono due: o ebay entra a far parte della transazione, oppure lascia che compratore e venditore decidano come meglio credono, poiché il pagamento non è più un problema che riguarda ebay. Se i due si accordano per spedire i soldi con piccione viaggiatore, ebay se ne dovrebbe stare zitta. Non sono soldi suoi, non è merce sua, non riceve né spedisce la merce. Che ebay piuttosto cominci a tirare via gli annunci palesemente illegali, come quelli di sw pirata, invece che questionare su come gli utenti devono scambiarsi soldi e merci, che non sono di ebay. A volte se ne fregano anche dopo segnalazioni.
            Ebay è libera di decidere che regole imporre come
            tu sei libero di cambiare "stato" se quelle
            regole non ti stanno bene.No, ebay non può imporre che regole vuole. Ebay deve sottostare alle leggi degli stati. Come io se apro un locale pubblico non posso rifiutarmi di servire i clienti con il cappello rosso, non posso dire "questo è il mio locale, o ti togli il cappello o non entri".
          • Anonimo scrive:
            Re: ITALIANI? Brutta gente?
            Non puoi comandare in casa di altri. Mettitelo nella zucca   8)
          • Anonimo scrive:
            Re: ITALIANI? Brutta gente?
            - Scritto da: Anonimo
            Non puoi comandare in casa di altri. Mettitelo
            nella zucca 8)Frase qualunquista. Il proprietario della casa non può limitare i miei diritti, mettitelo nella zucca
          • Anonimo scrive:
            Re: ITALIANI? Brutta gente?
            - Scritto da: Anonimo
            Frase qualunquista. Il proprietario della casa
            non può limitare i miei diritti, mettitelo nella
            zuccaQuello non e' un tuo diritto.
          • Anonimo scrive:
            Re: ITALIANI? Brutta gente?
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo


            Frase qualunquista. Il proprietario della casa

            non può limitare i miei diritti, mettitelo nella

            zucca

            Quello non e' un tuo diritto.Peggio per te.
  • Anonimo scrive:
    quanto costa paypal al compratore?
    io ho letto che usare paypal è gratis, non c'è nessuna commisione se compro,sbaglio? il "problema" (la commissione in più) è del venditore giusto? quindi penso che sia giusto far pagare questo sovraprezzo in più al compratore e la cosa si chiude lì...poi sarà la legge della domanda e dell'offerta a regolare il tutto.
    • Anonimo scrive:
      Re: quanto costa paypal al compratore?
      - Scritto da: Anonimo
      io ho letto che usare paypal è gratis, non c'è
      nessuna commisione se compro,sbaglio?
      il "problema" (la commissione in più) è del
      venditore giusto? quindi penso che sia giusto far
      pagare questo sovraprezzo in più al compratore e
      la cosa si chiude lì...poi sarà la legge della
      domanda e dell'offerta a regolare il tutto.Ma perche'?Si e' mai visto un negozio che ti fa pagare di piu' se paghi con la carta di credito?PayPal e' uguale.Io pago con la carta di credito e non devo avere sovratasse.
      • Anonimo scrive:
        Re: quanto costa paypal al compratore?
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        io ho letto che usare paypal è gratis, non c'è

        nessuna commisione se compro,sbaglio?

        il "problema" (la commissione in più) è del

        venditore giusto? quindi penso che sia giusto
        far

        pagare questo sovraprezzo in più al compratore e

        la cosa si chiude lì...poi sarà la legge della

        domanda e dell'offerta a regolare il tutto.

        Ma perche'?
        Si e' mai visto un negozio che ti fa pagare di
        piu' se paghi con la carta di credito?
        PayPal e' uguale.
        Io pago con la carta di credito e non devo avere
        sovratasse.
        premesso che io sono favorevole a paypalinfatti, sono d'accordo con te, se qualora un negozio mi facesse pagare delle sovratasse semplicemente lo eviterei (anzi magari ci scappa la denuncia). Però il punto è che, mi pare di aver capito, il vero fulcro della campagna nopaypal ( oltre alle opinioni sulla libertà/obblighi etc ) sono le commissioni ritenute ingiuste dai venditori che pagherebbero 2 volte. In questo modo anche i compratori sarebbero fatti "consapevoli" (bada bene consapevoli) della "protesta", decidendo di aderirvi o no, ed il sistema migliorerebbe. L'unico modo, in concorrenza, di farsi valere e esercitare il "peso economico" ...
        • Anonimo scrive:
          Re: quanto costa paypal al compratore?
          - Scritto da: Anonimo
          Però il punto è che, mi pare di
          aver capito, il vero fulcro della campagna
          nopaypal ( oltre alle opinioni sulla
          libertà/obblighi etc ) sono le commissioni
          ritenute ingiuste dai venditori che pagherebbero
          2 volte.Due volte perche'?Il venditore paga a eBay il servizio di visibilita' del prodotto e il meccanismo di garanzia, cosi' io, acquirente sono piu' stimolato ad acquistare quell'oggetto su eBay piuttosto che acquistare lo stesso oggetto allo stesso prezzo dalla stessa persona, rispondendo ad una inserzione o ad uno spam.E qui non ci piove.eBay offre un servizio e vuole essere pagata.Poi ci sono le commissioni per il pagamento che sono tutta un'altra musica.Il pagamento con carta di credito (payPal) ha un costo di commissione per il servizio, che ha PayPal, ma che hanno anche i negozianti che vendono nel loro negozio.Quindi non confondiamo le due cose.Uno e' il costo della vetrina, l'altro e' il costo per offrire anche la carta di credito tra le forme di pagamento.Senza queste due cose, e' molto probabile che il venditore non riesca a vendere quell'oggetto.
  • Anonimo scrive:
    Vuoto legislativo
    Secondo me esiste un vuoto legislativo che non protegge i clienti da coloro che fanno offerte fino a creare una dipendenza, economica o di qualsiasi altro genere.Bisogna chiarire che chi offre oggi un qualsiasi servizio contenente delle convenienze, sta creando le premesse per una dipendenza di coloro che accetteranno quell'offerta; questa dipendenza potrà essere sfruttata domani per imporre ai clienti regole più pesanti.Si dovrebbe fare una legge che imponga, a chiunque offra pubblicamente un qualsiasi oggetto, specialmente se gratis o a bassissimo prezzo, o comunque con condizioni molto convenienti, una dipendenza da chi accetterà quell'offerta.Per esempio, se tu offri un collegamento ad internet, è chiaro che chi accetta quest'offerta un giorno potrà dipendere da te. Se offri un servizio di aste, è chiaro che chi si inserisce in quel servizio un giorno potrà dipendere in qualche modo da quel servizio. Allora la legge deve stabilire che chi offre cose del genere deve assumersi il peso di una certa dipendenza da chi sta accettando oggi quel servizio. Per esempio, l'offerente non potrà cambiare le regole senza una certa misura di consenso da parte di chi oggi sta accettando quell'offerta.Oggi mi sembra che non esistano norme che proteggano chiunque accetta offerte o servizi di questo genere. Finora si prende in considerazione lo scambio di vantaggi attuale, ma è completamente trascurato l'aspetto della possibile dipendenza futura di cui oggi un'offerta qualsiasi crea le premesse.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vuoto legislativo
      Ci manca solo che il legislatore inizi a legiferare a spropisito in campi spesso a lui sconosciuti...
  • Anonimo scrive:
    Commissioni PAYPAL agli acquirenti
    Vediamo se riusciamo a far capire a chi dice che le commissioni di Paypal devono essere addebitate ai venditori (perché ciò succede normalmente nei negozi con le carte di credito) che le due cose sono assai diverse:L'uso della carta di credito/bancomat in un negozio reale presenta molti vantaggi soprattutto per il VENDITORE:Vi ricordo infatti che quando il cliente esce da negozio si porta via la merce. Con carta/bancomat il venditore ha1) la sicurezza del pagamento in soldi veri, tutelandosi da truffe come banconote false o assegni a vuoto (vi siete mai chiesti perché molti negozi espongono il cartello "non si accettano assegni"? Perché ci sono rimasti fregati almeno una volta.2) la protezione dell'incasso, poiché i soldi non si trovano fisicamente nel negozio e quindi il venditore è meno esposto a furti e rapine3) la praticità di non dovere andare continuamente in banca a versare gli incassi (con tanto di patema per paura di qualche aggressione) perché i soldi finiscono automaticamente sul conto.Mi sembra chiaro che di fronte a questi vantaggi il venditore accetti di pagare una piccola commissione anche perché al limite la può ricaricare sul prodotto in vendita, visto che il prezzo finale è stabilito PRIMA della vendita!Ma nel caso di PAYPAL, questo presenta maggiori vantaggi per il COMPRATORE, per il semplice fatto che, per prassi comune, il venditore non spedisce la merce fino a che non ha ricevuto i soldi, per cui a lui non gliene frega una mazza di come pagate tanto finché non ha i soldi la roba NON-VE-LA-MANDA! Come acquirente che compra molto all'estero io sono ben felice di pagare la commissione Paypal purché il venditore accetti tale metodo perché rappresenta per me un'enorme semplificazione, provate altrimenti a mandare i soldi in America e poi mi fate sapere! Invece grazie alla stupidissima politica di eBay mi trovo con sempre più venditori che mi dicono "no paypal" costringendomi a rinunciare a tali aste. Non dico che la commissione spetti necessariamente al compratore, ma se eBay lasciasse libertà di accordo tra i due soggetti sarebbe tutto molto più semplice, invece NO! Deve imporre le sue politiche idiote... ma che si sparino!
    • basanet scrive:
      Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
      In effetti nei giorni scorsi eBay aveva inviatato tutti gli utenti a non "maggiorare" la spesa per gli utenti che decidevano di pagare con PayPal. Molti venditori, infatti, per rientrare le commissioni di PayPal aumentano il prezzo finale d'asta di un 4% circa nel caso l'acquirente decida di appoggiarsi a PayPal.EBay è arrivata a definire questa pratica addirittura "illegale", minacciando la chiusura delle aste e la sospensione degli account dei venditori soliti a questa pratica di maggiorazione.E ora scatta anche il divieto di usare PostePay. Insomma: nessuna scappatoia per evitare le commissioni e cercare di risparmiare... Nemmeno prendendosi dei rischi calcolati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti

        E ora scatta anche il divieto di usare PostePay.
        Insomma: nessuna scappatoia per evitare le
        commissioni e cercare di risparmiare... Nemmeno
        prendendosi dei rischi calcolati.Molto semplice invece ... Nelle spese di spedizione aggiungi l'importo che ritieni essere il 4 % del valore dell'oggetto ... IL cliente ad esempio paga 100 euro + 10 euro di spese di spedizione ... ovvero 6 euro di spese reali e 4 euro del 4% di paypal se poi l'oggetto lo vendi a di piu' ... beh ci hai guadagnato di piu' e quindi un poco di piu' delle commissioni che cosa vuoi che siano ?ahi ahi ahi ... ma forse vuoi la botte piena e la moglie ubriaca eh ?Mark P.
        • AnyFile scrive:
          Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
          - Scritto da: Anonimo

          Molto semplice invece ...
          Nelle spese di spedizione aggiungi l'importo che
          ritieni essere il 4 % del valore dell'oggetto ...
          IL cliente ad esempio paga 100 euro + 10 euro di
          spese di spedizione ... ovvero 6 euro di spese
          reali e 4 euro del 4% di paypal se poi l'oggetto
          lo vendi a di piu' ... beh ci hai guadagnato di
          piu' e quindi un poco di piu' delle commissioni
          che cosa vuoi che siano ?

          ahi ahi ahi ... ma forse vuoi la botte piena e la
          moglie ubriaca eh ?
          Beh .. .se io riuscissi a vendere un bottone della mia camicia per 10.000 euro ... allora non starei a guardare per il sottile .... ma visto che uno non puo' fare il prezzo che vuole .... il tuo ragionamento non fila.
        • Anonimo scrive:
          Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
          - Scritto da: Anonimo

          Molto semplice invece ...
          Nelle spese di spedizione aggiungi l'importo che
          ritieni essere il 4 % del valore dell'oggetto ...
          IL cliente ad esempio paga 100 euro + 10 euro di
          spese di spedizione ... ovvero 6 euro di spese
          reali e 4 euro del 4% di paypal se poi l'oggetto
          lo vendi a di piu' ... beh ci hai guadagnato di
          piu' e quindi un poco di piu' delle commissioni
          che cosa vuoi che siano ?Questa è una pratica illegale e passibile di denuncia.
        • Anonimo scrive:
          Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
          Caro Mark, probabilmente non mi sono spiegato. Quando dico "evitare le commissioni" non intendo "scaricarle agli acquirenti". Sono comunque convinto che il servizio di PayPal debba essere in qualche modo ripagato e che quindi le commissioni abbiano ragione di esistere. Semmai sono dell'idea che siano piuttosto alte. Ma il discorso è che se volessi scegliere di non usare PayPal per non pagare le commissioni (che non è la stessa cosa di "usare PayPal gratis"!), da gennaio ho un'alternativa in meno. E in futuro forse la scelta sarà ancora più limitata... sempre per decisione unilaterale di eBay. This is the trouble!
      • Anonimo scrive:
        Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
        - Scritto da: basanet
        E ora scatta anche il divieto di usare PostePay.
        Insomma: nessuna scappatoia per evitare le
        commissioni e cercare di risparmiare... Nemmeno
        prendendosi dei rischi calcolati.Questo e' un discorso da bottegaio che pensa solo al proprio tornaconto, altro che rischio calcolato.Il rischio calcolato consiste nel mettere l'oggetto, dal costo commerciale di 100 euro, in asta a partire da 1 euro, e rendere disponibili al compratore tutte modalita' di pagamento che preferisce.In questo modo piu' potenziali acquirenti parteciperanno all'asta, e faranno salire il prezzo dell'oggetto proprio al suo valore commerciale, se non di piu'.Ed e' proprio quel di piu' che servira' a coprire quel 4% di commissioni paypal.Per uno che compra, 100 euro o 104 euro non fanno molta differenza, e chi vende recupera le sue commissioni.Solo che invece su eBay succede questo:il venditore non intende rischiare e quindi o vende con un "compralo subito" ad un prezzo che non fa differenza col negozio, oppure fa partire l'asta da un prezzo poco sotto al valore reale, scoraggiando cosi' molti a partecipare alle aste.Oppure fa partire l'asta a 1 euro, salvo far puntare subito 99 all'amico suo...E poi questi stessi venditori si lamentano delle commissioni troppo alte, e preferiscono far pagare 1 euro di ricarica postepay al compratore, piu' lo sbattimento.
        • Anonimo scrive:
          Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
          - Scritto da: Anonimo
          Per uno che compra, 100 euro o 104 euro non fanno
          molta differenza, e chi vende recupera le sue
          commissioni.Non è del tutto vero.- 100 Euro danno 4euro di commissione - 104 Euro danno 4,16 euroSe si tratta di commissioni in % non otterrai mai il recupero ricaricando il prezzo.CiaoSèvero
        • Anonimo scrive:
          Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
          Che si metta in vendita oggetti su eBay "per il proprio tornaconto" mi sembra scontato (ad eccezione di quelli che fanno beneficenza, s'intende!). Ma ugualmente dare del "bottegaio" a qualcuno tradisce una certa voglia di provocazione...Personalmente non credo di aver detto che le commissioni di PayPal non abbiano ragione di esistere: si tratta di un servizio (anche valido, aggiungo) per il quale è giusto pagare... semmai sarebbe auspicabile una tariffazione un po' più bassa, come quella che sia applica negli Stati Uniti, ma tant'è: si può sempre fare a meno di usare PayPal, eludendo così le commissioni in modo assolutamente trasparente e legale. Ma la questione è un'altra: se eBay infatti si prende l'arbitrio di *obbligarmi* a fruire del servizio di PayPal, sarò costretto a pagare le commissioni per ogni transazione. "Proponi un altro sistema di pagamento", mi si dirà: "Certo" rispondo io (un po' "marzullianamente"...),"Ma quello che voglio io o quello che vuole eBay?". Già, perchè se oggi eBay decide che PostePay non è sicuro (ed ha anche le sue ragione, non lo nego), chi mi assicura che domani anche bonifico e vaglia non saranno messi ugualmente all'indice (a tutto beneficio di PayPal) dalla stessa eBay?
    • Anonimo scrive:
      Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
      - Scritto da: Anonimo
      Vediamo se riusciamo a far capire a chi dice che
      le commissioni di Paypal devono essere addebitate
      ai venditori (perché ciò succede normalmente nei
      negozi con le carte di credito) che le due cose
      sono assai diverse:

      L'uso della carta di credito/bancomat in un
      negozio reale presenta molti vantaggi soprattutto
      per il VENDITORE:
      Vi ricordo infatti che quando il cliente esce da
      negozio si porta via la merce. Con carta/bancomat
      il venditore ha
      1) la sicurezza del pagamento in soldi veri,
      tutelandosi da truffe come banconote false o
      assegni a vuoto (vi siete mai chiesti perché
      molti negozi espongono il cartello "non si
      accettano assegni"? Perché ci sono rimasti
      fregati almeno una volta.
      2) la protezione dell'incasso, poiché i soldi non
      si trovano fisicamente nel negozio e quindi il
      venditore è meno esposto a furti e rapine
      3) la praticità di non dovere andare
      continuamente in banca a versare gli incassi (con
      tanto di patema per paura di qualche aggressione)
      perché i soldi finiscono automaticamente sul
      conto.
      Mi sembra chiaro che di fronte a questi vantaggi
      il venditore accetti di pagare una piccola
      commissione anche perché al limite la può
      ricaricare sul prodotto in vendita, visto che il
      prezzo finale è stabilito PRIMA della vendita!

      Ma nel caso di PAYPAL, questo presenta maggiori
      vantaggi per il COMPRATORE, per il semplice fatto
      che, per prassi comune, il venditore non spedisce
      la merce fino a che non ha ricevuto i soldi, per
      cui a lui non gliene frega una mazza di come
      pagate tanto finché non ha i soldi la roba
      NON-VE-LA-MANDA! Come acquirente che compra molto
      all'estero io sono ben felice di pagare la
      commissione Paypal purché il venditore accetti
      tale metodo perché rappresenta per me un'enorme
      semplificazione, provate altrimenti a mandare i
      soldi in America e poi mi fate sapere! Invece
      grazie alla stupidissima politica di eBay mi
      trovo con sempre più venditori che mi dicono "no
      paypal" costringendomi a rinunciare a tali aste.
      Non dico che la commissione spetti
      necessariamente al compratore, ma se eBay
      lasciasse libertà di accordo tra i due soggetti
      sarebbe tutto molto più semplice, invece NO! Deve
      imporre le sue politiche idiote... ma che si
      sparino!
      QUOTO IN PIENO!!!Se viene fuori un sito di aste, anche piccolo, ma che si limiti a fare da intermediario, vedrete in quanto salutano Ebay!!
    • AnyFile scrive:
      Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
      Se fosse vero come dici tu che con Paypal le commisioni le paga l'acquirente, mi spieghi perche' il venditore non accetta questo sistema di pagamento?Forse perche' lui deve pagare notevoli spese?
    • Anonimo scrive:
      Re: Commissioni PAYPAL agli acquirenti
      - Scritto da: Anonimo
      Ma nel caso di PAYPAL, questo presenta maggiori
      vantaggi per il COMPRATORE, per il semplice fatto
      che, per prassi comune, il venditore non spedisce
      la merce fino a che non ha ricevuto i soldi,E questo sarebbe un vantaggio per il compratore?
      per
      cui a lui non gliene frega una mazza di come
      pagate tanto finché non ha i soldi la roba
      NON-VE-LA-MANDA!Appunto. Dove sarebbe il vantaggio del compratore?
      Come acquirente che compra molto
      all'estero io sono ben felice di pagare la
      commissione Paypal purché il venditore accetti
      tale metodo perché rappresenta per me un'enorme
      semplificazione, provate altrimenti a mandare i
      soldi in America e poi mi fate sapere!Ho comprato moltissime volte all'esterno, e mai nessuno mi ha fatto pagare le commissioni di PayPal.E poi in paesi come America, Canada ed Inghilterra quasi tutti accettano il pagamento con PayPal; è poco probabile trovare qualcuno che non l'accetti.Infine ricorda che eBay è uno strumento per i venditori senza il quale non venderebbero nello stesso modo (e con un parco di possibili acquirenti così ampio).Inoltre PayPal è un metodo di pagamento che semplifica la vita innanzitutto ai venditori.Te lo immagini un venditore che vende 1000 o 10000 oggetti al mese, farsi la fila alle poste (o da altre parti) per incassare i vari vaglia postali che gli arrivano, ma soprattutto ricollegare tutti i 1000 o 10000 pagamenti (fatti con vaglia o con bonifico o altri metodi diversi da PayPal) ai vari nick utilizzati dai compratori su eBay?Con PayPal è tutto automatico, il venditore con un clic sa subito se il tal compratore ha pagato, senza bisogno di associare a mano il nick al pagamento ricevuto.E tu questo non lo reputi un vataggio grossissimo per i venditori?
      Invece
      grazie alla stupidissima politica di eBay mi
      trovo con sempre più venditori che mi dicono "no
      paypal" costringendomi a rinunciare a tali aste.Non so che tipo di oggetti tu cerchi, ma personalmente più passa il tempo e più c'è gente che utilizza PayPal.Anche in Italia.Fino a 2 anni fa non c'era un solo venditore italiano che lo accettasse, mentre ora me ne capitano spesso.
  • Anonimo scrive:
    Obbligare comunque PayPal
    La soluzione piu' democratica dovrebbe essere quella di obbligare il venditore ad accettare PayPal come forma di pagamento e poi lasciare che il venditore stesso affianchi tutte quelle che preferisce (ricariche, bonifico, vaglia, contanti in busta).Cosi' l'acquirente puo' scegliere.Naturalmente il tutto senza imporre sovratasse per una forma di pagamento piuttosto che un'altra.
  • Anonimo scrive:
    Siete soIo INTERMEDIARI e basta!
    Alle menti eccelse che difendono la politica di eBay, a chi farnetica di "volete tutto gratis" ricordo che eBay NON E' un negozio. Gli oggetti in vendita NON SONO proprietà di eBay la quale non ha NESSUN DIRITTO né sugli oggetti né sulle forme di pagamento.Ebay fornisce solo UN SERVIZIO che permette alla domanda di incontrare l'offerta, servizio per il quale io pago già UNA COMMISSIONE (non è certo gratuito). Ebay è solo un INTERMEDIARIO esattamente come un giornaletto di annunci, un'agenzia immobiliare, un'agenzia matrimoniale, un'agenzia pubblicitaria ecc... soggetti che forniscono un servizio dietro commissione e basta, NON SI E' MAI VISTA un'agenzia immobiliare che pretende di dire a venditore e acquirente come pagare l'immobile o un'agenzia matrimoniale che vuole decidere come condurre un matrimonio, ma fatemi il piacere! Ebay è in palese CONFLITTO DI INTERESSI, non vi nascondete dietro ad un dito, ci farete una figura sicuramente migliore. L'unica cosa che può fare eBay è vigilare che le inserzioni non violino la legge, ma non mi risulta proprio che l'uso di PostePay sia ILLEGALE.Vediamo se almeno le maiuscole vi entrano nella testa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete soIo INTERMEDIARI e basta!
      Tu sei libero di offrire PostePay (nonostante i divieti inutili di eBay) e io sono libero di mandarti a quel paese! Ti piace così?
      • Anonimo scrive:
        Re: Siete soIo INTERMEDIARI e basta!
        - Scritto da: Anonimo
        Tu sei libero di offrire PostePay (nonostante i
        divieti inutili di eBay) e io sono libero di
        mandarti a quel paese! Ti piace così?Si, così mi piace. Ma purtroppo così non è perché se offro PostePay eBay mi chiude l'inserzione (ciucciandosi furbescamente le commissioni di inserzione). Almeno abbiano l'onestà di non prenderci per i fondelli dicendo che lo fanno per tutelarci... ecco qualche storia su come ci tutelanohttp://www.nopaypal.com/
        • Anonimo scrive:
          Re: Siete soIo INTERMEDIARI e basta!

          Si, così mi piace. Ma purtroppo così non è perché
          se offro PostePay eBay mi chiude l'inserzione
          (ciucciandosi furbescamente le commissioni di
          inserzione). Almeno abbiano l'onestà di non
          prenderci per i fondelli dicendo che lo fanno per
          tutelarci... ecco qualche storia su come ci
          tutelano
          http://www.nopaypal.com/Questa era una notizia su cui non ero aggiornato (credevo che eBay si limitasse a sconsigliare l'utilizzo di PostePay, ma finora non ho visto divieti veri e propri) e che è effettivamente grave. Mi dispiace per i toni usati ma credevo che la polemica vertesse unicamente su un problema di costi di Paypal.
        • AnyFile scrive:
          Re: Siete soIo INTERMEDIARI e basta!
          Gia' in cosa consisterebbe la tutela nell'usare Paypal?Forse nel fatto che tu sei COSTRETTO ad ACCETTARE che se qualcosa non che loro fanno non ti va bene loro ti bloccano tutto il tuop account (non solo la parte in contestazione) fino a quando non e' tutto risolto?Il solo fatto di presentare un reclamo costituisce un'infrazione (ed uno cosa dovrebbe fare se gli sono stati tolti dei soldi ingiustamente?).Inoltre vorrei da chi e' esperto piu' di me una precisazione. E' possibile prelevare (o meglio farsi spedire sul proprio conto corrente bancario) quanto vi e' sul conto PayPal?Presumo che questa presa di posizione contro PostePay derivi da alcuni episodi di truffe (di cui si sono occupati anche i giornali). La truffa pero' non riguardava affatto PostePay era "semplicemente" che questa gente riceveva i soldi e poi non consegnava la merce.Qui a mio avviso giace un punto cruciale e grave: che Ebay, nonostante che sbandieri il contrario, non fa assolutamente nulla per tutelare ne' l'acquirente ne' il venditore.Tra l'altro nella truffa in questione i truffatori pensavano di non poter essere rintracciati. Invece non solo sono stati rintracciati, ma a me risulta che per avere una carta PostePay non solo devi essere identificato dalle poste ma devi presentare anche dei documenti (come il codice fiscale), che invece non sono richiesti ad esempio nel caso di un vaglia (basta un documento d'identita' anche straniero, uno puo' presentarsi ad incassare un vaglia inidirizzato a Paperon dei Paperoni con il passaporto rilasciato dall'autorita' di Paperopoli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete soIo INTERMEDIARI e basta!
      Se vuoi usare la piattaforma ebay allora è così, altrimenti nessuno ti obbliga, cerca altri sistemi di vendita. Pi semplice di così... Ebay può benissimo fare quello che sta facendo. Postepay è un'anomalia tutta italiana... ma soprattutto la polemica che ne sta scaturendo... come al solito... sic!
      • Anonimo scrive:
        Re: Siete soIo INTERMEDIARI e basta!
        Mah,a me sembrano anomale anche le tue considerazioni.Si tratta di una carta di credito prepagata che non è stata certamente inventata in Italia.Certo che se la commissione (a me sembra un pizzo) per portarsi a casa i soldi ricevuti su PayPal fosse scalata diciamo di un decimale (da 4,5% a 0,45%) vedrete che l'utilizzo aumenta.Ma soprattutto c'è un altro comportamento di EBay- PayPal che assomiglia alla ricettazione:se io metto in vendita oggetti di cui, a richiesta di Ebay, non sono in grado di dimostrare la provenienza, accade che Ebay non impedisca la transazione, ma PayPal si rifiuti di monetizzare sul mio conto corrente i denari, che vengono trattenuti da PayPal. Come si chiama ciò? A me sembra ricettazione.Che sia per questo che i tedeschi aborrono PayPal?
    • Anonimo scrive:
      Re: Siete soIo INTERMEDIARI e basta!
      Tutto vero, ma Ebay come ben saprai guadagna una percentuale su ogni transazione, se aumentano il numero di truffe, chiaramente gli utenti divengono diffidenti e diminuiscono il numero di transazioni. Oggettivamente postepay non è controllabile, quindi è uno dei sistemi preferiti da chi voglia truffare.Personalmente mi è capitato un tentativo di truffa, dopo aver acquistato 300 DVD il venditore si è eclissato (con tanto di chiusura dell'account su Ebay). Per fortuna avevo rifiutato il pagamento via postepay ed avevo eseguito un bonifico, dopo denuncia alla polizia postale, che con il bonifico era ben circostanziato (nome cognome conto corrente!), nel giro di 20 giorni sono arrivati i DVD, con generiche scuse sul ritardo di invio (oltre due mesi) per vari improbabili disguidi!Se non si vuole usare Pay Pall i sistema che preferisco per gli acquisti all'estero, secondo me ottimi sono i bonifici bancari. Non costano nulla al venditore e spesso anche all'acquirente e se si utilizza un banca on line tipo fineco si possono eseguire da casa, atro che coda alle poste per la Poste Pay!
      • Anonimo scrive:
        Re: Siete soIo INTERMEDIARI e basta!
        Posso garantire, essendo un venditore ebay, che il sistema e' scadutissimo negli ultimi tempi e che vendere qualsiasi cosa anche a prezzi minimi e' un problema,,,,,,Se vendi un libro di informatica nuova anche a 3 euro (mentre il prezzo di listino e' oltre 20) e' un problema enorme........ e che perlomeno gli italiani se non vendi con PostePay non ti comprano praticamente niente, ho messo delle aste togliendo la dicitura PostePay e mi hanno comprato un libro su 40 e l'unico acquirente ha voluto comunque PostePay. (era l'unica Asta nella quale mi ero dimenticato di togliere PostePay).Secondo me oramai e' un posto buono solo per i Truffatori e non per gente seria.Il Capa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Siete soIo INTERMEDIARI e basta!
          Io per pagare non userei mai far una ricarica ad una persona che non conosco.....Se mi frega...chi lo trova poi?Invece con il bonifico so di sicuro il nome e cognome ed i suoi dati bancari veri.Se poi il bonifico mi costa 5 euro e gli arriva in 3 o 5 giorni saranno cavolacci miei.Se vuole vendere e vuole i miei soldi li prende cosi.Altrimenti cerco qualcun'altro a cui non facciano schifo i miei soldi......
  • Anonimo scrive:
    Troppe truffe tramite ricarica PostePay!
    Ho acquistato circa 50 oggetti su eBay e l'unica truffa(un lettore divx con home-theatre) che ho subito e' stataperpetuata tramite l'uso del pagamento con ricarica PostePay (da parte di un italiano...).L'esclusione della ricarica PostePay e' ***soltanto*** un'onesta e ovvia forma di tutela dell'utente finale.Chi usa la ricarica Postepay per vendere su eBay e'soltanto un malintenzionato o un individuo che froda ilFisco o che intende perpetuare delle truffe.Ad eBay sono arrivate tantissime email con la richiesta di eliminare questo tipo di "pagamento".E' l'ora di finirla.Chi la chiede e' in malafede.Vergognatevi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppe truffe tramite ricarica Poste
      - Scritto da: Anonimo
      Ho acquistato circa 50 oggetti su eBay e l'unica
      truffa
      (un lettore divx con home-theatre) che ho subito
      e' stata
      perpetuata tramite l'uso del pagamento con
      ricarica
      PostePay (da parte di un italiano...).

      L'esclusione della ricarica PostePay e'
      ***soltanto***
      un'onesta e ovvia forma di tutela dell'utente
      finale.

      Chi usa la ricarica Postepay per vendere su eBay
      e'
      soltanto un malintenzionato o un individuo che
      froda il
      Fisco o che intende perpetuare delle truffe.

      Ad eBay sono arrivate tantissime email con la
      richiesta di eliminare questo tipo di "pagamento".

      E' l'ora di finirla.
      Chi la chiede e' in malafede.
      Vergognatevi.
      Quindi le truffe avvengono solo con postepay?.
      • Anonimo scrive:
        Re: Troppe truffe tramite ricarica Poste
        diciamo forse il 90%, o piu'...la ricarica Postepay non e' tracciabilee non e' una forma di pagamentoviene usata per frodare il fisco o per non tenere tracciadella transazioneovviamente non offre alcuna garanzia all'utentee' giustissimo che sia stata esclusa
        • Anonimo scrive:
          Re: Troppe truffe tramite ricarica Poste
          In nome della sicurezza su Internet si può fare di tutto. Accettatelo oppure fatene a meno!
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppe truffe tramite ricarica Poste
      - Scritto da: Anonimo
      Chi usa la ricarica Postepay per vendere su eBay
      e'
      soltanto un malintenzionato o un individuo che
      froda il
      Fisco o che intende perpetuare delle truffe.

      Ad eBay sono arrivate tantissime email con la
      richiesta di eliminare questo tipo di "pagamento".

      E' l'ora di finirla.
      Chi la chiede e' in malafede.
      Vergognatevi.
      Occhio alla denuncia
    • Anonimo scrive:
      Re: Troppe truffe tramite ricarica Poste
      - Scritto da: Anonimo
      Ho acquistato circa 50 oggetti su eBay e l'unica
      truffa
      (un lettore divx con home-theatre) che ho subito
      e' stata
      perpetuata tramite l'uso del pagamento con
      ricarica
      PostePay (da parte di un italiano...).

      L'esclusione della ricarica PostePay e'
      ***soltanto***
      un'onesta e ovvia forma di tutela dell'utente
      finale.

      Chi usa la ricarica Postepay per vendere su eBay
      e'
      soltanto un malintenzionato o un individuo che
      froda il
      Fisco o che intende perpetuare delle truffe.

      Ad eBay sono arrivate tantissime email con la
      richiesta di eliminare questo tipo di "pagamento".

      E' l'ora di finirla.
      Chi la chiede e' in malafede.
      Vergognatevi.
      (troll) (troll1) (troll2) (troll3) (troll4)
  • xuneel scrive:
    ma perché non usate il bonifico bancario
    Sono svizzero ma ho già acquistato da ebay.it, sono dovuto andare in un ufficio postale italiano (fortunatamente abito a soli 30 minuti in automobile dal confine) per effettuare una ricarica mediante poste pay. Nulla da dire, il venditore ha ricevuto i soldi e mi ha spedito la merce...In Svizzera é molto comodo effettuare pagamenti bancari (o bonifico bancario, come lo chiamate voi) e non costa assolutamente niente, cioé se faccio un versamento su un altro conto bancario svizzero (da un conto bancario svizzero) non pago nulla e il ricevente non paga nulla. Per un pagamento all'estero mi tocca pagare 5.- CHF (circa 3.5 ?) di commissione per l'utilizzo del codice SWIFT (che la stessa banca deve pagare, e quindi fatturare ai suoi clienti) se le spese sono condivise. Se invece mi addebito tutte le spese pago una botta da 20 CHF.Ad ogni modo la mia considerazione é semplice: se faccio un pagamento bancario io che faccio il versamento non perdo nulla, lo faccio comodamente a casa tramite e-banking e il venditore ricevente non perde nulla in commissioni.Mi pare molto più comodo che andare in posta a fare una ricarica che, stando ad ebay, non é considerata un "metodo di pagamento".La mia domanda é semplice: in Italia le banche vi fanno pagare se fate una bonifica?==================================Modificato dall'autore il 18/01/2006 9.58.50
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perché non usate il bonifico banc

      La mia domanda é semplice: in Italia le banche vi
      fanno pagare se fate una bonifica?Condivido pienamente. Personalmente, con Fineco, non pago niente per i bonifici e posso fare tutto comodamente online (ma non è la regola). Purtroppo in Italia i costi per i bonifici bancari sono sempre piuttosto alti.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perché non usate il bonifico banc
      - Scritto da: xuneel

      La mia domanda é semplice: in Italia le banche vi
      fanno pagare se fate una bonifica?Naturalmente si.Per fortuna non tutte.La mia banca (Fineco) ha i bonifici gratuiti verso tutta la comunita' europea (non so se anche in Svizzera, ma credo di si).Le altre banche invece hanno delle commissioni fisse tra i 3 e i 10 euro, tali da scoraggiare il bonifico per piccole somme.In ogni caso il lato negativo del bonifico e' l'attesa.Io faccio il bonifico oggi, all'altro arriva l'accredito solo dopo 5 giorni e quindi nel caso di eBay il venditore aspetta che arrivino i soldi prima di spedire.Invece pagando con PayPal i soldi arrivano subito.Con la ricarica non ho idea perche' io non pago mai con le ricariche perche' mi costerebbe un euro in piu'.
      • xuneel scrive:
        Re: ma perché non usate il bonifico banc
        Grazie per le risposte, che mi fanno capire come mai il bonifico non é molto di moda in Italia...- Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: xuneel



        La mia domanda é semplice: in Italia le banche
        vi

        fanno pagare se fate una bonifica?

        Naturalmente si.
        Per fortuna non tutte.
        La mia banca (Fineco) ha i bonifici gratuiti
        verso tutta la comunita' europea (non so se anche
        in Svizzera, ma credo di si).se non é così per tutte le banche é veramente scomodo...

        Le altre banche invece hanno delle commissioni
        fisse tra i 3 e i 10 euro, tali da scoraggiare il
        bonifico per piccole somme.tra i 3 e i 10 euro é proprio scoraggiante, vero... e chi riceve i soldi, deve pure pagare una commissione alla banca?

        In ogni caso il lato negativo del bonifico e'
        l'attesa.
        Io faccio il bonifico oggi, all'altro arriva
        l'accredito solo dopo 5 giorni e quindi nel caso
        di eBay il venditore aspetta che arrivino i soldi
        prima di spedire.qui da noi un versamento arriva, se non il giorno stesso, il giorno dopo...
        Invece pagando con PayPal i soldi arrivano subito.già ma chi RICEVE i soldi tramite paypal ci smena 3.5% di commissione, che non sono tanti ma se ci pensi un venditore ci smena già con le commissioni dell'annuncio, se deve pagare ancora commissioni paypal ha tutto il diritto di protestare come l'utente che ha scritto la lettera alla redazione...

        Con la ricarica non ho idea perche' io non pago
        mai con le ricariche perche' mi costerebbe un
        euro in piu'.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma perché non usate il bonifico banc
          - Scritto da: xuneel
          tra i 3 e i 10 euro é proprio scoraggiante,
          vero... e chi riceve i soldi, deve pure pagare
          una commissione alla banca?No, chi riceve i soldi se li ritrova sul conto senza trattenute, almeno quello.
          qui da noi un versamento arriva, se non il giorno
          stesso, il giorno dopo...Perche' la Svizzera' e' tutta una banca. Li da voi le cose funzionano, e la banca Svizzera e' sinonimo di precisione, sicurezza, affidabilita' e discrezione in tutti i paesi del mondo.Qui in Italia invece le banche sono dei feudi, dove il padrone della banca fa il signorotto locale e i correntisti sono i servi della gleba, che devono pagare per non avere nessun servizio, per poi vedere il padrone della banca scappare con tutti gli interessi, e se lo beccano lo fanno sedere in parlamento per punizione.


          Invece pagando con PayPal i soldi arrivano
          subito.

          già ma chi RICEVE i soldi tramite paypal ci smena
          3.5% di commissione, Come tutti i pagamenti con carta di credito.Anche nei negozi, se paghi con la carta, il negoziante si vede trattenere una commissione piu' o meno di quell'importo.
          che non sono tanti ma se ci
          pensi un venditore ci smena già con le
          commissioni dell'annuncio, Le commissioni dell'annuncio sono il prezzo per offrire visibilita' al prodotto.Ci sono le bacheche gratuite in internet, in alternativa ad eBay, dove non si paga per mettere annunci, ma sono meno visibili e non danno all'acquirente la stessa fiducia che da' ebay.
          se deve pagare ancora
          commissioni paypal ha tutto il diritto di
          protestare come l'utente che ha scritto la
          lettera alla redazione...Si tratta solo di riassorbire i costi...Io non la vedo cosi' male.Il giorno che volessi svuotare il solaio di casa e vendere tutto su eBay, io accettero' tranquillamente PayPal e faro' spedizioni in tutto il mondo: allargo la mia potenziale clientela.Non vedo il problema.
      • Anonimo scrive:
        Re: ma perché non usate il bonifico banc

        La mia banca (Fineco) ha i bonifici gratuiti
        verso tutta la comunita' europea (non so se anche
        in Svizzera, ma credo di si).Leggi bene le condizioni, la reola è che un Bonifico su Italia o verso un paese dell'aerea EURO devono avere lo stesso costo, infatti un eventuale bonifico verso UK ti costerà tantissimo pu essendo UE.
        Le altre banche invece hanno delle commissioni
        fisse tra i 3 e i 10 euro, tali da scoraggiare il
        bonifico per piccole somme.Forse qui stai generalalizzando un pò troppo, per essere + chiaro - Il costo di un bonifico su Italia o paese area Euro ha un costo da 0 a 3-4 euro trattabili quando fai il contratto con la banca- Se il bonifico è per aree estra Euro le banche applicano commissini altissime normalmente un fisso+% sul valore.
        In ogni caso il lato negativo del bonifico e'
        l'attesa.
        Io faccio il bonifico oggi, all'altro arriva
        l'accredito solo dopo 5 giorni e quindi nel casoQuesto è voluto dalle banche che giuadagnano su questi periodi finestra.
        Invece pagando con PayPal i soldi arrivano subito.Si tratta di un POS virtuale come ne esistono tanti, i costi variano normalmente in base al Transato ed al circuito della CC; normalmente partono dal 4% a scendere.CiaoSèvero
    • Anonimo scrive:
      Re: ma perché non usate il bonifico banc
      Io faccio bonifici dal mio accesso on-line al conto corrente e mi costano solo 1 euro, quindi una valida alternativa a postepay, soprattutto considerando che non devo neanche uscire di casa o dall'ufficio per recarmi in posta a fare inutili code e perdere tempo. Ritengo il bonifico sicuro, poco costoso e molto comodo. Per me il metodo migliore di pagamento su ebay.
      • Candido scrive:
        Re: ma perché non usate il bonifico banc
        Anch'io pago i bonifici online molto poco, 50 cent e 1 euro a seconda della banca del destinatario.
        • bluesummers scrive:
          (info statistica) costi bancoposta
          ai titolari di un conto bancoposta, il bonifico verso un altro cc bancoposta viene a costare 0,52 ? (postagiro); da bancoposta ad altre banche, 3 ? (ma probabilmente ricordo male...).personalmente non mi trovo male con bancoposta. le spese non sono altissime, ma soprattutto abito a venti metri da un'agenzia.. :)
  • Anonimo scrive:
    Pagate e non rompete
    Io su Ebay non vendo, compro soltanto e nell'era di internet mi rode veramente dovermi recare alle poste e fare la fila per ricaricare la postepay! Vuoi vendere su Ebay? Paghi la commissione PayPal come fanno tutti i commercianti, altrimenti ti metti l'annuncino su PortaPortese o Secondamano e fai come ti pare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pagate e non rompete
      Vuoi comprare su ebay: allora PAGA COME DICE IL VENDITORENon vuoi pagare? Vai a PORTA PORTESE!
      • Anonimo scrive:
        Re: Pagate e non rompete
        - Scritto da: Anonimo
        Vuoi comprare su ebay: allora PAGA COME DICE IL
        VENDITORE

        Non vuoi pagare? Vai a PORTA PORTESE!
        Non credo proprio che tu faccia molti affari su eBay ... Ti consiglio di darti al riciclaggio di denaro sporco. Mi sembra più adatto alle tue inclinazioni!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pagate e non rompete
      - Scritto da: Anonimo
      Io su Ebay non vendo, compro soltanto e nell'era
      di internet mi rode veramente dovermi recare alle
      poste e fare la fila per ricaricare la postepay!Vale anche per me.Aggiungo oltretutto che se faccio un acquisto per piu` di 30 euro, preferisco un sistema di pagamento che mi dia delle garanzie.In questi casi salto a pie` pari i venditori che accettano solo pagamento via ricarica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pagate e non rompete
      lo puoi fare su internet... primitivo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pagate e non rompete
      ehm, giusto per precisare..per ricaricare una postepay, non serve necessariamente andare alle poste.. si fa dal sito delle poste appunto... bisogna avere una propria postepay, e da sito si può fare un trasferimento di valuta da una PPay all'altra.
      • Anonimo scrive:
        Re: Pagate e non rompete
        - Scritto da: Anonimo
        ehm, giusto per precisare..

        per ricaricare una postepay, non serve
        necessariamente andare alle poste.. si fa dal
        sito delle poste appunto... bisogna avere una
        propria postepay, e da sito si può fare un
        trasferimento di valuta da una PPay all'altra.Peccato che il tutto abbia dei costi, visto che la postepay non te la danno mica gratis.Io ho una carta VISA che la mia banca mi da' gratuitamente e con quella ci pago il supermercato quando faccio la spesa, il ristorante se vado a mangiar fuori, la benzina ai distributori, e ci pago pure gli acquisti su internet, presso gli stores online di una certa serieta' (quelli che accettano la carta di credito), e su eBay da venditori di una certa serieta' (quelli che accettano PayPal), siano essi italiani o stranieri.E ne faccio largo uso della carta su internet.Ci ho pagato pure l'assicurazione della macchina l'altro giorno: 500 e passa euro.E senza alzare le chiappe dalla sedia.Quindi non vedo perche' dovrei dotarmi di una carta diversa solo perche' c'e' gente che vuole essere ricaricata la sua postepay.
  • Anonimo scrive:
    Con la Carta Postepay
    ho compro dai siti americani e non posso comprare su eBay?, vado a cancellarmi tanto su eBay c'è più fuffa che altro !!
    • Severo64 scrive:
      Re: Con la Carta Postepay
      - Scritto da: Anonimo
      ho compro dai siti americani e non posso comprare
      su eBay?, vado a cancellarmi tanto su eBay c'è
      più fuffa che altro !!Rileggiti l'articolo, per pagare nessun problema, non viene + accettata come metodo per INCASSARE.CiaoSèvero
  • ryoga scrive:
    Mai usato Ebay
    Non ho mai usato Ebay.Non ho intenzione di usare Ebay.Ho un account Ebay ( l'ho aperto all'epoca di i-bazar ).Non ho mai acquistato e venduto nulla, in quanto quel che cercavo, costava circa la stessa cifra di quello presente in negozio, e quel che avrei voluto vendere, mi costava molto di piu' in inserzione che nel guadagno finale.Quindi non ho mai utilizzato Ebay.Non capisco come mai, ad oggi, nessuno si sia messo a creare una piattaforma open source in grado di contrastare questa multinazionale divenuta tale proprio grazie agli introiti molto alti che riesce ad ottenere.Potrei metter a disposizione, circa 2 ore al giorno per la creazione di un portale del genere, ma occorrerebbero un po' di finanziatori per investire ( una volta che il progetto è pronto ) in una sere di campagne pubblicitarie per sensibilizzare l'utenza.Altrimenti il gioco non vale assolutamente la candela.Io oggi, se devo acquistar qualcosa online, mi giro i vari siti di e-commerce ( dove a volte i prodotti sono anche piu' bassi di quelli su ebay ), e/o i newsgroup ( dove la libertà, da quelle parti ha ancora un senso ).Invito tutti, quindi, a fare altrettanto.Ebay è solo un programma ipervalutato.All'epoca c'era Auckland. Poi tramite una campagna martellante, sali' al trono ibazar e da li ci fu la trasformazione in Ebay.Ebay farà la stessa fine di Auckland prima o poi. Sta solo a noi decidere "quando".Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Mai usato Ebay

      Non capisco come mai, ad oggi, nessuno si sia
      messo a creare una piattaforma open source in
      grado di contrastare questa multinazionale
      divenuta tale proprio grazie agli introiti molto
      alti che riesce ad ottenere.Per lo stesso motivo per cui i sistemi operativi Open Source non riescono a contrastare Microsoft nel mercato degli home computer ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Mai usato Ebay
        - Scritto da: Anonimo
        Per lo stesso motivo per cui i sistemi operativi
        Open Source non riescono a contrastare Microsoft
        nel mercato degli home computer ...Perché il 90% degli utenti sono idioti?
        • Anonimo scrive:
          Re: Mai usato Ebay


          Perché il 90% degli utenti sono idioti?
          Perchè il 99% degli italiani non vuole mischiarsi a chi considera tutti gli altri idioti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mai usato Ebay

      Non capisco come mai, ad oggi, nessuno si sia
      messo a creare una piattaforma open source inIl problema non è il software. Il problema è chi paga la connettività, le macchine, il software e l'amministrazione del sistema. Senza contare il monitoraggio delle inserzioni, la gestione dei contenziosi e via dicendo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mai usato Ebay
        - Scritto da: Anonimo

        Non capisco come mai, ad oggi, nessuno si sia

        messo a creare una piattaforma open source in

        Il problema non è il software. Il problema è chi
        paga la connettività, le macchine, il software e
        l'amministrazione del sistema. Senza contare il
        monitoraggio delle inserzioni, la gestione dei
        contenziosi e via dicendo. ci staresti dentro con l'1-2% max di commissione, facendo pulizia seria di annunci palesemente illegali, e fregandosene completamente (cioé lasciando libertà completa) delle transazioni economiche tra gli utenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mai usato Ebay
      Sì, ciao...
  • Anonimo scrive:
    Questa polemica mi ricorda...
    Questa polemica ricorda i tempi in cui tutti i servizi fruibili sul web erano gratis, compresa la lettura dei quotidiani.Quando - ovviamente - hanno cominciato a chiedere soldi per il servizio (senza dimenticare che il medesimo servizio in forma tradizionale viene regolarmente pagato da secoli, come ad esempio i giornali) c'e' stata l'insurrezione popolare al grido di "TUTTO, ORA, E GRATIS!".Poi la gente ha cominciato a capire che in fondo non c'era nulla di anomalo a pagare per un servizio professionale, anche se fornito via web, ed ha cominciato anche ad utilizzare i servizi di eBay pur accettandone e pagandone le commissioni.Ora - di nuovo - il neurone del LIBERO E GRATIS si e' rimesso in circolo, dimenticandosi che eBay e' una societa' privata, che fornisce un servizio professionale, e che e' libera di impostare le proprie modalita' di vendita lasciando liberi gli utenti di fare le loro scelte.E poi: quanto di voi, entrati in un negozio per acquistare qualcosa, lasciano tutto sul banco dopo aver scoperto che quel negozio - ad esempio - non accetta Bancomat o carte di credito, inscenando discussioni con il negoziante accusandolo di imporre le sue scelte ai clienti ?Marco M.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa polemica mi ricorda...
      Non è esattamente così. Questo episodio rientra in una più generalizzata aggressione in atto verso chi paga, qualunque cosa, da parte di chi incassa. Ormai ci fanno pagare TUTTO, e a tariffe sempre più alte. Ma se 'sta gente faceva gran bei profitti prima, quando certe cose non si pagavano, io non posso non pensare che voglia spremere il limone fino all'ultima goccia.Altro che tutto gratisP.S. Sotto natale avevo comprato un lettore di dvd e da auchan non funzionava il bancomat. Mi hanno fatto presente che proprio lì fuori ce n'era uno di una banca ma col cazzo! Se non hai il bancomat i miei soldi non li becchi
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa polemica mi ricorda...


        Sotto natale avevo comprato un lettore di dvd e da auchan non funzionava il bancomat. Mi hanno fatto presente che proprio lì fuori ce n'era uno di una banca ma col cazzo! Se non hai il bancomat i miei soldi non li becchiSe non accetti PayPal (che per me significa usare comodamente la mia carta di credito), i miei soldi non li becchi. Soprattutto se vorresti farmi pagare con un metodo col quale non ho NESSUNA possibiltà di comprovare che ti ho dato dei soldi in contropartita di qualcosa.Se voglio giocare alla lotteria vado al botteghino. Lì, almeno, il biglietto che mi danno significa qualcosa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa polemica mi ricorda...
          - Scritto da: Anonimo


          Sotto natale avevo comprato un lettore di dvd e
          da auchan non funzionava il bancomat. Mi hanno
          fatto presente che proprio lì fuori ce n'era uno
          di una banca ma col cazzo! Se non hai il bancomat
          i miei soldi non li becchi

          Se non accetti PayPal (che per me significa usare
          comodamente la mia carta di credito), i miei
          soldi non li becchi.Giusto, ma non tutti la pensano come te. A qualcuno il rischio va bene. Dovrebbero quindi essere i clienti a decidere, non ebay a scegliere per noi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa polemica mi ricorda...
          Sarà per questo che esiste il sistema dei feedback ... ma lo usate ebay?!?Se poi io come cliente decido di usare un metodo in cui non posso contyrollare .... è una mia scelta, ma appunto .... è una mia scleta.Ognuno la pensa come vuole, c'è liberta di parlare ... e di scelte.Se mi obbligano invece a usare un metodo, perchè è il loro e prendono altri soldi .... No GRAZIE.
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa polemica mi ricorda...
          - Scritto da: Anonimo
          Se non accetti PayPal (che per me significa usare
          comodamente la mia carta di credito), i miei
          soldi non li becchi. Soprattutto se vorresti
          farmi pagare con un metodo col quale non ho
          NESSUNA possibiltà di comprovare che ti ho dato
          dei soldi in contropartita di qualcosa.
          Se voglio giocare alla lotteria vado al
          botteghino. Lì, almeno, il biglietto che mi danno
          significa qualcosa.Io vendo tanto su eBay. Metto la possibilità di pagare ANCHE con postepay e anzi la preferisco per piccoli pagamenti.Chi come te mi ricorda che postepay è pericolosa e non da garanzie gli dico semplicemente:"guarda, ne sono cosciente, ma se venissi su ebay per truffare la gente lo farei con oggetti del valore di un migliaio di euro non certo con i 35 euro del moduletto di memoria o della motherboard usata".Di solito accettano di fare il versamento su postepay.Ed io mi comporto di conseguenza cercando di mostrarmi un venditore serio e affidabile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Questa polemica mi ricorda...


            Io vendo tanto su eBay. Metto la possibilità di pagare ANCHE con postepay e anzi la preferisco per piccoli pagamenti. ecc.Io ho molto rispetto per quelli come te, e mi dispiace che siate voi a rimetterci.Purtroppo, però, moltissimi divieti (soprattutto fuori da eBay) vengono posti per tutelare gli sprovveduti.Sprovveduti come quanti si son fatti truffare da gentaglia che ne ha approfittato.Se non fosse così, allora dovrebbero lasciare la libertà ai 'maghi' di chieder soldi per togliere il malocchio, perché solo gli idioti ci cascano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa polemica mi ricorda...
      Ecco Marco, un altro bambino che non ha capito come la polemica non sia sul gratis, ma su un metodo di pagamento comodo a tanti che viene meno.Allora anche il sostegno a ebay viene meno.Banale, quindi rilassati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa polemica mi ricorda...
        - Scritto da: Anonimo
        Ecco Marco, un altro bambino che non ha capito
        come la polemica non sia sul gratis, ma su un
        metodo di pagamento comodo a tanti che viene
        meno.
        Allora anche il sostegno a ebay viene meno.
        Banale, quindi rilassati.Comodo solo per i venditori. Anche tu, come eBay, in fondo vuoi imporre le tue preferenze agli altri ... Quindi non ti lamentare se altri la pensano come te (in fatto di imposizione)!
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa polemica mi ricorda...
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          Ecco Marco, un altro bambino che non ha capito

          come la polemica non sia sul gratis, ma su un

          metodo di pagamento comodo a tanti che viene

          meno.

          Allora anche il sostegno a ebay viene meno.

          Banale, quindi rilassati.

          Comodo solo per i venditori.Falso e' comodo anche a tanti compratori, e a quelli a cui non e' comodo, si trova un altro metodo, l'importante e' avere scelta.Ebay, ha tolto una di queste scelte.
          Anche tu, come eBay,
          in fondo vuoi imporre le tue preferenze agli
          altri ... Quindi non ti lamentare se altri la
          pensano come te (in fatto di imposizione)!Che discorsi, io posso accettare alcuni metodi di pagamento. Se non ti piace non compri.Nessun obbligo. Cosi' a me non piace piu' ebay e lo lascio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Questa polemica mi ricorda...

            Che discorsi, io posso accettare alcuni metodi di
            pagamento. Se non ti piace non compri.
            Nessun obbligo. Cosi' a me non piace piu' ebay e
            lo lascio.Giusto, è questo che devi fare. E convincere altri a fare altrettanto. E' l'unico modo per contrastare eBay, non parlare di diritti o meno (che su Internet sono un discorso molto particolare).
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa polemica mi ricorda...
          Forse non ci siamo capiti : anch'io sono un cliente come tanti altri e se tra i metodi di pagamento l'abbiamo scelto .... ci siamo assunti il rischio.Quindi spiegami perchè uno che usa carta credito postale è come ebay .... sono curioso di cosa la mente umana puo' inventare ....
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa polemica mi ricorda...


        comodo a tanti pensa quanto è comodo per tutti quelli che si volatilizzano dopo aver incassato una bella cifra per 20/30 inserzioni di oggetti inesistenti...
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa polemica mi ricorda...
          Ti consiglio il vocabolario della lingua italiana per capire certe frasi ..... ripeto : se io scelto di pagare con carta postale, me ne assumo il rischioMa non è obbliogatorio.Ognuno è libero di fare come crede.Se l'asta comprende metodi di pagamento che uno non vuole, non è obbligato a fare quell'asta.Oppure esiste una nuova legge che obbliga a fare quell'asta?!?Evitiamo polemiche sterili per favore!!!!Qua si difende la libertà di scelta e la libertà di decidere come comportarci con i nostri soldi ...... sai quella strana cosa che chiamano responsabilità di cui veniamo investiti a 18 anni ... e non di truffe colossali .... io su 50 e passa aste vinte come cliente non ho mai avuto problemi .... basta vedere i feedback ....
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa polemica mi ricorda...
      Beh potresti aver ragione ... se non fosse per il fatto che come venditore pago già ebay.Cosa interessa poi a Ebay del metodo di pagamento, quando in ogni caso prendono già i soldi sull'asta?!?A mio parere sono due cose diverse .... non contenti di prendere già dei soldi dall'asta, ora vogliono prenderli dal metodo di pagamento, perchè hanno preso Paypal .....Non è questione di gratuito o altro, è una questione che le nostre scelte, le scelte del singolo, devono andare sempre nella direzione che vuole il negoziante .... e non mi sembra che le cose funzionino cosi', quando vado in un negozio ...... posso scegliere come voglio pagare?!?E valutare io cosa devo fare, non una società che mi obbliga a quella scleta perchè loro hanno preso la società che gestisce quel pagamento ....Sui quotidiani, ti farei presente una cosa : uno, i quotidiani sono ancora gratis, vedi Ansa e i principali quotidiani dove le notizie delle ultime ore sono accessibili .....Due : a pagamento è il giornale intero con i servizi diciamo minori ...... e li' lo si paga per apprezzare l'articolo e chi lo scrive, non per le notizie .... o adesso vogliamo mettere le notizie a pagamento di qualsiasi tipo?!?Ora basta o vado fuori argomento ... mi sembrano le classiche discussioni di chi parla ma non sa bene le cose ....
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa polemica mi ricorda...
      - Scritto da: Anonimo
      E poi: quanto di voi, entrati in un negozio per
      acquistare qualcosa, lasciano tutto sul banco
      dopo aver scoperto che quel negozio - ad esempio
      - non accetta Bancomat o carte di credito,
      inscenando discussioni con il negoziante
      accusandolo di imporre le sue scelte ai clienti ?Io, piu' di una volta!Entro in un negozio che espone l'adesivo "CARTE DI CREDITO", faccio i miei acquisti, per poi sentirmi dire alla casa che il POS non funziona.Una volta perfino in un locale dove avevo mangiato!Dopo essermi fatto sentire, ho ottenuto due cose.La prima, che il negoziante e' uscito fuori ad appiccicare un foglietto con su scritto "il pagamento con le carte di credito oggi non vunziona, scusate il disturbo".La seconda, che gli ho fatto telefonare in cartasi, per fare la transazione manuale con l'operatore, altrimenti non lo pagavo.Troppo comodo mettere fuori l'adesivo che si accettano le carte di credito e poi dirti che non va!Il cliente ha sempre ragione, ricordatevelo, e fate valere le vostre ragioni.E' il venditore che deve ringraziare il cliente per averlo preferito, mai il contrario.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa polemica mi ricorda...
      - Scritto da: Anonimo
      Questa polemica ricorda i tempi in cui tutti i
      servizi fruibili sul web erano gratis, compresa
      la lettura dei quotidiani.Nessuno sta facendo una questione sul gratis, ma sulla libertà di scelta. Quindi non ricorda proprio nulla tali polemiche.
      Poi la gente ha cominciato a capire che in fondo
      non c'era nulla di anomalo a pagare per un
      servizio professionale, anche se fornito via web,
      ed ha cominciato anche ad utilizzare i servizi di
      eBay pur accettandone e pagandone le commissioni.Ed infatti la questione non riguarda le commissioni di ebay.
      Ora - di nuovo - il neurone del LIBERO E GRATISFalso. Il neurone dell'assunzione delle responsabilità e della libertà di scelta.
      E poi: quanto di voi, entrati in un negozio per
      acquistare qualcosa, lasciano tutto sul banco
      dopo aver scoperto che quel negozio - ad esempio
      - non accetta Bancomat o carte di credito,
      inscenando discussioni con il negoziante
      accusandolo di imporre le sue scelte ai clienti ?Guarda, anche volendo fare questo paragone, qui c'è qualcuno che compra e qualcuno che vende. Ebay quale ruolo ha in tutto ciò? Risposta: nessuno, ebay non vende né compra. Ebay è colui che affitta il locale.
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa polemica mi ricorda...

        Guarda, anche volendo fare questo paragone, qui
        c'è qualcuno che compra e qualcuno che vende.
        Ebay quale ruolo ha in tutto ciò? Risposta:
        nessuno, ebay non vende né compra. Ebay è colui
        che affitta il locale.Si ma in nome della sicurezza eBay potrebbe scegliere di impedire di utilizzare alcuni metodi di pagamento ritenuti non sicuri. Esattamente come in un tuo locale potresti impedire di far installare uno scaldabagno a gas perché ritenuto non sicuro. Che ne dici?
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa polemica mi ricorda...
          - Scritto da: Anonimo

          Guarda, anche volendo fare questo paragone, qui

          c'è qualcuno che compra e qualcuno che vende.

          Ebay quale ruolo ha in tutto ciò? Risposta:

          nessuno, ebay non vende né compra. Ebay è colui

          che affitta il locale.

          Si ma in nome della sicurezza eBay potrebbe
          scegliere di impedire di utilizzare alcuni metodi
          di pagamento ritenuti non sicuri. Esattamente
          come in un tuo locale potresti impedire di far
          installare uno scaldabagno a gas perché ritenuto
          non sicuro. Che ne dici?No, sono due cose che c'entrano nulla l'una con l'altra. Lo scaldabagno a gas non lo fai installare per non far saltare in aria il locale di tua proprietà.Se invece affitti un locale commerciale vero e provi a dire all'affittuario che non può ricevere assegni, tanto per dire, e questo si rivolge ad un avvocato, vedi come ti passa presto la voglia di proferire parola sulle transazioni monetarie di altri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa polemica mi ricorda...

      E poi: quanto di voi, entrati in un negozio per
      acquistare qualcosa, lasciano tutto sul banco
      dopo aver scoperto che quel negozio - ad esempio
      - non accetta Bancomat o carte di credito,
      inscenando discussioni con il negoziante
      accusandolo di imporre le sue scelte ai clienti ?

      Marco M. Io ,se il negozio non accetta carte di credito .. allora prendo lascio tutto li e ciao ciao ... Giro il culo e con la mia bella Amex Platino vado da un'altra parte ...Chi ci ha rimesso ?Mark P.
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa polemica mi ricorda...

        Io ,
        se il negozio non accetta carte di credito ..
        allora prendo lascio tutto li e ciao ciao ...
        Giro il culo e con la mia bella Amex Platino vado
        da un'altra parte ...
        E quindi?
        Chi ci ha rimesso ?
        Io no.
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa polemica mi ricorda...
          - Scritto da: Anonimo

          Io ,

          se il negozio non accetta carte di credito ..

          allora prendo lascio tutto li e ciao ciao ...

          Giro il culo e con la mia bella Amex Platino
          vado

          da un'altra parte ...


          E quindi?Se non capisci è un problema tuo

          Chi ci ha rimesso ?


          Io no.Come sopra
    • AnyFile scrive:
      Re: Questa polemica mi ricorda...
      Non e' gratis affatto visto che devi pagare le commissioni perfino due volte (una ad ebay ed una a paypal).Per me come MINIMO dovrebbe essere che rientri nel servizio pagata ad Ebay, quello di accollarsi gli oneri (e i rischi) del pagamento!
  • Anonimo scrive:
    Come avete contattato il sig.Pacini ?
    Per favore, rendete pubblico il sistema con il quale siete riusciti a contattare quelli di ebay!!! Sono 2 DUE mesi che cerco di contattare qualcuno ed e' impossibile!!! L'assistenza (che non esiste) risponde con messaggi preconfezionati.Non esistono numeri telefonici diretti (se non un volgarissimo fax) con i quali PARLARE con qualcuno e tantomeno esistono email!!Come azienda fa leteralmente SCHIFO. Spero fallisca presto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come avete contattato il sig.Pacini
      ma non vedi che la risposta data a P.I. è una risposta preconfezionata!prova a contattare l'assistenza e fai la stessa domanda vedi se non ti mandano la stessa risposta!!!! ;)per parlare con qualcuno di ebay rivolgiti ad un agenzia investigativa magari loro riescono a trovarli!!!!!!! :)
    • AnyFile scrive:
      Re: Come avete contattato il sig.Pacini
      Mi pare che sul sitohttp://www.paypalsucks.com/vi siano alcuni contati (negli Usa).se la societa' e' legalemtne registrata in Italia, dovrebbe essere possibile ottenere i dati iscritti a registro.Inoltre ogni sito italiano in cui vi e' un'attivita' commerciale DOVREBBE (anche se lo fanno in pochissimi) riportare gli estremi della societa' con tanto di indirizzo, partita iva, numero di registrazione alla camera di commercio, ecc.Comunque c'e' poco da dire se sei scontento di tale azienda (altro non e' che questo) e non riesci neanche a contattarli ... semplicemente non usarli piu'!!!Mi sa che mettersi su un sito costi molto meno che non usare i loro servizi.D'altronde cosa fanno loro: ti danno solo un po' di spazio sul web.Non fanno nulla per garantire il buon fine delle trattative, non garantiscono ne' la spedizione ne' la qualita' della merce ne' garantiscano il pagamento.Secondo me un sito del genere avrebbe molto piu' senso se agisse in conto vendita.Il venditore manda la merce alla societa' di intermediazione, questa si fa mandare i soldi e una volta ricevuti sia i soldi sia la merce manda la merce all'acquirente e i soldi al venditore. Ovviamente questa cosa ha senso solo se la societa' d'intermedazione e' seria ed offre garanzie (nel senso letterale del termine)
  • Anonimo scrive:
    ESTORSIONE A TUTTI GLI EFFETTI !
    Art. 629 Estorsione .Chiunque, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a se' o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno è punito ecc... ecc...Ravvisiamo la minaccia da parte di Ebay (vedasi i messaggi giunti in questi giorni agli utenti: o chiudi l'asta o ti ammoniamo) e la violenza ( se non lo fai ti chiudiamo l'asta e ci teniamo anche i soldi del'inserzione).Ok, non si procurano un "ingiusto profitto", ma con tutti i milioni di euro che guadagnano ogni mese lucrando su ogni aspetto dell'annuncio (dal grassetto allo sfondo utilizzato nell'annuncio!), perché adesso si mettono a spremere gli utenti anche sul trasferimento dei fondi? E' chiaro che il loro interesse è quello di indurti ad utilizzare PayPal.Per chi non lo sapesse PayPal prevede delle tariffe a dir poco usurarie per i venditori!!D'ora innanzi, quindi, il venditore paghera:1) l'alta tariffa di inserzione ad Ebay (anche se l'oggetto non è venduto), tariffa che può variare e di molto;2) l'altissima commissione ad Ebay sul valore finale dell'eventuale venduto;3) la tariffa ad Ebay per il trasferimento dei fondi tramite PayPal.Proporrei ad Ebay, a questo punto, di prendersi il 50% del valore dell'asta e di applicare anche le commissioni sui costi di spedizione. Così sappiamo a cosa andiamo incontro e non se ne parla più.Sono davvero amareggiato da 'sta gente.Ci vorrebbe qualche valida alternativa.
    • Anonimo scrive:
      Re: ESTORSIONE A TUTTI GLI EFFETTI !

      costringendo taluno a fare o ad omettere qualcheAppunto: costringendo. Non mi risulta che eBay costringa nessuno ad usare il servizio...
    • Anonimo scrive:
      Re: ESTORSIONE A TUTTI GLI EFFETTI !

      1) l'alta tariffa di inserzione ad Ebay (anche se
      l'oggetto non è venduto), tariffa che può variare
      e di molto;mi pare proprio che se non vendi l'oggetto ti da la possibilità di rimetterlo in asta gratuitamente.. senza ulteriori spese di inserzione...
    • Anonimo scrive:
      Re: ESTORSIONE A TUTTI GLI EFFETTI !
      Macchè estorsione ed estorsione... non sei mica obbligato ad utiliizare ebay, se vuoi rispetti le sue regole e lo utilizzi, altrimenti non lo usi e ti rivolgi altrove. Se usufruisci dei suoi servizi accetti le regole che impone. Estrsione... ma stiamo scherzando?
  • arlon scrive:
    E Bay - Bai Bai
    Credo che dopo questa idiozia di Ebay lo userò MOOOLTO di meno.. per non dire quasi nulla.Hanno oltrepassato il segno: passino le tariffe altissime, ma questo divieto proprio non mi va...E se acquisterò lo farò dall'estero (dove non ho ovviamente mai usato la postepay, e effettivamente PayPal ha un senso di esistere)Auguro il fallimento alla Ebay Italia.
    • Anonimo scrive:
      Re: E Bay - Bai Bai
      - Scritto da: arlon
      Credo che dopo questa idiozia di Ebay lo userò
      MOOOLTO di meno.. per non dire quasi nulla.Questa è l'unica cosa intelligente che può fare un venditore per protestare ...
  • Anonimo scrive:
    E' un problema solo dei venditori
    Si tratta unicamente di un problema dei venditori che non vogliono pagare le quote per le transazioni. Cosa credete che facciano i negozianti con le carte di credito? Finiamola con la filosofia che su Internet tutto deve essere gratis. Volete offrire un servizio comodo e attirare acquirenti? Pagate! Le ricariche sono scomode, e questo è quanto. Certo si può operare online ma a patto di essere correntisti o avere una prepagata, e questo non è il caso dell'utente comune. Se non volete pagare commissioni mettete l'annuncio sul giornalino del quartiere ...
    • Anonimo scrive:
      Re: E' un problema solo dei venditori
      - Scritto da: Anonimo
      Si tratta unicamente di un problema dei venditori
      che non vogliono pagare le quote per le
      transazioni.Pagare quanto? Comuqnue se a te paiccino, paga anche le mie, ti sta bene?
      Cosa credete che facciano i
      negozianti con le carte di credito?Subiscono nolenti o volenti un pagamento tardivo a fronte di un servizio in piu' per il cliente. E allora che c'entra?
      Finiamola con
      la filosofia che su Internet tutto deve essere
      gratis.Veramente le critiche a ebay sono di men altra e variegata natura.Togliere un sistema di pagamento vuol dire peggiorare il servizio per tutti quello che si trovano bene con tale metodo.Dove leggi che si vuole tutto gratis su internet?
      Volete offrire un servizio comodo e
      attirare acquirenti?Si, e postepay e' perfetto per questo.
      Pagate!Infatti postepay si paga.
      Le ricariche sono
      scomode, e questo è quanto.Questione di gusti.
      Certo si può operare
      online ma a patto di essere correntisti o avere
      una prepagata, e questo non è il caso dell'utente
      comune.Statistiche prego.
      Se non volete pagare commissioni mettete
      l'annuncio sul giornalino del quartiere ...Se volevamo leggere le tue banalita', andavamo alle elementari.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' un problema solo dei venditori

        Pagare quanto? Comuqnue se a te paiccino, paga
        anche le mie, ti sta bene?A parte le altre sciocchezze che hai detto, questa frase conferma quanto da me sostenuto: si tratta unicamente di un problema di venditori che non vogliono pagare le commissioni. Ma è un TUO problema, non di eBay o della comunità ...
        • Anonimo scrive:
          Re: E' un problema solo dei venditori
          - Scritto da: Anonimo

          Pagare quanto? Comuqnue se a te paiccino, paga

          anche le mie, ti sta bene?

          A parte le altre sciocchezze che hai detto
          questa frase conferma quanto da me sostenutoA allora sei tu quel bambino!
          si tratta unicamente di un problemaNo, si tratta di un servizio che viene a mancare.Togli una mela dal cesto e ha una mela in meno.Ebay ha tolto un sistema di pagamento comodo. Ti e' chiaro?
          di venditori che
          non vogliono pagare le commissioni.Quelle di paypal? No non le voglio e nessuno nemmeno la tua lurida spocchia mi potra' mai costringere, se ti garbano, pagamele tu. Altre, meno esose, mi stanno bene.Allora, me le vuoi pagare? Si o no?
          Ma è un TUO
          problema, non di eBay o della comunità ...Anche la carie e' un mio problema ma non mi faccio le otturazioni da solo, devo ricorrere al dentista.Cosi' a togliere la mela dal cesto e' stato ebay, per cui per il mio problema devo rivolgermi a ebay e chidere che mi ridia la mela. E' colpa sua se manca non mia.Se non lo fa e mi offre in cambio un mango carissimo, cambio cestino.E addio ebay e commissioni.Spero che adesso sia piu' facile da capire.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' un problema solo dei venditori
            Nelle mie aste con pagamento paypal ho sempre fatto pagare il 4% in più specificandolo chiaramente all'interno dell'asta.Sempre meglio degli "onesti" venditori che ti fanno pagare il doppio di spese di spedizione in modo da recuperarsi la percentuale dovuta a paypal!!!!!!!Bye
          • Anonimo scrive:
            Re: E' un problema solo dei venditori
            - Scritto da: Anonimo
            Nelle mie aste con pagamento paypal ho sempre
            fatto pagare il 4% in più specificandolo
            chiaramente all'interno dell'asta.
            Sempre meglio degli "onesti" venditori che ti
            fanno pagare il doppio di spese di spedizione in
            modo da recuperarsi la percentuale dovuta a
            paypal!!!!!!!Se i miei clienti accettano di pagare il 4% in piu', accollandosi loro di nutrire l'avidita' di paypal, allora resto.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' un problema solo dei venditori
            Proprio quello che faccio io dando una possibilità di scegliere agli acquirenti se pagare con Paypal + 4% o farmi un bonifico senza spese extra.... nel modo + trasparente possibile...
          • Anonimo scrive:
            Re: E' un problema solo dei venditori

            Se i miei clienti accettano di pagare il 4% in
            piu', accollandosi loro di nutrire l'avidita' di
            paypal, allora resto.eBay è così liberale che ti permette anche di fare truffe come questa. Sono avidi esattamente come te.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' un problema solo dei venditori
            Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo


            Pagare quanto? Comuqnue se a te paiccino, paga


            anche le mie, ti sta bene?



            A parte le altre sciocchezze che hai detto

            questa frase conferma quanto da me sostenuto

            A allora sei tu quel bambino!Già il solo fatto utilizzare parole come "bambino" ti pone dalla parte del torto, di nuovo non fai altro che confermare quanto ho detto in partenza (ma il problema delle persone come te è che pur di alzare i toni non si rendono neanche più conto di cosa si parla): Cosa ho detto all'inizio? PostePay è conveniente è comodo per i venditori, ma scomodo per molti acquirenti. Paypal è costoso e scomodo per i venditori, ma comodo e gratuito per molti acquirenti. Vuoi vendere più oggetti? Vieni incontro alle esigenze dei compratori e offri Paypal. Non vuoi pagare altre commissioni? Offri solo PostePay (che eBay non potrà di fatto impedire di utilizzare) e accetta che diversi potenziali compratori non faranno offerte per i tuoi oggetti!
          • Anonimo scrive:
            Re: E' un problema solo dei venditori

            Cosa ho detto
            all'inizio? PostePay è conveniente è comodo per i
            venditori, ma scomodo per molti acquirenti.per me acquirente è comodo; se per te cquirente non lo è, scegli un altro metodo di pagamento
            Non vuoi pagare
            altre commissioni? Offri solo PostePay (che eBay
            non potrà di fatto impedire di utilizzare) e
            accetta che diversi potenziali compratori non
            faranno offerte per i tuoi oggetti!ma ci sei o ci fai?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' un problema solo dei venditori

            per me acquirente è comodo; se per te cquirente
            non lo è, scegli un altro metodo di pagamentoE' comodo perché hai già la carta, mentre non lo è per chi deve prenderla per soddisfare le tue esigenze ... Devono essere i venditori ad adattarsi alle esigenze dei compratori, e non viceversa.
            ma ci sei o ci fai?Il tuo problema è che devi avere l'ultima parola e, come ho detto prima, non sai neanche più di cosa si sta parlando.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' un problema solo dei venditori
      Condivido pienamente!! Chi vende deve dare maggiori garanzie a chi acquista!!MA di conseguenza limitare anche chi acquista.......qui sta l'errore di eBay.Come dire io accetto la MasterCard ma tu non mi puoi dare ne Assegni ne Postpay perche possono essere taroccate...se vuoi acquistare fatti MasterCard!!E ti ridico se vuoi vendere non puoi dare troppe condizioni salvo se regali qualcosa!!!Mai fidarsi di qulcuno che vuoe regalarti qualcosa.... ....che non si vede e non si tocca!!!Beh! Io, personalmente, cambio venditore al 99%.Voi fate come volete
  • Anonimo scrive:
    Io uso e userò sempre una ricaricabile
    Io uso una VISA Vodafone ricaricabile come carta su cui si appoggia Paypal (in cui ho un conto da credo ormai 5 anni). Sono sempre stato soddisfattissimo di come funziona ed ormai è lo standard mondiale. Mi sono invece sempre trovato male a comprare in germania o in italia dove nessuno usa Paypal e i pagamenti sono sempre lunghissimi (mi è capitato di dover andare molte volte in posta per dei bonifici o altre amenità che ormai sono davvero una cosa del passato). Quindi si può tranquillamente continuare a usare una ricaricabile con Paypal.
  • Anonimo scrive:
    OT Ebay che delusione...
    Nella mia esperienza, se acquisti, ancora ancora, ma se vendi è una grande delusione il servizio di Ebay.
  • Anonimo scrive:
    !pagamento accettato :solo postepay
    ma se proprio ieri sera ho partecipato ad un asta dove il venditore accettava solo poste pay !!mi sa che continua tutto come prima( a proposito l LGU8110 free....va bene come modem umts ?)
  • Anonimo scrive:
    Ma eBay è un'azienda privata
    ...quindi possono fare come vogliono.Se non stanno bene le loro condizioni si cambia sito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma eBay è un'azienda privata

      Ma eBay è un'azienda privataSi e noi siamo i suoi clienti che la foraggiamo.
      ...quindi possono fare come vogliono.Ma non implica automaticamente che facciano bene.
      Se non stanno bene le loro condizioni si cambia
      sito.Appunto, fatto, addio ebay!
  • Anonimo scrive:
    DALL'ACCORDO DEGLI UTENTI EBAY:
    DALL'ACCORDO DEGLI UTENTI EBAY:http://pages.ebay.it/help/policies/user-agreement-faqs.html#1D.Che significa "eBay è solo un luogo"? R. eBay è un mercato online dove si può comprare e vendere praticamente qualsiasi cosa. Tuttavia, eBay non vende nulla direttamente e quindi non gioca alcun ruolo nel rapporto fra compratore e venditore. ALLORA PERCHE' ROMPE LE SCATOLE VIETANDO FORME DI PAGAMENTO SCOMODE E RIVALI A PAYPAL?
  • Anonimo scrive:
    Postepay e "vendite in nero"
    A proposito delle proteste per eliminare la postepay come metodo di pagamento mi sembrano ridicoli gli argomenti di alcuni utenti che scomodano alti concetti di libertà, usati totalmente fuori luogo.Anzitutto nulla vieta di farsi pagare con bonifico bancario al posto che con paypal. La verità è che molti venditori, sopratutto professionisti, utilizzano la ricezione di pagamenti su postepay per vendere in nero, ed è questa la cosa che interessa di piu' a molti. Tutt'ora su ebay, nonostante gli sforzi, è pieno di venditori che vendono articoli contraffatti o semplicemente in nero, e la ricarica di una prepagata fa comodo a tanti. Tanto è vero che questo fenomeno c'è solo in italia, notoriamente la patria dei furbi.Nascondersi dietro un dito tirando fuori le libertà personali è semplicemente ridicolo : di fatto ebay è una piattaforma proprietaria e nessuno vieta di fare affari. Se le tariffe sia di inserzione che di pagamento sono care influiranno sul prezzo di vendita dell'oggetto come in qualsiasi mercato concorrenziale. Nulla vieta di sceglierne altre o di cambiare piattaforma.L'utente che si iscrive a ebay accetta un regolamento, se non gli sta bene puo' sempre andarsene, ebay non è certo un servizio di pubblica utilità per cui si debba sentire il bisogno di inscenare ridicole azioni di disobbedienza. Di certo contravvenendo alle regole (magari per fini personali quali vendere in nero in maniera anonima). Ma si sa, siamo appunto in italia. L'unico paese al mondo su ebay dove tanti venditori ancora chiedono la maggiorazione per accettare pagamenti con paypal , ecc.
    • Anonimo scrive:
      9 --
      MA VAFFANCULO COGLIONE
    • Anonimo scrive:
      Re: Postepay e "vendite in nero"
      quindi se per te sembra equo (non dico giusto, ma equo) che ebay si prenda sulla vendita di un oggetto: prima le tariffe di inserizione, poi quelle di chiusura d'asta dalle percentuali assurde, poi pure quelle sul pagamento tramite paypal, al venditore cosa rimangono? le briciole FORSEPayPal è favoloso per pagare, ma per ricevere pagamenti no, sembra quasi una toppa per riequilibrare un po' la situazione all'interno del mondo di aste su eBay, dove avviene il contrario, il regolamento è molto a favore del venditore e poco rispettoso dell'acquirente, avranno a quanto pare voluto ridare un po' di rispetto all'acquirente favorendolo con PayPal, bah... che metodi del caxxo
    • Anonimo scrive:
      Re: Postepay e "vendite in nero"

      L'utente che si iscrive a ebay accetta un regolamento,
      se non gli sta bene puo' sempre andarsene, ebay non
      è certo un servizio di pubblica utilità per cui si debba
      sentire il bisogno di inscenare ridicole azioni di
      disobbedienza.Perfettamente d'accordo. Il vero problema è che non vedo alternative ad ebay, possibile che un mercato così fiorente come quello delle aste on line non attiri concorrenti? Forse ora che ebay inizia a godere dei vantaggi della sua posizione dominante qualcuno si farà sotto, magari sfruttando proprio la possibilità di offrire metodi di pagamento scartati da ebay.
    • Anonimo scrive:
      Re: e sulle vendite in nero?
      Ciao,uso ebay dai tempi in cui c'era ibazar.Sono d'accordo con quanto affermi sul discorso delle vendite in nero. Ebay sta diventando un posto affollatissimo di venditori di merce contraffatta e di venditori professionisti che non pagano un euro di tasse. Ed è evidente che uno dei modi per non consentire una facile tracciabilità delle somme di denaro ricevute è proprio quello di evitare l'uso di conti correnti, usando, tra le altre possibilità, la postepay.Buona giornata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Postepay e "vendite in nero"
      " Se le tariffe sia di inserzione che di pagamento sono care influiranno sul prezzo di vendita dell'oggetto come in qualsiasi mercato concorrenziale. Nulla vieta di sceglierne altre o di cambiare piattaforma."Finalmente!!! al di là della questione di principio, la cxui unica risposta è boicottare ebay, il succo è questo.complimenti per la sintesi
  • Anonimo scrive:
    PayPal dovrebbe pagare gli interessi...
    Grazie hai conti aperti dai suoi utenti, PayPal dispone di un capitale che investe in attività redditizie esattamnte come fanno le banche. Come quest'ultima PayPal dovrebbe corrisponderci una percentuale di interesse per il prestito che ciascun utente gli concede. Il 4% che chiede è illegittimo, dovrebbe essere lei a pagarcelo, o perlomeno non dovrebbe chiedere alcuna commissione.
    • Severo64 scrive:
      Re: PayPal dovrebbe pagare gli interessi
      - Scritto da: Anonimo
      Grazie hai conti aperti dai suoi utenti, PayPal
      dispone di un capitale che investe in attività
      redditizie esattamnte come fanno le banche. Come
      quest'ultima PayPal dovrebbe corrisponderci una
      percentuale di interesse per il prestito che
      ciascun utente gli concede.
      Il 4% che chiede è illegittimo, dovrebbe essere
      lei a pagarcelo, o perlomeno non dovrebbe
      chiedere alcuna commissione.Non ti chiede commissioni per una tranzazione da PyPal a PayPal, nel cso delle CC sono gli stessi circuiti a VOLERE la commissione.CiaoSèvero
  • Anonimo scrive:
    Perché sì con Paypal e no con Ebay?
    Non comprendo bene la risposta del legale di Ebay. Una carta Kalibra viene considerata insicura su Ebay, ma perché allora può essere usata con l'acconto Paypal, e quindi, in definitiva, con Ebay stessa?
    • fante76 scrive:
      Re: Perché sì con Paypal e no con Ebay?
      Se la usi per pagare va bene, poiché è come una qualsiasi carta di credito. è nata proprio per questo.Il problema nasce quando la usi come metodo per ESSERE pagato da qualcuno.Quando la usi per pagare tramite PayPal la usi come carta di credito, ed è paypal stesso a darti la sicurezza della transazione.Se la usi direttamente per farti pagare da qualcuno che te la ricarica, non ci sono buoni estremi di sicurezza.Ad esempio con la postepay non sai neanche verso che numero di postepay hai fatto la ricarica, quindi non puoi neanche controllare di aver digitato correttamente il numero! E chi riceve il pagamento non sa chi glielo ha fatto! :@
  • Anonimo scrive:
    Spingono PayPal, ma poi non lo accettano
    Buongiorno a tutti,sono un ebayer da tempo immemore (ancora non si chiamava E-bay) ed ho sempre trovato valido la piattaforma.Ricaricare una PostePay o fare un bonifico per Contanti e' la stessa cosa: fornisco dati (parzialmente) riservati.Pensate ad esempio alle truffe africane tramite conto corrente: perche' dovrei dare ad un utente ebay pseudo-anonimo un mio numero IBAN (coordinate bancarie) per un pagamento? Potrebbe poi rivenderselo ai classici truffatori extra-europei che connivono con le banche locali.Inoltre: non so' voi, ma qua a Milano quando ricarico una PostePay altrui mi chiedono un documento d'identita, quindi NON E' VERO che non e' sicuro.Chiedere indietro i soldi? Provate voi a chiedere indietro i soldi ad un utente PayPal che vi ha truffatoe che dopo averli ricevuti ha chiuso il conto PayPal (magari aperto proprio con una ricaricabile).Infine: PERCHE' E-BAY (proprietaria di PayPal) NON ACCETTA PAYPAL STESSA IN PAGAMENTO?Perche' cosi ottiene una montagna di denaro virtuale (PayPal) ed una di denaro fresco (i ns. pagamenti con CC etc etc) :-(((Sono scontento del punto a cui siamo arrivati,sto proponendo a diversi investitori nazionali di aprire una piattaforma "analoga" ad E-Bay,chiunque fosse interessato mi contatti.Saluti a tutti,Francesco (djcecco (at) libero (punto) it)
    • Anonimo scrive:
      Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet

      Pensate ad esempio alle truffe africane tramite
      conto corrente: perche' dovrei dare ad un utente
      ebay pseudo-anonimo un mio numero IBAN
      (coordinate bancarie) per un pagamento? Potrebbe
      poi rivenderselo ai classici truffatori
      extra-europei che connivono con le banche locali.Se anche pubbli i dati del tuo CC al massimo qualcuno poò depositare, ma solo TU puoi fare movimenti in uscita dal tuo CC.
      Inoltre: non so' voi, ma qua a Milano quando
      ricarico una PostePay altrui mi chiedono un
      documento d'identita, quindi NON E' VERO che non
      e' sicuro.La richiesta del documento può essere fatta per qualsiasi CC, e non centra niente con la sicurezza.CiaoSèvero
      • Anonimo scrive:
        Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
        aggiungo...il problema della postepay è anche soprattutto la non tracciabilità dell'operazione...quindi uno faceva la ricarica e vedeva scomparire il venditore, senza poter contestare la cosa dato che non aveva in mano nulla per contestare...
        • Anonimo scrive:
          Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
          Tutte le volte che ho fatto ricariche su postepay,ho sempre ricevuto una ricevuta col numero di carta e Nome dell'intestatario: come puo' scomparire?Se il nome dell'intestatario è un falso,è un problema delle Poste.Se conservo le mail ricevute dal venditore? Non saranno una prova legale, pero' voglio vedere se non si riesce a risalire al traffico mail del venditore.Chiunque si faccia truffare,beh...axias41
          • Anonimo scrive:
            Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet

            Se il nome dell'intestatario è un falso,è un
            problema delle Poste.ROTFLDiciamo che alle poste non frega nulla. Le poste la commissione l'hanno presa. Il potenziale truffatore il denaro lo ha ricevuto.Tu hai pagato, non hai ricevuto nulla, la ricevuta ha un nome falso ed il venditore non è rintracciabile... sai questa a casa mia come si chiama? Inculata. Voluta e cercata aggiungerei.
            Se conservo le mail ricevute dal venditore? Non
            saranno una prova legale, pero' voglio vedere se
            non si riesce a risalire al traffico mail del
            venditore.Guarda.. con le email non ti ci puoi pulire il posteriore perchè sono documenti elettronici.. giusto per quello.Non a caso le email non sono considerate prove legali (a meno che non si tratti della neonata posta certificata).Non è affatto difficile falsificare una mail.
          • AnyFile scrive:
            Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
            - Scritto da: Anonimo

            Se il nome dell'intestatario è un falso,è un

            problema delle Poste.

            ROTFL
            Diciamo che alle poste non frega nulla.
            Le poste la commissione l'hanno presa.
            Il potenziale truffatore il denaro lo ha ricevuto.
            Tu hai pagato, non hai ricevuto nulla, la
            ricevuta ha un nome falso ed il venditore non è
            rintracciabile... sai questa a casa mia come si
            chiama? Inculata. Voluta e cercata aggiungerei.
            In questo devo dar ragione a quanto e' stato scritto dal funzionario di E-bay. Ricare una PostePay di un altro NON e' un sistema di pagamento.Passi utilizzarlo per fare una donazione, ma usarlo per un pagaemento non mi sembra opportuno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
        - Scritto da: Anonimo



        Pensate ad esempio alle truffe africane tramite

        conto corrente: perche' dovrei dare ad un utente

        ebay pseudo-anonimo un mio numero IBAN

        (coordinate bancarie) per un pagamento? Potrebbe

        poi rivenderselo ai classici truffatori

        extra-europei che connivono con le banche
        locali.


        Se anche pubbli i dati del tuo CC al massimo
        qualcuno poò depositare, ma solo TU puoi fare
        movimenti in uscita dal tuo CC.



        Inoltre: non so' voi, ma qua a Milano quando

        ricarico una PostePay altrui mi chiedono un

        documento d'identita, quindi NON E' VERO che non

        e' sicuro.

        La richiesta del documento può essere fatta per
        qualsiasi CC, e non centra niente con la
        sicurezza.

        Ciao

        SèveroLe carte di credito odierne hanno un codice di sicurezza di 3 cifre, posto sul retro della carta: ormai per concludere una transazione di ecommerce su internet con la carta di credito è indispensabile avere quelle 3 cifre.Senza contare che nessuno comunica la data di attivazione e scadenza della carta, altri dati indispensabili in un pagamento onlinePer cui la tesi che comunicare il proprio numero di carta di credito è rischioso è una gran bufalapuntociaopieggi
        • Anonimo scrive:
          Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet

          Le carte di credito odierne hanno un codice di
          sicurezza di 3 cifre, posto sul retro della
          carta: ormai per concludere una transazione di
          ecommerce su internet con la carta di credito è
          indispensabile avere quelle 3 cifre.
          Senza contare che nessuno comunica la data di
          attivazione e scadenza della carta, altri dati
          indispensabili in un pagamento online

          Per cui la tesi che comunicare il proprio numero
          di carta di credito è rischioso è una gran bufala
          puntoBenissimo! Per dimostrare che ci credi davvero, adesso scrivici il tuo numero di carta di credito qui, visto che è una bufala dire che è rischioso darlo in giro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
            Mi associo.....scrivi qui il numero...vedrai che sorprese nell'estratto conto!
          • Anonimo scrive:
            Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
            - Scritto da: Anonimo
            Anch'io sono venditore su eBay da parecchio tempo
            (prima ancora che la piattaforma si chiamasse
            così) e anch'io offrivo ufficialmente PostePay
            come metodo per farmi pagare. Ma lo facevo (e, se
            richiesto, lo faccio ancora) consapevolmente: mi
            sono fatto la PostePay apposta e la svuoto
            periodicamente per evitare di essere vittima del
            "trucchetto" sopra descritto. Mi prendo quindi un
            "rischio calcolato", ma ho un ritorno nella
            misura in cui non devo pagare commissioni a
            PayPal (che pure uso come sistema di pagamento e
            riscossione). per usare la carta di credito di un altro non c'è nemmeno biosgno di avere su soldici sono centinaia di siti porno che offrono "free trial"...servono solo i dati di una carta per iscriversi (rotfl) non so te... ma avere il mio nome, cognome (e numero di carta) nei database di chissa che sito... nn mi rende poi molto contento
            Che eBay decida se posso prendermi
            il rischio oppure no, non è propriamente
            corretto.su 10 persone che sanno capire dove sta il rischio in una transazione su ebay... ce ne sono 100 che nn capsicono una mazza.... ebay DEVE offrire la sicurezza di una transazione certa e sicurafra i metodi vietati poi, c'è anche western union.... che spapiamo benissimo tutti essere uno dei segnali di allarme di una truffa :P
          • basanet scrive:
            Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
            Che tanti siti accettino il solo nome e cognome con numero di carta di credito è anche possibile, per un free trial. Che ti consentano di stipulare un abbonamento se nella carta non ci sono soldi, be'... questo lo trovo meno verosimile! Opinabile - ed in effetti condivisibile - è la considerazione che sia poco gradevole sapere il proprio nome e cognome nel database di qualche sito porno.Circa il fatto che eBay debba fornire sicurezza anche a quelli che utilizzano PostePay "inconsapevoli" dei rischi connessi, il discroso merita qualche precisazione. Scoraggiare l'uso di un sistema di trasferimento di denaro è diverso dal vietarlo, così come la sola supposizione di un uso fraudolento di PostePay è diverso dalla vera e propria truffa. Usi impropri in tal senso possono essere aplicati a qualsiasi mezzo di pagamento (incluso PayPal). A mio avviso il semplice monito che appare quando si acquista da un venditore che propone o ha proposto PostePay è ampiamente sufficiente: eBay fa da intermediaria alla transazione, ma non si fa garante della stessa, a meno che non si utilizzino metodi di pagamento e spedizione precisi (ed elencati nel contratto fra gli utenti). non vedo dunque perchè dovrebbe avere voce in capitolo nell'inibire certi canali di pagamento piuttosto che altri. Qual è il cut-off di sicurezza e chi lo decide? domani potrebbe succedere che nemmeno bonifici e vaglia siano più considerati affidabili...Concludo dicendo che se eBay ritiene poco sicuro PostePay, potrebbe semmai impedire che questa forma di pagamento sia l'unica proposta dai venditori (questo sì che potrebbe indurre a sospettare il tentativo di truffa...), indicando come obbligatorio accettare almeno una delle altre forme di pagamento considerate più "sicure".
        • Mechano scrive:
          Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
          - Scritto da: Anonimo
          Le carte di credito odierne hanno un codice di
          sicurezza di 3 cifre, posto sul retro della
          carta: ormai per concludere una transazione di
          ecommerce su internet con la carta di credito è
          indispensabile avere quelle 3 cifre.
          Senza contare che nessuno comunica la data di
          attivazione e scadenza della carta, altri dati
          indispensabili in un pagamento online

          Per cui la tesi che comunicare il proprio numero
          di carta di credito è rischioso è una gran bufala
          puntoRagazzo, sono tre cifre numeriche.Ti rendi conto di che cazzata hai scritto?Bastano 998 tentatitvi automatici per individuare il codice. Lo stesso per la scadenza, all'80% è sempre dicembre di un anno entro gli 8 successivi alla data odierna. E se non fosse dicembre ci sono solo 12 mesi in un anno per 8 anni attorno alla data odierna (dato che una cara di credito vale 8 anni). Il che fa 12x8 = 96 che sommati ai 998 precedenti fa solo 1094 tentativi per individuare le combinazioni per il pagamento.Basta una decina di righe di php per scrivere un motore che tenta 1094 pagamenti per un CD su Amazon o l'acquisto di una scatola di Enlarging Penis Pils, prima di trovare la combinazione da riusare per prosciugarti la carta di credito/debito o il conto corrente a cui fa capo quella carta.Te di informatica e di truffe online non hai capito proprio un emerito ca%%o!
          • Anonimo scrive:
            Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
            I 998 ed i 96 non vanno sommati ma moltiplicati, il che produce 95808 tentativi - non che faccia una grande differenza, comunque.
          • basanet scrive:
            Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
            Salve. Sono quello che ha pubblicato il testo di due post più su. Quello un po' lughetto, per intenderci...Mi sono loggato solo ora.Circa il CCVV, che sarebbe appunto il codice di verifica di cui si parla, confermo che si tratta di un semplice pin da tre numeri, il che è intrinsecamente insicuro. Ma lo è ancor di più il fatto che - come ho già detto, e parlo per esperienza personale - sono molte le società (siti internet o negozi on-line) che non lo chiedono neppure, questo CCVV! Basta conoscere nome e cognome dell'intestatario e numero della carta, "ipotizzare" il mese e l'anno di scadenza e ci si ritrova per le mani uno strumento di pagamento... di un altro!Questo è il rischio per il venditore.Quello per l'acquirente è un po' più ipotetico, dal momento che all'ufficio postale la richiesta di ricarica verso terzi deve essere presentata su apposito modulo, sul quale si indica anche il nome del beneficiario: la corrispondenza tra quest'ultimo e il numero della carta che si vuole ricaricare è verificata dallo sportellista. Circa il fatto che la ricarica non possa essere oggetto di disputa giudiziaria in caso di truffa, si può argomentare. E in ogni caso affermare ciò non esclude che metodi definiti "più sicuri" diano la garanzia di un rimborso all'acquirente. Provare per credere.
          • Severo64 scrive:
            Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
            - Scritto da: basanet
            Basta conoscere
            nome e cognome dell'intestatario e numero della
            carta, "ipotizzare" il mese e l'anno di scadenza
            e ci si ritrova per le mani uno strumento di
            pagamento... di un altro!Neanche il nome viene controllato ma solo il nr. e la data di scadenza.Provare per credere.CiaoSèvero
        • AnyFile scrive:
          Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
          - Scritto da: Anonimo
          Le carte di credito odierne hanno un codice di
          sicurezza di 3 cifre, posto sul retro della
          carta: ormai per concludere una transazione di
          ecommerce su internet con la carta di credito è
          indispensabile avere quelle 3 cifre.Questa delle tre cifre scritta sul retro (o sul davanti in alcune carte) e' a mio avviso una FALSA sicurezza.Serve alle banche e alle societa' di carta di credito a sostenere che se c'e' quel numero devi essere stato tu ad usarla. In altre parole e' usata a danno dell'utilizzatore.Pero' la cosa non e' affatto vero. Dal momento che il numero e' unico, chiunque riceva una transazione conosce qui numeri come tutti gli altri dati per impersonificarsi. Inoltre chiunque riesca a leggere la tua carta riesce a leggere anche quella.Capisco che non sono riportate sulle ricevute ... ma non e' che questo escluda i problemi.. anche perche' non e' mica necessario richiedere queste cifre aggiuntive. Chiunqe puo' dire di aver fatto una transazione con il metodo standard.
          Senza contare che nessuno comunica la data di
          attivazione e scadenza della carta, altri dati
          indispensabili in un pagamento online

          Per cui la tesi che comunicare il proprio numero
          di carta di credito è rischioso è una gran bufala
          punto

          ciao
          pieggi
        • Severo64 scrive:
          Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet

          Le carte di credito odierne hanno un codice di
          sicurezza di 3 cifre, posto sul retro della
          carta: ormai per concludere una transazione di
          ecommerce su internet con la carta di credito è
          indispensabile avere quelle 3 cifre.
          Senza contare che nessuno comunica la data di
          attivazione e scadenza della carta, altri dati
          indispensabili in un pagamento online

          Per cui la tesi che comunicare il proprio numero
          di carta di credito è rischioso è una gran bufala
          puntoForse non lo sai ma non tutti i GW OnLine lo chiedono.CiaoSèvero
    • Anonimo scrive:
      Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet

      Inoltre: non so' voi, ma qua a Milano quando
      ricarico una PostePay altrui mi chiedono un
      documento d'identita, quindi NON E' VERO che non
      e' sicuro.Il problema non è ricare una postepay con falsi documenti ma è utilizzare il numero della carta postepay associato a dat parzialmente sensibili per effettuare altri acquisti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet
      - Scritto da: Anonimo
      Buongiorno a tutti,

      Chiedere indietro i soldi? Provate voi a chiedere
      indietro i soldi ad un utente PayPal che vi ha
      truffato
      e che dopo averli ricevuti ha chiuso il conto
      PayPal (magari aperto proprio con una
      ricaricabile).Se lo fai viene bloccato il TUO conto .....

      Infine: PERCHE' E-BAY (proprietaria di PayPal)
      NON ACCETTA PAYPAL STESSA IN PAGAMENTO?Da quallo che c'e' scritto nell'articolo, la accetta
    • Anonimo scrive:
      Re: Spingono PayPal, ma poi non lo accet

      Sono scontento del punto a cui siamo arrivati,
      sto proponendo a diversi investitori nazionali di
      aprire una piattaforma "analoga" ad E-Bay,
      chiunque fosse interessato mi contatti.uao.(non so se ridere o piangere)
  • yenaplyskyn scrive:
    Pay..che pall....
    L'unico vero inconveniente della scelta di Ebay sono i costi per chi compera.Se fai un bonifico bancario ti costa dagli ?2,50 ai ?5,00.Se usi Paypall paghi il 4.5% del valore d'asta.Se usi Postepay ti costa ?1,00.Rispetto le scelte dell'azienda ma non le condivido per cui sebbene a malinquore abbandonerò il sito.Oppure mi accordo a parte con il venditore..... ;)
    • wishyou scrive:
      Re: Pay..che pall....
      - Scritto da: yenaplyskyn
      L'unico vero inconveniente della scelta di Ebay
      sono i costi per chi compera.
      Se fai un bonifico bancario ti costa dagli ?2,50
      ai ?5,00.Cambia banca: a me costano 60 centesimi per l'Italia e 2 EUR per l'estero in una banca, 1,50 EUR in un'altra (per l'estero sono molto più cari).
      Se usi Paypall paghi il 4.5% del valore d'asta.E dove sta scritto? L'acquirente con PayPal non paga niente. È il venditore che paga una commissione del 3,5%
      Se usi Postepay ti costa ?1,00.Manca il vaglia, 2,5 EUR.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pay..che pall....
      Malinquore con la q?
    • Anonimo scrive:
      Re: Pay..che pall....
      - Scritto da: yenaplyskyn
      L'unico vero inconveniente della scelta di Ebay
      sono i costi per chi compera.
      Se fai un bonifico bancario ti costa dagli €2,50
      ai €5,00.A me costa zero: con banca Fineco.
      Se usi Paypall paghi il 4.5% del valore d'asta.Ma dove? Se l'asta si chiude a 100, spese di spedizione comprese, io pago 100 con PayPal.
      Se usi Postepay ti costa €1,00.Oltre allo sbattimento, la coda alla posta e nessuna garanzia da parte di eBay.
      Rispetto le scelte dell'azienda ma non le
      condivido per cui sebbene a malinquore
      abbandonerò il sito.

      Oppure mi accordo a parte con il venditore.....
      ;)Che e' il modo migliore per esporsi alle truffe.Se il venditore e' onesto, ogni forma di pagamento va bene, ma, come dice Venditti, questo e' un mondo di ladri.
    • r3dl4nce scrive:
      Re: Pay..che pall....
      Io sono concorde con l'autore del topic, ho comprato una ventina di oggetti e venduto un oggetto su eBay.Come vendita, mi sono fatto ricaricare la postepay, per gli acquisti ho comprato spesso con ricarica postepay per acquisti di non alta entità, altre volte con paypal PURCHE' l'acquirente non facesse pagare il sovrapprezzo.Comunque, anche se non viene indicato, poi nel prezzo finale dell'asta o nelle spese di spedizione il venditore fa in modo di rientrarci per le spese di commissione PayPal.Comunque, semplicemente, basta una mail e un accordo privato col venditore, di certo per acquisti di 10-20 euro non vado a usare Paypal, figuriamoci...
  • Anonimo scrive:
    PER NOI OBESI E' MEGLIO COSI'
    Così non dobbiamo fare la fila alle poste.Sono 118 kg e non posso muovermi di casa, per quanto non ami il gruppo paypal/ebay, trovo questa loro scelta decisamente positiva per me.
    • Anonimo scrive:
      Re: PER NOI OBESI E' MEGLIO COSI'
      ma che dici, dov'è il problema?io ne peso 114 ma sono alto uno e 80, cammino, salgo e scendo le scale senza alcun problema, tra l'altro devo il mio peso a sosta forsata per una operazione alla schiena (prima ne pesavo 85).Forse il problema potrebbe esistere se pesi 118 Kg. e sei alto 1 metro, divenendo così più largo che lungo.
      • Anonimo scrive:
        Re: PER NOI OBESI E' MEGLIO COSI'
        - Scritto da: Anonimo
        ma che dici, dov'è il problema?
        io ne peso 114 ma sono alto uno e 80, cammino,
        salgo e scendo le scale senza alcun problema, tra
        l'altro devo il mio peso a sosta forsata per una
        operazione alla schiena (prima ne pesavo 85).

        Forse il problema potrebbe esistere se pesi 118
        Kg. e sei alto 1 metro, divenendo così più largo
        che lungo.Non credo tu ti possa considerare "obeso", la mia situazione è ben diversa dalla tua (e immagino tu sia anche più giovane).
    • Anonimo scrive:
      Re: PER NOI OBESI E' MEGLIO COSI'
      Ti hanno mai detto che si può fare la ricarica on-line?
      • Anonimo scrive:
        Re: PER NOI OBESI E' MEGLIO COSI'
        - Scritto da: Anonimo
        Ti hanno mai detto che si può fare la ricarica
        on-line?E' solo per i correntisti e non voglio collegare un conto a internet finchè non sarà più sicuro.
        • Anonimo scrive:
          Re: PER NOI OBESI E' MEGLIO COSI'
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Ti hanno mai detto che si può fare la ricarica

          on-line?

          E' solo per i correntisti e non voglio collegare
          un conto a internet finchè non sarà più sicuro.Non è vero.Io la utilizzavo sul sito delle poste anche quando non avevo il BancoPosta.Ora ho il BancoPosta, ma posso confrmare che è ancora così, perché un mio collega di lavoro si è fatto la PostePay un mese fa, e anche adesso continua ad utilizzarla online senza avere mai avuto il BancoPosta.Per poter usare la PostePay online bisogna richiedere all'ufficio postale di attivare il proprio account sul sito delle poste. Infatti non è una cosa automatica: se non si fa la richiesta, loro non attivano l'account.
  • Anonimo scrive:
    Il sito è loro..
    chi vuole usarlo, si adegui alle sue regole.DEMOCRAZIAnon è costringere ebay ad accettare postepayDEMOCRAZIAè libertà di aprire un nuovo sito di aste che accetti postepay e gli altri metodi...e non mi sembra che nessuno stia negando questo..
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sito è loro..
      - Scritto da: Anonimo


      chi vuole usarlo, si adegui alle sue regole.Non voglio piu' usarlo.
      DEMOCRAZIA
      non è costringere ebay ad accettare postepay
      DEMOCRAZIA
      è libertà di aprire un nuovo sito di aste che
      accetti postepay e gli altri metodi...Si chiama liberta' di impresa, non democrazia, democrazia e' una forma di governo, non e' sinonimo di "liberta' " ci sono anche democrazie con leggi molto illiberali.Comunque se vuoi dire che siamo tutti liberi, certo e' giusto, anche di criticare, a ragione o no, delle scelte che si riflettono sui noi clienti di ebay (d'ora innanzi EXbay) direttamente coinvolti in queste scelte.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sito è loro..

        Non voglio piu' usarlo.Bene, non usarlo più. Almeno ci sarà un venditore in meno che pretende di farsi ricaricare la PostePay.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sito è loro..
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo





        chi vuole usarlo, si adegui alle sue regole.

        Non voglio piu' usarlo.
        Non lo usare più.
    • Login scrive:
      Re: Il sito è loro..
      Il sito e' loro, ma i loro rispettabili clienti siamo noi che li arricchiamo usando ebay.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sito è loro..
      sono d'accordo, se proprio non vi piace questa mossa (alquanto interessata) di ebay, non usate più ebay.Scommetto che dopo esserci lamentati in lungo e in largo molti di noi staranno zitti e torneranno sul loro account ebay...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sito è loro..
      quoto
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sito è loro..
        vedi craiglist infatti, eBay ne possiede il 25% :s
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sito è loro..

        occhio che se prende piede un altro sito di aste
        online se lo
        comprano................................Guarda che per poter comprare, gli altri devono essere desiderosi di vendere!
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sito è loro..

        occhio che se prende piede un altro sito di aste
        online se lo
        comprano................................e si
        bravo hai ragione questa sì che è
        democrazia!!!!!!!!
        :@vendere non e' mai obbligatorio, sai ?E anche fosse ne fai un altro, si comprano anche quello ?Cacchio mi metto subito a fare siti pseudo ebay e divento ricco
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sito è loro..
      spiegami un po', cosa c'entra la democrazia con gli affari?è vero, il sito è loro (e ci fanno quello che vogliono). come è altrettanto vero che si può proprio fare a meno di eBay.pazienza
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sito è loro..
        - Scritto da: Anonimo
        spiegami un po', cosa c'entra la democrazia con
        gli affari?
        è vero, il sito è loro (e ci fanno quello che
        vogliono). come è altrettanto vero che si può
        proprio fare a meno di eBay.
        pazienzaBravo, allora invece di lamentarti usa il tuo potere di non dare soldi a eBay e vendi le tue carabattole da un'altra parte ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sito è loro..
      I negozi sono luoghi pubblici ed il proprietario del negozio non può fare ciò che vuole come per esempio rifiutare denaro contante o di non service il caffè ad un immigrato.Allo stesso modo Ebay è un luogo pubblico e come tale dovrà sottostare alle leggi del paese dove opera. Se la legge consente loro di non accettare PostePay sarà compito degli utenti fargli capire perchè sbagliano.La democrazia non c'entra nulla.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sito è loro..
        - Scritto da: Anonimo
        I negozi sono luoghi pubblici ed il proprietario
        del negozio non può fare ciò che vuole come per
        esempio rifiutare denaro contante o di non
        service il caffè ad un immigrato.

        Allo stesso modo Ebay è un luogo pubblico e come
        tale dovrà sottostare alle leggi del paese dove
        opera.
        Se la legge consente loro di non accettare
        PostePay sarà compito degli utenti fargli capire
        perchè sbagliano.

        La democrazia non c'entra nulla.Attenzione, per i metodo di incasso non è proprio così... come il negoziante può decidere di non accettare carte di credito o bancomat, potrebbe benissimo decidere di accettare solo carte di credito e non contante, che poi non sia chiaramente vantaggioso e nessuno lo faccia è un altro discorso, ma sarebbe benissimo fattibile.La democrazia c'entra eccome, mi meraviglio che molta gente non riesca ad accorgersene. Diritti, diritti e solo diritti... mai nessuno che si accorga anche dei diritti altrui...
        • Anonimo scrive:
          Re: Il sito è loro..
          - Scritto da: Anonimo
          Attenzione, per i metodo di incasso non è proprio
          così... come il negoziante può decidere di non
          accettare carte di credito o bancomat, potrebbe
          benissimo decidere di accettare solo carte di
          credito e non contanteEbay non è il negoziante della situazione. Basta con questi paragoni inutili
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sito è loro..
        vorrei vedere la tua reazione alla richiesta di un negoziante del mondo reale che ti chiede di pagare un prodotto, recandoti all?ufficio postale più vicino e ricaricando una carta prepagata?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sito è loro..
      Finalmente qualcuno che ha capito in pieno il succo della questione! Più chiaro di così non si può! Concordo con quello che dici.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il sito è loro..
      - Scritto da: Anonimo


      chi vuole usarlo, si adegui alle sue regole.
      Esiste qualcosa che sta sopra le regole di ebay: si chiama legge
      DEMOCRAZIA
      non è costringere ebay ad accettare postepay
      Ebay non accetta proprio nulla, dato che non è lei che vende o compra.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il sito è loro..
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo





        chi vuole usarlo, si adegui alle sue regole.



        Esiste qualcosa che sta sopra le regole di ebay:
        si chiama leggeA si, bene, mostrami la legge che obbliga ebay ad accettare nelle sue inserzioni l'utilizzo di postepay!!!!!Voglio proprio leggerla!!! ROTFL!!!


        DEMOCRAZIA

        non è costringere ebay ad accettare postepay



        Ebay non accetta proprio nulla, dato che non è
        lei che vende o compra.
        Però può benissimo decidere che le inserzioni sulla sua piattaforma rispettino determinati criteri, tra cui possano essere pubblicate solo se contengono determnati tipi di inserzione.
  • Anonimo scrive:
    Non chiaro: ricarica, o pagamento?
    Non mi è ben chiaro il problema sollevato. La risposta di PayPal dice che non è corretto né accettato pagare qualcuno ricaricando una _altrui_ carta (non la propria), e questo mi pare ragionevole. Ma il problema sollevato mi pare riguardi una cosa diversa, cioè il fatto di poter pagare con la _propria_ carta prepagata. O sbaglio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non chiaro: ricarica, o pagamento?
      Pagare con PostePay, cioè utilizzarla nel modo classico col quale si utilizzano tutte le altre carte di credito, è assolutamente consentito.PostePay resta ben accetta per il pagamento delle tariffe (associandola al proprio account eBay) o per il pagamento dei propri acquisti (associandola a PayPal).Tale utilizzo non implica la divulgazione dei dati della propria carta ad altri che non siano il sito eBay o il sito PayPal, entrambi certificati dagli organismi preposti quali rispondenti a precisi standard di sicurezza.È vietato l'utilizzo della RICARICA quale operazione di pagamento, in quanto implica che i dati della carta siano divulgati dal ricevente ad altri privati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non chiaro: ricarica, o pagamento?
        - Scritto da: Anonimo

        È vietato l'utilizzo della RICARICA quale
        operazione di pagamento, in quanto implica che i
        dati della carta siano divulgati dal ricevente ad
        altri privati.Non proprio.Tramite carte di credito (quindi anche le ricaricabili) è accettato anche il pagamento diretto (non tramite PayPal) ed anche con questo metodo devi comunicare i dati della carta di credito (anzi forse ne comunichi di più, perché potrebbe volerci anche CVV), quindi non è per questo motivo che la ricarica non è sicura.La ricarica non è sicura perché una volta pagato i soldi sono già stati trasferiti definitivamente e il venditore potrebbe sparire (con la carte di credito normali il pagamento effettivo avviene il mese dopo e quindi il compratore ha sempre il tempo di bloccarlo).
        • Anonimo scrive:
          Re: Non chiaro: ricarica, o pagamento?
          - Scritto da: Anonimo

          ... quindi non è per
          questo motivo che la ricarica non è sicura.Ovviamente intendevo "non è sicura secondo quanto vuole far intendere eBay"
          • Anonimo scrive:
            Re: Non chiaro: ricarica, o pagamento?


            con la carte di credito normali il pagamento effettivo avviene il mese dopo e quindi il compratore ha sempre il tempo di bloccarlo...dopo che ha ricevuto l'estratto conto, o comunque DOPO che l'operazione è stata addebitata (sennò tutt'al più blocchi preventivamente la carta perché ti è stata rubata, non UNA operazione).Comunque con le normali carte di credito puoi CONTESTARE un'operazione addebitata (chargeback), cosa che NON puoi fare con una prepagata.Il rischio che ho citato è UNO dei rischi (ed è quello cui fa riferimento VISA, non eBay, quando raccomanda di non farsi pagare tramite ricarica; quello che hai citato tu è L'ALTRO rischio, e convengo che sia quello che ha fatto più danni.
  • Anonimo scrive:
    Delucidazione su carte
    io uso una carta visa che funziona così:paghi (quanto vuoi ma facciamo un esempio) 200 euro e moneta, e loro ti danno una carta con solo quel credito e la carta si sa non si ricarica, è a termine.Dunque io con quella carta la uso per comprarmi qualsiasi cosa mi passi per la menta.La carta è esattamente: CARTA PREPAGATA NON RICARICABILE.Eccio io vorrei sapere: la mia vita cambia o me ne fotto?
  • Anonimo scrive:
    CARTA POSTEPAY IMPRESA
    è la nuova carta postepay delle poste italiane legata a un conto bancoposta;serve anche per pagare gli stipendi....http://www.poste.it/bancoposta/contobancopostaimpresaonline/postepay_impresa/index.shtmlma ebay continua a dire che le carte postepay non sono sicure,che sono anonime,blahblah.....e addirittura prova a vietarle sulla propia piattaforma..queste multinazionali hanno la faccia come il culo...poi si capisce il perchè della guerra in Iraq e dei mille altri soprusi che riescono a fare queste corporation quotidianamente nel mondo.... se possono mentire spudoratamente fino a questo punto per favorire il propio metodo di pagamento....ha!!!! dimenticavo..ovviamente è tutto per la vostra sicurezza,insomma per il vostro bene....speriamo che le poste italiane,l'antitrust o qualcun altro faccia sentire la propia voce...
    • AlphaC scrive:
      Re: CARTA POSTEPAY IMPRESA
      comincia a farti sentire tu non usando ebay, se aspetti che altri ti risolvano i problemi stai fresco
    • Anonimo scrive:
      Re: CARTA POSTEPAY IMPRESA
      - Scritto da: Anonimo
      è la nuova carta postepay delle poste italiane
      legata a un conto bancoposta;serve anche per
      pagare gli stipendi....

      http://www.poste.it/bancoposta/contobancopostaimpr

      ma ebay continua a dire che le carte postepay non
      sono sicure,che sono anonime,blahblah.....e
      addirittura prova a vietarle sulla propia
      piattaforma..Io penso che voi pretendiate sempre sempre sempre... io penso che a casa mia faccio come voglio..e se non voglio avere cause e dover rimborsare utenti fregati da venditori senza coscienza che RUBANO attraverso la ricarica postepay lo faccio. Se non ti sta bene gira e vai a comprare da un'altra parte.

      queste multinazionali hanno la faccia come il
      culo...poi si capisce il perchè della guerra in
      Iraq e dei mille altri soprusi che riescono a
      fare queste corporation quotidianamente nel
      mondo.... se possono mentire spudoratamente fino
      a questo punto per favorire il propio metodo di
      pagamento....
      Tutte parole dette quasi sicuramente da un venditore che preferisce far entrare qualche soldo + in tasca invece di pagare le commissioni.. ma stattente a casa.. magari fai anche la cresta sulle spedizioni!
      ha!!!! dimenticavo..ovviamente è tutto per la
      vostra sicurezza,insomma per il vostro bene....

      speriamo che le poste italiane,l'antitrust o
      qualcun altro faccia sentire la propia voce...
      Forse non avete pensato a criminale che facendo anonimamente una ricarica postepay possono riciclare miliardi di soldi sporchi...bello.. complimenti.. favoriamo anche la criminalità!!! e poi spendi tante parole sulla guerra in iraq... secondo me dovrebbe esserci meno libertà anche di parola...così persone come te non potrebbero parlare...
      • Anonimo scrive:
        Re: CARTA POSTEPAY IMPRESA
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        è la nuova carta postepay delle poste italiane

        legata a un conto bancoposta;serve anche per

        pagare gli stipendi....




        http://www.poste.it/bancoposta/contobancopostaimpr



        ma ebay continua a dire che le carte postepay
        non

        sono sicure,che sono anonime,blahblah.....e

        addirittura prova a vietarle sulla propia

        piattaforma..

        Io penso che voi pretendiate sempre sempre
        sempre... io penso che a casa mia faccio come
        voglio..e se non voglio avere cause e dover
        rimborsare utenti fregati da venditori senza
        coscienza che RUBANO attraverso la ricarica
        postepay lo faccio. Se non ti sta bene gira e vai
        a comprare da un'altra parte.




        queste multinazionali hanno la faccia come il

        culo...poi si capisce il perchè della guerra in

        Iraq e dei mille altri soprusi che riescono a

        fare queste corporation quotidianamente nel

        mondo.... se possono mentire spudoratamente fino

        a questo punto per favorire il propio metodo di

        pagamento....



        Tutte parole dette quasi sicuramente da un
        venditore che preferisce far entrare qualche
        soldo + in tasca invece di pagare le
        commissioni.. ma stattente a casa.. magari fai
        anche la cresta sulle spedizioni!


        ha!!!! dimenticavo..ovviamente è tutto per la

        vostra sicurezza,insomma per il vostro bene....



        speriamo che le poste italiane,l'antitrust o

        qualcun altro faccia sentire la propia voce...



        Forse non avete pensato a criminale che facendo
        anonimamente una ricarica postepay possono
        riciclare miliardi di soldi sporchi...bello..
        complimenti.. favoriamo anche la criminalità!!Ma perche' non lo scrivi alle poste questo?Saranno lieti di conoscere da te di questa cosa e porvi rimedio, sicuramente ne sono totalmente e candidamente all'oscuro.
        poi spendi tante parole sulla guerra in iraq...
        secondo me dovrebbe esserci meno libertà anche di
        parola...così persone come te non potrebbero
        parlare... Non parlare, senti da che pulpito.Lo dice chi- fa illazioni offensive:
        Tutte parole dette quasi sicuramente da un
        venditore che preferisce far entrare qualche
        soldo + in tasca invece di pagare le
        commissioni.. ma stattente a casa.. magari fai
        anche la cresta sulle spedizioni!- non comprende che noi siamo i clienti di ebay e noi lo facciamo vivere:
        Io penso che voi pretendiate sempre sempre
        sempre... - non comprende che anche il numero di conto corrente puo' essere usato per truffe (vedi quelle nigeriane):
        Forse non avete pensato a criminale che facendo
        anonimamente una ricarica postepay possono
        riciclare miliardi di soldi sporchi...bello..- parla di crimini ma auspica un atteggiamento di intolleraza e di illeggittimita':
        secondo me dovrebbe esserci meno libertà anche
        di parola..Vergognati.
        • Anonimo scrive:
          Re: CARTA POSTEPAY IMPRESA
          Magari vergognati tu.Tutto quel che hai quotato è sacrosanto.
          • Anonimo scrive:
            Re: CARTA POSTEPAY IMPRESA
            - Scritto da: Anonimo
            Magari vergognati tu.

            Tutto quel che hai quotato è sacrosanto.Si, lo e' se sei un troglodita.
    • Anonimo scrive:
      Re: CARTA POSTEPAY IMPRESA
      Il proprio datore di lavoro non è esattamente uno sconosciuto, mi pare.O conosci il tuo tramite un semplice nick e un 'nome titolare' che potrebbe essere fittizio?
  • Anonimo scrive:
    Cosa c'è da stupirsi?
    Ebay è una azienda che ha come unico scopo quello di guadagnare. Togliamoci dall testa che si tratti di un servizio "dovuto" e men che meno gratuito.Mi pare ovvio che loro tirino l'acqua al loro mulino, con l'abolizione delle transazioni via Postepay da cui non prendono alcuna commissione molti cominceranno a usare paypal da cui invece prendono salate commissioni!!Liberi di accettare o di trovare altre vie, non mi pare nemmeno il caso di protestare.
    • Anonimo scrive:
      [OT} Ma ci sono dipendenti ebay?
      Tutti i messaggi pro ebay sembrano fatti con lo stampo. E sono casualmente molto simili a quelli che si leggono nei forum di ebay e che sembrano postati proprio da dipendenti ebay per "stroncare" le lamentele. Sarà un caso o gatta ci cova? :o :o :o
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT} Ma ci sono dipendenti ebay?


        Tutti i messaggi pro ebay sembrano fatti con lo stampo. E sono casualmente molto simili a quelli che si leggono nei forum di ebay e che sembrano postati proprio da dipendenti ebay per "stroncare" le lamentele. Sarà un caso o gatta ci cova?Sono semplicemente postati da gente che ha un po' più di sale in zucca, magari con meno interessi 'inconfessabili' di quanti trovano la decisione di eliminare un ottimo strumento per impaccare il prossimo 'scandalosa' e 'illiberale'.
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT} Ma ci sono dipendenti ebay?
        - Scritto da: Anonimo
        Tutti i messaggi pro ebay sembrano fatti con lo
        stampo. E sono casualmente molto simili a quelli
        che si leggono nei forum di ebay e che sembrano
        postati proprio da dipendenti ebay per
        "stroncare" le lamentele. Sarà un caso o gatta ci
        cova? :o :o :o Alcuni dei messaggi a cui ti riferisci sono miei e non sono proprio un dipendente di ebay. Tra l'altro spesso è vietato dalle aziende permettere ai dipendenti di parlare (anche a favore) di esse, soprattutto per evitare conflitti di interesse.Ne parlo bene solo perchè utilizzo un po' il cervello prima di arrogarmi diritti e pretendere pretendere e basta...
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa c'è da stupirsi?
      - Scritto da: Anonimo
      Ebay è una azienda che ha come unico scopo quello
      di guadagnare. Anche il mio verduraio ha come scopo guadagnae, ma non mi rifila schifezze per questo, mi tratta bene. Se non mi tratta bene me ne vado.
      Togliamoci dall testa che si tratti di un
      servizio "dovuto" e men che meno gratuito.Hai letto di qualcuno che vuole il servizio gratis? No e allora?
      Mi pare ovvio che loro tirino l'acqua al loro
      mulino, con l'abolizione delle transazioni via
      Postepay da cui non prendono alcuna commissione
      molti cominceranno a usare paypal da cui invece
      prendono salate commissioni!!Appunto, se il verduraio e' ricco o non vuole piu' i clienti con certe pretese, alza i prezzi e serve solo i ricchi, io cambio negozio e siamo tutti felici.
      Liberi di accettare o di trovare altre vie, non
      mi pare nemmeno il caso di protestare.Non ti pare il caso se non ti interessa, anche a me non pare il caso di protestare per gli errori ortografici a pagina 5 di un giornale australiano.Il servizio cambia, si riflette sui suoi clienti, per cui ebay, che non e' una divinita', e' soggetta a critiche o lodi a seconda della bonta' della scelta. Banale, lo capisci anche tu.
  • Anonimo scrive:
    MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
    Non voglio "trollare".Voglio far capire a chi non è d'accordo con me che io, 118 chili (non posso muovermi di casa), lavoro online e vorrei anche COMPRARE online.E comprare online non deve significare dover andare alle poste a fare la fila; oltretutto ho un gran disprezzo per l'uomo e vedere quelle "macchinette" dei dipendenti postali e di quelli che fanno la coda mi rende improvvisamente depresso.Non vedo quale sia il vostro problema; è possibile collegare PostePay a PayPal senza bisogno di una vera carta.Ovviamente Ebay non ha fatto questa scelta pensando a me ma perchè dalle percentuali delle transazioni via PayPal prende un sacco di soldi (e sinceramente spero che Google Wallet li farà fallire), ma vi invito a riflettere su quanto sia positiva questa scelta.
    • Anonimo scrive:
      Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
      - Scritto da: Anonimo
      Voglio far capire a chi non è d'accordo con me
      che io, 118 chili (non posso muovermi di casa),
      lavoro online e vorrei anche COMPRARE online.Bene compra pure da casa, ma lascia libero il prossimo di fare cio' che desidera.
      E comprare online non deve significare dover
      andare alle poste a fare la fila; oltretutto ho
      un gran disprezzo per l'uomo e vedere quelle
      "macchinette" dei dipendenti postali e di quelli
      che fanno la coda mi rende improvvisamente
      depresso.Se per te va bene non usarla, non significa che la stessa situazione si applichi ad altri.
      Non vedo quale sia il vostro problema; è
      possibile collegare PostePay a PayPal senza
      bisogno di una vera carta.Non vedi il problema, quindi non vedi i costi diversi?
      ...vi invito a riflettere su quanto sia
      positiva questa scelta.Per chi? Viene meno un metodo di pagamento, quindi viene meno una comodita' in piu'. O, se la vogliamo vedere come te, viene meno una "scomodita' ", ma dai costi contenuti. In definitiva il servizio di ebay aggiunge una limitazione, per cui peggiora.
      • Anonimo scrive:
        Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
        (sono quello che ha iniziato il thread)Ma come, tu che usi così tanto Ebay non sei al corrente che alcuni venditori mettevano obbligatorio il pagamento via postepay?La limitazione è per le persone come me.Tu PostePayaro paghi di più con PayPal, non c'è dubbio, ma questo non comporta una limitazione diretta alla tua libertà.Tutti devono accettare ANCHE un pagamento PayPal.Questo è un mio punto fermo.Poi per quanto mi riguarda potrebbe anche esserci l'opzione PostePay, ma se io compro qualcosa su Ebay e voglio usare PayPal, nessun venditore può permettersi di dire "non l'accetto".
        • Anonimo scrive:
          Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
          - Scritto da: Anonimo
          (sono quello che ha iniziato il thread)

          Ma come, tu che usi così tanto Ebay non sei al
          corrente che alcuni venditori mettevano
          obbligatorio il pagamento via postepay?Ad ognuno le sue scelte. Oppure ad ognuno le TUE scelte?
          La limitazione è per le persone come me.Egocentrico.
          Tu PostePayaro paghi di più con PayPal, non c'è
          dubbio, ma questo non comporta una limitazione
          diretta alla tua libertà.Che dici.Senon posso usare un certo metodo di pagamento e' una limitazione alla mia liberta'.Limitazione inoltre che mi costa, costringendomi ad altre limitazioni.
          Tutti devono accettare ANCHE un pagamento PayPal.Se mi paghi tu le commissioni di PayPal, ok!
          Questo è un mio punto fermo.Appunto, il tuo. Non di tutti, rileggiamo insieme, il tuo non di tutti.
          Poi per quanto mi riguarda potrebbe anche esserci
          l'opzione PostePay, ma se io compro qualcosa su
          Ebay e voglio usare PayPal, nessun venditore può
          permettersi di dire "non l'accetto".Allora e' vero, ad ognuno le TUE scelte.:):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):):)Che arroganza.Tra l'altro credo che sia proprio a questo che punti ebay, tutti con paypal.
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
            (sono quello che ha iniziato il thread)La libertà ti resta perchè come ho detto puoi collegare la postepay a paypal.Libertà invece che non avrei io se tu ti arrogassi il diritto di vendere su Ebay esclusivamente via PostePay.Il fatto poi che io sia costretto in questa situazione giustamente non mi da il diritto di far valere solo la mia di ragione, ma credo che se internet permette di comprare qualcosa senza uscire di casa, è un passo avanti.Comprare qualcosa online per poi andarlo a pagare alle poste lo vedo molto "da italioti", e stai tranquillo che lo direi anche se non fossi paralizzato qua.
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
            - Scritto da: Anonimo
            (sono quello che ha iniziato il thread)

            La libertà ti resta perchè come ho detto puoi
            collegare la postepay a paypal.MI PAGHI TU LE COMMISSIONI SI O NO?
            Libertà invece che non avrei io se tu ti
            arrogassi il diritto di vendere su Ebay
            esclusivamente via PostePay.Guarda ti ripeto, le scelte degli altri non vertono su di te.
            Il fatto poi che io sia costretto in questa
            situazione giustamente non mi da il diritto di
            far valere solo la mia di ragione, ma credo che
            se internet permette di comprare qualcosa senza
            uscire di casa, è un passo avanti.Gia' accomodati, compra quello che vuoi, ma non devi fare a spese mie.
            Comprare qualcosa online per poi andarlo a pagare
            alle poste lo vedo molto "da italioti", e stai
            tranquillo che lo direi anche se non fossi
            paralizzato qua.E farsi spennare da paypal, invece e' una cosa furba.
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
            (sono quello che hai iniziato il thread)Preciserò.Come ho detto, la libertà ti resta perchè come ho detto puoi collegare la postepay a paypal.Le commissioni le paga il venditore, ma può sempre aumentare il prezzo.Farsi spennare da PayPal non è furbo ma è quello che tutto il mondo sta facendo.Perdere un'ora e uscire di casa per pagare qualcosa comprato online è invece da italioti.
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
            - Scritto da: Anonimo
            (sono quello che hai iniziato il thread)

            Preciserò.

            Come ho detto, la libertà ti resta perchè come ho
            detto puoi collegare la postepay a paypal.
            Le commissioni le paga il venditore, ma può
            sempre aumentare il prezzo.Allora il pezzo sale e l'oggetto divene meno appetibile e i clienti vanno altrove.
            Farsi spennare da PayPal non è furbo ma è quello
            che tutto il mondo sta facendo.Gran parte della popolazione del pianeta non lo usa e comunque non e' una scelta che dipende dai gusti della maggioranza, qobbiamo qui riproporre la battuta di Gino e Michele sulle mosche che mangiano la me**a?
            Perdere un'ora e uscire di casa per pagare
            qualcosa comprato online è invece da italioti.Per questo le poste ti permettono di fare le richariche on line, furbo.
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY

            Comprare qualcosa online per poi andarlo a pagare
            alle poste lo vedo molto "da italioti"Perche' da "italioti"? In tutti i paesi del mondo la gente va alle poste, si mette in fila e sbriga le proprie cose, non e' mica sinonimo di ottusita'.I servizi a domicilio non sono mica gratis.Inoltre si puo' anche gestire la carta postepay on line.Dal sito delle poste:"COME RICARICARE LA CARTA POSTEPAYNegli uffici postali (...)Presso gli sportelli automatici (ATM) Postamat - con una carta Postamat Maestro (...)Sul sito www.poste.it- addebitando l'importo sul Conto BancoPosta- trasferendo denaro da una carta postepay a un'altra.(...)Per diventare titolare di una carta postepay non serve avere un conto corrente. (...)Commissioni postepay standardRicarica presso gli uffici postali 1,00 euroRicarica da Internet 1,00 euroRicarica da ATM Postamat con Postepay, carta Postamat Maestro, Inps Card 1,00 euroRicarica da ATM Postamat con carte di pagamento abilitate ai circuiti internazionali Visa, Visa Electron, Mastercard, Maestro 3,00 euro(...)"
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY

            Perche' da "italioti"? In tutti i paesi del mondo
            la gente va alle poste, si mette in fila e sbriga
            le proprie cose, non e' mica sinonimo di
            ottusita'.
            I servizi a domicilio non sono mica gratis.

            Inoltre si puo' anche gestire la carta postepay
            on line.

            Dal sito delle poste:

            "COME RICARICARE LA CARTA POSTEPAY

            Negli uffici postali (...)
            Presso gli sportelli automatici (ATM) Postamat -
            con una carta Postamat Maestro (...)
            Sul sito www.poste.it
            - addebitando l'importo sul Conto BancoPosta
            - trasferendo denaro da una carta postepay a
            un'altra.
            (...)
            Per diventare titolare di una carta postepay non
            serve avere un conto corrente.
            (...)
            Commissioni postepay standard
            Ricarica presso gli uffici postali 1,00 euro
            Ricarica da Internet 1,00 euro
            Ricarica da ATM Postamat con Postepay, carta
            Postamat Maestro, Inps Card 1,00 euro
            Ricarica da ATM Postamat con carte di pagamento
            abilitate ai circuiti internazionali Visa, Visa
            Electron, Mastercard, Maestro 3,00 euro
            (...)"A) E' da italioti perchè solo in Italia una transazione su Ebay si risolve col dover fare la coda alle poste, ti assicuroB) Purtroppo non è possibile ricaricarla online se non si è correntisti
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
            - Scritto da: Anonimo

            Perche' da "italioti"? In tutti i paesi del
            mondo

            la gente va alle poste, si mette in fila e
            A) E' da italioti perchè solo in Italia una
            transazione su Ebay si risolve col dover fare la
            coda alle poste, ti assicuroSe non esci mai di casa, come le sai le cose che mi assicuri?Io ho viaggiato e vissuto in mezzo mondo e ho visto la gente pagare anche alle poste i beni acquistati online.Ma se vuoi disprezzare chi va alle poste, ad ognuno i suoi mulini a vento.
            B) Purtroppo non è possibile ricaricarla online
            se non si è correntistiQuindi milioni di correntisti NON devono fare la fila alle poste e non hanno la commissione di paypal. Per te a cui piacciono le norme dettate dai comportamenti della maggioranza non e' fantastico?
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY

            Se non esci mai di casa, come le sai le cose che
            mi assicuri?
            Io ho viaggiato e vissuto in mezzo mondo e ho
            visto la gente pagare anche alle poste i beni
            acquistati online.Le so perchè mentre tu esci e vai al bar o in banca (o alle poste) io sono su internet e, oltre a informarmi, comunico quotidianamente con persone di davvero tutto il mondo (amici e contatti lavorativi).Informati prima di sparare a zero, aggiungerei.
            Quindi milioni di correntisti NON devono fare la
            fila alle poste e non hanno la commissione di
            paypal. Per te a cui piacciono le norme dettate
            dai comportamenti della maggioranza non e'
            fantastico?
            Ma se c'è un modo semplice come paypal (collegata anche alla postepay) perchè mi devo fare un conto alle poste?Per farti pagare meno?
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
            - Scritto da: Anonimo

            Se non esci mai di casa, come le sai le cose che

            mi assicuri?

            Io ho viaggiato e vissuto in mezzo mondo e ho

            visto la gente pagare anche alle poste i beni

            acquistati online.

            Le so perchè mentre tu esci e vai al bar o in
            banca (o alle poste) io sono su internetSignori, abbiamo qui l'unico al mondo che usa internet.
            a informarmi, comunico quotidianamente con
            persone di davvero tutto il mondo (amici e
            contatti lavorativi).Signori, abbiamo qui l'unico al mondo che comunica quotidianamente con persone di tutto il mondo
            Informati prima di sparare a zero, aggiungerei.La persona che le "spara a zero" ti manda un caro saluto dal Giappone dove si trova ora e dove ANCHE QUI in questo paese moderno, la gente va ANCHE in posta a pagare gli acquisti on line, alla faccia tua, che conosci il mondo solo per quello che ti raccontano.

            Quindi milioni di correntisti NON devono fare la

            fila alle poste e non hanno la commissione di

            paypal. Per te a cui piacciono le norme dettate

            dai comportamenti della maggioranza non e'

            fantastico?
            Ma se c'è un modo semplice come paypal (collegata
            anche alla postepay) perchè mi devo fare un conto
            alle poste?

            Per farti pagare meno?No, non lo fare, continua ad acquistare a prezzo maggiore da chi usa paypal e si rivale sull'acquirente.
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
            Non farò mai un conto collegato ad internet finchè non ci sarà una maggiore sicurezza.Prepagata + PayPal è un'accoppiata OTTIMA.Di certo lede il tuo interesse, ma io compratore faccio volentieri a meno di spilorci come te.E - per favore - non tirare cazzate come quella che in Giappone si va alle poste per pagare oggetti comprati su Ebay (per curiosità.. in che città staresti?)
          • Anonimo scrive:
            Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
            - Scritto da: Anonimo
            Non farò mai un conto collegato ad internet
            finchè non ci sarà una maggiore sicurezza.

            Prepagata + PayPal è un'accoppiata OTTIMA.

            Di certo lede il tuo interesse, ma io compratore
            faccio volentieri a meno di spilorci come te.Contento tu di pagare di piu'...
            E - per favore - non tirare cazzate come quella
            che in Giappone si va alle poste per pagare
            oggetti comprati su Ebay Perche' che c'e' di strano? Gli uffici postali qui sono ovunque, c'e' nulla o poca fila, la burocrazia postale e' snella, per cui qui c'e' chi va fuori casa e si ferma un salto a fare il bollettino postale per pagare qualcosa ordinata on line. E' normalissimo, e si affianca ai tanti altri sistemi di pagamento, visto tra l'altro che ache s euno ha 10 carte di credito, costa poco.Quindi non e' una prerogativa prettamente italiana andare in posta per pagare acquisti fatti on line.A proposito, non c'e' ebay in Giappone.
            (per curiosità.. in che città staresti?).Osaka (ma se non mi credi, che te lo vuoi sapere a fare?)M
    • Anonimo scrive:
      Re: MENO MALE CHE TOLGONO LA POSTEPAY
      PROVARE A DIMAGRIRE ???- Scritto da: Anonimo
      Non voglio "trollare".

      Voglio far capire a chi non è d'accordo con me
      che io, 118 chili (non posso muovermi di casa),
      lavoro online e vorrei anche COMPRARE online.

      E comprare online non deve significare dover
      andare alle poste a fare la fila; oltretutto ho
      un gran disprezzo per l'uomo e vedere quelle
      "macchinette" dei dipendenti postali e di quelli
      che fanno la coda mi rende improvvisamente
      depresso.

      Non vedo quale sia il vostro problema; è
      possibile collegare PostePay a PayPal senza
      bisogno di una vera carta.

      Ovviamente Ebay non ha fatto questa scelta
      pensando a me ma perchè dalle percentuali delle
      transazioni via PayPal prende un sacco di soldi
      (e sinceramente spero che Google Wallet li farà
      fallire), ma vi invito a riflettere su quanto sia
      positiva questa scelta.
  • Anonimo scrive:
    linux e postepay
    posso installere linux nella memoria di una prepagata postepay??? dicono che e' sicuro..cosi non mi rubano i soldiah ah ah ah ah
  • Anonimo scrive:
    Spett. Marco Pancini...
    ...conosce questo sito? http://www.paypalsucks.com/...buona lettura.
  • Anonimo scrive:
    Affermazioni curiose
    Se non vi piace ebay non usatelo. E'evidente che essendo loro ad offrire il servizio hanno tutto il diritto di porre dei paletti. Il meccanismo della ricarica poi oltre a non fargli beccare nulla potrebbe esporli a cause legali in caso di frodi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Affermazioni curiose
      - Scritto da: Anonimo
      Se non vi piace ebay non usatelo.Esattamente quello che sto facendo: non lo uso più.Non vorrei, però, che il fatto di non pagare le commissioni Paypal facesse contestualmente venire meno il mio diritto di critica...
      • Anonimo scrive:
        Re: Affermazioni curiose
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Se non vi piace ebay non usatelo.

        Esattamente quello che sto facendo: non lo uso
        più.

        Non vorrei, però, che il fatto di non pagare le
        commissioni Paypal facesse contestualmente venire
        meno il mio diritto di critica...Se non vuoi usare paypal puoi usare tranquillamente la postpay come carta di credito... Criticare ebay perchè non permette di usare modalità di pagamento inaccettabili per un'attività commerciali non ha senso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Affermazioni curiose
          Ps Per i privati puoi sempre usare un vaglia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Affermazioni curiose
            - Scritto da: Anonimo
            Ps Per i privati puoi sempre usare un vaglia.Esoso
        • Anonimo scrive:
          Re: Affermazioni curiose
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Se non vi piace ebay non usatelo.



          Esattamente quello che sto facendo: non lo uso

          più.



          Non vorrei, però, che il fatto di non pagare le

          commissioni Paypal facesse contestualmente
          venire

          meno il mio diritto di critica...

          Criticare ebay perchè non permette di
          usare modalità di pagamento inaccettabili per
          un'attività commerciali non ha senso.Ha senso criticare ebay perche' non permette di usare modalità di pagamento a discrezione e rischio dei contraenti. Ovviamente e' una scelta legittima di ebay, ma non vuol dire corretta.Addio ebay!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Affermazioni curiose
      - Scritto da: Anonimo
      Se non vi piace ebay non usatelo. E'evidente che
      essendo loro ad offrire il servizio hanno tutto
      il diritto di porre dei paletti.Guarda che sbagli: in questo forum semplicemente diamo dei consigli ad ebay.
      • Anonimo scrive:
        Re: Affermazioni curiose
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Se non vi piace ebay non usatelo. E'evidente che

        essendo loro ad offrire il servizio hanno tutto

        il diritto di porre dei paletti.

        Guarda che sbagli: in questo forum semplicemente
        diamo dei consigli ad ebay.
        Sarà ma secondo me si confonde un forum amatoriale con un'attività commerciale.Ebay non nasce come attività no-profit amatoriale.
  • Anonimo scrive:
    Paypal
    "Adesso vogliono pure la percentuale di PayPal!"Scusa ma non sei costretto ad utilizzarlo, ci sono tanti altri sistemi tra cui il bonifico (se ce l'hai on-line ti costa pochissimo, almeno io lo pago 1 euro), il vaglia, gli assegni, ecc...Comunque paypal è ottimo, molto meglio di postepay, non c'è scambio di dati personali o sensibili, quali il numero della carta, tra le parti e quindi il rischio di frode è bassissimo, in più si è tutelati...
    • Anonimo scrive:
      Fai il piacere
      le truffe a carico dei venditori su paypacco ormai non le conta più nessuno!Material "non conforme" rispedito...pacco vuoto o con pezzo non tuo e soldi all'acquirente!Materiale spedito, un pacco non assicurato per volontà dell'acquirente si perde...soldi indietro!Oggetto mandato intero, rotto dall'acquirente...restituito e soldi all'acquirente!Per piacere evita di scrivere baggianate propagandistiche quando non sai le cose.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fai il piacere
        Sei simpaticissimo... cmq io parlo da aquirente serio e corretto chiaramente, chiaramente ci sono anche gli scorretti e il sistema dei feedback serve anche a questo. Effettivamente paypal protegge molto più l'acquirente che il venditore. Io non voglio usare postepay, tu non vuoi usare paypal, va bene, usiamo bonifico, vaglia, assegno o altro e stiam lo stesso tranquilli.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fai il piacere

        Per piacere evita di scrivere baggianate
        propagandistiche quando non sai le cose.E' vero... postepay come strumento di incasso non mi piace per niente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Fai il piacere
          - Scritto da: Anonimo

          Per piacere evita di scrivere baggianate

          propagandistiche quando non sai le cose.

          E' vero... postepay come strumento di incasso non
          mi piace per niente.Il problema è che *nessuno* nega che farsi ricaricare una postepay sia rischioso, ed invece c'è un tentativo di negare che esistono diversi modi per fare raggiri con paypal. In particolare raggirare il venditore.
  • Anonimo scrive:
    Ebay è nel giusto
    Uso da anni ebay, e sinceramente sono "dalla sua parte".Primo: ebay è un'azienda e offre un servizio di inserzioni a pagamento, è chiaro che le faccia pagare e che offra servizi accessori (quali il grassetto, l'evidenziatore, ecc...) a pagamento. Ci mancherebbe che non potesse farlo.Secondo: perchè non potrebbe scegliere gli strumenti di pagamento? Torniamo al punto di prima, ebay può decidere senza problemi cosa accettare o meno, l'utente può decidere di non utilizzare più il suo servizio se non è d'accordo con le scelte del fornitore di servizi.Terzo: postepay è una carta di debito, non un servizio per incassare denaro da terzi. Oltre al fatto che potrebbe anche essere ritenuto illegale, il suo utilizzo come strumento di ricezione denaro, non è coperto da nessuna assicurazione e non è tutelato da alcuna legge, al contrario delle carte di credito.Quarto: mi ha sempre dato fastidio dover pagare qualche asta con ricarica postepay per ovvii motivi, se quella carta viene frodata da qualcuno i primi ad essere eventualmente indagati sono tutti quelli che erano a conscenza del suo numero, quindi tutti quelli che l'hanno ricaricata almeno una volta, in più in questo modo non partecipo a nessun programma di protezione dalle frodi quindi se pago per un oggetto che non mi arriva non ho molti strumenti a mia disposizione per cercare di risolvere la situazione.Detto tutto questo spero che il sistema postepay venga abbandonato sia perchè poco sicuro, sia perchè uno strumento molto poco adatto ad essere utilizzato come sistema di incasso.Chiudo con questa affermazione:Dareste in giro il vostro numero di carta di credito??? NO!!! E allora perchè date ai quattro venti quello della postepay???Saluti, GG
    • Anonimo scrive:
      Re: Ebay è nel giusto
      - Scritto da: Anonimo
      Uso da anni ebay,anch'io, dal 1999 per la precisione
      Primo: ebay è un'azienda e offre un servizio di
      inserzioni a pagamento, è chiaro che le faccia
      pagare e che offra servizi accessori (quali il
      grassetto, l'evidenziatore, ecc...) a pagamento.
      Ci mancherebbe che non potesse farlo.D'accordo
      Secondo: perchè non potrebbe scegliere gli
      strumenti di pagamento? Torniamo al punto di
      prima, ebay può decidere senza problemi cosa
      accettare o meno, l'utente può decidere di non
      utilizzare più il suo servizio se non è d'accordo
      con le scelte del fornitore di servizi.Il pagamento non dece "accettarlo" eBay per il semplice motivo che eBay né lo fa, né lo riceve.
      Terzo: postepay è una carta di debito, non un
      servizio per incassare denaro da terzi. Oltre al
      fatto che potrebbe anche essere ritenuto
      illegale, il suo utilizzo come strumento di
      ricezione denaro, non è coperto da nessuna
      assicurazione e non è tutelato da alcuna legge,
      al contrario delle carte di credito.Sì, però è molto comodo.Per quanto mi riguarda, per le (non elevate) somme che concernono le mie aste, in una scala di valori do la precedenza alla comodità rispetto alla (eventuale) disciplina/tutela che tu prospetti.Scelta mia, me ne assumo le conseguenze.Scelta della mia controparte, che fa altrettanto.Tu non sarai d'accordo con me: sei liberissimo di scegliere - nelle mie aste - un'altre forma di pagamento fra le 4-5 che accetto.
      Quarto: mi ha sempre dato fastidio dover pagare
      qualche asta con ricarica postepay per ovvii
      motivi, se quella carta viene frodata da qualcuno
      i primi ad essere eventualmente indagati sono
      tutti quelli che erano a conscenza del suo
      numero, quindi tutti quelli che l'hanno
      ricaricata almeno una volta, in più in questo
      modo non partecipo a nessun programma di
      protezione dalle frodi quindi se pago per un
      oggetto che non mi arriva non ho molti strumenti
      a mia disposizione per cercare di risolvere la
      situazione.Benissimo. Ti scegli un venditore a te più congeniale, che la pensi come te. E' così bizzarra l'idea?
      Chiudo con questa affermazione:
      Dareste in giro il vostro numero di carta di
      credito??? NO!!! E allora perchè date ai quattro
      venti quello della postepay???Perché è una carta di debito 8) L'hai detto tu stesso poche righe sopra.Basta "svuotarla" cum grano salis, e lo spettro della frode informatica svanisce... insieme ai maincati introiti di PayPal/eBay ;)
      Saluti, GG
    • ele1320 scrive:
      Re: Ebay è nel giusto
      in effetti postepay non è sicuro, però costa 1 euro contro i 3 e 75 del bonifico bancario, per piccoli acquisti ( si 20- 30 euro) potrebbero lasciarlo!CIAOelena
      • drizzt84 scrive:
        Re: Ebay è nel giusto
        - Scritto da: ele1320
        in effetti postepay non è sicuro, però costa 1
        euro contro i 3 e 75 del bonifico bancario, per
        piccoli acquisti ( si 20- 30 euro) potrebbero
        lasciarlo!cambia banca, io pago 1 euro a fare il bonifico e non devo manco muovermi da casa.Non immagini neanche a quante aste non ho partecipato perché accettavano solo postepay, sono contento che finalmente ebay ha deciso... doveva muoversi prima
        • rogledi scrive:
          Re: Ebay è nel giusto
          cambiate banca, io ho tutti i movimenti che voglio gratuiti (incluse ovviamente anche operazioni di bonifico bancario)con iwbankinoltre posso segnalare una carta che non costa proprio nulla??iwsmile come concetto molto simile a postepaysaluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Ebay è nel giusto
      - Scritto da: Anonimo
      Uso da anni ebay, e sinceramente sono "dalla sua
      parte".
      Primo: ebay è un'azienda e offre un servizio di
      inserzioni a pagamento, è chiaro che le faccia
      pagare e che offra servizi accessori (quali il
      grassetto, l'evidenziatore, ecc...) a pagamento.
      Ci mancherebbe che non potesse farlo.Non sei il solo e io non sono dalla sua parte. Riguardo le sue tariffe, chiaramente può sceglierle da se.
      Secondo: perchè non potrebbe scegliere gli
      strumenti di pagamento? Torniamo al punto di
      prima, ebay può decidere senza problemi cosa
      accettare o meno, l'utente può decidere di non
      utilizzare più il suo servizio se non è d'accordo
      con le scelte del fornitore di servizi.Perchè non è una società di intermediazione finanziaria nè un banditore. Non interferisce tra le parti per suo stesso contratto di accettazione. Se non rispetta questa regola deve risponderne legalmente. Che vuole fare ebay? O si prende responsabilità (tutte) o si svincola e sta zitta.
      Terzo: postepay è una carta di debito, non un
      servizio per incassare denaro da terzi. Oltre al
      fatto che potrebbe anche essere ritenuto
      illegale, il suo utilizzo come strumento di
      ricezione denaro, non è coperto da nessuna
      assicurazione e non è tutelato da alcuna legge,
      al contrario delle carte di credito.Questo lo stai dicendo tu. Allo stato attuale non vi è dichiarazione ufficiale di poste italiane che lo smentisca.Se è illegale a tuo parere posta i riferimenti di legge in merito, diversamente tacere prego.Le assicurazioni ci sono e non ci sono a seconda del contratto che firmi, se firmo qualcosa che non mi aggrada è un conto. Se mi sta bene è un'altro. A me sta bene ad altri pure. Non può decidere ebay per le ragioni al punto 2.
      Quarto: mi ha sempre dato fastidio dover pagare
      qualche asta con ricarica postepay per ovvii
      motivi, se quella carta viene frodata da qualcuno
      i primi ad essere eventualmente indagati sono
      tutti quelli che erano a conscenza del suo
      numero, quindi tutti quelli che l'hanno
      ricaricata almeno una volta, in più in questo
      modo non partecipo a nessun programma di
      protezione dalle frodi quindi se pago per un
      oggetto che non mi arriva non ho molti strumenti
      a mia disposizione per cercare di risolvere la
      situazione.Perfetto nessuno ti deve obbligare a usare postepay. Scegli un venditore che ti offra tanti sistemi e che sia affidabile, problemi non ne avrai mai. La protezione frode te la da solo il buon venditore che sta li da anni e da garanzia. Perchè questi venditori sono considerati alla stregua dei ladri? Ma non avrai mai risposte.
      Detto tutto questo spero che il sistema postepay
      venga abbandonato sia perchè poco sicuro, sia
      perchè uno strumento molto poco adatto ad essere
      utilizzato come sistema di incasso.
      Chiudo con questa affermazione:
      Dareste in giro il vostro numero di carta di
      credito??? NO!!! E allora perchè date ai quattro
      venti quello della postepay???

      Saluti, GGChe sia inadatto è un TUO PARERE che non trova riscontro in anni di attività NON TUA. Forse PER TE non è un buon strumento. Perfetto non lo usare e non rompere a chi lo usa.La carta la si svuota e si attaccano al tram. Sicuramente anche si fregassero 300? si risparmierebbe il triplo che in un mese di paypacco.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ebay è nel giusto
        Io "NON ROMPO" a chi lo usa, erano semplici considerazioni, se poi vui scadere nel flame fai pure...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ebay è nel giusto


        Allo stato attuale non vi è dichiarazione ufficiale di poste italiane che lo smentisca.Allo stato attuale, non si contano i comunicati di PosteItaliane nei quali si rammenta che PospePay è uno strumento per Pagare e non per Farsi Pagare.La possibilità che ad effettuare la ricarica ('ricarica', non 'pagamento') sia 'persona diversa dal titolare', sottintende che tale persona non sia 'sconosciuta' (ad esempio genitore, coniuge, fidanzato/a, datore di lavoro nel caso della PP Impresa).Fornire i dati di una carta di credito a 'sconosciuti' va contro le regole tacite ed elementari del buon senso.
      • AnyFile scrive:
        Re: Ebay è nel giusto
        - Scritto da: Anonimo
        Perchè non è una società di intermediazione
        finanziaria nè un banditore. Non interferisce traTroppo comodo ... e allora cosa e'?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ebay è nel giusto
      - Scritto da: Anonimo
      Uso da anni ebay, e sinceramente sono "dalla sua
      parte".
      Primo: ebay è un'azienda e offre un servizio di
      inserzioni a pagamento, è chiaro che le faccia
      pagare e che offra servizi accessori (quali il
      grassetto, l'evidenziatore, ecc...) a pagamento.
      Ci mancherebbe che non potesse farlo.
      Secondo: perchè non potrebbe scegliere gli
      strumenti di pagamento? Torniamo al punto di
      prima, ebay può decidere senza problemi cosa
      accettare o meno, l'utente può decidere di non
      utilizzare più il suo servizio se non è d'accordo
      con le scelte del fornitore di servizi.
      Terzo: postepay è una carta di debito, non un
      servizio per incassare denaro da terzi. Oltre al
      fatto che potrebbe anche essere ritenuto
      illegale, il suo utilizzo come strumento di
      ricezione denaro, non è coperto da nessuna
      assicurazione e non è tutelato da alcuna legge,
      al contrario delle carte di credito.
      Quarto: mi ha sempre dato fastidio dover pagare
      qualche asta con ricarica postepay per ovvii
      motivi, se quella carta viene frodata da qualcuno
      i primi ad essere eventualmente indagati sono
      tutti quelli che erano a conscenza del suo
      numero, quindi tutti quelli che l'hanno
      ricaricata almeno una volta, in più in questo
      modo non partecipo a nessun programma di
      protezione dalle frodi quindi se pago per un
      oggetto che non mi arriva non ho molti strumenti
      a mia disposizione per cercare di risolvere la
      situazione.

      Detto tutto questo spero che il sistema postepay
      venga abbandonato sia perchè poco sicuro, sia
      perchè uno strumento molto poco adatto ad essere
      utilizzato come sistema di incasso.
      Chiudo con questa affermazione:
      Dareste in giro il vostro numero di carta di
      credito??? NO!!! E allora perchè date ai quattro
      venti quello della postepay???

      Saluti, GGDal regolamento ebay:"EBAY è una società di servizi che mette a disposizione uno spazio virtuale di incontro in cui gli utenti possono scambiarsi beni con il metodo delle aste online, ebay non prende parte in nessuna misura nelle transazioni tra gli utenti"....e siccome lo dicono proprio loro che non prendono parte nelle transazioni,è un mio diritto farmi pagare come voglio l'oggetto venduto su potepay,gettoni d'oro, in natura ecc ecc ecc
      • Anonimo scrive:
        Re: Ebay è nel giusto
        No, utilizzi sempre un loro servizio, se non volgiono che sulla loro piattaforma si usi un determinato metodo è un loro diritto vietarlo e non è un tuo diritto poterlo utilizzare. E' questo il punto della situazione. Loro non interferiscono nel pagamento e non itermediano (paypal è una società a parte, almeno in teoria), però per loro motivi (in questo caso la sicurezza) possono decidere di non accettare certi tipi di sistemi di transazione per il denaro.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ebay è nel giusto
          - Scritto da: Anonimo
          No, utilizzi sempre un loro servizio, se non
          volgiono che sulla loro piattaforma si usi un
          determinato metodo è un loro diritto vietarlo e
          non è un tuo diritto poterlo utilizzare. E'
          questo il punto della situazione. Loro non
          interferiscono nel pagamento e non itermediano
          (paypal è una società a parte, almeno in teoria),
          però per loro motivi (in questo caso la
          sicurezza) possono decidere di non accettare
          certi tipi di sistemi di transazione per il
          denaro.cmq questa storia di far fuori la postepay solo per motivi di sicurezza ragazzi mi fa morire dalle risate veramente!! ....il bello che sono proprio loro che dicono di stampare l'email a fine acquisto e spedire i soldi in contanti al venditore per pagare l'oggetto....alla faccia della sicurezza!! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Ebay è nel giusto
            guardi che lei forse ha capito male: quando noi parliamo di sicurezza intendiamo sempre "la nostra sicurezza nel tosare completamente i pecoroni"...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ebay è nel giusto


            il bello che sono proprio loro che dicono di stampare l'email a fine acquisto e spedire i soldi in contanti al venditore per pagare l'oggetto...Ma quando mai?"Se decidi di inviare il PAGAMENTO tramite posta..." ti invitano a stampare la mail di fine acquisto come promemoria ed allegarla. Mai sentito parlare di 'assegni bancari'?Che parlino di 'contanti' è solo frutto della tua immaginazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ebay è nel giusto
      - Scritto da: Anonimo
      Uso da anni ebay, e sinceramente sono "dalla sua
      parte".
      Primo: ebay è un'azienda e offre un servizio di
      inserzioni a pagamento, è chiaro che le faccia
      pagare e che offra servizi accessori (quali il
      grassetto, l'evidenziatore, ecc...) a pagamento.
      Ci mancherebbe che non potesse farlo.Infatti nessuno diche che non possano. Le lamentele sono per i costi e perche' viene meno una opzione che molti considerano importante, non perche' non ne abbiano il diritto.
      Secondo: perchè non potrebbe scegliere gli
      strumenti di pagamento?Certo che puo'. Ma se ai clienti non garbano le sue scelte, e' legittimo protestare?
      l'utente può decidere di non
      utilizzare più il suo servizio se non è d'accordoAppunto, per cui su ebay hanno perso un cliente.
      con le scelte del fornitore di servizi.
      Terzo: postepay è una carta di debitoChi la usa ha firmato tutte le condizioni di contratto per cui e' sua reponsabilita' usarla.
      Quarto: mi ha sempre dato fastidio dover pagare
      qualche asta con ricarica postepayProblema tuo, le tue preferenze personali non contano un fico.
      Detto tutto questo spero che il sistema postepay
      venga abbandonato sia perchè poco sicuro, sia
      perchè uno strumento molto poco adatto ad essere
      utilizzato come sistema di incasso.Dici che tutti sono liberi di fare, bene, allora tu non usare Postepay. Se siamo davvero tutti cosi' liberi allroa lascia al prossimo le sue scelte. Ben inteso, sempre che tu non voglia spingere il prossimo a fare scelte diverse (paypal).
      Chiudo con questa affermazione:
      Dareste in giro il vostro numero di carta di
      credito??? NO!!! E allora perchè date ai quattro
      venti quello della postepay???Ognuno si assume i rischi che crede, non trovi? O ti piacerebbe che sia io a dirti cosa fare?No, eh?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ebay è nel giusto
        piccola provocazione a quelli che difendono l'accoppiata ebay/paypal: che voi sappiate è possibile pagare le commissioni di eBay a fine mese tramite i soldi depositati sul conto PayPal? che io sappia no... e questo è molto bizzarro..
      • Anonimo scrive:
        Re: Ebay è nel giusto


        Ognuno si assume i rischi che crede, non trovi? O ti piacerebbe che sia io a dirti cosa fare?Prova a spiegarlo ai Vigili quando ti fermano perché sei senza cintura o perché stai correndo a 180km/h...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ebay è nel giusto

        Appunto, per cui su ebay hanno perso un cliente.Secondo me alla fine non hanno perso molti utenti, chi utilizza ebay continuerà a dutilizzarlo al 99% e in più arriveranno nuovi utenti. Con il ritmo di crescita che ha la piattaforma ebay non si accorgeranno nemmeno dei 1000/10000 (esagerando) italiani che decideranno di non usarlo più perchè vieta postepay.
        Dici che tutti sono liberi di fare, bene, allora
        tu non usare Postepay. Se siamo davvero tutti
        cosi' liberi allroa lascia al prossimo le sue
        scelte. Ben inteso, sempre che tu non voglia
        spingere il prossimo a fare scelte diverse
        (paypal).Un momento... vuoi utilizzare il mio servizio e allora fai come dico io, altrimenti liberissimo di andartene, questa è la libertà che tanto agogni, non l'obbligare un fornitore di servizi a permettere l'utilizzo di strumenti che decidi tu!!!
        Ognuno si assume i rischi che crede, non trovi? O
        ti piacerebbe che sia io a dirti cosa fare?
        No, eh?No, ma le regole ci sono sempre state. Le multe a cosa servono se non a sanzionarmi per un qualcosa che mi hai detto di non fare (vedi l'esempio dei 180Km/h)...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ebay è nel giusto
      - Scritto da: Anonimo
      Uso da anni ebay, e sinceramente sono "dalla sua
      parte".Beh si vede che sei un venditore e non un compratore!Il codice di post pay lo posso dare a tutti tanto piu di quello che cìè non rischio!!!Tu invece dammi il tuo numero di carta di credito va..... e succede come uno nella mia citta che gli arrivati 30 pacchi non ordinati e ha dovuto pagarli.Anche chi compra vuole delle garanzie che postPay da gli altri no!!! Neppure PayPall
      • Anonimo scrive:
        Re: Ebay è nel giusto
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Uso da anni ebay, e sinceramente sono "dalla sua

        parte".


        Beh si vede che sei un venditore e non un
        compratore!

        Il codice di post pay lo posso dare a tutti tanto
        piu di quello che cìè non rischio!!!

        Tu invece dammi il tuo numero di carta di credito
        va..... e succede come uno nella mia citta che
        gli arrivati 30 pacchi non ordinati e ha dovuto
        pagarli.

        Anche chi compra vuole delle garanzie che postPay
        da gli altri no!!! Neppure PayPallScusa ma mi sa che non hai capito quasi nulla della questione!!! Tra l'altro io sono praticamente solo un compratore. Mai usato e mai userò postepay per ricevere pagamenti. Nessuno vieta di usarla come carta per pagare, il problema nasce nell'usarla come carta per incassare!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ebay è nel giusto
      - Scritto da: Anonimo
      Uso da anni ebay, e sinceramente sono "dalla sua
      parte".Si vede sei un venditore (che incassa)PostPay da garanzia a chi compra!!!

      Detto tutto questo spero che il sistema postepay
      venga abbandonato sia perchè poco sicuro, sia
      perchè uno strumento molto poco adatto ad essere
      utilizzato come sistema di incasso.
      Chiudo con questa affermazione:
      Dareste in giro il vostro numero di carta di
      credito??? NO!!! E allora perchè date ai quattro
      venti quello della postepay???Io lo posso dare perchè ho postepay con sopra 5 euroTu con qualsiasi carta non lo puoi fare altrimenti ti ritroveresti con acquisti non voluti o con uno scoperto da pagare!!
  • Anonimo scrive:
    consigliano?
    "eBay, invece, consiglia l'utilizzo di sistemi di pagamento che offrono la possibilità alle parti di tutelare i propri diritti, come il bonifico bancario, il vaglia postale, i gateway di pagamento e, certamente, PayPal."Se consigli, non obblighi, mi sembra palese, poiché nel consiglio è implicita la possibilità di un'alternativa. Ebay OBBLIGA. Si evince quindi che la risposta di ebay non ha proprio centrato il punto della discussione, che è "consigliate pure, basta che lasciate la possibilità all'utente di scegliere".
    • carobeppe scrive:
      Re: consigliano?
      E poi visto che il venditore spende già una fortuna di commissioni sulla vendita dovrebbero far pagare meno paypal che invece è un ladrocinio! Alla fine il gruppo ebay si ciuccia un bel 10% degli incassi!- Scritto da: Anonimo
      "eBay, invece, consiglia l'utilizzo di sistemi di
      pagamento che offrono la possibilità alle parti
      di tutelare i propri diritti, come il bonifico
      bancario, il vaglia postale, i gateway di
      pagamento e, certamente, PayPal."

      Se consigli, non obblighi, mi sembra palese,
      poiché nel consiglio è implicita la possibilità
      di un'alternativa.
      Ebay OBBLIGA.

      Si evince quindi che la risposta di ebay non ha
      proprio centrato il punto della discussione, che
      è "consigliate pure, basta che lasciate la
      possibilità all'utente di scegliere".
    • MaurizioB scrive:
      Re: consigliano?
      - Scritto da: Anonimo
      Se consigli, non obblighi, mi sembra palese,
      poiché nel consiglio è implicita la possibilità
      di un'alternativa.
      Ebay OBBLIGA.

      Si evince quindi che la risposta di ebay non ha
      proprio centrato il punto della discussione, che
      è "consigliate pure, basta che lasciate la
      possibilità all'utente di scegliere".Ma infatti la finezza è: loro "consigliano". Tu fai quel che vuoi, poi se ti beccano che usi la PP... Ops, ti abbiam chiuso l'account...Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: consigliano?
        - Scritto da: MaurizioB

        Ma infatti la finezza è: loro "consigliano". Tu
        fai quel che vuoi, poi se ti beccano che usi la
        PP... Ops, ti abbiam chiuso l'account...
        Beh, ma se questa fosse la risposta di ebay mi cascherebbero le braccia :s :s Come dire: la legge in realtà è un consiglio. Tu uccidi pure chi vuoi, se poi ti beccano... :D :D :D
        • Anonimo scrive:
          Re: consigliano?
          L'hanno già detto che chiuderanno tutte le aste con postepay che gli vengono segnalate... chiudere gli account forse lo faranno solo coi recidivi...
          • Anonimo scrive:
            Re: consigliano?
            - Scritto da: Anonimo
            L'hanno già detto che chiuderanno tutte le aste
            con postepay che gli vengono segnalate...
            chiudere gli account forse lo faranno solo coi
            recidivi...
            Beh, rimane il fatto che è obbligatorio, e non consigliato, utilizzare metodi di pagamenti alternativi a postepay.
          • Anonimo scrive:
            Re: consigliano?
            Meglio!   :D    :D    :D
      • Anonimo scrive:
        Re: consigliano?
        - Scritto da: MaurizioB

        Ma infatti la finezza è: loro "consigliano". Tu
        fai quel che vuoi, poi se ti beccano che usi la
        PP... Ops, ti abbiam chiuso l'account...Ciò non lo possono fare, e non è quello che dice la nuova regola. Quello che è proibito è il fatto che il venditore "inviti" ad utilizzare la ricarica come metodo di pagamento (quindi non è vietato che il compratore la proponga e poi il venditore la accetti); poi se lo fà lo stesso, gli chiudono solo l'inserzione, e non l'account.
    • Anonimo scrive:
      Re: consigliano?
      Sapete come faccio io con gli italiani?Nello scambio di e-mail, successivo alla fine asta, chiedo (se lo ritengo opportuno), se interessa PostePay.Che mi vengano a leggere la posta! Magari! Così divento miliardario con i danni!!!!
  • Anonimo scrive:
    Ma quante storie...
    ...nell'annuncio non fai riferimento alla postepay e ti accordi poi in privato, che problema ci sarà mai.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quante storie...
      ma infatti...lunga vita al re!!http://promo.resetmultimedia.com
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quante storie...
      - Scritto da: Anonimo
      ...nell'annuncio non fai riferimento alla
      postepay e ti accordi poi in privato, che
      problema ci sarà mai.Si sa che i furbi se ne fregano delle questioni di principio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quante storie...
      - Scritto da: Anonimo
      ...nell'annuncio non fai riferimento alla
      postepay e ti accordi poi in privato, che
      problema ci sarà mai.Se io vinco un'asta e il venditore (dopo la mia vincita) mi propone (o peggio impone) di pagarlo con una ricarica PP io denuncio il suo comportamento scorretto a eBay.Oppure al massimo lo pago così se lui si accolla l'? di costo di ricarica, ma forse se non sto comprando qualcosa di molto costoso gli conviene farmi pagare con paypal...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quante storie...
        Beh tu sei libero di denunciare a dx e manca, io rispondevo al tono scandalizzato dell'emailer: le questioni di principio quando si tratta di soldi non esistono.Io vado tranquillamente di bonifico bancario, possibilmente online che spendo come con la postepay, ma magari a tanti ragazzotti senza c/c tornava comodo.Poi magari incontrano te e ebay gli chiude l'account per il tuo servilismo zelante.
      • Anonimo scrive:
        Denunci? Vai dai carabinieri
        Che ti rideranno in faccia naturalmente. Le denunce si fanno alle autorità di stato non ad ebay.ma giustamente alla gente come te sfugge pure questa palese differenza tra un regolamento da due soldi e una legge dello stato.Cervelli limitati che ebay manipola molto facilmente tanto da inculcargli "denuncia" con il proprio regolamentoC'è veramente da ridere.
    • carobeppe scrive:
      Re: Ma quante storie...
      Si che palle da quando c'è questa storia ho venduto 5-6 oggetti su ebay e tutti che mi continuano a chiedere "o, ma postepay?" con lo stesso tono di chi dice "o, hai mica un po' di fumo?" (e io a ripetere di no... ho sempre odiato postepay!)- Scritto da: Anonimo
      ...nell'annuncio non fai riferimento alla
      postepay e ti accordi poi in privato, che
      problema ci sarà mai.
      • MaurizioB scrive:
        Re: Ma quante storie...
        - Scritto da: carobeppe
        continuano a chiedere "o, ma postepay?" con lo
        stesso tono di chi dice "o, hai mica un po' di
        fumo?" (e io a ripetere di no... ho sempre odiato
        postepay!)Ah beh, per un attimo temevo odiassi pure il fumo :PResta il fatto che il "pagamento" via PP risulta per certi aspetti più veloce. Certo, poi uno si accolla il rischio che trova: se uno vede decine e decine di feedback positivi e quell'acquirente/venditore offrono PP "sottobanco", allora si può andar relativamente tranquilli.Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quante storie...
          Purtroppo non è proprio così, conosco gente truffata da venditori con oltre 100 feedback positivi (100%) che in qualche giorno ha tirato pacchi a destra e a manca. Prima ha messo i feedback privati, poi la percentuale ha cominciato a scendere, poi non risulta più un utente registrato...
Chiudi i commenti