StumbleUpon si infiltra per tutta la Rete

La nota piattaforma di social bookmarking inaugura SearchReviews, una funzione che consente di visualizzare le recensioni dei siti fatte degli amici anche su Google News, Yahoo News, Flickr, Wikipedia e YouTube

Roma – In poco meno di sette mesi StumbleUpon , la più nota piattaforma di social bookmarking , ha cambiato proprietà e raggiunto i 3,7 milioni di utenti. Non è ancora chiaro se valga tutti i 75 milioni di dollari sborsati da eBay per la sua acquisizione, certo è che l’entourage della piccola compagnia californiana non si ferma un attimo: ieri ha lanciato la nuova funzione SearchReviews .

In pratica, tutti gli utenti iscritti al servizio StumbleUpon in queste ultime ore hanno potuto assistere alla totale integrazione del sistema di rating con Google News, Yahoo News, Flickr, Wikipedia e YouTube. Le “recensioni” realizzate dagli utenti, quindi, compaiono magicamente anche su Google, Yahoo, MSN, AOL e Ask. Il social bookmarking diventa di fatto parte integrante del browsing online – come spiega con dovizia di dettagli NewsBlog.com .

“Adesso puoi avere un gran numero di persone che dice Ehi questa è una bella pagina , invece di classificare solo le pagine più popolari”, ha spiegato Garrett Camp, co-fondatore di StumbleUpon. Basta semplicemente attivare il servizio dando un segno di spunta all’opzione presente nella “Toolbar Option”.

“Se dovesse avere successo, Search Reviews potrebbe raggiungere una massa critica capace di rivoluzionare il modo di valutare la popolarità online e quindi gli strumenti di misura”, ha dichiarato Carla Thompson, product analyst di Guidewire Group . “Comunque, dovrebbe ampliare a dismisura la sua base utenti prima di condizionare in qualche modo la popolarità che si acquisisce su YouTube”.

Come ricorda Reuters , il sistema di rating serve per permettere l’immediata individuazione di link di qualità nel rispetto dei differenti gusti personali. Le stelline, che indicano la valutazione complessiva di ogni pagina web, sono infatti accompagnate anche dalle icone dei propri amici/recensori.

“Abbiamo un database correlato ad un social network che nessun altro possiede”, ha sostenuto Camp. “In futuro possiamo immaginare che tutte le pagine web mostreranno le StumbleUpon Reviews”. La chiave del successo, a detta di Camp, sarebbe quindi la fiducia: quella riposta nei confronti degli altri utenti, e quella nella piattaforma che per individuare i propri amici ha bisogno di scandagliare la propria rubrica personale.

Alcuni osservatori hanno posto alcuni dubbi sulla trasparenza del sistema di integrazione. Eppure Thompson sostiene che non vi sia niente di illegale: la sovrapposizione delle informazioni avviene sulle pagine web degli altri siti tramite semplici codici veicolati dall’attivazione della toolbar. Niente di più, nient’altro che “social-reviewing”.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • margaria alberto scrive:
    costo
    Ma il costo e un normale costo o eccessivo
  • PedroMaltese scrive:
    Ma quanto consuma un HDD ?
    mi chiedo
    • KSs scrive:
      Re: Ma quanto consuma un HDD ?
      Di solito consumano circa 7-10W in idle.Anche Western Digital ha già in commercio la serieGP che ha le stesse prestazioni di consumi(4-5W idle)e rumore(25-27dBA).Mentre Samsung ha circa queste caratteristiche nellanuova serie SpinPoint F1.
    • fred scrive:
      Re: Ma quanto consuma un HDD ?
      Intorno a 8-10-12 watt a seconda anche della quantita' di piatti presenti; la maggior parte dei consumi deriva dal riscaldamento dell'aria e dei piatti per cui maggiore e' la superfice rotante e maggiore e' il riscaldamento poi l'energia calorica viene dissipata attraverso il case matallico del disco; magari un giorno avremo dischi in cui il motore ruotando si occupera' anche di estrarre aria dal disco e mantenere una pressione interna piu' bassa riducendo riscaldamento e consumi ma non sono a conoscenza di nulla del genere. Ovviamente i dischi da 15mila rpm scaldano di piu' e tipicamente contengno un piatto singolo per ridurre il calore generato (da cui i limiti frequenti a 147gb dei dischi sms).Trovate in giro con una certa difficolta' dischi da 3.5 da 5400rpm, scaldano molto meno e la velocita' di punta e' sensibilmente inferiore passando da 70mb/s a 50mb/s, durano anche di piu' e la differenza di velocita' difficilmente si nota poiche' attualmente il 90% del tempo perso nelle operazioni di i/o e' dovuto ai tempi di seek delle tracce e difatto conta molto di piu' la cache integrata nei dischi che non la velocita' di trasferimento di punta, non a caso e' preferibile avere dischi da 10000rpm o superiori sulle torrette raid dove i movimenti delle testine sono esercitati meno (ma non sempre e' vero).A conferma porto il test che ho fatto con l'ssd5000 a stato solido che ha prestazioni di punta basse intorno ai 40mb/s e 30mb/s in scrittura ma il seek medio e inferiore a 0.2 ms!!!, in teoria dovrebbe essere nullo ma forse il software di test che ho usato ha i suoi limiti, fatto sta che un xpsp2 con software installato poiche' non si tratta di una nuova installazione si avvia in 7 secondi e comunque durante l'avvio a occhio e croce solo 1/3 del tempo accede al disco. Peccato per l'enorme costo di quei dispositivi almeno per ora, 32gb per 400euro sono davvero proibitivi.
Chiudi i commenti