Su iBazar in vendita il primo voto

Mentre si moltiplicano i siti dedicati agli scambi di voto, su iBazar appare un'asta tutta italiana che offre il voto al miglior offerente. Base d'asta: 100mila lire. L'autore si dice deluso da tutti gli schieramenti politici


Roma – Si avvicinano le elezioni politiche del 13 maggio e, mentre decollano i siti più o meno illegali degli scambisti del voto, soprattutto britannici, in Italia arriva il primo voto all’asta.

Sulle pagine di iBazar nelle scorse ore è apparsa un’asta il cui titolo dice tutto: “Voto elezioni 13 maggio”.

La descrizione è chiarissima: “Italiano di definita fede politica, ma disilluso da qualunque schieramento, intristito da una campagna elettorale banale ed irrilevante, vende il proprio voto del 13 maggio al miglior offerente nell’ultima settimana prima delle elezioni. Con questa piccola provocazione, è mio solo intento portare la mia voce a chi può fare realmente qualcosa per migliorare il nostro paese. Per contatti, usare la messaggeria di I-Bazar.”

La base d’asta è di 100mila lire ed ogni rilancio avverrà per aumenti di 50mila lire sul prezzo di partenza. Giorno ultimo per acquistare il voto è il prossimo 11 maggio, due giorni prima delle elezioni, dunque.

L’autore dell’asta usa “Yurek” come pseudonimo e indica in Napoli la propria città. Un dato essenziale per l’eventuale acquirente visto che si propone di consegnare “a mano” il bene acquistato all’asta. Come noto, in Italia è vietato vendere il proprio voto, almeno così esplicitamente…

In Gran Bretagna, intanto, si avvicina l’annuncio delle nuove elezioni politiche e, come sempre più spesso accade, hanno ripreso a “funzionare” siti che offrono “voti di scambio” più o meno provocatoriamente, sull’onda di quanto già accaduto negli Stati Uniti in occasione delle ultime presidenziali.

Secondo la CNN siti da non perdere, per capire la portata del fenomeno, sono Tacticalvoter.net e VoteDorset .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ECCEZZIONALE ERA DIGITALE
    Siamo daccordo con intel ma in questi tempi andado sempre più veloci come potremo sfruttarlo a dovere se ancora non si dispone dell'hardware necessario per poterlo sfruttare, un consiglio esperto rallentate il processo, c'è un proverbio chi va piano va sano e va lontano vale anche per i computers.
  • Anonimo scrive:
    molti che postano
    hanno raggiunto solo limiti mentali.ps: per un imac 400 mhz bastano. tanti usi solo phoshop no?
    • Anonimo scrive:
      Re: molti che postano - imac
      - Scritto da: davex
      hanno raggiunto solo limiti mentali.
      ps: per un imac 400 mhz bastano. tanti usi
      solo phoshop no?massi'credo che l'imac possa accontentarsi di un 5-600 mhz.un utente PC ha in genere piu' esigenze, e quindi spera nel 2 ghz, ma mi pare che intel sia in alto mare.
      • Anonimo scrive:
        Re: molti che postano - imac
        tra un Motorola G3 e un Pentium III c'e' una sostanziale difernza di architetturail primo e' un RISC molto efficiente, il secondo un CISC.La potenza di calcolo di un G3 a 400 mhz e' superiore a quella di un Pentium III a 600 Mhz, tra architetture diverse non puoi pensare che la loro velocita' dipenda solo dal clock.Inoltre confronta anche i consumi di un P3 con un G3... - Scritto da: francesco porta - roma
        - Scritto da: davex

        hanno raggiunto solo limiti mentali.

        ps: per un imac 400 mhz bastano. tanti usi

        solo phoshop no?

        massi'
        credo che l'imac possa accontentarsi di un
        5-600 mhz.
        un utente PC ha in genere piu' esigenze, e
        quindi spera nel 2 ghz, ma mi pare che intel
        sia in alto mare.
        • Anonimo scrive:
          Re: molti che postano - imac

          il primo e' un RISC molto efficiente, il
          secondo un CISC.Che boiata.Cosa intendi per risc ? Cosa intendi per cisc?
          La potenza di calcolo di un G3 a 400 mhz e'
          superiore a quella di un Pentium III a 600
          Mhz, tra architetture diverse non puoiQuali calcoli? Quante operazioni in virgola mobile esegue per secondo l'uno,quante l'altro?
          Inoltre confronta anche i consumi di un P3
          con un G3... Boh confrontiamoli ... dicceli.
          • Anonimo scrive:
            Re: molti che postano - imac
            - Scritto da: Ciao

            il primo e' un RISC molto efficiente, il

            secondo un CISC.

            Che boiata.Cosa intendi per risc ? Cosa
            intendi per cisc?


            La potenza di calcolo di un G3 a 400 mhz
            e'

            superiore a quella di un Pentium III a 600

            Mhz, tra architetture diverse non puoi

            Quali calcoli? Quante operazioni in virgola
            mobile esegue per secondo l'uno,quante
            l'altro?


            Inoltre confronta anche i consumi di un P3

            con un G3...

            Boh confrontiamoli ... dicceli.RISC-CISC, sono due architetture diverse di costruzione, sono quindi due diversi modi di ottenere il medesimo scopo, produrre chip veloci, efficenti,scalabili,parchi di consumi etc etc...Per tua informazione il G4(diciamo il fratello maggiore del G3) è capace di 5,5 Gigaflop di calcoli al secondo, più di qualsiasialtro processore RISC commerciale, tanté che la sua esportazione in paesi agli USA ostili è proibita perchè cosiderati dei SuperComputer...:-)Il vattaggio dei due processori non lo ricordo amemoria, comq il consumo energetico ed la produzione di calore nei G3/G4 è notevolmente inferiore a quello dei PIII/PIV o AMD che sia, infatti tutti i modelli di Apple dotati di tale processore non necessitano di ventola di raffreddamento(anche per una migliore sistema si raffredamento dei case).Mickey
          • Anonimo scrive:
            Re: molti che postano - imac
            1) concordo con Mickey2) Volevi i dati?? eccoteli:CONSUMI:Motorola G4 750 366 mhz: 5 WIBM G4 400 mhz 4.1 WIntel Pentium III raggiunge i 60 W !!!!Per quanto riguarda la potenza di calcolo i G4 sono considerati supercomputer perche' superano abbondantemente il gigaflop (addirittura 5-6 gflop/sec)SE VUOI INVECE I TEST FATTI SULL'EFICIENZA DI APPLICATIVI:http://www.barefeats.com/pentium.html3) Se non sai cosa significa RISC e CISC e' meglio che che incominci a studiare un po prima di sfottere gli altri4) Se vuoi avere piu' informazio e dati precisi vai sui siti rispettivi di Intel e Motorola o su siti non di parte dove fanno i confronti... sappi solo che da test che ho letto un po di tempo fa (1 anno) il G3 ( non G4!! fa attenzione ) a parita' di clock e' 3 volte piu' veloce del P3 utilizzando il test byteMARK (www.byte.com).Oltretutto i G4 con l'unita' di clacolo AltiVec (un processore vettoriale a 128 bit) riescono ad avere delle potenze mostruose con i programmi dedicati- Scritto da: Mickey
            - Scritto da: Ciao


            il primo e' un RISC molto efficiente,
            il


            secondo un CISC.



            Che boiata.Cosa intendi per risc ? Cosa

            intendi per cisc?




            La potenza di calcolo di un G3 a 400
            mhz

            e'


            superiore a quella di un Pentium III a
            600


            Mhz, tra architetture diverse non puoi



            Quali calcoli? Quante operazioni in
            virgola

            mobile esegue per secondo l'uno,quante

            l'altro?




            Inoltre confronta anche i consumi di
            un P3


            con un G3...



            Boh confrontiamoli ... dicceli.

            RISC-CISC, sono due architetture diverse di
            costruzione, sono quindi due diversi modi di
            ottenere il medesimo scopo, produrre chip
            veloci, efficenti,scalabili,parchi di
            consumi etc etc...
            Per tua informazione il G4(diciamo il
            fratello maggiore del G3) è capace di 5,5
            Gigaflop di calcoli al secondo, più di
            qualsiasialtro processore RISC commerciale,
            tanté che la sua esportazione in paesi agli
            USA ostili è proibita perchè cosiderati dei
            SuperComputer...:-)
            Il vattaggio dei due processori non lo
            ricordo amemoria, comq il consumo energetico
            ed la produzione di calore nei G3/G4 è
            notevolmente inferiore a quello dei PIII/PIV
            o AMD che sia, infatti tutti i modelli di
            Apple dotati di tale processore non
            necessitano di ventola di
            raffreddamento(anche per una migliore
            sistema si raffredamento dei case).
            Mickey
  • Anonimo scrive:
    ROTFL!!!!
    Prima i Pentium III che funzionano male a 1.13 GHz e ora anche i P IV...Povera intel...
    • Anonimo scrive:
      Re: ROTFL!!!!
      - Scritto da: ---
      Prima i Pentium III che funzionano male a
      1.13 GHz e ora anche i P IV...

      Povera intel...Intel perde il pelo... dentro ai processori, e ci domandiamo perchè non funzionano?
      • Anonimo scrive:
        Re: ROTFL!!!!
        sono dei pagliacci... prima fanno le dichiarazioni semplicement per dire "siamo piu' bravi di AMD" e poi se le rimangiano...W il Kriptonite 7 !!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: ROTFL!!!!
          Sono della stessa pasta di Microsoft con i quali vanno a braccetto!- Scritto da: :)
          sono dei pagliacci... prima fanno le
          dichiarazioni semplicement per dire "siamo
          piu' bravi di AMD" e poi se le rimangiano...

          W il Kriptonite 7 !!!!
  • Anonimo scrive:
    Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
    Ha senso continuare a correre dietro ai MHZ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
      personalmente, non ritengo che la corsa sfrenata al GHz sia tanto sensata, quando poi ci sono applicazioni e sistemi operativi che non funzionano bene...poi, ai casini di intel e piattaforme X86, preferisco di gran lunga quelli della Motorola.Ho avuto l'Amiga 500 e andava da Dio, ora ho un iMac e va ancora meglio..scusate se ho SOLO 400 MHz, ma per queste macchine bastano ed avanzano..un salutoMaurizio
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
        - Scritto da: Maurizio F.
        personalmente, non ritengo che la corsa
        sfrenata al GHz sia tanto sensata, quando
        poi ci sono applicazioni e sistemi operativi
        che non funzionano bene...

        un saluto
        Maurizio il punto fondamentale e' che microsoft fa programmi sempre piu' pesanti man mano che l'hardware diventa piu' potentese il software fosse fatto meglio utilizzeremmo ancora il 486 e non avremmo prestazioni molto diverse da quelle attualigli utili di molte imprese sarebbero pero' differenti...
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
          Mmmhhh... Beh, non esageriamo ora :-)I PC della Apple non hanno bisogno di troppa frequenza di clock per due motivi:1. Architettura generale del sistema e dei processori superiore;2. Non c'e' una concorrenza che la costringa a forzare le tappe, ovvero ad aumentare la frequenza prima che il processore sia in generale abbastanza avanzato per tale frequenza.Il motivo che fa si che il software Apple giri piu' veloce di quello x86 non e' da attribuirsi alla Micorsoft, ma all'harware e cio' puo' essere dimostrato con 2 affermazioni:1. Vabbe' che i programmi per Linux sono spesso migliori di quelli Micorsoft, ma comunque su un 486 se si vuole fare grafica, qualsiasi SO o SW si usi fa comunque pena!2. Molti programmi Micorsoft girano sui Mac (MS Internet Explorer, Word ecc.) e li', guarda caso, girano meglio ^_^.bye- Scritto da: asd


          - Scritto da: Maurizio F.

          personalmente, non ritengo che la corsa

          sfrenata al GHz sia tanto sensata, quando

          poi ci sono applicazioni e sistemi
          operativi

          che non funzionano bene...



          un saluto

          Maurizio

          il punto fondamentale e' che microsoft fa
          programmi sempre piu' pesanti man mano che
          l'hardware diventa piu' potente
          se il software fosse fatto meglio
          utilizzeremmo ancora il 486 e non avremmo
          prestazioni molto diverse da quelle attuali
          gli utili di molte imprese sarebbero pero'
          differenti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
            - Scritto da: slack\b0y
            Mmmhhh...
            Beh, non esageriamo ora :-)si e' vero ho esageratosaluti... vado a giocare con la navicella spaziale di excel ;-)))
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
        PS Ho un 233Mhz e con l'emulatore Macintosh (il Basilisk II con System 8.1) ho un equivalente di un Mac 400Mhz...Non aggiungo altro.- Scritto da: Maurizio F.
        personalmente, non ritengo che la corsa
        sfrenata al GHz sia tanto sensata, quando
        poi ci sono applicazioni e sistemi operativi
        che non funzionano bene...

        poi, ai casini di intel e piattaforme X86,
        preferisco di gran lunga quelli della
        Motorola.

        Ho avuto l'Amiga 500 e andava da Dio, ora ho
        un iMac e va ancora meglio..

        scusate se ho SOLO 400 MHz, ma per queste
        macchine bastano ed avanzano..

        un saluto
        Maurizio
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
      - Scritto da: Arrapaho
      Ha senso continuare a correre dietro ai MHZ?Secondo me, assolutamente no. La gente ha fame più che altro di banda. E almeno gli utenti "coscienti spenderebbero sicuramente più volentieri in questa direzione, che per comprare una nuova CPU, e magari dover aggiornare anche la motherboard, e già che ci siamo anche la RAM perchè quella vecchia non viene più supportata, e magari dover buttare qualche scheda ISA perchè sono obsolete...
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
        - Scritto da: Antipop
        - Scritto da: Arrapaho

        Ha senso continuare a correre dietro ai
        MHZ?

        Secondo me, assolutamente no. La gente ha
        fame più che altro di banda. E almeno gli
        utenti "coscienti spenderebbero sicuramente
        più volentieri in questa direzione, che per
        comprare una nuova CPU, e magari dover
        aggiornare anche la motherboard, e già che
        ci siamo anche la RAM perchè quella vecchia
        non viene più supportata, e magari dover
        buttare qualche scheda ISA perchè sono
        obsolete... Ma il fatto e che loro fanno le scoperte fanno le cpu veloci, fanno RAM diverse, ma se voi non le comprate non succede nulla, io personalmente ho un bel P133 con 32 mega di ram e bene che va è da 5 anni che lo uso mai cambiato nulla e non sento il bidogno di cambiarlo...
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
        - Scritto da: Antipop
        - Scritto da: Arrapaho

        Ha senso continuare a correre dietro ai
        MHZ?

        Secondo me, assolutamente no. La gente ha
        fame più che altro di banda. E almeno gliVi state dimenticando di quella parolina chiamata progresso. Se non ci fosse la corsa al MHz non ci sarebbe la corsa all'integrazione e non ci sarebbero le nuove tecnologie.Se intel per spremere i pentium a 2GHz si inventa un sacco di soluzioni innovative tutta la microelettronica ne trarra' giovamento . Venendo alla banda , per controllare modulatori sempre piu' veloci necessari per arrivare ai THz supportati dalle fibre ottiche serve elettronica sempre piu' rapida quindi la corsa ai MHz ha come conseguenza diretta anche un aumento della banda.Dando retta a quelli che dicono di ottimizzare solo il software forse ora i nostri soft girerebbero su 486 (boiata comunque) ma il vostro modem sarebbe ancora un 2400.
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?

          Vi state dimenticando di quella parolina
          chiamata progresso. Se non ci fosse la corsa
          al MHz non ci sarebbe la corsa
          all'integrazione e non ci sarebbero le nuove
          tecnologie.
          Se intel per spremere i pentium a 2GHz si
          inventa un sacco di soluzioni innovative
          tutta la microelettronica ne trarra'
          giovamento . Ancora non si capisce che progresso NON VUOL DIRE SOLO MHZ; io continuo a confrontare i nostri processori x86 col G4 dei computer Apple... perche' a frequenze molto piu' basse e' molto piu' veloce dei nostri pc?
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?

            Ancora non si capisce che progresso NON VUOL
            DIRE SOLO MHZ; io continuo a confrontare i
            nostri processori x86 col G4 dei computer
            Apple... perche' a frequenze molto piu'
            basse e' molto piu' veloce dei nostri pc? Prima di tutto e' da vedere quanto e' piu' veloce, seconda cosa progresso vuol proprio di MHz perche' MHz vuol dire tensione di alimentazione piu' bassa ,transistor piu' piccoli -
            minore consumo -
            maggior integrazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
            seconda cosa progresso vuol proprio
            di MHz perche' MHz vuol dire tensione di
            alimentazione piu' bassa ,transistor piu'
            piccoli -
            minore consumo -
            maggior
            integrazione.Giustissimo, ma progresso vuol anche dire architetture migliori direi
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
      - Scritto da: Arrapaho
      Ha senso continuare a correre dietro ai MHZ?Le aziende corrono dietro ai soldi.La gente non è tutta esperta, e si associa la velocità al Mhz.Quindi, a loro, conviene produrro CPU con + Mhz che non + veloci.Non ha senso a livello di prestazioni. Ha senso a livello di pubblicità e guadagno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
        Ma scherziamo? Dire che le prestazioni non dipendono dai Mhz è veramente una cretinata! Al limite si può dire che non dipendono COMPLETAMENTE, invece qui si esagera... vorrei proprio vedere Arrapaho(?) con un Pentium 6 a 1Mhz che cosa ci combina....- Scritto da: l


        - Scritto da: Arrapaho

        Ha senso continuare a correre dietro ai
        MHZ?

        Le aziende corrono dietro ai soldi.
        La gente non è tutta esperta, e si associa
        la velocità al Mhz.
        Quindi, a loro, conviene produrro CPU con +
        Mhz che non + veloci.
        Non ha senso a livello di prestazioni. Ha
        senso a livello di pubblicità e guadagno.
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
          Le prestazioni non dipendono molto dalla frequenza di clock; cio' e' dimostrato dal fatto che un G4 Apple a 700 mhz va piu' veloce di un pIII a 1 ghz... magari anche le case di processori x86 si basassero sulla tecnologia del processore e non sulla sua frequenza!
          Ma scherziamo? Dire che le prestazioni non
          dipendono dai Mhz è veramente una cretinata!
          Al limite si può dire che non dipendono
          COMPLETAMENTE, invece qui si esagera...
          vorrei proprio vedere Arrapaho(?) con un
          Pentium 6 a 1Mhz che cosa ci combina....

          - Scritto da: l





          - Scritto da: Arrapaho


          Ha senso continuare a correre dietro ai

          MHZ?



          Le aziende corrono dietro ai soldi.

          La gente non è tutta esperta, e si associa

          la velocità al Mhz.

          Quindi, a loro, conviene produrro CPU con
          +

          Mhz che non + veloci.

          Non ha senso a livello di prestazioni. Ha

          senso a livello di pubblicità e guadagno.
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?

          Ma scherziamo? Dire che le prestazioni non
          dipendono dai Mhz è veramente una cretinata!Allora spiegami perche' un autocarro con un motore turbodiesel dal 5000 CV ha meno accelerazione di una fiat punto 1000 Fire.
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
            "Allora spiegami perche' un autocarro con unmotore turbodiesel dal 5000 CV ha menoaccelerazione di una fiat punto 1000 Fire." Presto detto: perche' il rapporto peso/cavallidell'autocarro e' inferiore a quello della Punto.ah! gia' che ci sono: da che pianeta viene l'autocarro con 5000 CV ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
      - Scritto da: Arrapaho
      Ha senso continuare a correre dietro ai MHZ?Certo che ha senso.Aveva senso rimanere a 8 Mhz come sui primi amiga?
      • Anonimo scrive:
        Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?


        Ha senso continuare a correre dietro ai
        MHZ?
        Certo che ha senso.

        Aveva senso rimanere a 8 Mhz come sui primi
        amiga?Avrebbe avuto molto piu' senso creare processori ad architettura RISC e fermarsi a 900mhz... sia in fatto di prestazioni che in fatto di consumo energetico. Fidati.
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?

          processori ad architettura RISC Mah, veramente a me sembrava che l'Athlon di AMD fosse parzialmente un RISC... potrei anche sbagliarmi, ma a me sembra cosi'.
          • Anonimo scrive:
            Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?


            processori ad architettura RISC

            Mah, veramente a me sembrava che l'Athlon di
            AMD fosse parzialmente un RISC... potrei
            anche sbagliarmi, ma a me sembra cosi'.Esatto, infatti confronta le prestazioni di un Athlon 1 ghz con un p4 a 1.5 ghz molto piu' costoso... certo, e' anche questione di software non ottimizzato ma...
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
          - Scritto da: slack\b0y


          Ha senso continuare a correre dietro
          ai

          MHZ?


          Certo che ha senso.



          Aveva senso rimanere a 8 Mhz come sui
          primi

          amiga?

          Avrebbe avuto molto piu' senso creare
          processori ad architettura RISC e fermarsi a
          900mhz... sia in fatto di prestazioni che in
          fatto di consumo energetico. Fidati. Il consumo energetico e' un vero problema anche secondo me.Sul fatto che un Risc sia meglio di un Cisc come consumi siamo daccordo, come prestazioni, a parita' di clock la cosa e' molto discutibile e relativa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?
          - Scritto da: slack\b0y


          Ha senso continuare a correre dietro
          ai

          MHZ?


          Certo che ha senso.



          Aveva senso rimanere a 8 Mhz come sui
          primi

          amiga?

          Avrebbe avuto molto piu' senso creare
          processori ad architettura RISC e fermarsi a
          900mhz... sia in fatto di prestazioni che in
          fatto di consumo energetico. Fidati. Il consumo energetico e' un vero problema anche secondo me.Sul fatto che un Risc sia meglio di un Cisc come consumi siamo daccordo, come prestazioni, a parita' di clock la cosa e' molto discutibile e relativa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Abbiamo raggiunto i limiti fisici?

          Avrebbe avuto molto piu' senso creare
          processori ad architettura RISC e fermarsi a
          900mhz... sia in fatto di prestazioni che in
          fatto di consumo energetico. Fidati. Si vabbe'... 1) il consumo energetico non dipende dal set di istruzioni e 2) RISC e' una parola antiquata dato che non esistono piu' processori RISC e CISC .
Chiudi i commenti