Su web i dati dei clienti Columbiahouse

Per qualche tempo sono rimaste accessibili le pagine del database principale del celebre negozione online di musica e video. L'azienda minimizza, ma i dati personali dei clienti sono stati esposti. Un caso esemplare?


Web – Brutta “gaffe” quella di Computerhouse stimato e noto negozio elettronico di CD musicali, DVD e video. Negozio che nei giorni scorsi, ma si è saputo solo nelle scorse ore, ha violato gravemente la privacy dei propri utenti e messo a rischio l’integrità dei dati del proprio database.

In particolare, per alcune ore si è potuto accedere al sistema interno che governa il sito e le transazioni semplicemente digitando una URL leggermente diversa da quella fornita “di default” dal sistema al “navigatore occasionale”. Una URL che apriva le porte al database principale del sito.

L’azienda minimizza il problema, sostenendo che il buco c’è stato ma per pochissimo tempo e dicendosi sicura che nessuna informazione è stata “catturata” da possibili approfittatori… Ma sono migliaia i nomi e gli altri dati personali lasciati accessibili, comprensivi di indirizzi e di molti numeri di carte di credito.

Va detto che non è certo la prima volta che un negozio online, per quanto noto, incorre in una situazione del genere. Il problema sentito da molti è che non c’è alcuna garanzia che questa volta sarà l’ultima che un rivenditore online, che conserva quindi dati più delicati della maggioranza degli altri siti Internet, “apre” senza volere il proprio database a “sguardi indiscreti”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    la vera potenza nascosta
    IO credo che se una persona ,o chiuque altro, fanno una cosa (in questo cosa mandare un e-mail "assassina" ) si dovrebbe conoscere la vera potenza nascosta;e bisognerebbe capire bene a tutto quello che si va incontro.Credo che i prof. che gli studenti abbiano capito che dovevano mettere un limite a tutto questo. grazie ##´þ¤~Gïãññï § RS~¤þ´##
  • Anonimo scrive:
    Se invece di ca**eggiare
    con il pc gli avessero fatto vedere un atlante di carta forse era meglio. Oppure potevano inserire nel messaggio UNA SCADENZA! Ma lo scopo del messaggio era evidentemente non l'insegnamento della geografia, MA LA PUBBLICITA' AGRATIS!E mi sa che ci sono riusciti...Mah, c'è qualcosa che non va....
    • Anonimo scrive:
      Re: Se invece di ca**eggiare
      - Scritto da: du.demon@tin.it
      con il pc gli avessero fatto vedere un
      atlante di carta forse era meglio. Oppure
      potevano inserire nel messaggio UNA
      SCADENZA! Ma lo scopo del messaggio era
      evidentemente non l'insegnamento della
      geografia, MA LA PUBBLICITA' AGRATIS!
      E mi sa che ci sono riusciti...
      Mah, c'è qualcosa che non va....Se devi dire banalità, perchè non stare zitto?
  • Anonimo scrive:
    Geografia secessionista...
    Se andate a leggere le statistiche delle email ricevute dall'estero "Other countries" vedrete che ce n'e' una proveniente dalla Sicilia (Sicily).Non mi sembra che dopo questo esperimento abbiano imparato la geografia...(La pagina e' questa http://www.alexander.k12.nc.us/tay/countries.htm)
  • Anonimo scrive:
    Imbecilli
    Poi ci lamentiamo per lo spam
    • Anonimo scrive:
      ma che c***** dici??
      Lo spam è "unsolecited commercial e-mail"questa è extra-solecited. Quindi che cavolo stai dicendo?- Scritto da: Mediazoo
      Poi ci lamentiamo per lo spam
  • Anonimo scrive:
    idioti...

    L'insegnante è comunque soddisfatta:
    "Volevamo dare nuova linfa allo studio della
    Geografia"...quando poi (essendo negli usa) gli arriva un pacco bomba vediamo se é soddisfatta...
    • Anonimo scrive:
      6 furbo te, invece...
      essendo negli USA, di certo non correranno rischi che correremmo noi: le dogane e i loro uffici di controllo verso qualsiasi cosa provenga dall'estero sono parecchio più efficienti...(e infatti non ci sono notizie di questi pacchi bomba... ipotesi a parte, i fatti parlano)- Scritto da: carpigian

      L'insegnante è comunque soddisfatta:

      "Volevamo dare nuova linfa allo studio
      della
      Geografia"...

      quando poi (essendo negli usa) gli arriva un
      pacco bomba vediamo se é soddisfatta...
  • Anonimo scrive:
    Se oltre la geografia studiassero anche matematica
    ... saprebbero quanto rapidamente puo' aumentare un numero elevato esponenzialemente.Come una ricerca su Focus aveva evidenziato, bastano circa 8 passaggi "di mano" per raggiungere un qualsiasi abitante della terra (la prova era con la posta)Però l'idea non è male... visto che ricevono pacchi potrei anch'io mandare una bella mail simile, poi tolgo l'aacount, e inizieranno ad arrivarmi i regali...
    • Anonimo scrive:
      Re: Se oltre la geografia studiassero anche matematica
      - Scritto da: l
      Però l'idea non è male... visto che ricevono
      pacchi potrei anch'io mandare una bella mail
      simile, poi tolgo l'aacount, e inizieranno
      ad arrivarmi i regali...Mi sa che se lo si fa in Italia il pacco lo tirano!
    • Anonimo scrive:
      Re: Se oltre la geografia studiassero anche matematica
      io ti manderei una bella cacca solo per l'idea.- Scritto da: l
      Però l'idea non è male... visto che ricevono
      pacchi potrei anch'io mandare una bella mail
      simile, poi tolgo l'aacount, e inizieranno
      ad arrivarmi i regali...
Chiudi i commenti