Sull'aumento del canone Telecom si difende

"Non è colpa nostra"


Roma – Riccardo Ruggiero, direttore generale di Telecom Italia, reagisce a chi accusa la sua azienda di aver voluto aumentare il canone sostenendo che non è stato l’ex monopolista a chiederlo ma è stata una imposizione che arriva dritta dall’Unione Europea e che se non le fosse dato seguito prevederebbe sanzioni. Non solo, ha sostenuto che invece Telecom in pratica restituisce l’aumento del canone.

“Noi – ha spiegato riferendosi agli sconti per i soli abbonati Telecom previsti dall’ultima manovrina tariffaria – cerchiamo di fare in modo che questo aumento torni ai clienti. In questa direzione va la decisione di dare l?ora gratis a febbraio e la mezz?ora gratis per le interurbane a luglio. Cerchiamo insomma di restituire l?aumento ai nostri clienti sottoforma di traffico”.

“La telefonia fissa – ha dichiarato poi Ruggiero – è stata sempre vista più come una necessità che come un servizio ai clienti. Il nostro intento è rovesciare questa logica, fare in modo cioè che venga avvertita più come un servizio che come una necessità”.

Vedi anche: Vola in alto il canone Telecom

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    eBiscom!
    è chiaro che non capisce molto di economia l'Amministratore delegato della società eBiscom...anche se è un'azienda che sa il fatto suo!economicamente è in rosso...troppe spese e pochi introiti
Chiudi i commenti