Sun intasca Cobalt per $2 miliardi

Il colosso del Sole si infila in tasca l'azienda resa celebre dai suoi server cubici non troppo costosi, facili da utilizzare e da sfruttare per numerosi compiti diversi. Per Sun significa anche abbracciare Linux e i chip AMD


San Francisco (USA) – Si è formalizzata con una stretta di mano da 2 miliardi di dollari l’operazione di acquisizione con cui Sun Microsystems ha inserito nella propria “scuderia” di imprese collegate nientemeno che Cobalt , azienda produttrice, tra l’altro, del celebre Qube.

Con questa acquisizione Sun sembra intenzionata a muoversi con maggiore decisione in un mercato, quello dei server di fascia media mirati ad applicazioni specifiche, che finora non ha potuto coprire con i propri prodotti “generalisti” di fascia alta. Non solo, da Cobalt Sun ricaverà “un abbraccio di lusso” al sistema operativo Linux, che anima i Qube, e ai processori di Advanced Micro Devices.

L’azienda ha comunque specificato che i prodotti Cobalt, al di là di Qube, verranno progressivamente portati su sistemi operativi e processori della stessa Sun, vale a dire UltraSparc come CPU e Solaris come OS. Gli analisti di Dataquest e Merril Lynch appena saputo della notizia hanno dato la loro benedizione all’operazione: “Così Sun va a coprire un settore in cui è da sempre debole”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti