Surface, Windows 10 anche per le aziende

Microsoft annuncia nuove partnership per spingere le vendite (hardware e supporto) della linea Surface nei canali frequentati dal settore enterprise. Dell è subito della partita, e non è la sola

Roma – Microsoft ha annunciato l’avvio della cosiddetta Surface Enterprise Initiative (SEI), un modo per favorire l’adozione di Windows 10 nel mercato enterprise a partire dal tablet/convertibile Surface Pro. Redmond ha bisogno di qualcuno che li venda, questi tablet, e Dell è il primo nome importante dell’industria IT coinvolto nell’impresa.

La partnership con il colosso americano prevede quindi la commercializzazione di tablet Surface Pro, più i servizi e il supporto associati attraverso i canali di vendita dell’hardware aziendale già attivi, il tutto ovviamente comunicato all’utenza potenziale come un modo per incrementare la produttività e la “mobilità” degli utenti enterprise grazie all’utilizzo di Windows 10.

Ma Dell è solo il primo soggetto esterno coinvolto nella Surface Enterprise Initiative: includerà anche altri protagonisti di primo piano come HP , Accenture e altri ancora.

Un altro aspetto degno di nota di SEI è il cambio di rotta degli OEM in merito alla faccenda Surface, tablet prodotto direttamente da Microsoft che ha cominciato a ingranare nelle vendite solo da poco e che nel recente passato aveva provocato una quasi rottura tra gli interessi di Redmond e quelli dei tradizionali produttori di hardware informatico basato su sistema operativi Windows.

Ora che di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia , a quanto pare, Microsoft e i suoi partner OEM sono di nuovo impegnati nel comune obiettivo di risollevare le vendite di PC e dispositivi “Wintel” e Windows 10 è quasi pronto all’implementazione delle funzionalità aziendali specifiche per la versione Enterprise .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Psicologo scrive:
    Quesito
    Sarebbe bastato ricevere in allegato una vCard malformata per essere "infetti" o era necessario che il destinatario la aprisse?
    • bubba scrive:
      Re: Quesito
      - Scritto da: Psicologo
      Sarebbe bastato ricevere in allegato una vCard
      malformata per essere "infetti" o era necessario
      che il destinatario la
      aprisse?tutt'e' due... riceverla vuol dire renderizzarla & co nel webclient, quindi "esegue" delle cose (mittente spoofato, xss ecc).... se composta in altro modo, c'e' in allegato un bel .bat o .exe, da clickare per farlo agire. E' (era) attaccabile in modi multipli
  • hhhh scrive:
    fiuuuuuuuuuuuuuuuu...
    ...che sollievo!
Chiudi i commenti