SystemML, il machine learning open source di IBM

Anche Big Blue si accoda alla nuova tendenza degli algoritmi intelligenti a codice aperto e consegna ad Apache le chiavi di SystemML, un framework che vuole facilitare, ma anche ottimizzare, l'analisi dei dati

Roma – SystemML , framework IBM dedicato agli algoritmi e alle applicazioni di machine learning (ML), è entrato a far parte del programma Incubator della fondazione Apache. Il codice, già distribuito da mesi su GitHub , dovrebbe ora giovare dell’interesse rinnovato della community e degli eventuali interventi pensati per far crescere – o correggere laddove necessario – la piattaforma.

Apache SystemML – nuovo nome ufficiale del progetto – permette di specificare algoritmi ML dichiarativi e di generare codice runtime “ibrido” capace di funzionare su singolo nodo, computazioni in memoria o anche sistemi di computing distribuito (basati su Apache Hadoop e Apache Spark).

Il framework si incarica di ottimizzare in automatico il codice compilato del succitato runtime in base al tipo di infrastruttura su cui esso dovrà girare (singola CPU, memoria o hardware distribuito), garantendo secondo la fondazione notevoli vantaggi in fatto di efficienza e scalabilità.

Gli sviluppatori già attivi sui progetti Apache (e su SystemML) sottolineano , tra i vantaggi del nuovo framework, la possibilità di scrivere algoritmi di ML personalizzati usando un linguaggio semplice e senza la necessità di imparare tecniche di programmazione distribuita.

Quel che è certo è che l’offerta di IBM arriva ad arricchire un settore già molto affollato di proposte di alto profilo, sistemi “donati” da colossi del calibro di Microsoft e Google che hanno il comune obiettivo di rendere le rispettive tecnologie bene accette alla community del FOSS.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti