Telecom Italia, scintille con il fisco

La vicenda Sparkle, arricchita di nuove ipotesi di reato, rischia di costare ancora tanto alla controllante. Che però rassicura: questa volta, dicono, si tratta di un'ipotesi molto remota

Roma – Dopo i 418 milioni di euro versati a luglio da Telecom Italia per chiudere il contenzioso sull’Iva con l’agenzia delle entrate , nato in seguito della vicenda Sparkle, la faccenda potrebbe arricchirsi di un nuovo (costoso) capitolo: la controllata sarebbe coinvolta in un nuovo caso di evasione.

A maggio, dopo un’ispezione della Guardia di Finanza, era stata contestata a Telecom Sparkle l’indetraibilità dell’Iva relativa a prestazioni risultate inesistenti, e in seguito a questa contestazione la telco si era accordata per il pagamento milionario. Tuttavia, in quell’occasione le Fiamme Gialle avrebbero contestato a Telecom Sparkle anche l’indeducibilità ai fini Ires e Irap di costi relativi a quelle stesse operazioni: un ulteriore conticino salato da oltre 429 milioni di euro (al netto di interessi e sanzioni).

Nel frattempo, lo scorso 5 agosto (successivamente all’accordo che ha visto Telecom sborsare 418 milioni), Telecom Sparkle ha ottenuto il dissequestro di 288 milioni su 298 che la Procura aveva congelato nel febbraio scorso in attesa del contenzioso (che però ancora non è partito) e che corrispondevano al “credito Iva illecitamente maturato per gli anni di imposta oggetto delle illecite attività contestate”.

Dieci milioni rimangono sotto sequestro della Procura “per esigenze cautelari connesse al procedimento penale in corso”: proprio le questioni Ires e Irap rimangono in ballo per la telco. Anche se, fanno sapere i vertici Telecom, l’eventuale esborso di oltre 400 milioni è un’ipotesi possibile ma improbabile .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ciccio scrive:
    Toshiba U300
    Io ho un Satellite u300 della Toshiba, di quasi 3 anni.Un 13.3" pagato 1280 che scalda come una fornace e ha la ventola sempre accesa nonostante sia stato accudito e curato come un bimbo e usato pochissimo.Ora, anche appena acceso e senza nessun programma aperto, l'audio se va bene frigge. Se va male scompare del tutto. Mah....
    • CHKDSK scrive:
      Re: Toshiba U300
      pulisci le ventole e cambia la pasta termoconduttiva vedrai che migliori eccome..
      • Preator Charter scrive:
        Re: Toshiba U300
        Portatile ... puah! A meno che uno non ci sia proprio costretto, è quel genere di prodotto che è meglio lasciar perdere.[img]http://www.tomshw.it/files/2010/03/immagini/24507/kroll-on-track-notebook_t.jpg[/img]
        • Proteus scrive:
          Re: Toshiba U300
          Certo, d'accordissimo.Molto, ma molto meglio avere un PC fisso in ogni stanza o meglio ancora su ogni tavolo di ogni casa. E uno ad ogni tavolo di ristorante, ad ogni sedia di sala d'aspetto, sotto ogni ombrellone e in uno zaino ben fissato sulla schiena con apposito supporto-bilanciere per sostenere anche monitor e tastiera.Molto, molto meglio!
          • Preator Charter scrive:
            Re: Toshiba U300
            Disintossicati.[img]http://trueslant.com/tassi/files/2009/08/internet-addiction.jpg[/img]
  • ciccio.pas scrive:
    LOL
    "Toshiba ha caldamente consigliato" proprio caldamente! :-)
    • il solito bene informato scrive:
      Re: LOL
      - Scritto da: ciccio.pas
      "Toshiba ha caldamente consigliato" proprio
      caldamente!
      :-)... e come consiglia caldamente Toshiba, è praticamente un ordine!
Chiudi i commenti