Telecom riconquista 1 mln di utenti

Queste le cifre ufficiali: risale la quota di mercato nella telefonia fissa. Non sono convinti i consumatori. L'azienda si deve anche difendere dalle accuse dell'Antitrust e dall'intervento dei provider di AIIP


Roma – Negli ultimi 15 mesi di attività Telecom Italia ha saputo riconquistare 1.183.000 clienti di telefonia fissa, “strappandoli” alle concorrenti. Questi i numeri più interessanti forniti in una intervista dall’amministratore delegato di Telecom Italia, Riccardo Ruggiero. Numeri che servono all’ incumbent per difendersi dalle voragini che si stanno aprendo con le indagini dell’Antitrust sul wi-fi e soprattutto sulle sospette politiche anti-competitive .

Secondo Ruggiero, dunque, non sono le tariffe ribassate più di quanto possano fare i concorrenti ma l’appeal dei servizi Telecom a “riportare a casa” così tanti clienti. Una crescita di utenza proveniente dai competitor che in questo ultimo anno ha frenato il calo nelle quote di mercato che, secondo l’azienda, dal settembre 1998 è stato progressivo. In particolare, le quote di mercato di Telecom Italia sul traffico di rete fissa dichiarate dall’azienda sono scese dal 100 per cento del settembre del 1998 al 97,8 per cento del gennaio 1999, al 71,4 per cento del dicembre 2002 per risalire, appunto, al 71,7 per cento del maggio 2003.

Tra i numeri interessanti forniti da Ruggiero anche quelli che raccontano come nell’aprile di quest’anno le linee in unbundling, quelle cioè che gli utenti hanno deciso di affidare ad operatori diversi da Telecom Italia, sono arrivate a quota 250.000.

Ma davvero Telecom riesce a riconquistare gli utenti? Qualcuno ieri ha espresso dei dubbi e più di uno lo ha espresso anche l’Associazione per la difesa degli utenti e dei consumatori Aduc .

In una nota, l’associazione si chiede se non ci si trovi dinanzi ad una nuova operazione Teleconomy No-Stop, quando “molti utenti si sono trovati abbonati a tale servizio senza aver espresso un assenso all’offerta del servizio stesso”. L’Aduc ha ricordato che per cessare la carrier preselection e tornare tra le braccia di Telecom l’utente deve far pervenire all’operatore dominante una lettera scritta, come disposto dall’Autorità.

I consumatori dell’Aduc hanno concluso il loro intervento sottolineando di aver scritto “al Presidente e all’Amministratore delegato di Telecom per sapere notizie in merito. Attendiamo una risposta. Se non ci sarà o sarà elusiva non rimarrà che ricorrere all’Autorità per le Comunicazioni e all’Antitrust”.

Ma ad attaccare la posizione di Telecom Italia in queste ore sono anche i provider di AIIP. Ecco come.


L’Associazione Italiana Internet Provider (AIIP), che da lungo tempo accusa Telecom su vari fronti , in particolare quello dell’ADSL, sta infatti preparandosi a dare una mano alle indagini dell’Antitrust.

L’idea di AIIP è di realizzare una memoria che prenda in considerazione i comportamenti di Telecom Italia sui mercati così come sono stati visti e vissuti dai suoi competitor nel settore dell’accesso ad internet e, soprattutto, nel mercato della banda larga. Paolo Nuti, presidente di AIIP, ha spiegato che il documento che si intende realizzare punterà a riassumere “le innumerevoli vicende riguardanti l’ex monopolista e tutte le denunce presentate finora, alcune delle quali hanno portato a sanzioni nei confronti di Telecom”.

Per quanto riguarda l’ADSL, AIIP ancora una volta torna a battere sulle tariffe all’ingrosso, quelle che Telecom Italia pratica ai provider intenzionati a rivendere ADSL ai propri clienti. Tariffe che vengono descritte come “contenute” ma che secondo AIIP, invece, rimangono fortemente penalizzanti per i provider sul piano delle ripartizioni di costo per le offerte ADSL tarate sulle diverse “velocità” del broad band.

I provider hanno anche intenzione di sottolineare come gli impegni presi da Telecom Italia con l’Autorità TLC in materia di separazione contabile di tutte le attività legate alla fornitura di servizi internet non sarebbero stati rispettati, se non parzialmente. Una situazione anche questa foriera di difficoltà per i competitor.

Una situazione esplosiva quella per Telecom in questo momento se si considera anche la presa di posizione del Commissario europeo alla Concorrenza, Mario Monti, secondo cui sono uno “sviluppo importante” le indagini aperte dall’Antitrust italiana relative a Telecom.

Quest’ultima fa naturalmente buon viso a cattivo gioco dichiarando che presterà la propria più ampia collaborazione all’Autorità Antitrust.

Non resta che attendere.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E che fare allora a chi ...
    E che fare allora a chi ..... produce armi da sparo?
    • Anonimo scrive:
      Re: E che fare allora a chi ...
      ... a volte siedono sugli scranni di qualche parlamento o stanno nelle segreterie di qualche partito...che ci vuoi fà ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E che fare allora a chi ...
      Ovviamente loro siedono sul sacro trono della rettitudine :pIn un mondo governato dal "dio" denaro(vedi modello americano) chi ha i soldi per "ungere" politici e magistrati puo' fare quello che vuole.
  • Ekleptical scrive:
    Era scontato...
    E' solo un'anteprima di quel che avverrà, se iniziano a essre noti al pubblico i vari Freenet, ES5 et similia.E' del tutto evidente che nessuno stato al mondo, sia democratico che non, può tollerare zone d'ombra totalmente fuori controllo su cui si possano fare le peggiori cose tecnologicamente possibili col mezzo senza poter essere beccati in nessun modo.E' come partecipare alle manifestazioni di pizza incappucciati! Non si può!La democrazia si differenzia dalle dittuature proprio perchè non c'è bisogno del cappuccio! Se hai il cappuccio vuol dire che hai ben altre intenzioni, al di là di manifestare le tue opinioni (vedi black block).
    • Anonimo scrive:
      Re: Era scontato...
      - Scritto da: Ekleptical
      E' solo un'anteprima di quel che avverrà, se
      iniziano a essre noti al pubblico i vari
      Freenet, ES5 et similia.
      E' del tutto evidente che nessuno stato al
      mondo, sia democratico che non, può
      tollerare zone d'ombra totalmente fuori
      controllo su cui si possano fare le peggiori
      cose tecnologicamente possibili col mezzo
      senza poter essere beccati in nessun modo.

      E' come partecipare alle manifestazioni di
      pizza incappucciati! Non si può!

      La democrazia si differenzia dalle
      dittuature proprio perchè non c'è bisogno
      del cappuccio! Se hai il cappuccio vuol dire
      che hai ben altre intenzioni, al di là di
      manifestare le tue opinioni (vedi black
      block).Democrazia in internet significa che gli utenti internet decidono cosa è giusto. Al giorno d'oggi chi legifera per gli utenti internet non è competente ed è esterno ad internet.Quindi le leggi sul controllo sono comprensibili (da un puno di vista utilitaristicopolitoco/sociale/economico) ma sono sbagliate, perchè vengono dalle persone sbagliate.Quesa non è una democrazia, quindi può servire il cappuccio, anche se è pericoloso.Se hai il cappuccio significa che non ti va di diventare un martire.Ci sono anche i black block, ma se non si comincia a venire a patti, mi sembrano il male minore.
      • Anonimo scrive:
        Re: Era scontato...

        Democrazia in internet significa che gli
        utenti internet decidono cosa è giusto. Al
        giorno d'oggi chi legifera per gli utenti
        internet non è competente ed è esterno ad
        internet.
        Quindi le leggi sul controllo sono
        comprensibili (da un puno di vista
        utilitaristicopolitoco/sociale/economico) ma
        sono sbagliate, perchè vengono dalle persone
        sbagliate.Guarda che il cyberspazio esiste solo nelle novelle di Gibson... Internet non e' una realta' alternativa, e' uno strumento che si colloca nella realta' "normale", che e' governata con gli strumenti e nelle forme che conosciamo .
        Quesa non è una democrazia, quindi può
        servire il cappuccio, anche se è pericoloso.
        Se hai il cappuccio significa che non ti va
        di diventare un martire.Il che, dal punto di vista della personale assiologia, la dice lunga su quale sia il peso che si da' ai pretesi diritti per cui si combatte.
        Ci sono anche i black block, ma se non si
        comincia a venire a patti, mi sembrano il
        male minore.De gustibus...Gianluca
        • Anonimo scrive:
          Re: Era scontato...

          Guarda che il cyberspazio esiste solo nelle
          novelle di Gibson... Internet non e' una
          realta' alternativa, e' uno strumento che si
          colloca nella realta' "normale", che e'
          governata con gli strumenti e nelle forme
          che conosciamo .Gibson mi sembra abbastanza poco adatto come parallelo (l'hai scelto apposta?).A pare poi il fatto che per alcune (molte?) persone Internet E' una realtà alternativa.......ma anche tralasciando questo...Gli strumenti...senz'altro, le forme...se ne può discutere.Le persone...NO. Le persone che si occupano di legiferare su internet dovrebbero essere preparate, per esperienza diretta e prolungata.

          Se hai il cappuccio significa che non ti
          va

          di diventare un martire.
          Il che, dal punto di vista della personale
          assiologia, la dice lunga su quale sia il
          peso che si da' ai pretesi diritti per cui
          si combatte.Il che la dice lunga sul fatto che gli internettari non sono fanatici (personale assiologia :-D)

          Ci sono anche i black block, ma se non si

          comincia a venire a patti, mi sembrano il

          male minore.
          De gustibus...Senz'altro, ognuno ha l'etica che si merita
      • Ekleptical scrive:
        Re: Era scontato...

        Democrazia in internet significa che gli
        utenti internet decidono cosa è giusto.Non mi risulta esista uno stato chiamato Internet. Non mi pare ci sia la bandiera all'ONU. E gli stati no si creano dall'oggi al domani a piacimento. Se no il mio appartamento da oggi è Stato Ekelptical e non pago più le tasse! :P
        • Anonimo scrive:
          Re: Era scontato...

          Non mi risulta esista uno stato chiamato
          Internet. Non c'è, ma questo non significa che non sarebbe giusto.Internet mi sembra molto più simile ad uno stato che ad un media.Non è che ciò che esiste sia per forza ciò che è giusto.
          Se no il mio
          appartamento da oggi è Stato Ekelptical e
          non pago più le tasse! :PSe ci riesci....io non vengo certo a romperti le scatole :PE comunque il paragone non calza. Qui non si parla di 1 persona, ma di milioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Era scontato...
      - Scritto da: Ekleptical
      E' solo un'anteprima di quel che avverrà, se
      iniziano a essre noti al pubblico i vari
      Freenet, ES5 et similia.
      E' del tutto evidente che nessuno stato al
      mondo, sia democratico che non, può
      tollerare zone d'ombra totalmente fuori
      controllofino a qui è giusto
      su cui si possano fare le peggiori
      cose tecnologicamente possibilicosa vuoi che se ne freghino, se ne fregano solo che la gente non deve uscire dallo schema che le vuole docili pecore obbedienti e possibilmente profumatamente paganti in cambio di cacca. Non può accedere alla cultura liberamente, questo dà fastidio.
      • Ekleptical scrive:
        Re: Era scontato...

        cambio di cacca. Non può accedere alla
        cultura liberamente, questo dà fastidio.La piantiamo con questa scemenza della cultura accessibile liberamente?La cultura che non è accssibile pubblicamente non lo è perchè l'autore NON vuole che sia così, se no la darebbe via gratis!Cosa vuoi, espropriargliela?
        • Anonimo scrive:
          Re: Era scontato...

          Cosa vuoi, espropriargliela? Se posso farlo senza fagli dei danni si.Che il p2p faccia dei danni agli artisti è ancora tutto da dimostrare, qualsiasi osa dicano gli artisti stessi, per non parlare delle multinazionali
    • Anonimo scrive:
      Re: Era scontato...
      - Scritto da: Ekleptical
      E' del tutto evidente che nessuno stato al
      mondo, sia democratico che non, può
      tollerare zone d'ombra totalmente fuori
      controllo su cui si possano fare le peggiori
      cose tecnologicamente possibili col mezzo
      senza poter essere beccati in nessun modo.
      A no? E le poste allora?
    • Anonimo scrive:
      Re: Era scontato...
      - Scritto da: Ekleptical

      E' come partecipare alle manifestazioni di
      pizza incappucciati! Non si può!
      E perchè ? Che male c'è andarsi a mangiare una pizza incappucciati ?
      La democrazia si differenzia dalle
      dittuature proprio perchè non c'è bisogno
      del cappuccio! Se hai il cappuccio vuol dire
      che hai ben altre intenzioni, al di là di
      manifestare le tue opinioni (vedi black
      block).Che bello. Se arriva la Polizia in casa senza mandato io devo aprire volentieri e farli entrare tutti e permettere che mi perquisiscano la casa. Se non lo faccio significa che ho qualcosa da nascondere, che so, armi e droga. E se vedo che si infilano il guanto di gomma per una ispezione anale, io mi devo aprire volentieri senza battere ciglio perchè se non lo faccio prontamente senz'altro avrò qualcosa da nascondere, magari degli ovuli di cocaina infilati su per il retto. E invece, grazie a Dio, non è così. Esistono degli strani affari che si chiamano "diritti", si si credetemi esistono. Sembrerà incredibile ma per fare una perquisizione occorre un mandato. Ho anche diritto di dichiarare che ho un server FTP e dichiaro che su ci sono le foto delle vacanze, ma tu non puoi sapere se è così, devi fidarti. Non ho software illegale, solo FTP o SFTP che anche le aziende usano. La RIIA ha il "diritto" di reclamare le tasse ma io ho il diritto di denunciare chiunque tenti di introdursi illegalmente nel mio server. Vorrei ricordare, e concludo, che le leggi non sono solo dalla parte dei discografici, tutelano anche noi. sgang
      • Anonimo scrive:
        Re: Era scontato...
        ahah hai proprio ragione :DSe continua cosi' dovremo comprarci tutti un tubetto di vaselina per le ispezioni anali :p
  • Anonimo scrive:
    è COMUNQUE illegale??
    1) ma non si era stabilito che il p2p era LEGALE, ed era illegale la condivisione di materiali coperti da copyright?Questo quà mi dice cheè illegale il solo fatto di usarli?2) se "chi ha qualcosa da nascondere allora è un criminale della peggior specie", evidentemente considerano la C.I.A. come noialtri consideriamo il S.I.S.D.E. ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: è COMUNQUE illegale??
      - Scritto da: Anonimo
      1) ma non si era stabilito che il p2p era
      LEGALE, ed era illegale la condivisione di
      materiali coperti da copyright?
      Questo quà mi dice cheè illegale il solo
      fatto di usarli?Francamente credo che se portaro il caso in corte suprema avrebbero grossi problemi (il primo emendaamento)La cosa migliore di questa sentenza è comunque che rende illegale (chissà se se ne sono accorti) il CSS.Il contenetuto copyrigth c'è ... la crittografia pure... quindi il CSS è illegale.... non fa una grinza! :-D

      2) se "chi ha qualcosa da nascondere allora
      è un criminale della peggior specie",
      evidentemente considerano la C.I.A. come
      noialtri consideriamo il S.I.S.D.E. ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: è COMUNQUE illegale??
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        1) ma non si era stabilito che il p2p era

        LEGALE, ed era illegale la condivisione di

        materiali coperti da copyright?

        Questo quà mi dice cheè illegale il solo

        fatto di usarli?

        Francamente credo che se portaro il caso in
        corte suprema avrebbero grossi problemi (il
        primo emendaamento)

        La cosa migliore di questa sentenza è
        comunque che rende illegale (chissà se se ne
        sono accorti) il CSS.

        Il contenetuto copyrigth c'è ... la
        crittografia pure... quindi il CSS è
        illegale.... non fa una grinza! :-D




        2) se "chi ha qualcosa da nascondere
        allora

        è un criminale della peggior specie",

        evidentemente considerano la C.I.A. come

        noialtri consideriamo il S.I.S.D.E. ;)forse dovreste rileggere bene, i giudici hanno solo detto che è illegale trasmettere materiale protetto da copyright cifrandolo e permere la cifratura non esime il produtture o chi gestisce il software da responsabilità, non basta dire io non so cosa passa perchè cifrato per togliersi ogni responsabilità coem speravano alcuni ma di fatto permettere di nasconder ei crimini con la cifratura non è comunque legale. il p2p resta legale per gli usi legali coem pure la cifratura. leggete bene
        • Anonimo scrive:
          Re: è COMUNQUE illegale??

          forse dovreste rileggere bene, i giudici
          hanno solo detto che è illegale trasmettere
          materiale protetto da copyright cifrandolo e
          permere la cifratura non esime il produtture
          o chi gestisce il software da
          responsabilità, non basta dire io non so
          cosa passa perchè cifrato per togliersi ogni
          responsabilità coem speravano alcuni ma di
          fatto permettere di nasconder ei crimini con
          la cifratura non è comunque legale. il p2p
          resta legale per gli usi legali coem pure la
          cifratura. leggete beneSulla base della tua spiegazione io capisco che, se produco un software di condivisione file che comunica su canali criptati, sono responsabile, in quanto _produttore_, di quello che scambiano gli utenti?O forse se io sono il _gestore_ di un sistema di condivisione di file sono _comunque_ responsabile di quello che viene condiviso nel mio sistema anche se le comunicazioni sono criptate?Ingenuo 2001
        • Anonimo scrive:
          Re: è COMUNQUE illegale??
          si ma su reti come freenet non sai in un determinato momento DOVE risiede fisicamente il contenuto in questione, quindi chi accusi?
          • Anonimo scrive:
            Re: è COMUNQUE illegale??
            - Scritto da: Anonimo
            si ma su reti come freenet non sai in un
            determinato momento DOVE risiede fisicamente
            il contenuto in questione, quindi chi
            accusi?Tutti.O meglio, tutti quelli che mi fa comodo accusare.Ingenuo 2001
  • Anonimo scrive:
    si ma...
    se e' cifrato come fai a dimostrare che e' usato per condividere contenuti illegali??
  • Anonimo scrive:
    spedite
    Un consiglio x gli americani.....1. scrivete su un bel foglio il testo di una canzone (ovviamenteprotetto da copyright)2. inviatelo per posta alla 7ma Corte d'Appello del Tribunale di Chicago.......3. autodenunciatevi ovviamente chiedendo che anche tutti i dipendenti della posta che hanno toccato o visto passare la lettera siano messi sotto processo....chiedete anche il sequestro di tutte le attrezzature che hanno trattato la vostra lettera....adesso che ci penso....e chi ha consegnato le lettere all'antrace ??tutti in galera!!!!!!!gpl
  • Anonimo scrive:
    Addio Omerta' :D
    "Chi, sapendo o sospettando fortemente di essere coinvolto in traffici oscuri, si adopera per assicurarsi di non sapere esattamente la natura o la tipologia di questi traffici, si ritiene abbia intenti criminosi". Se ci fosse in Italia, stando a quello che si vede in TV, interi paesi sarebbero incriminati.
  • Anonimo scrive:
    Difesa Betamax e Beretta
    Ok, dunque vediamo se ho capitoLa difesa Betamax non funziona più, ovveroPRIMA potevo dire che siccome lo strumento/sistema serviva anche per cose legali, e quindi non esplicitamente per cose illegali allora non è perseguibile il produttore ma l'utilizzatore, nel caso quel prodotto sia usato per delinquereORA... pare non si possa più usare questa difesa...Ma allora, mi chiedo io...1) La difesa Betamax non si poteva applicare a masterizzatori e CD contro la EUCD?2) Se la difesa Betamax non funziona più come faranno Beretta, Smith&Wesson e produttori di armi a non essere considerate corresonsabili degli omicici?3) Perchè allora non vengono denunciati anche tutti i produttori di impianti stereo che consentono di registrare da nastro o CD?E poi... tornando alla EUCD... si tassano TUTTI gli utenti perche ALCUNI delinquono... come una multa generalizzata e condivisa tra tutti...Vuol dire che prima o poi tutti i possessori di una pistola si faranno 1 giorno di galera a testa per pareggiare i conti con gli omicidi che rimangono impuniti?La le leggi non dovevano basarsi su principi validi universalmente??? Andrea Monti! dove sei?Marco
    • Anonimo scrive:
      Re: Difesa Betamax e Beretta
      - Scritto da: Anonimo
      1) La difesa Betamax non si poteva applicare
      a masterizzatori e CD contro la EUCD?
      2) Se la difesa Betamax non funziona più
      come faranno Beretta, Smith&Wesson e
      produttori di armi a non essere considerate
      corresonsabili degli omicici?
      3) Perchè allora non vengono denunciati
      anche tutti i produttori di impianti stereo
      che consentono di registrare da nastro o CD?Hai ragione da vendere, ma sai, ai potenti non frega nulla se tu ammazzi, violenti, rapini... gli frega solo se gli intacchi i loro ricchi portafogli.
  • Salvatopo scrive:
    Mha (perplessità e dubbio).
    Esattamente i sentimenti che provo in questo momento.Al che ho voluto verificare e mi sono installato 2 SW P2P e...c'è il MONDO !!!Questi allarmismi della RIAA non fanno altro che aumentare il desiderio di sharing delle persone.Infatti mi sono scaricato 5 film da quando si parla così tanto di vietare il P2P ecc... Erano film che avevo visto a cinema e mi erano piaciuti, quindi me li sono rivisti.E alla facciaccia loro.Scusate, so che è illegale, ma 3 giorni fa ho speso 30? per un DVD (in offerta) di un concerto di 16 anni fa e mi sento un tantinello derubato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mha (perplessità e dubbio).
      Non penso che qualcuno ti abbia puntato una pistla alla tempia minacciandoti se non lo avessi comprato...potevo lasciarlo dov'era quel DVD- Scritto da: Salvatopo
      Esattamente i sentimenti che provo in questo
      momento.
      Al che ho voluto verificare e mi sono
      installato 2 SW P2P e...
      c'è il MONDO !!!
      Questi allarmismi della RIAA non fanno altro
      che aumentare il desiderio di sharing delle
      persone.
      Infatti mi sono scaricato 5 film da quando
      si parla così tanto di vietare il P2P ecc...

      Erano film che avevo visto a cinema e mi
      erano piaciuti, quindi me li sono rivisti.
      E alla facciaccia loro.
      Scusate, so che è illegale, ma 3 giorni fa
      ho speso 30? per un DVD (in offerta) di un
      concerto di 16 anni fa e mi sento un
      tantinello derubato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mha (perplessità e dubbio).
        Volevo dire: POTEVI lasciarlo dov'era quel dvd...- Scritto da: Anonimo
        Non penso che qualcuno ti abbia puntato una
        pistla alla tempia minacciandoti se non lo
        avessi comprato...potevo lasciarlo dov'era
        quel DVD


        - Scritto da: Salvatopo

        Esattamente i sentimenti che provo in
        questo

        momento.

        Al che ho voluto verificare e mi sono

        installato 2 SW P2P e...

        c'è il MONDO !!!

        Questi allarmismi della RIAA non fanno
        altro

        che aumentare il desiderio di sharing
        delle

        persone.

        Infatti mi sono scaricato 5 film da quando

        si parla così tanto di vietare il P2P
        ecc...



        Erano film che avevo visto a cinema e mi

        erano piaciuti, quindi me li sono rivisti.

        E alla facciaccia loro.

        Scusate, so che è illegale, ma 3 giorni fa

        ho speso 30? per un DVD (in offerta) di un

        concerto di 16 anni fa e mi sento un

        tantinello derubato.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mha (perplessità e dubbio).
          ci risiamo..e dove sta scritto che la cultura dev'essere un bene solo di pochi?
        • Anonimo scrive:
          Re: Mha (perplessità e dubbio).
          - Scritto da: Anonimo
          Volevo dire: POTEVI lasciarlo dov'era quel
          dvd...


          - Scritto da: Anonimo

          Non penso che qualcuno ti abbia puntato
          una

          pistla alla tempia minacciandoti se non lo

          avessi comprato...potevo lasciarlo dov'era

          quel DVD





          - Scritto da: Salvatopo


          Esattamente i sentimenti che provo in

          questo


          momento.


          Al che ho voluto verificare e mi sono


          installato 2 SW P2P e...


          c'è il MONDO !!!


          Questi allarmismi della RIAA non fanno

          altro


          che aumentare il desiderio di sharing

          delle


          persone.


          Infatti mi sono scaricato 5 film da
          quando


          si parla così tanto di vietare il P2P

          ecc...





          Erano film che avevo visto a cinema e
          mi


          erano piaciuti, quindi me li sono
          rivisti.


          E alla facciaccia loro.


          Scusate, so che è illegale, ma 3
          giorni fa


          ho speso 30? per un DVD (in offerta)
          di un


          concerto di 16 anni fa e mi sento un


          tantinello derubato.Ci risiamo!Io francamente sono stufo di queste argomentazioni!Se si scorre questo forum e i precedenti sul P2P è facilissimo scoprire che tutti quelli che fanno p2p sono generalmente come l'amico "salvatopo".Cioè la gan parte di queste persone finisce col comprare DVD o CD.Francamente mi pare che sostenere che "salvatopo" e gli altri come lui rovinanano il mercato mi pare un paradosso.Anzi io sospetto fortemente che i "salvatopi" siano di fatto i migliori clienti delle majors!Probabilmente scambiano i files di roba che forse non comprerebbero mai (un po come se fossero "trailers") poi alla fine se qualcosa gli interessa realmente magari la comprano magari anche a caro (30 euro) prezzo!Personalmente io invece sono un pessimo cliente (non compro praticamente quasi mai nulla) non faccio P2P (mi interessa solo il fenomeno sociale) ma sono un cliente che le major potrebbero definire "onesto".Nella pratica però il risultato è che i clienti come me non danno una lira e i clienti come salvatopo spendono fior di quattrini!Secondo voi per le majors sono un cliente migliore io o salvatopo?Se questo è vero (come credo che sia nella stragrande maggioranza dei casi) il p2p potrebbe essere addirittura considerato un "veicolo promozionale".... so che sembra assurdo ma non è distante dalla realtà.Il punto vero è che dietro alla battaglia c'è qualcosa di più.Non è vero che il p2p porta un danno economico diretto.E' invece vero che il p2p e in generale l'elettronica (in particolar modo quella digitale) ribaltano e mettono in discussione il modi di fruire dei "contents" cioè uno (pochi) fanno contents e gli altri (passivi) ne fruiscono.Il modello nuovo è invece quello dove tutti sono produttori di contents "films compilations registrazioni di sopettacoli e via dicendo" e si scambiano questi contents...Il vero pericolo (per loro) sta qui.. nella perdita di controllo della comunicazione e nel definitivo tramonto del modello di business che hanno tradizionalmente usato....Pensateci!
          • Anonimo scrive:
            Re: Mha (perplessità e dubbio).
            Ma se ci pensiamo un attimo questi discorsi vengono ripetuti ormai da mesi.....ok il p2p è illegale ma perchè al posto di continuare a fare leggi scontate su un fenomeno dilagante e di sicuro inarrestabile nn fanno davvero qualcosa di concreto e cioè magari anche solo abbassare l'iva sui cd visto che ormai è una vita che ne parlano????? Senza contare poi che nell'ultimo trimestre le vendite di cd e di DVD sono aumentate!!!!!! Non li fermeranno mai secondo me e sinceramente continuando così stanno attirando anche le persone che con il p2p nn ha mai avuto niente a che fare.....che tristezza che sono ^_^
    • Anonimo scrive:
      Si scrive Mah... non Mha
      ingozzo alla sola idea di pronunciare "Mha" ;)
  • Anonimo scrive:
    Waste: il p2p sicuro
    http://waste.altervista.org/phpBB2/index.phphttp://www.wasteitalia.tk
    • Anonimo scrive:
      Re: Waste: il p2p sicuro
      - Scritto da: Anonimo
      http://waste.altervista.org/phpBB2/index.php
      http://www.wasteitalia.tkSicuro un tubo, se si infiltra uno della RIAA e tu gli dai la chiave, ti sgama con le mani nel sacco...
      • Anonimo scrive:
        Re: Waste: il p2p sicuro
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo


        http://waste.altervista.org/phpBB2/index.php

        http://www.wasteitalia.tk

        Sicuro un tubo, se si infiltra uno della
        RIAA e tu gli dai la chiave, ti sgama con le
        mani nel sacco...beh, io lo uso tra i miei amici e funziona 100 volte meglio di un server ftp!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Waste: il p2p sicuro
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo





          http://waste.altervista.org/phpBB2/index.php


          http://www.wasteitalia.tk



          Sicuro un tubo, se si infiltra uno della

          RIAA e tu gli dai la chiave, ti sgama con
          le

          mani nel sacco...
          beh, io lo uso tra i miei amici e funziona
          100 volte meglio di un server ftp!!!Per chattare e scambiarsi file tra amici e' veramente eccellente, anch'io lo uso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Waste: il p2p sicuro

          beh, io lo uso tra i miei amici e funziona
          100 volte meglio di un server ftp!!!Ciao, l'ho scaricato e mi piacerebbe provarlo,se ho capito bene per usarlo ho bisogno di unachiave, dove la trovo?Grazie!
          • Anonimo scrive:
            Re: Waste: il p2p sicuro
            - Scritto da: Anonimo

            beh, io lo uso tra i miei amici e funziona

            100 volte meglio di un server ftp!!!

            Ciao, l'ho scaricato e mi piacerebbe
            provarlo,
            se ho capito bene per usarlo ho bisogno di
            una
            chiave, dove la trovo?No, hai bisogno di qualcuno con cui comunicare (un gruppo di amici) con il quale scambiarsi le rispettive chiavi pubbliche che vengono create all'installazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Waste: il p2p sicuro
        - Scritto da: Anonimo
        Sicuro un tubo, se si infiltra uno della
        RIAA e tu gli dai la chiave, ti sgama con le
        mani nel sacco...Infiltra ?Se scambio le chiavi pubbliche solo con gente che conosco... 8)
  • Anonimo scrive:
    Nuove guerre
    Se si continua di questo passo, in un futuro non molto lontano, oltre che per il petrolio, per la religione, per la razza, si combatterà anche per l'informazione e il sapere. Giorno dopo giorno ogni libertà di espressione viene in qualche modo sempre più repressa, cercando di lasciare opportunamente "visibile" solo ciò che si ritienga necessario e non pericoloso. Tutto questo mi incute un tremendo senso di smarrimento; dopo secoli di storia, dove la cultura è sempre stata considerata una nicchia per pochi, e dopo tremendi sacrifici spesso pagati a caro prezzo, anche con la vita, proprio nel momento in cui essa è diventata accessibile ad una stragrande maggioranza di persone nel mondo, si cerca con nuovi strumenti, ma con lo stesso fine di sempre, di occultarla. E non importa se si tratta di mp3, film, ricette di cucina, poesie personali, l'importante è che tutto sia controllato e rigorosamente monitorato, tracciato.Io spero vivamente di sbagliarmi e che un giorno, pensando a quello che ho appena scritto, possa dire:" ok è stato solo un brutto momento, ma è passato" ....SestoSenso
    • Anonimo scrive:
      Re: Nuove guerre........................
      - Scritto da: Anonimo
      Se si continua di questo passo, in un futuro
      non molto lontano, oltre che per il
      petrolio, per la religione, per la razza, si
      combatterà anche per l'informazione e il
      sapere. Giorno dopo giorno ogni libertà di
      espressione viene in qualche modo sempre più
      repressa, cercando di lasciare
      opportunamente "visibile" solo ciò che si
      ritienga necessario e non pericoloso.
      Tutto questo mi incute un tremendo senso di
      smarrimento; dopo secoli di storia, dove la
      cultura è sempre stata considerata una
      nicchia per pochi, e dopo tremendi sacrifici
      spesso pagati a caro prezzo, anche con la
      vita, proprio nel momento in cui essa è
      diventata accessibile ad una stragrande
      maggioranza di persone nel mondo, si cerca
      con nuovi strumenti, ma con lo stesso fine
      di sempre, di occultarla. E non importa se
      si tratta di mp3, film, ricette di cucina,
      poesie personali, l'importante è che tutto
      sia controllato e rigorosamente monitorato,
      tracciato.
      Io spero vivamente di sbagliarmi e che un
      giorno, pensando a quello che ho appena
      scritto, possa dire:" ok è stato solo un
      brutto momento, ma è passato" ....

      SestoSensoPurtroppo credo che un giorno succederà cosa hai appena detto!Cybernostradamus
    • Anonimo scrive:
      Re: Nuove guerre
      - Scritto da: Anonimo
      Se si continua di questo passo, in un futuro
      non molto lontano, oltre che per il
      petrolio, per la religione, per la razza, si
      combatterà anche per l'informazione e il
      sapere. Giorno dopo giorno ogni libertà di
      espressione viene in qualche modo sempre più
      repressa, cercando di lasciareNon usare temi importanti come alibi per poter sgarffignare qualche mp3 ogni tanto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nuove guerre
      - Scritto da: Anonimo
      Se si continua di questo passo, in un futuro
      non molto lontano, oltre che per il
      petrolio, per la religione, per la razza, si
      combatterà anche per l'informazione e il
      sapere. Giorno dopo giorno ogni libertà di
      espressione viene in qualche modo sempre più
      repressa, cercando di lasciare
      opportunamente "visibile" solo ciò che si
      ritienga necessario e non pericoloso.
      Tutto questo mi incute un tremendo senso di
      smarrimento; dopo secoli di storia, dove la
      cultura è sempre stata considerata una
      nicchia per pochi, e dopo tremendi sacrifici
      spesso pagati a caro prezzo, anche con la
      vita, proprio nel momento in cui essa è
      diventata accessibile ad una stragrande
      maggioranza di persone nel mondo, si cerca
      con nuovi strumenti, ma con lo stesso fine
      di sempre, di occultarla. E non importa se
      si tratta di mp3, film, ricette di cucina,
      poesie personali, l'importante è che tutto
      sia controllato e rigorosamente monitorato,
      tracciato.
      Io spero vivamente di sbagliarmi e che un
      giorno, pensando a quello che ho appena
      scritto, possa dire:" ok è stato solo un
      brutto momento, ma è passato" ....

      SestoSensoNon è scomodando parole grosse quali libertà che la attività del 99% dei P2Pisti risulti più nobile....sempre di furto si tratta...Seguendo il Tuo ragionamento, se tu lasci aperta la porta di casa, e io vengo a rubare, se io ladro vengo preso dovrei addirittura essere pervaso da un senso di smarrimento per la mia negata libertà di circolazione?...ma per favore...
      • NeutrinoPesante scrive:
        Re: Nuove guerre
        - Scritto da: Anonimo


        Seguendo il Tuo ragionamento, se tu lasci
        aperta la porta di casa, e io vengo a
        rubare, se io ladro vengo preso dovrei
        addirittura essere pervaso da un senso di
        smarrimento per la mia negata libertà di
        circolazione?

        ...ma per favore...No, a quanto pare le analogie non sono il tuo forte.Un'analogia piu' corretta sarebbe questa: tu lasci aperta la porta di casa, io entro in casa tua e "fotografo" un tuo oggetto (per esempio il tuo computer) con uno speciale aggeggio che poi mi permette di clonarlo a casa mia.Quindi io mi sono fatto gratis una copia del computer che tu invece hai pagato.(Ovviamente la cosa e' del tutto ipotetica, perche' per motivi teorici legati alla meccanica quantistica non saremo mai in grado di clonare atomo per atomo un oggetto macroscopico ;-) )Quella che verrebbe negata sarebbe quindi la liberta' di clonare (gratis) oggetti altrui, non quella di rubarli (cioe' di sottrarli al legittimo proprietario).Tornando alla realta', come vedi i termini del problema sono decisamente differenti, perche' bit e atomi hanno proprieta' molto diverse in fatto di clonabilita' :-)Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove guerre
          Grande Esempio!
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove guerre
          Te l'ha mai detto nessuno che sei un Grande?;)
          No, a quanto pare le analogie non sono il
          tuo forte.

          Un'analogia piu' corretta sarebbe questa: tu
          lasci aperta la porta di casa, io entro in
          casa tua e "fotografo" un tuo oggetto (per
          esempio il tuo computer) con uno speciale
          aggeggio che poi mi permette di clonarlo a
          casa mia.

          Quindi io mi sono fatto gratis una copia del
          computer che tu invece hai pagato.

          (Ovviamente la cosa e' del tutto ipotetica,
          perche' per motivi teorici legati alla
          meccanica quantistica non saremo mai in
          grado di clonare atomo per atomo un oggetto
          macroscopico ;-) )

          Quella che verrebbe negata sarebbe quindi la
          liberta' di clonare (gratis) oggetti altrui,
          non quella di rubarli (cioe' di sottrarli al
          legittimo proprietario).

          Tornando alla realta', come vedi i termini
          del problema sono decisamente differenti,
          perche' bit e atomi hanno proprieta' molto
          diverse in fatto di clonabilita' :-)

          Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove guerre
          Wow!Se si potesse clonare la materia allora non avrebbe più senso parlare di "ricchezza" e "povertà". Chiunque potrebbe clonarsi il cibo di cui ha bisogno, la benza per l'automobile, l'auto stessa (una Ferrari?) una megavilla con piscina.... si potrebbe abolire il denaro (e che te ne fai? non c'è più bisogno di comprare il necessario, te lo cloni!), e quindi il lavoro... ma le idee? Cloni pure quelle? Certo nessuno diventa più ricco o più povero per questo in uno scenario del genere... magari non essendoci più bisogno di lavorare gli umani si dedicherebbero unicamente all'arte, alla letteratura, alla scienza e alla creatività in ogni sua forma....Che figata!!!!!!!!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Nuove guerre
        Come avevo immaginato e ben sapevo, gli pseudo-tutori dell'ordine digitale sono puntualmente comparsi, questo a dimostrazione che quando si tratta di qualche argomento che va a toccare da vicino i propri interessi sono pronti a sfoderare le spade nel nome della legalità e del diritto.
        Non è scomodando parole grosse quali libertà
        che la attività del 99% dei P2Pisti risulti
        più nobile.

        ...sempre di furto si tratta...
        Ma nel mio post non ho VOLUTAMENTE parlato di P2P, tanto se ne discute e discuterà ancora per molto, a torto o ragione che sia, non sono/sarò mica io solo a poter giudicare o a sentenziare su questo argomento.
        Seguendo il Tuo ragionamento, se tu lasci
        aperta la porta di casa, e io vengo a
        rubare, se io ladro vengo preso dovrei
        addirittura essere pervaso da un senso di
        smarrimento per la mia negata libertà di
        circolazione?

        ...ma per favore...Seguendo il tuo ragionamento invece, cosa dovremmo fare? Mettere in bacheca ben visibile a tutti i nostri dati cosidetti "sensibili" ? Una bella lista con i propri dati personali, codice fiscale, gruppo sanguigno, il n. di c/c, il pin del bancomat, della sim del cellulare, la cartella clinica, etc etc... in bella mostra alla mercè di tutti ?... (tanto sanno tutto comunque)ma fammi tu il favore...Sembra una grossa utopia ma non lo è. Ormai non ci è rimasto più nulla di veramente personale, purtroppo.Riflettete, ammesso che ci riusciate, almeno per una volta senza pensare ai vostri fo**u*i interessi economici...SestoSenso
        • Anonimo scrive:
          Re: Nuove guerre
          ..]

          Seguendo il Tuo ragionamento, se tu lasci

          aperta la porta di casa, e io vengo a

          rubare, se io ladro vengo preso dovrei

          addirittura essere pervaso da un senso di

          smarrimento per la mia negata libertà di

          circolazione?



          ...ma per favore...

          Seguendo il tuo ragionamento invece, cosa
          dovremmo fare?
          Mettere in bacheca ben visibile a tutti i
          nostri dati cosidetti "sensibili" ? Una
          bella lista con i propri dati personali,
          codice fiscale, gruppo sanguigno, il n. di
          c/c, il pin del bancomat, della sim del
          cellulare, la cartella clinica, etc etc...
          in bella mostra alla mercè di tutti ?...
          (tanto sanno tutto comunque)
          ma fammi tu il favore...E questo cosa c'entra con sopra?Secondo me sei partito per la tangente
          Sembra una grossa utopia ma non lo è. Ormai
          non ci è rimasto più nulla di veramente
          personale, purtroppo.
          Riflettete, ammesso che ci riusciate, almeno
          per una volta senza pensare ai vostri
          fo**u*i interessi economici...Ok, sei partito per la tangente con l'ennesimo delirio
          SestoSensoAdesso ho capito dal nick!!!! ...hai scritto una risposta ad un post che hai pensato potesse arrivare, ma non è ancora arrivato....
      • Anonimo scrive:
        Re: Nuove guerre

        Non è scomodando parole grosse quali libertà
        che la attività del 99% dei P2Pisti risulti
        più nobile.

        ...sempre di furto si tratta...

        Seguendo il Tuo ragionamento, se tu lasci
        aperta la porta di casa, e io vengo a
        rubare, se io ladro vengo preso dovrei
        addirittura essere pervaso da un senso di
        smarrimento per la mia negata libertà di
        circolazione?

        ...ma per favore...Il paragone è veramente del c..o...... comunque mettiamo che fosse così.....lasci la porta di casa aperta..... entra uno.....gli dai una palata......e poi vedi in tribunale se hai ragione tu o lui.....fai questa prova.....
  • Anonimo scrive:
    Ribatto su un punto già espresso...
    ...omissis...si adopera per assicurarsi di non sapere esattamente la natura o la tipologia di questi traffici, si ritiene abbia intenti criminosi...omississ...In effetti Freenet è studiata apposta, se non erro, affinché chi gestisce un nodo non sappia esattamente la natura o la tipologia di ciò che passa sul suo server...Quindi per la proprietà transitiva delle leggi/sentenze americane che si ribaltano immediatamente sui sudditi europei... appena i nostri parlamentari si sveglieranno una mattina col grillo parlante che dice loro le paroline magiche "Freenet", "PGP".... avremo le bordate di leggi censorie...Ingenuo 2001
    • Anonimo scrive:
      Re: Ribatto su un punto già espresso...
      - Scritto da: Anonimo
      i nostri parlamentari si sveglieranno una
      mattina col grillo parlante che dice loro le
      paroline magiche "Freenet", "PGP".... avremo
      le bordate di leggi censorie...Anche perchè si vota gente che in informatica è plurianalfabeta.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ribatto su un punto già espresso...
        inoltre al momento di sciegliere..ognuno di questi parlamentari deve scegliere fra una legge che protegga diritti umani e una che aiuti il proprio portafogli.....che cosa sceglieranno?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ribatto su un punto già espresso...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo


        i nostri parlamentari si sveglieranno una

        mattina col grillo parlante che dice loro
        le

        paroline magiche "Freenet", "PGP"....
        avremo

        le bordate di leggi censorie...

        Anche perchè si vota gente che in
        informatica è plurianalfabeta.correzzione mi pare che siano plurianalfabeti in "democrazia" più che in informatica!!! purtroppo :'(
  • Anonimo scrive:
    Si metteranno d'accordo
    Vedrete che quelli di Kazaa convinceranno RIAA e soci che si puo' far soldi anche con il peetupee. Chi scarica iniziera' a pagare due lire ma avra' in cambio qualita' e servizio
  • Cavallo GolOso scrive:
    alcuni link a tema: qui
    http://news.google.com/news?num=30&hl=en&edition=usa&q=cluster:albany%2ebizjournals%2ecom%2falbany%2fstories%2f2003%2f06%2f30%2fdaily17%2ehtml
  • Anonimo scrive:
    ottima notizia!
    "La risposta della 7ma Corte d'Appello del Tribunale di Chicago a questa trovata non è certo destinata a porre un freno allo sviluppo dei sistemi basati sull'anonimato e la cifratura sui quali stanno lavorando i sostenitori del libero P2P ma senz'altro renderà la vita più difficile agli avvocati delle aziende che producono il software necessario ad entrare nelle reti di scambio-file."---------------------------------di fatto si mette un freno alle aziende che vedono nel p2p un possibile futuro guadagno a favore di sviluppatori indipendenti (e/o comunità) spesso legati al mondo OPEN.e vai :)
    • Anonimo scrive:
      Re: ottima notizia!
      - Scritto da: Anonimo
      "La risposta della 7ma Corte d'Appello del
      Tribunale di Chicago a questa trovata non è
      certo destinata a porre un freno allo
      sviluppo dei sistemi basati sull'anonimato e
      la cifratura sui quali stanno lavorando i
      sostenitori del libero P2P ma senz'altro
      renderà la vita più difficile agli avvocati
      delle aziende che producono il software
      necessario ad entrare nelle reti di
      scambio-file."

      ---------------------------------

      di fatto si mette un freno alle aziende che
      vedono nel p2p un possibile futuro guadagno
      a favore di sviluppatori indipendenti (e/o
      comunità) spesso legati al mondo OPEN.

      e vai :)
      Non so perchè ma mi viene da essere d'accordo anche a me eheheh! :-D
  • Anonimo scrive:
    Freenet
    A me sembra che questa sentenza dia una mazzata piu' a freenet che ad altri sistemi p2p ... peccato ci facevo un enorme affidamento :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Freenet
      una qualche scappatoia legale ci sarà...fatta la legge...
      • Anonimo scrive:
        Re: Freenet
        - Scritto da: Anonimo
        una qualche scappatoia legale ci sarà...
        fatta la legge...Vi risulta che le sentenze dei tribunali dei singoli stati americani siano adottate automaticamente in tutto il mondo?holacrack
  • Anonimo scrive:
    Hemm.... ma........
    PGP ? GPG ? SCIM ? al momento che vengono utilizzati per criptare e scambiare anche un semplice messaggio che "se cifrato è comunque illegale" di posta non diventano illegali? Cioè, se io mi presto a inoltrare a tizio un messaggio codificato che solo lui può decifrare, ignorando il contenuto, delinquo?Meno male che siamo in Italia.................
    • Needful Things scrive:
      Re: Hemm.... ma........
      - Scritto da: Anonimo
      PGP ? GPG ? SCIM ? al momento che vengono
      utilizzati per criptare e scambiare anche un
      semplice messaggio che "se cifrato è
      comunque illegale" di posta non diventano
      illegali? Cioè, se io mi presto a inoltrare
      a tizio un messaggio codificato che solo lui
      può decifrare, ignorando il contenuto,
      delinquo?

      Meno male che siamo in
      Italia.................fa piacere ogni tanto leggere "meno male che siamo in Italia"....di solito scrivete "purtroppo siamo in Italia"Comunque la risposta alla tua domanda è NO:-)Sei proprio sicuro di non aver capito che illegale è scambiarsi musica coperta da copyright e non lettere d'amore?
      • Anonimo scrive:
        Re: Hemm.... ma........

        fa piacere ogni tanto leggere "meno male che
        siamo in Italia"....di solito scrivete
        "purtroppo siamo in Italia"E a ragione lo scriviamo. Ma quanto credi che ci vorra' perche' qualsiasi menata approvino gli USA venga approvata in EU e quindi in Italia?EUDC Docet...
      • Anonimo scrive:
        Re: Hemm.... ma........

        Comunque la risposta alla tua domanda è NO:-)
        Sei proprio sicuro di non aver capito che
        illegale è scambiarsi musica coperta da
        copyright e non lettere d'amore?eppure, secondo la "difesa betamax" anche usare p2p non è di per sé illegale, anche se cifrato.invece l'articolo ci sta dicendo anche il contrario.per ora pgp non risulta illegale ... ma perché la nostra è una visione che lascia spazio ad una certa (non molta, ma c'è) libertà.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hemm.... ma........
        - Scritto da: Needful Things




        Meno male che siamo in

        Italia.................

        fa piacere ogni tanto leggere "meno male che
        siamo in Italia"....di solito scrivete
        "purtroppo siamo in Italia"E per fortuna non siamo in Francia! Dalla regia mi dicono che in quella caricatura di paese la crittografia sia illegale _di_per_sè_
        Comunque la risposta alla tua domanda è NO:-)
        Sei proprio sicuro di non aver capito che
        illegale è scambiarsi musica coperta da
        copyright e non lettere d'amore?No, l'articolo dice che è illegale realizzare sistemi (anche se crittati) si si ha il forte sospetto che con questi si compiano attività illegali. Insomma, come dire: ma tu PGP lo usi per attività illegali? No? Allora dammi la passphrase, tanto non hai nulla da nascondere.A ben vedere, non è una novità: in Italia ad esempio ci sono norme che vietano di dar da bere a chi è evidentemente in stato di ebrezza, o di affittare appartamenti a chi si sospetta sia un delinquente.Certo, dimostrare che chi ha compiuto queste azioni era a conoscenza di commettere un reato è un altro paio di manche ("Buongiorno, sono uno spacciatore, mi affitta un appartamento?").D'altronde, se si dimostra che si è realizzato uno strumento che potenzialmente può compiere attività illegali, ma che può essere utilizzato anche legalmente, si è a posto.Insomma, c'è ancora una certa confusione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hemm.... ma........
      - Scritto da: Anonimo
      PGP ? GPG ? SCIM ? al momento che vengono
      utilizzati per criptare e scambiare anche un
      semplice messaggio che "se cifrato è
      comunque illegale" di posta non diventano
      illegali? Calma. L'articolo si riferisce al software p2p. Oramai, diciamolo, appena si può, si proibisce. Tutto. E' una bella telenovela.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hemm.... ma........
      - Scritto da: Anonimo
      PGP ? GPG ? SCIM ? al momento che vengono
      utilizzati per criptare e scambiare anche un
      semplice messaggio che "se cifrato è
      comunque illegale" di posta non diventano
      illegali? Cioè, se io mi presto a inoltrare
      a tizio un messaggio codificato che solo lui
      può decifrare, ignorando il contenuto,
      delinquo?

      Meno male che siamo in
      Italia.................in gran bretagna, se non erro (la notizia era su pi di qualche tempo fa) se ti rifiuti di fornire la password del tuo sistema di crittografia, delinqui:)ed è chiaro come l'acqua di sardegna che sono PROPRIO le mail cifrate ad attirare maggior attenzione
  • Anonimo scrive:
    Il P2P se cifrato è comunque illegale
    . . . . e io comunque me ne frego ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
      - Scritto da: Anonimo
      . . . . e io comunque me ne frego ;-).........ce ne freghiamo in due. ;-)Che si impiccino dei fatti loro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
        siamo in 3
        • Locke scrive:
          Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
          - Scritto da: Anonimo

          siamo in 34.... and growing!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            5 e vaii
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            6....potremmo formare un club!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            e con me 8!!!mi sembra di essere tornato al vecchio "chi ama la f**a tiri una riga...." :DStep
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            - Scritto da: Anonimo
            e con me 8!!!9 FREENET RULEZ
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            e con me 8!!!

            9 FREENET RULEZE 10 (non faccio p2p ma moralmente sostengo la cosa!)
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            11
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            dooooodiiiiciiiiiii :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            Cazz mi tocca il 13, percui direi..14!!!!!!!!!!!!!!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            14 bis :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            - Scritto da: Anonimo
            14 bis :-)Quindi direi, QuindiCIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            16 :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            6....potremmo formare un club!!!
            7!!! :DSono un poliziotto.Chiederò a PI i vostri IP (PI e IP, una frase palindroma senza accorgermi, sono un poeta ;) e vi ingabbierò. Così tornerete a zero.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            6....potremmo formare un club!!!

            7!!! :D

            Sono un poliziotto.
            Chiederò a PI i vostri IP (PI e IP, una
            frase palindroma senza accorgermi, sono un
            poeta ;) e vi ingabbierò. Così tornerete a
            zero.Provaci (senza il consenso della magistratura) provaci ti pego!che così ti mando in galera e abbiamo un idiota di meno!anzi sono così eccitato dall'idea che se vuoi ti do io i miei dati e un file da decifrare (con il divieto esplicito di decifrarlo)...e vedrai che 1) non ci riesci e 2) siccome non hai il mio permesso ne quello della magistratura ti mando in galera!contento?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            - Scritto da: Anonimo

            Sono un poliziotto.

            Chiederò a PI i vostri IP (PI e IP, una

            frase palindroma senza accorgermi, sono un

            poeta ;) e vi ingabbierò. Così tornerete a

            zero.

            Provaci (senza il consenso della
            magistratura) provaci ti pego!
            che così ti mando in galera e abbiamo un
            idiota di meno!
            anzi sono così eccitato dall'idea che se
            vuoi ti do io i miei dati e un file da
            decifrare (con il divieto esplicito di
            decifrarlo)...

            e vedrai che 1) non ci riesci e 2) siccome
            non hai il mio permesso ne quello della
            magistratura ti mando in galera!
            contento?Ironia, questa sconosciuta.P.S. L'idiota qui sei tu (oltre che piuttosto stupido, direi). Ah, dammeli i tuoi dati, ma non per arrestarti (colpo di scena: non sono un poliziotto; l'avevano capito tutti, tranne te, data la tua scarsa capacità mentale): per poter venire sotto casa tu e arrivartidue sberle.
        • Ekleptical scrive:
          Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal

          siamo in 3Potete essere anche in 50 milioni, ma vi faccio notare un particolare.Se viene dichiarato illegale non solo il farlo quel software, ma anche il semplice usarlo (probabilissimo), siete fregati tutti e 50 milioni.Vuol dire che se fanno una perquisizione a casa vostra e vi beccano il programma installato, vi beccate una multa, senza se e senza ma!Pensateci! E' il futuro che vi aspetta, se il p2p anonimo prende piede.Per la RIAA è una pacchia infinita! Può anche andare a caso, tanto ha altissime probabilità di azzeccarci!E' il modo migliore per chiudere il p2p in 4 e 4 8!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal
            - Scritto da: Ekleptical
            Potete essere anche in 50 milioni, ma vi
            faccio notare un particolare.

            Se viene dichiarato illegale non solo il
            farlo quel software, ma anche il semplice
            usarlo (probabilissimo), siete fregati tutti
            e 50 milioni.
            Vuol dire che se fanno una perquisizione a
            casa vostra e vi beccano il programma
            installato, vi beccate una multa, senza se e
            senza ma!sì come no... Nessuno dovrebbe sapere come vedere Tele+ e Stream a sbafo con Fastweb, eppure lo sanno tutti. Nessuno dovrebbe avere più Waste, dato che la Nullsoft lo ha ritirato, eppure ce l'hanno tutti. Nessuno dovrebbe avere copie di Windows XP piratate visto il meccanismo di attivazione, eppure ce l'hanno tutti. Devo continuare?
            Pensateci! E' il futuro che vi aspetta, se
            il p2p anonimo prende piede.
            Per la RIAA è una pacchia infinita! Può
            anche andare a caso, tanto ha altissime
            probabilità di azzeccarci!

            E' il modo migliore per chiudere il p2p in 4
            e 4 8!Per quanto mi riguarda è l'incentivo necessario a spingere centinaia di comunità di programmatori a produrre una piattaforma p2p sicura e in continuo miglioramento.Tanti saluti a casa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il P2P se cifrato è comunque illegal

            Vuol dire che se fanno una perquisizione a
            casa vostra e vi beccano il programma
            installato, vi beccate una multa, senza se e
            senza ma!
            So che a Ekleptical piacerebbe che la Polizia possa fare perquisizioni senza mandato ma purtroppo per lui non e' cosi'. O almeno non ancora. Voglio vedere se un procuratore firma un mandato solo perche' si sospetta sia abbia una manciata di canzoncine sull'hard disk.
  • Anonimo scrive:
    se fanno riunioni LORO tentano di incu..
    se si riuniscono LORO , allora tentano di incularci.sicuro come il berluska che è li, porco il mondo
    • Anonimo scrive:
      Re: se fanno riunioni LORO tentano di incu..
      ..ma almeno lascia fuori berluska, eddai e' ridicolo ...
      • Anonimo scrive:
        Re: se fanno riunioni LORO tentano di incu..
        - Scritto da: Anonimo
        ..ma almeno lascia fuori berluska, eddai e'
        ridicolo ...era un esempio di fatto ineluttabile come un altro, non politicizzare per forza.poteva dire com'è vero iddio^_____________^ROTFL!!!!!!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: se fanno riunioni LORO tentano di in
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          ..ma almeno lascia fuori berluska, eddai
          e'

          ridicolo ...

          era un esempio di fatto ineluttabile come un
          altro, non politicizzare per forza.

          poteva dire com'è vero iddio


          ^_____________^

          ROTFL!!!!!!!!!Io non sono l'autore del post "berlusca" ma berlusca in compenso è l'autore del recepimento EUCD nella forma (bella vero?) attuale.E questo è naturale perchè e coerente col suo modo di vedere politicamente questa questione.Il berlusca si chiama in causa da solo non ha certo bisogno di un post!
      • Anonimo scrive:
        Re: se fanno riunioni LORO tentano di in
        - Scritto da: Anonimo
        ..ma almeno lascia fuori berluska, eddai e'
        ridicolo ...Dio come hai ragione (virgola piu', virgola meno)holacrack
    • Anonimo scrive:
      Re: se fanno riunioni LORO tentano di incu..
      - Scritto da: Anonimo
      se si riuniscono LORO , allora tentano di
      incularci.

      sicuro come il berluska che è li, porco il
      mondoGià... cmq meno di un p2p legalizzato a canone fisso io non accetterei. La cultura a balzelli è ridicola.
Chiudi i commenti