The Well compie vent'anni

La più celebre comunità telematica, e anche una delle più antiche, ha compiuto i suoi primi venti anni. E i suoi gestori non dubitano che ve ne saranno altri venti da festeggiare


Roma – In tanti non sanno cosa sia The Well e questo perché la storica comunità telematica nata nell’aprile del 1985 non è mai entrata tra le applicazioni mainstream della rete, rimanendo strumento utile dal sapore quasi elitario proprio negli anni in cui Internet si sviluppava e attirava un numero rapidamente crescente di utenti. Eppure The Well è un pezzo della storia della comunicazione elettronica che vive ancora oggi e che ha compiuto in questi giorni i suoi primi vent’anni.

The Well , ossia “Whole Earth ‘Lectronic Link”, è un luogo di scambio e di discussione che ha visto pubblicare sui propri canali spesso e volentieri le conversazioni tra persone che hanno segnato la storia dell’informatica e del computing.

Howard Rheingold proprio parlando di The Well coniò la locuzione comunità virtuale che oggi viene utilizzata anche da chi nemmeno sa dell’esistenza di questo glorioso luogo elettronico. E fu grazie ad un post su The Well che nacque la Electronic Frontier Foundation . Ma gli aneddoti sono infiniti in tanti anni di storia.

Acquisito nel 1999 da Salon.com in una operazione che ha dato alla creatura di Stewart Brand e Larry Brilliant nuova linfa vitale, oggi The Well continua a fornire i propri servizi ad un singolare insieme di persone, quasi 4mila iscritti, che nelle conferenze interne si identificano con nome e cognome, apparendo invece sporadicamente nei luoghi di discussione aperti anche agli ospiti.

Nelle scorse ore i gestori di The Well hanno pubblicato un’area dedicata alla celebrazione del ventennale, area in cui si faranno vedere alcuni dei grandi nomi della cultura cyber per discutere di come tutto ciò sia nato, di come si sia evoluto e di come sia stato testimone in un modo così singolare dello sviluppo della telematica e di Internet nel Mondo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    una persona
    è morta, ok tutto il rispetto che ci vuole quando muore una persona.a me questo papa non è mai piaciuto, per come ha indirizzato la chiesa durante questi 26 anni, quindi spero che il prossimo sia migliore.giornalisti necrofili.
  • Anonimo scrive:
    Schifo, tristezza. E' stato vomitevole.
    Prima di tutto premetto che non sono credente,sono anticlericale, e generalmente contyro ogni forma di religione.La morte del Papa, nonostante questo,mi ha lasciato cmq un po' di vuoto, 'di smarriemento'. Per me, come tanti della mia età, Papa è sempre stato uguale a Giovanni Paolo 2°.Vedere come quel branco di sciacalli (i giornalisti) si sono accaniti per poter essere i primi ad annunciare la morte è stato vomitevole. Vedere come sono riusciti a fargli il funerale 3 giorni prima che morisse è stato vomitevole.Sempre in diretta, sempre speciali, sempre gente che parlava dicendo le stesse cose. Tutto creato ad hoc per passare il tempo in diretta sperando che tirasse il calzino. :@Senza il minimo rispetto per una persona sul punto di morte.E vespa (si con la minuscola perchè non merita rispetto, così come non lo ha dato) che ad un certo punto della diretta ha commentato dicendo che tutti aspettavano notizie, che aspettavano la notizia 'giusta'. Schifo.E che dire di quei coglioni di politici che hanno sfruttato la morte del papa per farsi propaganda sotto elezioni? Hanno realizzato dei bei manifesti con la foto del papa.. e sotto i loro bravi simboli dei partiti. Non so quali siano, ma non mi interessa neppure; chiunque siano sono da considerare al pari delle bestie.Per non parlare poi dei libri, gadget, souvenir che spuntano come funghi. :@Anche io non ne potevo più degli speciali, così come molti.Oggi ho visto la salma. Oggi ho visto qualche vecchio filmato. Stralci di una vita passata a cercare di risolvere i problemi del mondo. Una vita e dei pensieri che possono essere apprezzati o meno, condivisi e non (ed io non condivido quasi nulla di quelli che sono i pensieri della chiesa). Ma che di sicuro non meritano di essere carne da macello per i giornalisti e per chi ci vuol speculare sopra.Nonostante le mie idee ed i miei pensieri siano lontani anni luce dalla chiesa, nonostante non vada a messa dai tempi della cresima.. nonostante questo rivedere le immagini di una vita, le immagini di un uomo che ha fatto cio' che ha fatto, mi ha fatto anche commuovere.Sicurmante è più vero il mio dispiacere di quello di tanti coglioni pseudo-rattristati che cercavano solo di trarre vantaggi da una morte.Non so neanche cosa ho scritto, è già tardi ed il letto aspetta.. quindi perdonatemi se ho scritto qualche cazzata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Schifo, tristezza. E' stato vomitevo
      - Scritto da: Anonimo
      Prima di tutto premetto che non sono
      credente,sono anticlericale, e generalmente
      contyro ogni forma di religione.
      La morte del Papa, nonostante questo,mi ha
      lasciato cmq un po' di vuoto, 'di smarriemento'.
      Per me, come tanti della mia età, Papa è sempre
      stato uguale a Giovanni Paolo 2°.

      Vedere come quel branco di sciacalli (i
      giornalisti) si sono accaniti per poter essere i
      primi ad annunciare la morte è stato vomitevole.
      Vedere come sono riusciti a fargli il funerale 3
      giorni prima che morisse è stato vomitevole.
      Sempre in diretta, sempre speciali, sempre gente
      che parlava dicendo le stesse cose. Tutto creato
      ad hoc per passare il tempo in diretta sperando
      che tirasse il calzino. :@
      Senza il minimo rispetto per una persona sul
      punto di morte.

      E vespa (si con la minuscola perchè non merita
      rispetto, così come non lo ha dato) che ad un
      certo punto della diretta ha commentato dicendo
      che tutti aspettavano notizie, che aspettavano la
      notizia 'giusta'. Schifo.

      E che dire di quei coglioni di politici che hanno
      sfruttato la morte del papa per farsi propaganda
      sotto elezioni? Hanno realizzato dei bei
      manifesti con la foto del papa.. e sotto i loro
      bravi simboli dei partiti. Non so quali siano, ma
      non mi interessa neppure; chiunque siano sono da
      considerare al pari delle bestie.

      Per non parlare poi dei libri, gadget, souvenir
      che spuntano come funghi. :@

      Anche io non ne potevo più degli speciali, così
      come molti.

      Oggi ho visto la salma. Oggi ho visto qualche
      vecchio filmato. Stralci di una vita passata a
      cercare di risolvere i problemi del mondo. Una
      vita e dei pensieri che possono essere apprezzati
      o meno, condivisi e non (ed io non condivido
      quasi nulla di quelli che sono i pensieri della
      chiesa). Ma che di sicuro non meritano di essere
      carne da macello per i giornalisti e per chi ci
      vuol speculare sopra.

      Nonostante le mie idee ed i miei pensieri siano
      lontani anni luce dalla chiesa, nonostante non
      vada a messa dai tempi della cresima.. nonostante
      questo rivedere le immagini di una vita, le
      immagini di un uomo che ha fatto cio' che ha
      fatto, mi ha fatto anche commuovere.

      Sicurmante è più vero il mio dispiacere di quello
      di tanti coglioni pseudo-rattristati che
      cercavano solo di trarre vantaggi da una morte.

      Non so neanche cosa ho scritto, è già tardi ed il
      letto aspetta.. quindi perdonatemi se ho scritto
      qualche cazzata.No, nessuna cazzata:quoto tutto.
  • Anonimo scrive:
    Non poteva mancare!!
    Che notiziona, un coccodrillo "scappato"...personalmente ho visto di peggio: un notiziario locale registrato con la notizia che stava ancora male (alle 24.00 di sabato!)comunque in qualche modo doveva entrarci anche su PI quindi....
  • Anonimo scrive:
    E' tipico dei giornali e media varii...
    volersi vantare di aver dato per primi la notizia, anche a costo di dare una notizia falsa o non completamente vera.Questo comportamento e' normale,, per loro e' lavoro anche se la notizia riugarda il Papa occorre trattare il tutto come un colossale scoop.Tanto poi la gente e' intelligente e queste cose le capisce benissimo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Posso dire la mia?
    Ci son state varie cose che non mi sono piaciute circa la morte del Papa:
    1) I media mainstream ne hanno parlato solo bene, non si è
    sentita alcuna voce fuori dal coro. Questo significa che la TV
    pubblica in realtà non rappresenta affatto la popolazione
    italiana. Sappiamo che c'è gente che per vari motivi non
    amava molto questo Papa eppure non abbiamo sentito nulla
    che non fosse estremamente positivo nei suoi confronti.Giusto! Quando sarai in agonia sul tuo letto di morte, diremo che sei stato un brav'uomo pero'... e cominceremo ad elencare tutti gli errori della tua vita, cosi' tanto per rendersi simpatici ad amici e famigliari accorsi.
    2) L'accanimento massmediatico è stato esagerato, direi
    vergognoso. E' iniziato quando il Papa non era neppure
    ancora morto. Sembravano avvoltoi in attesa. La gente e' accorsa per dare l'ultimo saluto al Pontefice non per cibarsi delle sue carni.Molti sono accorsi perche' provavano dell'affetto per questa persona che ha fatto ben di piu' di quello che poteva fare un "semplice" papa.
    Successivamente non c'era canale dei 7 importanti e cioè
    rai 1,2,3 + mediaset + La7 che non parlassero del Papa.
    Persino sul satellitare molti canali erano tutti dedicati al
    Papa. Per vedere qualcosa di diverso ho dovuto ripiegare
    su "Le onde del destino" di Lars Von Triers... bel film, ma
    alle 15,30 sono caduto in coma (postprandiale) pure io.Questa e' un po grossa eh!Si, infatti io non capisco la sensibilita' del Papa, morire proprio oggi che davano quel bel film.... Ehmm che ci vuoi fare ci vuole pazienza...
    3) Sono state dette delle cose false. Ad esempio la Botteri
    con faccia di circostanza parlava di una Piazza San Pietro
    in lacrime, mentre le immagini ci mostravano tanti turisti
    italiani e stranieri che facevano una bella scampagnata tipo
    pasquetta, gente allegra, ragazzi che scherzavano, genitori
    che portavano i bimbi in carrozzino a prendere un po' d'aria,
    turisti con macchinette fotografiche. Si infatti verso quell'ora tutti scendono in piazza a prendere aria e tutti i giorni si forma una folla enorme.
    Insomma tutto questo DOLORE di cui si son riempiti la
    bocca giornali e telegiornali era decisamente esagerato. Si infatti tu dici: "Se sto bene io che mi importa degl'altri"
    Ho avuto la sensazione anche girando per le strade che alla
    gente non fregasse realmente molto la cosa. Quindi è falso
    che in San Pietro tutti piangevano e pregavano ed è ancora
    più falso che - come hanno detto - il mondo intero era in
    lutto!!! Tutti meno uno a quanto pare :|
    Di cristiani nel mondo ce ne sono solo un miliardo, di
    cattolici solo una parte di questi, di musulmani ben tre
    miliardi e almeno 2 miliardi di persone appartenenti ad altre
    religioni o non credenti. Quindi mi sembra una grossa
    forzatura dire che il mondo intero era in lutto. E' come dire che tutti gli uomini sono intelligenti, una forzatura insomma :|Molti non cattolici hanno per Lui un profondo rispetto che va al dila' delle differenze religiose.
    Altra falsità è stata dire che credenti e non credenti erano
    tutti addoloratissimi per la morte del pontefice. In primo
    luogo non so quanti credenti lo fossero realmente (molti
    credenti se ne fregano quasi completamente della religione
    e si comportano quasi da non credenti), Ed allora non sono credenti
    ancor meno credo che lo fossero i non credenti per i quali il
    Papa non rappresentava altro che un potente uomo politico.
    I non credenti spesso sono molto più critici nei confronti del
    Papa rispetto ai credenti, riescono a vederne anche i lati
    negativi e li esprimono senza alcun timore o eccessivo
    rispetto proprio in quanto non credenti. Essendo non credenti sono critici su cose che non conoscono.
    Io ad esempio se debbo essere sincero non ho provato
    nulla di particolare per la morte di questo Papa, mi è
    dispiaciuto un po' come mi dispiacerebbe per qualsiasi
    persona.Se volete visitare il mio sito non fate complimenti, l'indirizzo è www.razionalmente.netAprofitti del Papa per fare pubblicita' al tuo sito? vergogna :@
  • Anonimo scrive:
    Questo papa...
    Per chi conosce un po' la storia della chiesa, ha riportato il cattolicesimo a prima del cocilio vaticano secondo.Nioanet da dire un grande politico ma:Perché ha subito bloccato la Teologia della Liberazioen (dalla parte dei poveri) e poi era pappa a ciccia con L'opus Dei (quasi una setta).Monsignor Lefevre, invece, è stato trattato con i uanti, nonsotante dichierasse cose contro i Vangeli e volesse tenere la chiesa come era nell'800 (donna discriminata, proibizione di leggere la bibbia in linguaggio corrente...)Poi se guardiamo come questo papa trattava le donne, viene solo da incazzarsi.Era molto più aperto Paolo VI
  • swamiji65 scrive:
    Precisazioni e considerazioni
    Ho letto i commenti e mi sembra che ci sia una certa confusione in merito all'interpretazione della notizia.L'articolo non mi sembra che affermi che sia stato dato in maniera anticipata la notizia della morte del Papa, ma piuttosto indica che qualche volta un motore di ricerca puo' essere indiscreto indicizzando pagine in realta' ancora non 'pubblicate' (rese pubbliche).In sostanza l'articolo era pronto, ma la cosa non mi stupisce, e' normale che il giornalista predisponga il pezzo per definirlo e rilasciarlo al momento opportuno.L'aspetto meno logico e piu' triste (e forse piu' allarmante) e' stata la ridicola ricerca, che si respirava sulle tv, di uno scoop che di scoop aveva veramente poco.Io non ho sentito, ne' visto, la notizia anticipata della morte del papa, ma qualcosa di peggio, la commemorazione della memoria di un uomo ancora vivo."Disgustoso" penso che sia un complimento per definire il clima ed il servizio erogato dalle tv di stato e soprattutto la complicita' degli uomini di chiesa che si sono prestati ad una meschina maratona mediatica irrispettosa dell'agonia del Papa, dimostrando ancora una volta come la morte in diretta faccia spettacolo.Il fatto storico, l'importanza della carica, la motivazione dell'informazione non giustifica, a mio avviso, quanto e' accaduto. Penso che il Papa, sia stato un grande uomo del nostro tempo, certamente non privo di difetti ed opinabile in alcune posizioni, ma sicuramente un riferimento per tutti gli uomini di pace ed a modo suo un rivoluzionario.Sarebbe stato bello se gli avessero riservato un'attenzione degna del momento che stava vivendo.swamiji65
  • Anonimo scrive:
    OT - Il 1° Papa a parlare di Internet
    ... senza timorihttp://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/messages/communications/documents/hf_jp-ii_mes_20020122_world-communications-day_it.htmlscusate, ma oggi questo mi sembrava il luogo più opportuno
    • Anonimo scrive:
      Re: OT - Il 1° Papa a parlare di Interne
      - Scritto da: Anonimo
      ... senza timori

      http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/mes

      scusate, ma oggi questo mi sembrava il luogo più
      opportunoMa secondo te chi doveva parlarne, bonifacio VII???
    • Anonimo scrive:
      Re: OT - Il 1° Papa a parlare di Interne

      http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/mes

      scusate, ma oggi questo mi sembrava il luogo più
      opportunoin maniera estremamente provocatoria, ed anticlericale, mi sento di buttare un sasso nello stagno:raggiunta una presenza costante nei media tradizionali si inizia l'arrembaggio ad Internetdelirio laico o giusta preoccupazione?
      • Anonimo scrive:
        Re: OT - Il 1° Papa a parlare di Interne
        - Scritto da: Anonimo


        http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/mes



        scusate, ma oggi questo mi sembrava il luogo più

        opportuno

        in maniera estremamente provocatoria, ed
        anticlericale, mi sento di buttare un sasso nello
        stagno:

        raggiunta una presenza costante nei media
        tradizionali si inizia l'arrembaggio ad Internet

        delirio laico o giusta preoccupazione?da come parli sembri un comunista intollerante e roditore
        • Anonimo scrive:
          Re: OT - Il 1° Papa a parlare di Interne
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo





          http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/mes





          scusate, ma oggi questo mi sembrava il luogo
          più


          opportuno



          in maniera estremamente provocatoria, ed

          anticlericale, mi sento di buttare un sasso
          nello

          stagno:



          raggiunta una presenza costante nei media

          tradizionali si inizia l'arrembaggio ad Internet



          delirio laico o giusta preoccupazione?

          da come parli sembri un comunista intollerante e
          roditorevanno bene anche i laici radicali oppure sono sempre e solo i trinarciuti mangia-bambini contro la religione?
    • Anonimo scrive:
      Re: OT - Il 1° Papa a parlare di Interne
      A prescindere dalle innegabili qualita' del Papa, rimane comunque il primo in comunicazione mediatica soprattutto perche', tale comunicazione si e' sviluppata durante il suo pontificato...Morire nel 78 (papa Luciani e Paolo VI) e' stato sicuramente diverso dal morire nel 2005, inoltre vi erano solo 2 (o 3) reti televisive e la tv iniziava alle 17.00 e non era dunque immaginabile poter realizzare quello che e' accaduto oggi.
      • Anonimo scrive:
        Re: OT - Il 1° Papa a parlare di Interne
        - Scritto da: Anonimo
        A prescindere dalle innegabili qualita' del Papa,
        rimane comunque il primo in comunicazione
        mediatica soprattutto perche', tale comunicazione
        si e' sviluppata durante il suo pontificato...

        Morire nel 78 (papa Luciani e Paolo VI) e' stato
        sicuramente diverso dal morire nel 2005, inoltre
        vi erano solo 2 (o 3) reti televisive e la tv
        iniziava alle 17.00 e non era dunque immaginabile
        poter realizzare quello che e' accaduto oggi.Quello che è inquietante è che Vespa c'era già, ma aveva ancora comandi, bottoni e manopole a vista, ora lo pilotano col touch screen... e a pensarci bene ad Occhetto è successa la stessa cosa.La politica e il giornalismo sono infiltrati dai cyborg!
    • Anonimo scrive:
      Re: OT - Il 1° Papa a parlare di Interne
      - Scritto da: Anonimo
      ... senza timorisuona un po come quando Bossi (nel periodo in cui divorzio' da Forza Italia") disse in un comizio"neanche Mussolini aveva un impero televisivo come Berlusconi"Quando "c'era lui" non c'era la Tv, e... quando c'era Papa Luciani non c'era Internet. Scriveva bei libri, e sicuramente avrebbe parlato di internet in maniera piu umana di quest ultimo papaciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: OT - Il 1° Papa a parlare di Internet
      - Scritto da: Anonimo
      ... senza timori

      http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/mes

      scusate, ma oggi questo mi sembrava il luogo più
      opportunoUna cosa giusta l'hai detta, questo è il luogo adatto. (opportuno non è il termine corretto)Il forum dei troll è troppo serio per una cosa di sinistra come questa.
  • Anonimo scrive:
    Anche Televideo ha dato la notizia...
    ...correggendosi dopo qualche minuto, mettendo la fonte (TASS).Per non parlare della questione dell'encefalogramma piatto (e non c'era nemmeno l'encefalografo nella camera del papa), che e' rimasta come titolo della pagina 103 per non so quante ore.Ancora una volta i giornalisti si sono dimostrati quei cinici sensazionalisti che sono, con buona pace di chi li sta ascoltare.ZioBill
  • Icefox scrive:
    ...e il Papaboy disinformato???
    Perché scusate, quel giovine portavoce dei "Papaboys" che ha partecipato a Porta a Porta?Non so perché ma mi dava tanto l'idea dell'"annusatore" di affari...
  • Anonimo scrive:
    venerdi alle 15.00
    in realta' solo le alte sfere del vaticano sanno che il papa e' morto venerdi alle 15.00
    • ryoga scrive:
      Re: venerdi alle 15.00
      - Scritto da: Anonimo
      in realta' solo le alte sfere del vaticano sanno
      che il papa e' morto venerdi alle 15.00Tu che ne sai?
    • Anonimo scrive:
      Re: venerdi alle 15.00
      - Scritto da: Anonimo
      in realta' solo le alte sfere del vaticano sanno
      che il papa e' morto venerdi alle 15.00io sapevo venerdì all'ora di pranzo...fonte abbastanza affidabile..
      • Anonimo scrive:
        Re: venerdi alle 15.00
        IO sapevo che in realtà non è morto, è stato teletrasportato con procedura d'urgenza sul pianeta Moqolfti, di cui il Vaticano da circa 1700 anni non è che l'avamposto sotto copertura...:-D
        • Anonimo scrive:
          Re: venerdi alle 15.00
          - Scritto da: Anonimo
          IO sapevo che in realtà non è morto, è stato
          teletrasportato con procedura d'urgenza sul
          pianeta Moqolfti, di cui il Vaticano da circa
          1700 anni non è che l'avamposto sotto
          copertura...

          :-Dnon è mai morto perche non e' mai esistitoera un ologramma con evidenti problemi di pronuncia
          • Anonimo scrive:
            Re: venerdi alle 15.00
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            IO sapevo che in realtà non è morto, è stato

            teletrasportato con procedura d'urgenza sul

            pianeta Moqolfti, di cui il Vaticano da circa

            1700 anni non è che l'avamposto sotto

            copertura...



            :-D

            non è mai morto perche non e' mai esistito
            era un ologramma con evidenti problemi di
            pronuncia
            Beh, per essere tecnologia fine anni '70 era ben riuscito, peccato gli ultimi Service Pack al Gemelli lo abbiano reso instabile :-D
          • Anonimo scrive:
            Re: venerdi alle 15.00
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            IO sapevo che in realtà non è morto, è stato

            teletrasportato con procedura d'urgenza sul

            pianeta Moqolfti, di cui il Vaticano da circa

            1700 anni non è che l'avamposto sotto

            copertura...



            :-D

            non è mai morto perche non e' mai esistito
            era un ologramma con evidenti problemi di
            pronuncia
            Non poteva esistere un Papa polacco, perché la Polonia non esiste, è un'astuta invenzione di Hitler e Stalin quando erano ancora alleati per gabbare inglesi e francesi e far credere loro che stavano solo giocando a uno strategico mentre in realtà si stavano pappando mezza Europa dell'Est ciascuno.In realtà la sedicente Polonia sono tuttora possedimenti dei cavalieri Teutonici, che li governano con pugno di ferro e non lasciano trapelare all'esterno la realtà delle cose.Incidentalmente, neanche il Belgio esiste, è un'astuta invenzione commissionata a Nomisma da Prodi e altri inquietanti euroburocrati.
    • Anonimo scrive:
      Re: venerdi alle 15.00
      parlando di sfere...
  • Anonimo scrive:
    DICIAMO LA VERITA'
    Questo non è vero giornalismo. Questo si chiama "giornalismo spettacolo" e la sua funzione non è informare ma fare audience. Ma c'è il rovescio della medaglia. Molti telespettatori stufi hanno messo qualche vecchia videocassetta o dvd oppure hanno spento e se ne sono andati a spasso con gli amici. Ancora una volta i media mainstream si sono resi ridicoli e poco credibili. Hanno addirittura tirato in ballo una presunta promessa fatta dalla Madonna di Fatima perché il Papa era morto di sabato. Se fosse morto di venerdì o di domenica nessuno avrebbe dato peso alla promessa non mantenuta. Insomma si è scaduto veramente nel ridicolo con effetti contrari a quelli che si sperava di ottenere.http://www.razionalmente.net
    • Anonimo scrive:
      Re: DICIAMO LA VERITA'
      e che dù palle con 'sto sito, se continui così sarai insignito del titolo di "Re Spammatore"!!
    • Anonimo scrive:
      Re: DICIAMO LA VERITA'


      http://www.razionalmente.netHo visitato il tuo sito e devo dire che mi ha commosso più della morte del Pontefice, tra l'altro il capitolo "Vaticano Nazista" la dice lunga sulla tua posizione che mi pare tutto fuorchè razionale. Io non sono molto cattolico, credente e cristiano (dilla come vuoi) però so riconoscere un evento storico da un post petulante: che le TV siano esagerate si sapeva, che l'alternativa a questa inondazione mediatica siano i tuoi post e il tuo sito ne passa....
      • Anonimo scrive:
        Re: DICIAMO LA VERITA'
        - Scritto da: Anonimo Veneziano
        Ho visitato il tuo sito e devo dire che mi ha
        commosso più della morte del Pontefice, tra
        l'altro il capitolo "Vaticano Nazista" la dice
        lunga sulla tua posizione che mi pare tutto
        fuorchè razionale.E' facile disprezzare senza offrire nessuna argomentazione. Il capitolo sul Vaticano Nazista non è farina del mio sacco, ma è una raccolta di articoli riguardanti la vergognosa vicenda del Lexicon. Per chi non lo sapesse, il Lexicon è un libro scritto da un cardinale per il Vaticano, nel quale in modo anche antiscientifico si offendono gli omosessuali nel modo peggiore. Un chiaro e inequivocabile esempio del RAZZISMO della Chiesa Cattolica. La prefazione al Lexicon è presente sul sito del Vaticano. Quindi come vedi non mi sono inventato niente.http://www.razionalmente.net
      • Anonimo scrive:
        Re: DICIAMO LA VERITA'
        - Scritto da: Anonimo
        Ho visitato il tuo sito e devo dire che mi ha
        commosso più della morte del Pontefice, tra
        l'altro il capitolo "Vaticano Nazista" la dice
        lunga sulla tua posizione che mi pare tutto
        fuorchè razionale.E' facile disprezzare senza offrire nessuna argomentazione. Il capitolo sul Vaticano Nazista non è farina del mio sacco, ma è una raccolta di articoli riguardanti la vergognosa vicenda del Lexicon. Per chi non lo sapesse, il Lexicon è un libro scritto da un cardinale per il Vaticano, nel quale in modo anche antiscientifico si offendono gli omosessuali nel modo peggiore. Un chiaro e inequivocabile esempio del RAZZISMO della Chiesa Cattolica. La prefazione al Lexicon è presente sul sito del Vaticano. Quindi come vedi non mi sono inventato niente.http://www.razionalmente.net
  • Anonimo scrive:
    Posso dire la mia?
    Ci son state varie cose che non mi sono piaciute circa la morte del Papa:1) I media mainstream ne hanno parlato solo bene, non si è sentita alcuna voce fuori dal coro. Questo significa che la TV pubblica in realtà non rappresenta affatto la popolazione italiana. Sappiamo che c'è gente che per vari motivi non amava molto questo Papa eppure non abbiamo sentito nulla che non fosse estremamente positivo nei suoi confronti.2) L'accanimento massmediatico è stato esagerato, direi vergognoso. E' iniziato quando il Papa non era neppure ancora morto. Sembravano avvoltoi in attesa. Successivamente non c'era canale dei 7 importanti e cioè rai 1,2,3 + mediaset + La7 che non parlassero del Papa. Persino sul satellitare molti canali erano tutti dedicati al Papa. Per vedere qualcosa di diverso ho dovuto ripiegare su "Le onde del destino" di Lars Von Triers... bel film, ma alle 15,30 sono caduto in coma (postprandiale) pure io.3) Sono state dette delle cose false. Ad esempio la Botteri con faccia di circostanza parlava di una Piazza San Pietro in lacrime, mentre le immagini ci mostravano tanti turisti italiani e stranieri che facevano una bella scampagnata tipo pasquetta, gente allegra, ragazzi che scherzavano, genitori che portavano i bimbi in carrozzino a prendere un po' d'aria, turisti con macchinette fotografiche. Insomma tutto questo DOLORE di cui si son riempiti la bocca giornali e telegiornali era decisamente esagerato. Ho avuto la sensazione anche girando per le strade che alla gente non fregasse realmente molto la cosa. Quindi è falso che in San Pietro tutti piangevano e pregavano ed è ancora più falso che - come hanno detto - il mondo intero era in lutto!!! Di cristiani nel mondo ce ne sono solo un miliardo, di cattolici solo una parte di questi, di musulmani ben tre miliardi e almeno 2 miliardi di persone appartenenti ad altre religioni o non credenti. Quindi mi sembra una grossa forzatura dire che il mondo intero era in lutto. Altra falsità è stata dire che credenti e non credenti erano tutti addoloratissimi per la morte del pontefice. In primo luogo non so quanti credenti lo fossero realmente (molti credenti se ne fregano quasi completamente della religione e si comportano quasi da non credenti), ancor meno credo che lo fossero i non credenti per i quali il Papa non rappresentava altro che un potente uomo politico. I non credenti spesso sono molto più critici nei confronti del Papa rispetto ai credenti, riescono a vederne anche i lati negativi e li esprimono senza alcun timore o eccessivo rispetto proprio in quanto non credenti. Io ad esempio se debbo essere sincero non ho provato nulla di particolare per la morte di questo Papa, mi è dispiaciuto un po' come mi dispiacerebbe per qualsiasi persona.Se volete visitare il mio sito non fate complimenti, l'indirizzo è www.razionalmente.net
    • Anonimo scrive:
      Re: Posso dire la mia?
      concordobel post
    • Anonimo scrive:
      Re: Posso dire la mia?
      - Scritto da: Anonimo
      Ci son state varie cose che non mi sono piaciute
      circa la morte del Papa:

      1) I media mainstream ne hanno parlato solo bene,
      non si è sentita alcuna voce fuori dal coro.
      Questo significa che la TV pubblica in realtà non
      rappresenta affatto la popolazione italiana.
      Sappiamo che c'è gente che per vari motivi non
      amava molto questo Papa eppure non abbiamo
      sentito nulla che non fosse estremamente positivo
      nei suoi confronti.Infatti ad esempio io sarei una delle non poche voci fuori dal coro; mi spiace per la morte del Papa come per quella di qualsiasi altra persona, ma su parecchie cose che ha fatto e ha detto avrei qualcosina da ridire....
    • ryoga scrive:
      Re: Posso dire la mia?
      Poteva essere un ottimo post, ma ne e' venuta fuori solo una scarna ed inutile (imho) pubblicità al tuo sito.Facevi MOOOOLTO piu' bella figura ad acquistare uno spazio banner su PI invece di commercializzare la morte del Papa col tuo ridicolo sito.Un saluto
      • Anonimo scrive:
        Re: Posso dire la mia?
        - Scritto da: ryoga
        Poteva essere un ottimo post, ma ne e' venuta
        fuori solo una scarna ed inutile (imho)
        pubblicità al tuo sito.

        Facevi MOOOOLTO piu' bella figura ad acquistare
        uno spazio banner su PI invece di
        commercializzare la morte del Papa col tuo
        ridicolo sito.

        Un salutoAmico caro, sei il solito attore mal riuscito. Inizi con l'apprezzare il mio post e finisci per definire ridicolo il mio sito. Quelli come te li conosciamo ormai. Non pensate di essere un po' troppo ingenui con queste fiction improvvisate? ;-)
  • TADsince1995 scrive:
    Anche sul Giornale Di Sicilia
    C'è stato questo grave errore. L'edizione di Sabato 2 Aprile presentava in prima pagina la notizia della morte del Papa, mentre invece il papa è morto alle 21:37TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche sul Giornale Di Sicilia
      - Scritto da: TADsince1995
      C'è stato questo grave errore. L'edizione di
      Sabato 2 Aprile presentava in prima pagina la
      notizia della morte del Papa, mentre invece il
      papa è morto alle 21:37

      TADMa quindi sei siciliano?
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche sul Giornale Di Sicilia
      In Sicilia, con "Papa" si intende un'altra cosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche sul Giornale Di Sicilia
      garofani niri
    • Anonimo scrive:
      E pure sul televideo RAI
      Sabato mattina (circa ore 9:30) il televideo rai, alla pagine sul calcio, segnalava che il campionato era sospeso per la morte del Papa. Si tratta sicuramente di atto "divinatorio" visto che il Papa era ancora in vita ed il Coni non aveva ancora sancito il rinvio di tutte le manifestazioni sportive.
  • Anonimo scrive:
    L'agonia mediatica
    Nel 1978 ero un ragazzino di 11 anni e non ricordo nulla di ciò cheavvenne quando morì Paolo VI (Giovanni Paolo I sparì in maniera assairepentina), e comunque i canali televisivi erano solo due; sonorimasto comunque assai colpito dalla copertura mediatica dell'agoniadel Papa e, devo dire, non favorevolmente.Troverei corretto dare la notizia che il Papa si sta spegnendo nellenormali edizioni dei tg, e stop. Quando poi si verificasse il feraleevento, allora fai pure le tue edizioni straordinarie, i tuoipanegirici, i tuoi dibattiti, le tue biografie.Ma prima, no. Cazzo. Da ieri sera (non che io guardi molta TV) trereti nazionali occupate stabilmente da personaggi di tutti i tipi intrepidante attesa di dare la notizia. Purtroppo il pontefice non faloro il favore di andarsene rapidamente e si trovano costretti adinventarsi le maniere più ridicole di passare il tempo in diretta.Suppongo che tutto ciò sia per poter dare la notizia per primi ocomunque tra i primi, questioni di audience, di prestigio, non so.Insomma, sciacallaggio. Io non sono cattolico e del Papa importa nonmoltissimo, non più di tanti rispettabili vegliardi che crepanolontano dall'attenzione dei media. (Questo come persona, ovviamentedel Papa mi importa molto in quanto persona in grado di incidere sulleesistenze di molti di noi). Un anziano signore che purtroppo lasciaquesta terra soffrendo e in maniera non rapida, al quale mi piacecredere non farebbe troppo piacere vedere queste torme di giornalistiattorno al suo letto di morte con un microfono in mano e il cellularenell'altra. La morte non è una tragedia, è un fatto dell'esistenza cherichiede pudore, discrezione e silenzio negli attimi di sofferenza cheimmediatamente la precedono. Invece qua si è scatenata la fieradell'opportunismo, la gara a chi si mostra più compunto e partecipeagli occhi del popolo televisivo.Non mi è piaciuto, no.
    • sinadex scrive:
      Re: L'agonia mediatica
      concordo pienamente... si parlava del Papa al passato gia giovedi...:@
      • Anonimo scrive:
        Re: L'agonia mediatica
        E perché avete visto l'orgasmo in diretta di Vespa quando ha dato la notizia? E poi via con i commenti a bordo campo! Viva l'itaglia!
        • Anonimo scrive:
          Re: L'agonia mediatica
          - Scritto da: Anonimo
          E perché avete visto l'orgasmo in diretta di
          Vespa quando ha dato la notizia? E poi via con i
          commenti a bordo campo! Viva l'itaglia!Vespa è proprio un duro, succhierebbe il moccio dal naso di unmorto e chiederebbe il bis.
        • Anonimo scrive:
          Re: L'agonia mediatica
          - Scritto da: Anonimo
          E perché avete visto l'orgasmo in diretta di
          Vespa quando ha dato la notizia? E poi via con i
          commenti a bordo campo! Viva l'itaglia!Vespa ha una faccia di bronzo.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'agonia mediatica
        - Scritto da: sinadex
        concordo pienamente... si parlava del Papa al
        passato gia giovedi...:@non giustifico l'accanimento televisivoma il papa era praticamente gia morto venerdi...la santa sede ha emesso un comunicato in cui si diceva che le condizioni erano gravissime e senza speranzaera solo questione di ore...parlare del papa al presente in quelle condizioni non avrebbe cambiato la realtae poi anche noi diciamo sempre avevo un amico che si chiamava tizio a scuola, quando tizio ha la nostra eta ed e' in piena salute...non mi accanirei su questo punto
        • Anonimo scrive:
          Re: L'agonia mediatica
          - Scritto da: Anonimo
          e poi anche noi diciamo sempre avevo un amico che
          si chiamava tizio a scuola, quando tizio ha la
          nostra eta ed e' in piena salute...Perché quello si chiama imperfetto storico. "Io ero a scuola, c'era un amico" descrivo una situazione con l'imperfetto perché fornisce l'idea della durata nel tempo. In questo quadro, che occupa una certa durata di tempo, inserisco l'azione: "Io ero a scuola e ho studiato Leopardi".Se si fosse inteso parlare del papa con imperfetto storico, era corretto usarlo, se lo si intendeva usare nel senso "C'era ma non c'è più" allora era un uso scorretto. IN ogni caso, quando la morte è imminente, non è insolito l'uso del passato anche per chi è ancora in vita: "Hai sentito che Anonimo è in fin di vita? Che peccato vero?" "Già, una tragedia, ERA un così assiduo frequentatore dei forum di PI".
          • Anonimo scrive:
            OT su p.i. si impara sempre qualcosa
            -

            Perché quello si chiama imperfetto storico. "Io
            ero a scuola, c'era un amico" descrivo una
            situazione con l'imperfetto perché fornisce
            l'idea della durata nel tempo. In questo quadro,
            che occupa una certa durata di tempo, inserisco
            l'azione: "Io ero a scuola e ho studiato
            Leopardi".
            Se si fosse inteso parlare del papa con
            imperfetto storico, era corretto usarlo, se lo si
            intendeva usare nel senso "C'era ma non c'è più"
            allora era un uso scorretto. IN ogni caso, quando
            la morte è imminente, non è insolito l'uso del
            passato anche per chi è ancora in vita: "Hai
            sentito che Anonimo è in fin di vita? Che peccato
            vero?" "Già, una tragedia, ERA un così assiduo
            frequentatore dei forum di PI".complimenti all'anonimo autoreleggere questi post è ciò che più mi piace di p.i.grazie(anonimo)
          • Anonimo scrive:
            Re: L'agonia mediatica
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            e poi anche noi diciamo sempre avevo un amico
            che

            si chiamava tizio a scuola, quando tizio ha la

            nostra eta ed e' in piena salute...

            Perché quello si chiama imperfetto storico. "Io
            ero a scuola, c'era un amico" descrivo una
            situazione con l'imperfetto perché fornisce
            l'idea della durata nel tempo. In questo quadro,
            che occupa una certa durata di tempo, inserisco
            l'azione: "Io ero a scuola e ho studiato
            Leopardi".
            Se si fosse inteso parlare del papa con
            imperfetto storico, era corretto usarlo, se lo si
            intendeva usare nel senso "C'era ma non c'è più"
            allora era un uso scorretto. IN ogni caso, quando
            la morte è imminente, non è insolito l'uso del
            passato anche per chi è ancora in vita: "Hai
            sentito che Anonimo è in fin di vita? Che peccato
            vero?" "Già, una tragedia, ERA un così assiduo
            frequentatore dei forum di PI".Anonimo: rattatio pallarum omnia mala fugat!
    • Anonimo scrive:
      Re: L'agonia mediatica
      - Scritto da: Anonimo
      immediatamente la precedono. Invece qua si è
      scatenata la fiera
      dell'opportunismo, la gara a chi si mostra più
      compunto e partecipe
      agli occhi del popolo televisivo.
      Non mi è piaciuto, no.Che la finta e frettolosa notizia della morte sia in relazione con cio'?Ossia, non si voleva forse attrarre l'attenzione sulla TV o su qualche rete TV?Ricordo che il Papa ha spesso protestato contro i giornalisti. Dicendo, a modo suo, che ingrossavano inutilmente anche le piu' semplici facezie...
      • ishitawa scrive:
        Re: L'agonia mediatica

        Ricordo che il Papa ha spesso protestato contro i
        giornalisti. Dicendo, a modo suo, che
        ingrossavano inutilmente anche le piu' semplici
        facezie...
        credo che la ragione sia questa: più passa il tempo più la televisione (soprattutto questa, visto che i giornali hanno comunque una cerca cadenza temporale) si attacca a qualciasi notizia per farne uno "speciale"l'edizione straordinaria è una grossa fonte di audiencee poi una volta che inizia uno, l'atra rete ha paura di rimanere indietro, di fare la figura di quello "a cui non interessa" e allora giù a interminabili dibatiti e collegamenti speciali solo per dire che non c'è nulla di nuovo...
    • Anonimo scrive:
      Re: L'agonia mediatica

      nell'altra. La morte non è una tragedia, è un
      fatto dell'esistenza che
      richiede pudore, discrezione e silenzio negli
      attimi di sofferenza che
      immediatamente la precedono. Invece qua si è
      scatenata la fiera
      dell'opportunismo, la gara a chi si mostra più
      compunto e partecipe
      agli occhi del popolo televisivo.
      Non mi è piaciuto, no.non se sei il papail monarca della cristianitac'erano miliardi di telespettatori che volevano sapere quando sarebbe mortose vuoi morire senza telecamere, basta non fare il papa
      • Anonimo scrive:
        Re: L'agonia mediatica

        c'erano miliardi di telespettatori che volevano
        sapere quando sarebbe mortoMilioni, correggiamo, milioni.I miliardi stavano facendo le cose loro.
        se vuoi morire senza telecamere, basta non fare
        il papaGia'. Un uomo pubblico ha anche una morte pubblica.
      • ryoga scrive:
        Re: L'agonia mediatica
        - Scritto da: Anonimo

        non se sei il papa
        il monarca della cristianita
        c'erano miliardi di telespettatori che volevano
        sapere quando sarebbe morto
        se vuoi morire senza telecamere, basta non fare
        il papaEcco il post del tele-dipendente.Mi raccomando...hai fatto l'abbonamento a SCAI ? Altrimenti non vedi tutti i "grande fratello"!!! E GUAI se non ti ascolti cio' che dice ciccio a pippo!!!Alla gente importava la salute del papa, non il millesimo di secondo in cui si sarebbe spento!
        • Anonimo scrive:
          Re: L'agonia mediatica

          Ecco il post del tele-dipendente.

          Mi raccomando...hai fatto l'abbonamento a SCAI ?
          Altrimenti non vedi tutti i "grande fratello"!!!
          E GUAI se non ti ascolti cio' che dice ciccio a
          pippo!!!

          Alla gente importava la salute del papa, non il
          millesimo di secondo in cui si sarebbe spento!pensa te..non guardo la tv...non sono credentesono anticlericalema mia nonna era seriamente preoccuparta per la salute del papaa 84 anni, sua coetanea, si e' emozionata quando hanno dato la notiziachiamala come vuoi...ma esiste ancora al mondo gente che credefacile dare giudizi
      • Anonimo scrive:
        Re: L'agonia mediatica
        Non c'è molto da stupirsi dei giornalisti,veri cannibalizzatori della notizia e dell'informazione,vanno come piragna verso la notizia.La morte del papa,non è una festa mediatica,ci pone invece una riflessione profonda sull'esistenza,sulla nostra vita.Certamente questo spolpare la notizia,senza tatto,è un diffusissimo malcostume giornalistico.
    • kubu scrive:
      Re: L'agonia mediatica

      Da ieri sera (non che io
      guardi molta TV) tre
      reti nazionali occupate stabilmente da personaggi
      di tutti i tipi in
      trepidante attesa di dare la notizia.Io direi SETTE canali :o
      • AnyFile scrive:
        Re: L'agonia mediatica
        - Scritto da: kubu

        Da ieri sera (non che io

        guardi molta TV) tre

        reti nazionali occupate stabilmente da
        personaggi

        di tutti i tipi in

        trepidante attesa di dare la notizia.

        Io direi SETTE canali :oOgnuno aveva paura che un altro canale dava la notizia prima di lui!!!Po ogni singla rete avra' pensato: visto che tutti gli altri gia' lo facevano, perche' non farlo anche io, anzi se non lo faccio poi chissa' che dicono. Omogeneizzarsi e' il modo per non ricevere critiche. Bastava un canale per dare le (non) notizie o almassimo uno per "blocco" televisivo, interrompendo le trasmissioni con edizione straordinaria del telegiornale quando la notizia ci fosse veramente stata.Invece gia' venerdi' mattina ho sentito un sacco di trasmissioni (anche alla radio) interrotto per GR straordinari per dire notizie del tipo: Ci colleghiamo con il Vaticano perche' ci sono importanti novita' e poi il cronista dal Vaticano diceva solo che non c'erano novita' al che quello in studio diceva che socondi indiscrezioni di una fonte che non aveva voluto rivelare il nome aveva fatto sapere che la salute del Papa si era ulteriormente aggravata.Ma dico ma questo e' giornalismo!?
        • Anonimo scrive:
          Re: L'agonia mediatica

          Ma dico ma questo e' giornalismo!?Purtroppo è il nostro giornalismo :-(
        • soulista scrive:
          Re: L'agonia mediatica

          Ognuno aveva paura che un altro canale dava la
          notizia prima di lui!!!

          Po ogni singla rete avra' pensato: visto che
          tutti gli altri gia' lo facevano, perche' non
          farlo anche io, anzi se non lo faccio poi chissa'
          che dicono. Omogeneizzarsi e' il modo per non
          ricevere critiche. Bastava un canale per dare le
          (non) notizie o almassimo uno per "blocco"
          televisivo, interrompendo le trasmissioni con
          edizione straordinaria del telegiornale quando la
          notizia ci fosse veramente stata.

          Invece gia' venerdi' mattina ho sentito un sacco
          di trasmissioni (anche alla radio) interrotto per
          GR straordinari per dire notizie del tipo: Ci
          colleghiamo con il Vaticano perche' ci sono
          importanti novita' e poi il cronista dal Vaticano
          diceva solo che non c'erano novita' al che quello
          in studio diceva che socondi indiscrezioni di una
          fonte che non aveva voluto rivelare il nome aveva
          fatto sapere che la salute del Papa si era
          ulteriormente aggravata.

          Ma dico ma questo e' giornalismo!?Un plauso a SportItalia, che si é dimostrata la TV più seria di tutte, continuando con la sua abituale programmazione (ovviamente esordendo con il classico "il dovere di cronaca ci impone...")
      • Anonimo scrive:
        Re: L'agonia mediatica
        Io, ne ho contate 10 (anche le tv locali)
  • Anonimo scrive:
    noooooo basta per favore
    per favore veramente, vi PREGO in ginocchio.....bastaaaaaaaaaa
    • Anonimo scrive:
      Re: noooooo basta per favore
      ci stanno fracassando le balle da 3 giorni a reti unificate
      • Anonimo scrive:
        Re: noooooo basta per favore
        - Scritto da: Anonimo
        ci stanno fracassando le balle da 3 giorni a reti
        unificateE ora anche PI
        • Anonimo scrive:
          Re: noooooo basta per favore
          Nessuno v'impone di ascoltare o guardare. Non avete un bel videogioco con cui passare il tempo, od un libro da leggere ?Saluti,Piwi
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            Stai volutamente caotizzando il discorso?
          • Suburban_Crow scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            Guardatevi un dvd, un film, un concerto, leggetevi un libro, ascoltate musica, andate fuori, chiavate, mettetelo in culo a qualcuno, scopate con la vostra donna, andate a puttane, giocate al computer, rasatevi la zona pubica, fatevi una cazzo di carbonara a mezzanotte, dormite, passeggiate, navigate in siti alternativi, scoprite dove si trova il punto g, fate sport, andate a pescare, a fare volontariato... insomma di alternative ne avete, non siete mica obbligati a tenerla accesa, o qualcuno e' troppo culone teledipendente? Su, su... che si vive benissimo anche per qualche giorno senza televisione.Il topardo dal poggio del Monte Lupone
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            - Scritto da: Suburban_Crow
            chiavate, mettetelo in culo a qualcuno,
            scopate con la vostra donna, andate a puttane,
            rasatevi la zona pubica,
            fatevi una cazzo di carbonara a mezzanotte,
            dormite, passeggiate, navigate in siti
            alternativi, scoprite dove si trova il punto gPotrebbero dire le stesse cose a te che scrivi questi messaggi
          • Suburban_Crow scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            Amico, io sto cucinando per la puttana. Tu cosa stai facendo a parte riprendere un cristiano desideroso di migliorare le proprie conoscenze culinarie? Sentiamo.
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            - Scritto da: Suburban_Crow
            Amico, io sto cucinando per la puttana. Tu cosa
            stai facendo a parte riprendere un cristiano
            desideroso di migliorare le proprie conoscenze
            culinarie?

            Sentiamo.Grande Suburban ;-)li hai schiantati....alec
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Suburban_Crow
            Grande Suburban ;-)

            li hai schiantati....

            alechaha bambini domani niente scuola eh?
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Suburban_Crow

            Grande Suburban ;-)



            li hai schiantati....



            alec

            haha bambini domani niente scuola eh?-Kari pàmpini ti Biafra, io portato voi tanti giokàtòli!(lo guardano ammutoliti)-Ma Santità, questi bambini non hanno mangiato!-Kàtivi pàmpini, niente giokàtòli!
          • Suburban_Crow scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            Scherza poco con la porchetta, caro signor "quattro cagate in padella", le battute surgelate e cotte al microonde non le colgo. Domani, cioe' oggi, dovro' sostenere un *severissimo* esame di frenologia suina all'Accademia del Buongusto di Buffalo. C'e' in ballo il destino della porchetta made in Italy.Ritorno alle mie pregiate spezie che e' meglio.
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            - Scritto da: Suburban_Crow
            Scherza poco con la porchetta, caro signor
            "quattro cagate in padella", le battute surgelate
            e cotte al microonde non le colgo. Domani, cioe'
            oggi, dovro' sostenere un *severissimo* esame di
            frenologia suina all'Accademia del Buongusto di
            Buffalo. C'e' in ballo il destino della porchetta
            made in Italy.

            Ritorno alle mie pregiate spezie che e' meglio.Caro Suburban_CrowVista la tua tempra e la tua simpatiasei ufficialmente invitato nel nostro forumhttp://www.codiceaperto.orgAlien
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            - Scritto da: Suburban_Crow
            Scherza poco con la porchetta, caro signor
            "quattro cagate in padella", le battute surgelate
            e cotte al microonde non le colgo. Domani, cioe'
            oggi, dovro' sostenere un *severissimo* esame di
            frenologia suina all'Accademia del Buongusto di
            Buffalo. C'e' in ballo il destino della porchetta
            made in Italy.arrenditi non fai ridere
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            Chiamalo discorso ... Buona giornata,Piwi
      • Anonimo scrive:
        Re: noooooo basta per favore
        Comunisti Senza Dio.
        • Anonimo scrive:
          Re: noooooo basta per favore
          - Scritto da: Anonimo
          Comunisti Senza Dio.....e, soprattutto......piccoli piccoli e senza cervelloalec
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Comunisti Senza Dio.



            ....e, soprattutto......piccoli piccoli e senza
            cervello

            alecAvete appena sentito:Dei cattolici intollerantiGrazie e buona serata
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Comunisti Senza Dio.







            ....e, soprattutto......piccoli piccoli e senza

            cervello



            alec

            Avete appena sentito:
            Dei cattolici intolleranti

            Grazie e buona serataconsentimi: non sei nemmeno la punta della wallera (translate:ernia) del Papa; torna dal tuo Dio Bertinotti, agghindato di cachemire che sembra pronto per andare a fare una nobile caccia alla volpe nelle foreste del Devonshire...(mentre continua a prendere per culo tutti voi.....)
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            - Scritto da: Anonimo
            consentimi: non sei nemmeno la punta della
            wallera (translate:ernia) del Papa; torna dal tuo
            Dio Bertinotti, agghindato di cachemire che
            sembra pronto per andare a fare una nobile caccia
            alla volpe nelle foreste del Devonshire...(mentre
            continua a prendere per culo tutti voi.....)Sei il classico cattolico intollerante che fra l'altro nemmeno rispetta i precetti del vangelo che invita a "non giudicare per non essere giudicati"
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore

            consentimi: non sei nemmeno la punta della
            wallera (translate:ernia) del Papa; torna dal tuo
            Dio Bertinotti, agghindato di cachemire che
            sembra pronto per andare a fare una nobile caccia
            alla volpe nelle foreste del Devonshire...(mentre
            continua a prendere per culo tutti voi.....)consentimi ma il papa non ha bisogno di essere difeso da uno che scrive ste cazzate
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore


            Comunisti Senza Dio.



            ....e, soprattutto......piccoli piccoli e senza
            cervello

            alec

            questa me la spieghi?perche' sono piccolo e senza cervello e magari fra le righe della bibbia o del vangelo c'e' scritto che sarebbe cosa buona e giusta se mi aiutassi vista la mia condizione di inferioritaperche' tu segui tutti i dettami della tua religione vero?non sei uno di quei bigotti che "non si parla male del papa" e poi bestemmia va a puttane e se ne fotte di quelli che stanno peggio...Cristo non disse "gli ultimi saranno i primi"?
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            amen fratè! bella pe te :D
          • Anonimo scrive:
            Re: noooooo basta per favore
            te invece che adori un'icona come ti definisci?pecorella? :|
Chiudi i commenti