Tiscali: 899 bloccati in luglio

L'operatore anticipa la delibera dell'Agcom, che si prevede operativa entro l'autunno, e annuncia l'intenzione di introdurre di default sulle proprie utenze la disabilitazione delle chiamate verso numeri a sovrapprezzo

Roma – Sospesa dal TAR e rinviata all’autunno dall’Authority TLC, l’introduzione della disabilitazione automatica delle numerazioni 144, 899 e affini resta un pasticciaccio che vede contrapposti operatori e consumatori. Tiscali si chiama fuori dalla mischia, alza la mano e segnala: noi il blocco lo introdurremo a luglio.

L’azienda ha infatti comunicato che dal 15 luglio gli abbonati ai servizi Tiscali Voce , per effettuare chiamate verso i numeri 144 e 899 dovranno formulare all’operatore una richiesta esplicita di abilitazione: “Tiscali, condividendo totalmente le motivazioni che hanno portato l’Agcom a richiedere agli operatori il blocco dei numeri 144 e 899 con l’obiettivo di tutelare i consumatori, in anticipo rispetto allo slittamento ad ottobre dell’obbligo per gli operatori di adeguarsi a tale provvedimento, comunica che a partire dal prossimo 15 luglio tutti gli abbonati ai servizi Tiscali Voce potranno effettuare chiamate verso queste numerazioni solo dopo esplicita richiesta di rimozione del blocco”.

“La nostra scelta di applicare in anticipo lo spirito delle nuove norme a tutela dei consumatori è in linea con la precisa volontà di Tiscali di offrire ai propri clienti tutte le tutele possibili” ha dichiarato Mario Mariani, AD di Tiscali Italia.

Il blocco introdotto da Tiscali non interesserà i numeri legati ai servizi di informazione abbonati, le numerazioni di pubblica utilità, quelle per l’assistenza a clienti e consumatori.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Antonio Grillo scrive:
    dimenticavo...
    ...dimenticavo.Il valore aggiunto di cui parli, ha un senso quando è spendibile (quindi fruibile) non quando è teorico (quindi non spendibile). Sono certo che non è stato ben interpretato quanto avevo scritto prima...A prestoAntonio Grillowebsite: http://www.antoniogrillo.itblog: http://antoniogrillo.wordpress.com
  • Antonio Grillo scrive:
    WiMAX
    Ottime iniziative ma... una volta costruite le "autostrade" cosa vedremo sfrecciare?Sevizi scarsamente usabili, disastrosamente accessibili.Risultato? Pochi potranno usifruirne, senza il ROI sperato.Soluzione? Aumentare la cultura dell'usabilità e dell'accessibilità in chi progetta ed in chi amministrahttp://antoniogrillo.wordpress.comhtp://www.antoniogrillo.it
    • styx scrive:
      Re: WiMAX
      - Scritto da: Antonio Grillo
      Ottime iniziative ma...
      una volta costruite le "autostrade" cosa vedremo
      sfrecciare?

      Sevizi scarsamente usabili, disastrosamente
      accessibili. (...)tu hai seri problemi.. continui a scrivere questa cosa sul forum, non realizzando che "l'autostrada" separata dai contennuti è un plusvalore. che si sta inseguendo da tempo, in italia, tra l'altro. Cercando per es di estrapolare l'accesso al network di telecom (l'incumbent) dagli altri. Si parla costantemente di neutralita' della rete ecc.. e tu ti preccupi del fatto che non ci saranno servizi? Pensiamo a costruire un autostrada di qualita', separata dai contenuti. E quelli verranno da soli......
      • Antonio Grillo scrive:
        Re: WiMAX
        Perdonami,probabile tu non abbia colto l'intento del mio post.Non ho mai detto che ho preoccupazione affinche non ci siano servizi, bensì sono preoccupato per la non usabilità e accessibilità della ricchezza dei servizi.La provocazione era la seguente (magari ora sarò più chiaro)Che allarghiamo a far ele strade se quello che ci passa non è facile da usare e non è accessibile a tutti?
        • Antonio Grillo scrive:
          Re: WiMAX
          sarebbe auspicabile dare maggiore attenzione alla qualità dei servizi, alla loro capacità di penetrare nella popolazione, invece che pensare solo a fare tutto più veloce...Antoniosito web: http://www.antoniogrillo.itblog: http://www.antoniogrillo.wordpress.com
Chiudi i commenti