TLC, sciopero in Sicilia

Annuncio

Roma – Si asterranno oggi dal lavoro per un’ora i dipendenti delle società di telecomunicazione in Sicilia, una mobilitazione che avverrà a fine turno e che è stata indetta da CGIL, CISL e UIL.

I sindacati confederali chiedono che venga applicato il contratto contro il lavoro nero nei diversi settori, dai call center alle centrali fino alla manutenzione delle reti. Chiedono che le aziende di TLC rispettino le intese che comprendono misure per la sicurezza sui luoghi di lavoro e servizi ispettivi potenziati.

Secondo il sindacato siciliano SLC-CGIL “nel mondo delle telecomunicazioni si annidano migliaia di persone vittime dell’economia sommersa. L’ultima vittima nelle settore delle aziende TLC è stata a Salemi, due mesi fa. Un lavoratore è caduto da un palo dove stava eseguendo un lavoro di manutenzione ed è morto. Gli incidenti sono gravi e frequenti”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Svizzera
    Normalmente gli operatori fanno pagare 15 cent per sms...Questa, siamo d'accordo, è una cifra elevatissima per il servizio offerto (che all'operatore non costa nulla)Skype offre sms a poco più di 11 centesimi oggi scontati del 50% per una settimana...E gli operatori piangono miseria (vedi Wind che da 10 cent li ha aumentati a 15 cent)...Mia moglie (lavoratrice frontaliera in svizzera) ha appena fatto un contratto svizzero che permette di inviare sms in tutta europa a 6 cent di euro a qualsiasi cellulare...Si chiama Yallo (www.yallo.ch)Se ci riescono in svizzera dove la vita è notoriamente più cara, perchè non ce la facciamo anche in italia?(Domanda retorica... devono pagare la montagna di pubblicità martellante che fanno...)
Chiudi i commenti