Tor, ricercatori ed FBI: smentite che non smentiscono

Dalla Carnegie Mellon University negano, l'FBI nega, nessuno avrebbe insomma "crackato" Tor a beneficio delle indagini contro Silk Road. Le smentite arrivano ma sono prive di argomentazioni

Roma – No, i ricercatori della Carnegie Mellon University non hanno aiutato l’FBI a “crackare” Tor nell’ambito delle indagini contro Silk Road 2.0, un’accusa emersa nei giorni scorsi a opera degli sviluppatori della rete anonimizzatrice e che probabilmente continuerà ad aleggiare nel dibattito sulla privacy online anche dopo le dichiarazioni ufficiali delle parti interessate.

In una “dichiarazione per i media” piuttosto stringata , l’università statunitense nega di aver ricevuto il milione di dollari di compenso citato dai creatori di Tor, dicendo piuttosto di limitarsi a collaborare con autorità e forze dell’ordine nel caso in cui arrivino richieste di accesso con subpoena legalmente emesse dal giudice.

I ricercatori della Carnegie Mellon non sono stati pagati, insomma, però avrebbero dovuto collaborare con l’FBI – secondo quanto lascia intendere la dichiarazione di cui sopra – come previsto dalla legge. Che poi questa collaborazione ci sia poi stata, l’università non lo conferma ma nemmeno lo nega .

La possibile compromissione di Tor dietro mandato federale è una questione destinata a far discutere ancora a lungo a causa delle potenziali conseguenze (tecnologiche e non solo) che il caso porta con sé, tanto più che le dichiarazioni dell’FBI alimentano ulteriormente i dubbi e tengono in vita il sospetto.

Il Bureau statunitense era intervenuto subito dopo la pubblicazione delle accuse degli sviluppatori, con un portavoce che aveva semplicemente definito “impreciso” il presunto pagamento di 1 milione di dollari ai ricercatori della Carnegie Mellon University. Sosa ci sia di erroneo, nelle dichiarazioni del team di Tor, l’FBI non ha premura di chiarirlo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vidia scrive:
    sicurezza
    apple e sicurezza informatica sono ossimori, non se ne sono MAI occupati per cui è normale che non ne capiscano nulla
  • Etype scrive:
    Appledown...
    http://www.tomshw.it/news/ipad-pro-si-blocca-in-carica-e-va-riavviato-apple-indaga-72056http://www.tomshw.it/news/ipad-pro-non-piace-agli-sviluppatori-di-app-professionali-72053(rotfl) (rotfl) (rotfl)
  • Etype scrive:
    Sicurezza morsicata
    "I rischi di sicurezza sono una questione sempre più pressante anche sui gadget e i PC di Apple, e da Cupertino sono sempre più spesso costretti a fornire spiegazioni che in passato raramente sono arrivate."Ma dai, chi lo avrebbe mai detto, i famosi sistemi super sicuri di apple :D
    • Macaca Sylvana scrive:
      Re: Sicurezza morsicata
      Beh intanto è sicuro che hai speso un botto di soldi.... in fondo è una "sicurezza" come un altra.... :D
    • collione scrive:
      Re: Sicurezza morsicata
      - Scritto da: Etype
      Ma dai, chi lo avrebbe mai detto, i famosi
      sistemi super sicuri di apple
      :De anche perfetti http://www.tomshw.it/news/ipad-pro-si-blocca-in-carica-e-va-riavviato-apple-indaga-72056
Chiudi i commenti