Toshiba e il suo piccolo grande hard disk

L'azienda giapponese ha recentemente annunciato di voler intraprendere lo sviluppo di drive da 0,85 pollici con tecnologia di registrazione perpendicolare


Las Vegas (USA) – A pochi mesi dalla resa disponibilità sul mercato dei dischi fissi da 0,85 pollici, Toshiba torna alla carica annunciando un nuovo disco da 10 GB che si affianca ai fratellini minori da 2 e 4 GB. La nuova roadmap, annunciata dalla divisione Storage dell’azienda giapponese, è stata ufficializzata proprio durante il CES degli scorsi giorni.

Per poter archiviare una così grande quantità di dati in uno spazio talmente ridotto (ricordiamo che la dimensione dei drive è di 32 x 33 x 24 mm) Toshiba ha deciso di affidarsi alla nuova tecnologia di scrittura denominata ” PMR “(Perpendicular Magnetic Recording). Il nuovo tipo di scrittura, conosciuto oramai da tempo ma sempre in lento rodaggio, non è ancora ad appannaggio del grande pubblico in quanto più costoso rispetto a quello utilizzato dai normali dischi fissi. Il perpendicular recording permette di allineare i dati in senso perpendicolare rispetto al piano del disco e di poter gestire, in questo modo, una densità maggiore rispetto al classico Longitudinal Recording.

Il costo di questa tecnologia è dovuto alla presenza di testine più a diretto contatto con i dischi e quindi più piccole . Il tutto porta a sviluppi sulla miniaturizzazione che non sono poi tanto economici. Toshiba, nella corsa all’introduzione della registrazione perpendicolare, ha battuto aziende concorrenti come Seagate e Hitachi introducendo per prima la nuova tecnologia su di un disco circa un anno addietro. Il disco in questione era un modello da 1,8 pollici. Ora, la possibilità di offrire una grande densità di memoria su di una superficie ancora più piccola apre nuovi spiragli per l’ambito mobile che potrebbe vantare, entro pochi anni, dispositivi piccolissimi con dischi fissi dalle capacità extra-large .

Dario Panzeri

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    fosse solo l'HD a mancare..
    manca la potenza che renderà i giochi per questa console a livello grafico da antiquariato già all'uscita.
    • Anonimo scrive:
      Re: fosse solo l'HD a mancare..
      videogioco come divertimento, non come grafica.L'idea di fondo è la migliore, smettere di pensare che un videogioco è bello solo se muove tanti poligoni ma che può essere bello perchè divertente. Revolution ha nella minor grafica un vantaggio: la possibilità di ridurre i costi favorendo l'innovazione e creando giochi che potranno far divertire gli esclusi (oggi i giochi sono diventati difficili e molti non giocano più come ai tempi del snes e del megadrive quando anche i 50enni prendevano in mano un joypad con successo). - Scritto da: Anonimo
      manca la potenza che renderà i giochi per questa
      console a livello grafico da antiquariato già
      all'uscita.
      • Anonimo scrive:
        Re: fosse solo l'HD a mancare..
        eppoi, chi ha parlato di grafica non next gen?aspettiamo e vediamo..fino a prova contraria nessuno ha visto nulla..ps:Perchè il 360 non hd ha una grafica next gen?ma non scherziamo..cmq Partono già avantaggiati, hanno un pad che distruggeerà tutto.
        • Anonimo scrive:
          Re: fosse solo l'HD a mancare..
          NINTENDO FOREVER, non hanno mai sparato poligoni a cazzo, alla fine il CUBO era piu potente della PS2 e poco meno dell'xbox, con degli effetti particellari (aqcua, fuoco ecc...) migliori e con una pulizia della grafica superiore.
    • Anonimo scrive:
      Re: fosse solo l'HD a mancare..
      l'hai provata per dirlo :D io non mi esprimerei prima di vederla sai che non sono solo i mhz a fare la potenza ma anche i motori grafici e i modi di gestirlimi sembra che ultimamente molta gente punti solo sulla potenza dimenticando che un software ben congeniato potrebe dare gli stessi risultati
Chiudi i commenti