Toshiba: il volto al posto della password

Anche il costruttore giapponese vira verso la biometria domestica, quella che consentirebbe di accedere ad un laptop via riconoscimento facciale. Con buone probabilità di riuscirci

Roma – Aprendo la confezione di un laptop Toshiba Satellite A305-S6845 non emerge nulla di particolarmente innovativo: computer e caricabatterie, manuali, CD di ripristino, cavi. Ma anche se non si vede, in realtà c’è un softwarillo in più, una “chicca” secondo Toshiba che ha il merito – dice l’azienda – di semplificare la vita: è Face Recognition . Un sistema che promette di svincolare l’utente dal dover ricorrere alle password, perché secondo quanto afferma la casa, per fare il “logon” al sistema – o superare una qualsiasi protezione – ci si può affidare al proprio volto: mostrandolo alla telecamera, il software è in grado di riconoscerlo e agire di conseguenza, ad esempio garantendo l’autorizzazione all’accesso.

Face Recognition in azione Molti si domandano quale possa essere il grado di affidabilità di un simile software: basti pensare all’imbarazzo in cui potrebbero trovarsi due gemelli, poiché – a differenza di quanto previsto in altre soluzioni precedenti – Toshiba non avrebbe considerato questa evenienza.

Si tratta di una tecnologia che l’azienda dichiara di studiare da molto: sin dal primo annuncio , tuttavia, il costruttore ha specificato che l’impiego ideale di Face Recognition è di tipo familiare o di comunità, cioè di quelle realtà dove un laptop può essere condiviso tra più persone ma non sono presenti particolari esigenze di sicurezza. Poco prudente, dunque, ne sarebbe l’impiego dove occorra garantirsi un elevato grado di protezione.

Chi, preso dalla curiosità, volesse provare – protezioni permettendo – può soddisfare la propria sete scaricando il software da questa pagina del sito di supporto della casa. Attenzione però: è dichiarato funzionante solo su Windows Vista.

Marco Valerio Principato

( Fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • z f k scrive:
    le nuove frontiere dell'inquinamento?
    In una visione sistemistica, hanno considerato gli effetti collaterali?Non e' che sbagliano frequenza o potenza del segnale e mandano in tilt il sistema di comunicazione di pesci veri o mammiferi acquatici? Non e' che ci ritroveremo balene spiaggiate che cercano di scalare il vesuvio o branchi di tonni che girano in tondo fino a morire di fame o di noia?CYA
    • Mahji scrive:
      Re: le nuove frontiere dell'inquinamento?
      Tutto puo' accadere, perfino che la robotica sia di gran disturbo ai venusiani e causi solletico alle vibrisse dei gatti di Giove.Conviene smettere subito, di fonte a contanti concreti problemi o assumerti come preventologo.
Chiudi i commenti