Toshiba taglia per rinascere

Il colosso giapponese annuncia un piano di ristrutturazione per risollevarsi. A base di tagli di posti di lavoro e di cessioni di rami di business

Roma – È la divisione dell’elettronica di consumo, dei PC e del video quella che subirà il maggiore impatto delle scelte con cui Toshiba tenterà di rimettersi in carreggiata all’indomani dello scandalo dei conti gonfiati emerso nel corso della primavera.

Per la chiusura dell’anno fiscale 2015, a marzo, il colosso giapponese prevede perdite per 550 miliardi di yen, vale a dire oltre 4 miliardi di euro, con i titoli dell’azienda che nel giro di pochi mesi hanno perso il 40 per cento del loro valore: si rende dunque necessario un piano di contenimento dei costi e l’azienda ha annunciato tagli consistenti.

In quello che Toshiba definisce piano d’azione per “rivitalizzare” l’azienda, saranno 6.800 i posti di lavoro che verranno ritenuti superflui nella produzione di PC e TV, vale a dire il 30 per cento di coloro che operano nel settore. Sono 10.600 i lavoratori che nel complesso verranno congedati, per un totale del 5 per cento della forza lavoro globale. Si tratta di una ristrutturazione che tenterà di fare leva su pensionamenti anticipati e che coinvolgerà lavoratori di tutto il mondo, anche se Toshiba non ha ancora specificato in quali stati.

Dopo la vendita della divisione dei sensori ottici a Sony per 19 miliardi di yen, poco più di 140 milioni di euro, l’azienda ha altresì annunciato la cessione di una fabbrica indonesiana di TV e elettrodomestici e di essere in cerca di investitori per la propria divisione healthcare. Toshiba ha invece smentito le indiscrezioni relative a un possibile spin off del proprio business delle memorie NAND flash.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • xx tt scrive:
    E la multiproprietà?
    Intendo se acquisto il gioco in più persone.Tipo il plurivision:http://www.videotecheweb.it/pvs/index.htmRicordo a tutti che se è legale, non c'è clausola della EULA che tenga. La legge viene prima del singolo contratto.
  • Mazzulatore scrive:
    Mazzate
    Per ora la mazzata con il digital delivery l'hanno presa gli ebook senza bisogno di alcun tribunale, anche se un libro e' una cosa molto diversa da un videogioco e dopo un anno non ha alcun valore, da 60 euro passa a 5 euro nel cestone (2 o 3 su steam), altre mazzate sono in arrivo, basta ricordarsi quante ne ha prese MS dopo la presentazione della nuova xbox
    • Winaro scrive:
      Re: Mazzate
      Cioé la mazzata? Che è successo agli ebook?
      • Mazzulatore scrive:
        Re: Mazzate

        Che è successo agli ebook?Se ne e' parlato molto:http://www.repubblica.it/cultura/2015/09/24/news/crollo_delle_vendite_e_riscoperta_della_carta_addio_al_lettore_digitale-123599056/http://punto-informatico.it/4272399/PI/News/editoria-piu-ecommerce-che-ebook.aspx
        • Il fuddaro scrive:
          Re: Mazzate
          - Scritto da: Mazzulatore

          Che è successo agli ebook?

          Se ne e' parlato molto:

          http://www.repubblica.it/cultura/2015/09/24/news/c

          http://punto-informatico.it/4272399/PI/News/editorChe non si inizi, a far ragionare il cervello. Le pecore avranno trovato un buon pastore negli ultimi tempi. :PIo sono il fuddaro io fuddo :^()
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Mazzate
      - Scritto da: Mazzulatore
      Per ora la mazzata con il digital delivery
      l'hanno presa gli ebook senza bisogno di alcun
      tribunale, anche se un libro e' una cosa molto
      diversa da un videogioco e dopo un anno non ha
      alcun valore, da 60 euro passa a 5 euro nel
      cestone (2 o 3 su steam), altre mazzate sono in
      arrivo, basta ricordarsi quante ne ha prese MS
      dopo la presentazione della nuova
      xboxNon sempre i videogiochi calano di prezzo dopo una anno, basta dare un occhio ai titoli nintendo o prodotti da lei.
  • Pianeta Video scrive:
    ...
    Giusto così! Se ti vendo un prodotto e ne abusi vengo a riprendermelo chiaro? @^
    • Dinamite Bla scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Pianeta Video
      Giusto così! Se ti vendo un prodotto e ne abusi
      vengo a riprendermelo chiaro?
      @^Sto abusando di un tuo prodotto vieni a prenderlo...
      • Zack scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: Dinamite Bla
        - Scritto da: Pianeta Video
        Sto abusando di un tuo prodotto vieni a
        prenderlo...Non è un suo prodotto, è una parte del suo corpo, posta sul basso della schiena ... ma non sei l'unico che ne "abusa"
    • xx tt scrive:
      Re: ...
      Va bene, però mi ridai i soldi.
    • Pianeta Fesso scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Pianeta Video
      Giusto così!ben detto cugliò!
  • xx tt scrive:
    Rivendita? Giochi acquistati?
    Ma di cosa state parlando?I prodotti software come questi non si vendono realmente al pubblico. Non c'è alcun passaggio di proprietà relativo al prodotto in se. Quando si "acquista" un gioco ciò che viene acquistata è la licenza di utilizzo, che è un altro paio di maniche.Se scrivono che puoi acquistare un gioco a X Euro andrebbero semmai denunciati per pubblicità ingannevole.A chi pensa che "acquistare" un gioco significhi averne poi la proprietà, consiglio la lettura della relativa EULA...
    • ... scrive:
      Re: Rivendita? Giochi acquistati?
      - Scritto da: xx tt
      Ma di cosa state parlando?

      I prodotti software come questi non si vendono
      realmente al pubblico. Non c'è alcun passaggio di
      proprietà relativo al prodotto in se.


      Quando si "acquista" un gioco ciò che viene
      acquistata è la licenza di utilizzo, che è un
      altro paio di
      maniche.
      Se scrivono che puoi acquistare un gioco a X Euro
      andrebbero semmai denunciati per pubblicità
      ingannevole.

      A chi pensa che "acquistare" un gioco significhi
      averne poi la proprietà, consiglio la lettura
      della relativa EULA...e allora che cambino la dicitura.la parola VENDERE ha ancora dei chiari significati legali.
      • prova123 scrive:
        Re: Rivendita? Giochi acquistati?
        Infatti e sul sito utilizzano il termine ACQUISTO in modo ingannevole.http://store.steampowered.com/cart/
      • il fuddaro scrive:
        Re: Rivendita? Giochi acquistati?
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: xx tt

        Ma di cosa state parlando?
        e allora che cambino la dicitura.
        la parola VENDERE ha ancora dei chiari
        significati
        legali.Si significa frase ingannevole per poveri tonti! (rotfl).Come d'altronde, lo è TUTTA la publicità. I reparti delle vendite e i pubblicitari fondano tutto sull' ingannevole. Ingannare, ingannare e ingannare. E gli stolti pecoroni consumatori, comprano sempre e comunque, pur sapendolo! :$Tanto cianno sempre una scusante pronta per dormire tramquilli la notte. Buonanotte pecore! @^Io sono il fuddaro io fuddo. :^()
        • rosica bene scrive:
          Re: Rivendita? Giochi acquistati?
          - Scritto da: il fuddaro
          Come d'altronde, lo è TUTTA la publicità. I
          reparti delle vendite e i pubblicitari fondano
          tutto sull' ingannevole. Ingannare, ingannare e
          ingannare. E gli stolti pecoroni consumatori,
          comprano sempre e comunque, pur sapendolo!
          :$

          Tanto cianno sempre una scusante pronta per
          dormire tramquilli la notte. Buonanotte pecore!
          @^la mia scusante e che sono andato in pensione a 40 anni e che quindi paghi tu le mie spese con le tasse.Rosica bene!
    • Izio01 scrive:
      Re: Rivendita? Giochi acquistati?
      - Scritto da: xx tt
      Ma di cosa state parlando?

      I prodotti software come questi non si vendono
      realmente al pubblico. Non c'è alcun passaggio di
      proprietà relativo al prodotto in se.


      Quando si "acquista" un gioco ciò che viene
      acquistata è la licenza di utilizzo, che è un
      altro paio di maniche.E infatti le associazioni dei consumatori chiedono di poter rivendere/regalare/eccetera la licenza, non il gioco.Guarda che la stessa identica cosa succede con i libri da qualche secolo, eh!
      • xx tt scrive:
        Re: Rivendita? Giochi acquistati?
        Dall'articolo sembra che parlino dei videogiochi, non delle relative licenze:"...secondo cui i videogame acquistati da un utente sono..."Capisco che di solito le due cose siano sinonimi, ma se stiamo parlando di beghe legali in un articolo, un po' di precisione lessicale ci starebbe anche bene
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Rivendita? Giochi acquistati?
      - Scritto da: xx tt
      Quando si "acquista" un gioco ciò che viene
      acquistata è la licenza di utilizzo, che è un
      altro paio di maniche.E quella non si può rivendere?
      Se scrivono che puoi acquistare un gioco a X Euro
      andrebbero semmai denunciati per pubblicità
      ingannevole.D'accordo al 100%
      A chi pensa che "acquistare" un gioco significhi
      averne poi la proprietà, consiglio la lettura
      della relativa EULA...La EULA è un contratto legalmente valido?Se NO: allora di cosa staremmo parlando, della carta straccia?Se SI: allora visto che prevede limitazioni solo per l'acquirente ("non puoi" disassemblare, "non puoi" copiare, "non puoi" rivendere, "non puoi" esaminare la memoria, "non puoi" modificare, "non puoi" distribuire) in base alla legge sulle clausole vessatorie, ed in base a sentenze anche recenti (es. Tribunale Palermo proc.civ.4256/2014) "Nessun obbligo di approvazione espressa, con la seconda firma, per le clausole vessatorie inserite in contratti <b
      redatti, discussi e concordati da entrambe le parti </b
      " (cioè quando un contratto vengono fatti specificamente tra due parti che l'hanno scritto insieme) e in questa sentenza viene aggiunto che " <b
      La doppia firma è invece obbligatoria solo nelle condizioni generali di contratto prestabilite da una delle due parti, laddove laltra non abbia potuto modificare il contenuto, lo abbia semplicemente subìto con la possibilità solo di scegliere se firmare o meno. </b
      " che è esattamente quello che succede con la EULA ed altre "licenze" simili, che quindi, se hanno valore legale, sono considerate contratti a tutti gli effetti, ma ponendo delle limitazioni, necessitano di approvazione scritta.La legge italiana infatti, non ammette che la doppia firma per l'approvazione delle clausole vessatorie possa essere sostituita in alcun modo dalla firma elettronica, e tantomeno da un pulsante "accetto". Al contrario, prevede che qualunque contratto sottoscritto senza la doppia firma che approva esplicitamente le clausole vessatorie deve ritenersi accettato solo per le clausole non vessatorie, vale a dire tutte quelle che non impongano limitazioni per una sola delle parti (tipicamente il consumatore). Esiste un disegno di legge al Senato per modificare ciò, ma (S1447 presentato nel 2009). Come si può verificare sul sito del Senato ( http://www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Ddliter/33399.htm ) il suo stato attuale è "assegnato (non ancora iniziato l'esame)". Nel frattempo, il tribunale di Palermo ha confermato quello che ho detto, in tempi ben più recenti (2014) com'è spiegato qui:http://www.laleggepertutti.it/89131_clausola-vessatoria-doppia-firma-solo-nei-contratti-per-adesione
    • Winaro scrive:
      Re: Rivendita? Giochi acquistati?
      Puttanata colossale e totale!E quando acquisti un'automobile che cazzo fai, acquisisci i diritti di produzione e per questo la puoi rivendere perchè è tua?Concesso in licenza non significa che è in affitto, significa che come proprietario di quella licenza sei legittimato ad utilizzare il software.Nella licenza la SH o nel contratto Steam, può scrivere quello che vuole, anche che ti devi buttare dai ponti, oppure che la licenza non la puoi cedere. Questo non diventa automaticamente realtà, nè legge.
  • Piccolo principe scrive:
    teoria
    E' possibile farlo lo stesso devi creare un account per ogni gioco o gruppo di giochi e vendere direttamente l'account ma per comodita' non lo fa nessuno
  • lorenzo scrive:
    Ma e' semplicissimo ...
    Basta non comprare nulla finche' non cambia la licenza ... Posibile che non arrivino ad una banalita' del genere ? Bisogna smettere di essere "consumatori" e ritornare ad essere "persone"
    • Izio01 scrive:
      Re: Ma e' semplicissimo ...
      - Scritto da: lorenzo
      Basta non comprare nulla finche' non cambia la
      licenza ...

      Posibile che non arrivino ad una banalita' del
      genere ?
      Tenuto conto che ognuno non può agire su altri che su se stesso, l'unico risultato reale che potrebbe ottenere in questo modo è di rinunciare per sempre ad utilizzare giochi distribuiti via Steam.Se è possibile tentare le vie legali - come avviene in tutta una serie di situazioni analoghe - piuttosto che imporsi una rinuncia definitiva, perché no?

      Bisogna smettere di essere "consumatori" e
      ritornare ad essere "persone"Ecco, bravo, bello slogan. Inizia tu a rinunciare a vita a qualcosa a cui tieni, e poi ne riparliamo.
      • lorenzo scrive:
        Re: Ma e' semplicissimo ...
        Ognuno di noi agisce su se stesso , ma puo' essere anche un esempio per gli altri .Personalmente evito di compare cose che poi non sono mie ... se lo facessimo tutti risolveremmo il problema alla radice , e lo slogan non e' un slogan e' un dato di fatto .
        • Pianeta Lo Facciamo Tutti scrive:
          Re: Ma e' semplicissimo ...
          - Scritto da: lorenzo
          se lo facessimo tutti RISOLVIAMO ANCHE LA PACE NEL MONODO, L'IINIQUITA' E MILLE ALTRE COSE!Ma cos'hai 6 anni????AHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAH
      • Tre scrive:
        Re: Ma e' semplicissimo ...
        - Scritto da: Izio01
        Tenuto conto che ognuno non può agire su altri
        che su se stesso, l'unico risultato reale che
        potrebbe ottenere in questo modo è di rinunciare
        per sempre ad utilizzare giochi distribuiti via
        Steam.E usi quelli distribuiti via baia.
        Se è possibile tentare le vie legali - come
        avviene in tutta una serie di situazioni analoghe
        - piuttosto che imporsi una rinuncia definitiva,
        perché no?Perchè l'offerta non soddisfa la mia domanda.

        Bisogna smettere di essere "consumatori" e

        ritornare ad essere "persone"
        Ecco, bravo, bello slogan. Inizia tu a rinunciare
        a vita a qualcosa a cui tieni, e poi ne
        riparliamo.Fatto...
    • Povero me scrive:
      Re: Ma e' semplicissimo ...
      - Scritto da: lorenzo
      Basta non comprare nulla finche' non cambia la
      licenza ...

      Posibile che non arrivino ad una banalita' del
      genere ?


      Bisogna smettere di essere "consumatori" e
      ritornare ad essere
      "persone"Toh, ma certo te lo sei proprio scelto il pecorone!Il tuo colloquiante, è il TIPICO pecorone che pur di "comprare" l' ultimo titolo, acetterebbe qualsiasi sopruso! Tanto una scusa la trova sempre.
      • Pianeta Lo Facciamo Tutti scrive:
        Re: Ma e' semplicissimo ...
        - Scritto da: Povero me
        Il tuo colloquiante, è il TIPICO pecorone che pur
        di "comprare" l' ultimo titolo, acetterebbe
        qualsiasi sopruso! Tanto una scusa la trova
        sempre.CONSEGUENZA: AFFERMARE 'SE LO FACCIAMO TUTTI, FUNZIONA!111' E' INUTILE ED UTOPISTICO AD ESSERE GARBATI.MA E' MEGLIO DEFINIRLO PER QUELLO CHE E': <b
        UNA CAGATA PAZZESCA </b
    • Pianeta Ragionamen to Da Fessi scrive:
      Re: Ma e' semplicissimo ...
      - Scritto da: lorenzo
      Basta non comprare nulla finche' non cambia la
      licenza ...ma certo.E poi se si è soldati basta rifiutarsi di sparare e non xci sarà più nessuna guerra!Pace nel mondo ottenuta con un ragionamento semplicissimo!dovrebbero darti il nobel!AHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAA
      • Pianeta dei Rincoglion iti scrive:
        Re: Ma e' semplicissimo ...
        Hai raggione cumpà!
      • lorenzo scrive:
        Re: Ma e' semplicissimo ...
        si si e' proprio la stessa situazione ... se non compri l'ultimo titolo ti fucilano sicuramente ... sai che c'e' ... se non sei disposto a combattere per i tuoi diritti non ne meriti ! Peccato che con il tuo agire contribuisci a rischiare di farli perdere anche agli altri ...
        • Pianeta Pace Nel Mondo scrive:
          Re: Ma e' semplicissimo ...
          - Scritto da: lorenzo
          si si e' proprio la stessa situazione ...
          se non compri l'ultimo titolo ti fucilano ma guarda che il fucilatore mica spara, è un soldato anche lui e secnodo il tuo ragionamento illuminato non sparerà!AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
          se non sei disposto a
          combattere per i tuoi diritti non ne meriti e se non sei disposto a sacrificarti per la pace nel mondo non la meriti!AHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHA
    • Winaro scrive:
      Re: Ma e' semplicissimo ...
      - Scritto da: lorenzo

      Bisogna smettere di essere "consumatori" e
      ritornare ad essere
      "persone"Veramente io oltre che "persona" ritengo di essere "cittadino", e come citadino mi avvalgo delle leggi. In negazione delle leggi, oltretutto a mio esclusivo discapito, non vedo perché dovrei trattenermi dal piratare il gioc e mandarli tutti aff...
      • il fuddaro scrive:
        Re: Ma e' semplicissimo ...
        - Scritto da: Winaro
        - Scritto da: lorenzo, non vedo perché dovrei
        trattenermi dal piratare il gioc e mandarli tutti
        aff...Forse perchè ogni bravo crack, al suo interno contiene la sua brava .dll, o altro, che consente di essere uno dei millemila 'zombi' in mano al sysadmin che manovra le sue brave botnet? Forse eh?Ma ognuno e libero di fare quello che vuole in fondo.Io sono il fuddaro io fuddo :^()
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Ma e' semplicissimo ...
          - Scritto da: il fuddaro
          - Scritto da: Winaro

          - Scritto da: lorenzo
          , non vedo perché dovrei

          trattenermi dal piratare il gioc e mandarli
          tutti

          aff...

          Forse perchè ogni bravo crack, al suo interno
          contiene la sua brava .dll, o altro, che consente
          di essere uno dei millemila 'zombi' in mano al
          sysadmin che manovra le sue brave botnet?"Ogni" un paio di palle.La stragrande maggioranza dei crack, tra cui tutti quelli creati dai gruppi storici che stanno sulla scenda da 20 e più anni, NON è un trojan o altro tipo di malware. Non si sputtanerebbero così.Se poi preferisci credere ai falsi positivi di antivirus di merda come Avira, che non solo segnalano qualunque cosa sia piratata come virus, ma almeno da me sono stati incapaci di rivelare VERI virus, allora è un tuo problema.
          • Due scrive:
            Re: Ma e' semplicissimo ...
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            "Ogni" un paio di palle.
            La stragrande maggioranza dei crack, tra cui
            tutti quelli creati dai gruppi storici che stanno
            sulla scenda da 20 e più anni, NON è un trojan o
            altro tipo di malware. Non si sputtanerebbero
            così.
            Se poi preferisci credere ai falsi positivi di
            antivirus di merda come Avira, che non solo
            segnalano qualunque cosa sia piratata come virus,
            ma almeno da me sono stati incapaci di rivelare
            VERI virus, allora è un tuo problema.Quoto, lo si constata facilmente se si usa windows ESCLUSIVAMENTE per giocare (con giochi craccati): di virus neanche l'ombra.Ma probabilmente l'amico sopra non sa cosa siano i gruppi storici.
  • Sg@bbio scrive:
    Il dramma del digital deliver
    E' proprio questo, la totale perdita di proprietà del proprio acquisto e la scarsa garanzia che in futuro si possa usufruire ancora dei propri acquisti.Questa smania del DD colpisce anche le console, con effetti molto brutti.
    • prova123 scrive:
      Re: Il dramma del digital deliver
      - Scritto da: Sg@bbio
      E' proprio questo, la totale perdita di proprietà
      del proprio acquisto e la scarsa garanzia che in
      futuro si possa usufruire ancora dei propri
      acquisti.

      Questa smania del DD colpisce anche le console,
      con effetti molto
      brutti.Basta pagare il gioco e scaricare il crack che è gratuito ed è garantito che il gioco sarà utilizzabile in futuro.Così facendo vincono solo l'uovo di oggi ma perdono la gallina domani. Domani perderanno anche l'uovo.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Il dramma del digital deliver
        Una cosa che si faceva già con le nocd patch.Però la cosa assurda è craccare i giochi che hai comprato, per farli girare. Poi cosa potrebbe succedere fra ventanni con quei titoli che hai comprato ? Su steam si fanno questi problemi ed è un sistema abbastanza rodato. Ma sul DD delle console ?
        • prova123 scrive:
          Re: Il dramma del digital deliver
          E' concettualmente sbagliato pagare DD e relativa console. Queste console sono semplicemente da non acquistare. Se poi uno le acquista loro hanno ragione. Personalmente ho comprato la console sino a quando ho potuto fare girare i giochi offline ed avendo il gioco fisico. Quando non è stato più possibile ho chiuso con le console. Sono loro che vogliono vendere ...
          • Izio01 scrive:
            Re: Il dramma del digital deliver
            - Scritto da: prova123
            E' concettualmente sbagliato pagare DD e relativa
            console. Queste console sono semplicemente da non
            acquistare. Se poi uno le acquista loro hanno
            ragione. Personalmente ho comprato la console
            sino a quando ho potuto fare girare i giochi
            offline ed avendo il gioco fisico. Quando non è
            stato più possibile ho chiuso con le console.
            Sono loro che vogliono vendere...Scusa la domanda, ma mi vuoi dire che con PS4 ed XBox One non puoi giocare offline? A me non risulta mica, eh, e la PS4 ce l'ho, anche se in realtà la uso pochissimo.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Il dramma del digital deliver
            - Scritto da: prova123
            E' concettualmente sbagliato pagare DD e relativa
            console. Queste console sono semplicemente da non
            acquistare. Se poi uno le acquista loro hanno
            ragione. Personalmente ho comprato la console
            sino a quando ho potuto fare girare i giochi
            offline ed avendo il gioco fisico. Quando non è
            stato più possibile ho chiuso con le console.
            Sono loro che vogliono vendere
            ...Sinceramente le console le puoi usare off line. Il problema sono quei titoli distribuiti solo via DD, di cui il loro distino dopo la chiusura del supporto da parte dei produttori, lascia molti dubbi.
          • Dr.House scrive:
            Re: Il dramma del digital deliver
            Hai le idee totalmente confuse ed è lampante che non hai la più pallida idea che il fatto che siano in DD non significa nulla in termini di usabilità.Anche i giochi in formato fisico subiscono la chiusura dei server. Un gioco in DD non viene "ritirato" se il produttore decide di chiudere i server per giocare online, puoi continuare a giocare offline, esattamente come con la copia fisica. il DD è un canale distributivo, non un sistema di DRM o un "noleggio" a discrezione del produttore.
          • prova123 scrive:
            Re: Il dramma del digital deliver
            Il DD è una grande chiavata in quanto i dischi si usurano e sono in formato proprietario ... come dire "l'amore è eterno finchè dura" :D
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Il dramma del digital deliver
            Forse tu hai le idee confuse su quel che ho detto.Io un gioco su supporto fisico, lo posso usare su una console anche dopo la fine del suo ciclo vitale, dagli anni 80, fino alla ps2/gc/xbox/dc/ e portatili.Il problema si ponte sia dalla generazione conclusa di console, ovvero Wii/ps3/x360 e le attuali.Già nintendo ha segato i ponti nel servizi online del dsi che del wii, tanto che i titoli via DD che erano distribuiti per quelle piattaforme, sono difficili da reperire, se non tramite vie traverse o eccezioni particolari.La situazione diventa TRAGICA con la situazione attuale, dove in europa per esempio, molti titoli sono distribuiti solo via DD, il 3ds ne ha una folta schiera di titoli distribuiti in europa solo cosi, per non parlare poi il vizio analogo di certe sh che trattano di merda l'europa in tal senso.Quando sony e microsoft taglieranno i ponti con la 360 e ps3 (cosa non cosi remota), some si potranno gestire i titoli messi solo via DD ? stessa cosa poi con le console attuali, dove si punta molto al digital deliver.Si rischia alla fine di avere console inservibili dopo la loro fine commerciale, il che per il retrogaming è un bel problema.
          • Dr.House scrive:
            Re: Il dramma del digital deliver
            [img]http://s1.favim.com/orig/150308/black-and-white-dr-house-face-funny-Favim.com-2543990.gif[/img]Questa cosa non l'avevo considerata. Sono proprio un citrullo.
        • ... scrive:
          Re: Il dramma del digital deliver
          - Scritto da: Sg@bbio
          Una cosa che si faceva già con le nocd patch.
          Però la cosa assurda è craccare i giochi che hai
          comprato, per farli girare. Poi cosa potrebbe
          succedere fra ventanni con quei titoli che hai
          comprato ? Su steam si fanno questi problemi ed è
          un sistema abbastanza rodato. Ma sul DD delle
          console ?'nta pigghi int' oculo. chiaro e semplice.
    • ... scrive:
      Re: Il dramma del digital deliver
      - Scritto da: Sg@bbio
      E' proprio questo, la totale perdita di proprietà
      del proprio acquisto e la scarsa garanzia che in
      futuro si possa usufruire ancora dei propri
      acquisti.

      Questa smania del DD colpisce anche le console,
      con effetti molto brutti.se uno mi porge le terga e mi paga per essere abusato, che faccio, non glielo infilo? sarei doppiamente stupido.Qui non e' quello che sta dietro a spingere ad essere il cattivo, ma e' quello che volontariamente si mette a quattro zampe davanti ad essere stupido.il mondo e' dei piu adatti. Gli stupidi non sono i piu adatti. Leggere Darwin per i dettagli.
      • Skywalker scrive:
        Re: Il dramma del digital deliver
        - Scritto da: ...
        il mondo e' dei piu adatti. Gli stupidi non sono
        i piu adatti.

        Leggere Darwin per i dettagli.Darwin non ha mai scritto nulla del genere.E nemmeno Eldredge o Jay Gould...
      • Skywalker scrive:
        Re: Il dramma del digital deliver
        - Scritto da: ...
        il mondo e' dei piu adatti. Gli stupidi non sono
        i piu adatti.

        Leggere Darwin per i dettagli.Darwin non ha mai scritto nulla del genere.E nemmeno Eldredge o Jay Gould...
Chiudi i commenti