Tutela dei minori e media, convegno a Roma

Discutere di nuove iniziative per la salvaguardia dei più deboli. Con la partecipazione del ministro delle Comunicazioni

Roma – Si terrà il 24 gennaio prossimo nella capitale, l’annuale convengo organizzato dal Consiglio Nazionale degli Utenti (CNU). Il tema di quest’anno è Media e Minori – per una tutela più efficace .

Un’occasione per discutere del nuovo assetto fornito dal recente Codice di Autoregolamentazione di Media e Minori, per il quale il CNU ha elaborato una proposta al fine di migliorare la protezione delle fasce più deboli in tutti gli ambiti di riferimento: televisione, Internet, telefonia e videogiochi.

Previsti, tra gli altri, gli interventi del ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni, e del presidente della Commissione Parlamentare di vigilanza RAI Mario Landolfi. Un’occasione, spiegano gli organizzatori in una nota, “per fare il punto sulla prossima introduzione dell’indice di qualità dei programmi del servizio pubblico radiotelevisivo, cui sta lavorando il Comitato Scientifico previsto dal Contratto di Servizio RAI 2007/2009”.

La conferenza avrà luogo nella Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto, in Via del Seminario 76 a Roma. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito del CNU.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • roberto scrive:
    progettisti ignoranti solo in polonia?
    mi sono occupato per anni di sicurezza informatica.negli stati uniti si sta da tempo avvisando che un campo che i progettisti non curano e' proprio quello della sicurezza di sistemi "embedded" cioe' delle macchine (di fatto computer) che controllano vari processi critici (controllo centrali elettriche, ecc) che sono spesso molto vulnerabili da banalissimi attacchi perche i progettisti ignorano del tutto la sicurezza di tali sistemi.la cosa non sorprende, la serieta con la quale si affronta il problema sicurezza e' spesso scarsa e deviata, paranoia per stupidaggini e leggerezza per cose critiche. quindi certo il ragazzo va punito (una bravata che poteva costare molto piu cara) ma con moderazione perche' il problema evidenziato e' strutturale e questa storia si spera obblighi chi progetta i sistemi, ma specialmente chi ne determina le specifiche, a fare il proprio mestiere, o chiedere ad altri esperti di farlo.saluti alla redazione.roberto puzone
  • Re Kahr scrive:
    chiamatelo genio
    o piuttosto un imbecille
  • MeMedesimo scrive:
    Informatici o Contadini?
    o braccia rubate all'agricoltura?no non sto parlando dei progettistima dei commentatori!!! STRALOLIn segnale a infrarossi ha dei parametri (frequenza... codice... bla bla bla) che non sono resi PUBBLICI. Qui c'e' la sicurezza. Per quante codifiche al sistema vuoi mettere devi decodificare alla fonte (telecomando)altrimenti se i suoi dispositivi non si parlano non funzionano. Il ragazzetto, a quanto pare si era introdotto per recuperare info su questi telecomandi. Poi che la base fosse un telecomando da tv o di condizionatore cambia poco, io avrei usato un meliconi da 5 euro :DQuindi perche' criticare chi ha progettato il sistema?
    • gin0 scrive:
      Re: Informatici o Contadini?
      perchè la security through obscurity non ha mai portato da nessuna parte...
      • MeMedesimo scrive:
        Re: Informatici o Contadini?
        - Scritto da: gin0
        perchè la security through obscurity non ha mai
        portato da nessuna
        parte...non e' stato bucato il protocollo / algortimo / arnese IT il tipo e' andato a prende i fogli con i parametrie' come se lasci la psw di hotmail in bella vista e poi ti lagni che hotmail fa in schifo in quanto a sicurezza -.-
  • andy61 scrive:
    che insegnamento possiamo trarne ...
    Non entro nel merito delle responsabilità del ragazzo (e mi auguro che i feriti se la siano cavata solo con qualche livido).Polemicamente, osservo che in Italia il problema non si pone: noi gli scambi li controlliamo con una tecnologia che è vecchia di almeno 40 anni: occorrerebbe utilizzare ancora una sbarra di ferro per commutare uno scambio.FINE DELLA POLEMICA.Osservo che il problema è ancora una volta derivato dal concetto di 'security by obscurity'; le amministrazioni ed i produttori di tecnologia pensano ancora che il tenere nascoste le caratteristiche dei sistemi sia un modo per prevendirne utilizzi non controllati.Come ancora una volta questo giovine ha dimostrato, se l'informazione è tenuta nascosta, si stimola sicuramente qualcuno ad appropriarsene per le proprie motivazioni personali.E questa volta è andata bene che si trattava di un ragazzino che aveva davvero voglia di giocare con i trenini.Se si fosse trattato di un terrorista? avrebbe potuto dotare di telecomandi tanti compari, ed ad un'ora prefissata creare un disastro in tutta la città.Pubblicate le specifiche!TUTTO CIÒ CHE È PUBBLICO DEVE ESSERE E RIMANERE PUBBLICO!Penso che una sana peer review avrebbe fatto saltare all'occhio il problema prima ancora di scendere nei dettagli dei bit.
    • gin0 scrive:
      Re: che insegnamento possiamo trarne ...
      straquoto tutto
    • Nemo_bis scrive:
      Re: che insegnamento possiamo trarne ...
      Molto ragionevole, ma non ho capito di preciso quali altre possibilità ci sono.Dato un certo sistema, in questo caso gli infrarossi, come si fa a rendere sicura la comunicazione cioè a garantire che solo il tram giusto comandi lo scambio?Alla fine ci dovrà essere qualche chiave o codice segreto, no?Altrimenti, come unica possibilità vedo cambiare del tutto il sistema; a Milano ad esempio gli scambi sono comandati via radio, non con gli infrarossi (se non ho capito male), e in questo modo dovrebbe essere già piú difficile "imbrogliare" gli scambi; altrimenti si potrebbe evitare di passare per trasmissioni via etere e trovare altri modi per comunicare collo scambio.
      • andy61 scrive:
        Re: che insegnamento possiamo trarne ...
        per l'identificazione, basta che lo scambio riceva la firma digitale nota del mezzo, o l'utilizzo di token come quelli che si utilizzano per le one time password; in aggiunta, anche andando a caso, è evidente che un tram che si trova da una parte della città possa attivare uno scambio dall'altra.Questo presupponendo che esista un sistema di localizzazione dei mezzi, ma credo che sia una richiesta minima, al giorno d'oggi, e che probabilmente è già implementata.Da noi per attivare gli scambi è il tram che fornisce corrente allo scambio, passando in un tratto di linea isolato; se non vuole attivare lo scambio, si lascia avanzare ' a motore spento '.Insomma, è un meccanismo puramente elettromeccanico controllato dal conducente del tram: se non dai corrente nel punto preciso della linea aerea, lo scambio non si muove.
        • Nemo_bis scrive:
          Re: che insegnamento possiamo trarne ...
          So che da noi in genere questo problema non si pone, però ad esempio a Milano hanno appena cambiato tutti gli scambi, se non ricordo male. Per le soluzioni che proponi servirebbero comunque delle chiavi segrete, firma digitale o altro. O sbaglio?A ogni modo ho provato a chiedere agli esperti: http://www.ferrovie.it/phpBB2/viewtopic.php?p=502056#502056.
    • Suricato scrive:
      Re: che insegnamento possiamo trarne ...
      - Scritto da: andy61
      Polemicamente, osservo che in Italia il problema
      non si pone: noi gli scambi li controlliamo con
      una tecnologia che è vecchia di almeno 40 anni:
      occorrerebbe utilizzare ancora una sbarra di
      ferro per commutare uno
      scambio.
      FINE DELLA POLEMICA.Non so i tram ma in ferrovia qui in italia no di certoa meno che tu non mi parli di scambi di deposito (solo alcuni) che si devono affrontare solo in manovra a 6km/h
      • dipocodipiù scrive:
        Re: che insegnamento possiamo trarne ...
        - Scritto da: Suricato
        - Scritto da: andy61


        Polemicamente, osservo che in Italia il problema

        non si pone: noi gli scambi li controlliamo con

        una tecnologia che è vecchia di almeno 40 anni:

        occorrerebbe utilizzare ancora una sbarra di

        ferro per commutare uno

        scambio.

        FINE DELLA POLEMICA.

        Non so i tram ma in ferrovia qui in italia no di
        certo

        a meno che tu non mi parli di scambi di deposito
        (solo alcuni) che si devono affrontare solo in
        manovra a
        6km/hforse è stato tratto in inganno dal fatto che le leve che si vedono dagli scambi sono ancora quelle vecchie (ma magari lo scambio è gestito in maniera diversa)
  • Abusivo scrive:
    Bufala?
    Complimenti a PI per il titolo della notizia ;-)Ma la notizia in sé mi sembra una bufala.
    • battagliacom scrive:
      Re: Bufala?
      be forse lui non si riferiva al fatto che "l'evento" in se fosse una bufala, ma per il titolo ironico che è stato dato alla notizia: "Il trenino elettrico più grande del mondo"?!sinceramente mi aspettava qualcosa di fantascientifico.
  • acno scrive:
    E' un crimine.
    Non concordo con chi scarica tutto sui progettisti del sistema.E' come se di nascosto ti sottraggono per pochi minuti la chiave di casa, la copiano e poi la usano per rubarti tutto. Qui' si darebbe la colpa al progettista della chiave perche' e' troppo facile da copiare. Il ragazzo ha avuto accesso alla chiave, non e' detto che sistemi piu' sicuri avrebbero evitato l'accaduto.Il fatto che abbia usato un telecomando non vuole dire nulla, lo ha usato solo perche' e' una comoda base hardware da cui partire per trasmettere codici via infrarosso.E' vero che in questo caso il sistema dovrebbe essere piu' robusto, ma rimane sempre un atto criminale grave. E l'eta' non e' una attenuante.
    • slacky scrive:
      Re: E' un crimine.
      Sì? Ha solo 14 anni. Ci sono crimini molto peggiori che avvengono tutti i giorni e nessuno fa nulla. Mi sembra assurdo quello che dici.
      • benaltrismo scrive:
        Re: E' un crimine.
        benaltrismo
      • acno scrive:
        Re: E' un crimine.
        Se leggi bene, il perno del mio discorso non mirava a dire che un ragazzino andrebbe messo all'ergastolo per una bravata. E comunque:1 - un crimine e' un crimine, il fatto che ce ne siano di peggiori, non ne sminuisce il valore2 - 14 anni non sono una scusa. Ha provocato 12 feriti, e visto quello che ha fatto aveva tutte le capacita' logiche per prevederne il risultato.
        • Marco scrive:
          Re: E' un crimine.
          Magari non aveva pensato che avrebbe potuto fare dei danni. A 14 anni ci sono bravate e bravate... hanno ragione in Texas e in Iran a condannare a morte minorenni?
          • Anonimo scrive:
            Re: E' un crimine.
            hanno ragione qui in italia a garantire totale impunità ai minorenni? non c'entrano le legislazioni internazionali, a 14 anni si sa quel che si fa, non si hanno 4 anni dove si prova a impilare i mattoncini delle costruzioni o a infilare le dita nella presa della 220 x vedere che effetto fa.. o meglio io allora (8 anni fa) non avevo nebbie di sorte in testa che mi impedissero di prevederei risultati logici delle mie azioni..
          • dipocodipiù scrive:
            Re: E' un crimine.
            - Scritto da: Anonimo
            hanno ragione qui in italia a garantire totale
            impunità ai minorenni? non c'entrano le
            legislazioni internazionali, a 14 anni si sa quel
            che si fa, non si hanno 4 anni dove si prova a
            impilare i mattoncini delle costruzioni o a
            infilare le dita nella presa della 220 x vedere
            che effetto fa.. o meglio io allora (8 anni fa)
            non avevo nebbie di sorte in testa che mi
            impedissero di prevederei risultati logici delle
            mie
            azioni..a dire il vero è proprio quello (le conseguenzae e come sfuggirle) che mi spingeva a fare le cose + turche (e ricordo i tempi delle bravate con un po' di nostalgia), eppure 14 feriti non sono una stupidaggine quindi trovo giusto condannare.questo qui poi non è che abbia scritto chissà quale software eniale per farlo, si è messo davanti ad una centralina degli scambi con un telecomando ed ha provato tutti i tasti (+ o -..passatemi le inesattezze) finchè non ha scoperto come far scattare gli scambi.non mi sembra questa grande genialata, Io a 12 anni mi ero introdotto nella rimessa die pullman con degli amici e ci siamo messi a giocare agli autoscontri con i pullmann veri ;) secondo me ci siamo divertiti di + noi (e non si siamo fatti beccare).tonrassi indietro ora non lo rifarei perchè sò che è sbagliatissimo ma allora mi sembrava una figata disrtuggere i pullmann della collettività, lui ha fatto al stessa cosa... ma in stradauna punizione esemplare, si cambia meccaismo di controllo degli scambi (deboluccio il sistema di protezione, tral'altro se basta un telecomando non c'è il rischio che qualche fonte di infrarossi lo faccia scattare per sbalgio?) e via, storia chiusa
    • gin0 scrive:
      Re: E' un crimine.
      ma è OVVIO che il ragazzino ha commesso un reato... però mi spiace darti una brutta notizia:"al mondo non ci sono solo persone buone e ben intenzionate!"Quindi il fatto che chiunque con un po' di igegno possa farlo è comunque colpa dei progettisti.Ciao
    • battagliacom scrive:
      Re: E' un crimine.
      si, ma se ti devo dire una cosa sicera: io quel ragazzo lo schifo dal profondo delmio cuore. Ma non perchè ha ferito 12 persone, ma perchè si è fatto beccare...se vuoi fare una cosa del genere devi almeno procurarti dei mezzi per difenderti e non fartio prendere e pensa anche che a 18 anni e un giorno quela ragazzo starà già lavorando in qualche azienda...per questo farei come lui se ne avessi avuto la possibilità e non mi sarei pentito se mi avessero preso. Ma ti rendi conto se era un terrorista?bah!
  • anonimo scrive:
    calci in culo al "progettista"
    bel colpo! questi "ingeGNIeri", "tecnici", "superconsulenti" che ti mettono in piedi un sistema bucabile con un telecomando da TV.Ma mandarli a zappare, no, eh?
    • Frengo Stop scrive:
      Re: calci in culo al "progettista"
      un altro diplomato o senza titolo invidioso e geloso.
      • Mino scrive:
        Re: calci in culo al "progettista"
        - Scritto da: Frengo Stop
        un altro diplomato o senza titolo invidioso e
        geloso.Un'altro laureato o con titolo che lavora in un call center
      • Vihai Varlog scrive:
        Re: calci in culo al "progettista"
        Giusto ieri mi dicevano che al contrario di altri ordini e catorie gli ingegneri non si difendono a vicenda... beh... è vero: da ingegnere non ho dubbi a dare del caprone a chi inventa un sistema di comando come quello.
      • battagliacom scrive:
        Re: calci in culo al "progettista"
        esistono però anche degli ingegneri che sono laureati con il massimo dei voti ma che una volta che provano a mettere in pratica le loro conoscenze finiscono per dare prova della loro immaturità, e questo molti non lo capiscono e quindi vanno più alla ricerca di persone con titoli al posto di persone veramente esperte.Ma credo anche che la maggior parte di laureati sappiano quella che fanno e non sono tutti delle schiappe.
    • ciufciuf scrive:
      Re: calci in culo al "progettista"
      ma tu lo hai letto tutto l'articolo o ti sei fermato al titolo?
  • fox82i scrive:
    Che genio!
    Tanto di cappello a questo 14enne !!Che bravura da invidia totale !!Invece di condannarlo sarebbe il caso di iscriverlo ad una scuola per geni.Però fa molto pensare come si possa "sabotare" il sistema delle rotaie con un banalissimo telecomando di casa.
    • ciufciuf scrive:
      Re: Che genio!
      intanto ha causato 12 feriti...
    • gohan scrive:
      Re: Che genio!
      c'è da dire che s'è introdotto più volte nel deposito dei tram per analizzare il sistema di controllo, non ha crackato il sistema con un telecomando del televisore.è un po' come se io andassi nel deposito delle ambulanze e rubassi (o cmq riuscissi a copiare il suo codice identificativo) il segnalatore che fa diventare verde i semafori e poi lo metto sulla mia auto in modo da avere sempre il semaforo verde quando giro per strada....
      • 1977 scrive:
        Re: Che genio!
        - Scritto da: gohan
        c'è da dire che s'è introdotto più volte nel
        deposito dei tram per analizzare il sistema di
        controllo, non ha crackato il sistema con un
        telecomando del
        televisore.
        è un po' come se io andassi nel deposito delle
        ambulanze e rubassi (o cmq riuscissi a copiare il
        suo codice identificativo) il segnalatore che fa
        diventare verde i semafori e poi lo metto sulla
        mia auto in modo da avere sempre il semaforo
        verde quando giro per
        strada....Che razza di paragone.Lui è un hacker. Tu saresti solo un approfittatore.
        • ciufciuf scrive:
          Re: Che genio!
          un hacker che compie una violazione di domicilio?ma non usavano i computer una volta questi hacker?;-)
          • ciccio scrive:
            Re: Che genio!
            no, mitnik insegna, l'anello più debole di qualsiasi tecnologia è sempre quello umano... - Scritto da: ciufciuf
            un hacker che compie una violazione di domicilio?
            ma non usavano i computer una volta questi hacker?
            ;-)
          • ciufciuf scrive:
            Re: Che genio!
            - Scritto da: ciccio
            no, mitnik insegna, l'anello più debole di
            qualsiasi tecnologia è sempre quello umano...
            vero, ma dal punto di vista squisitamente tecnico è più un azione psicologica per carpire informazioni alle persone che hacking informatico vero e proprio ;-)

            - Scritto da: ciufciuf

            un hacker che compie una violazione di
            domicilio?

            ma non usavano i computer una volta questi
            hacker?

            ;-)
          • battagliacom scrive:
            Re: Che genio!
            forse il ragazzino era davvero un hacker però non sapeva che avrebbe potuto procurare dei danni, credo che se avrebbe avuto lapossibilità sarebbe andato dalle ferrovie e gli avrebbe raccontato tutto e glia vrebbe anche suggerito come salvaguardare il sistema.purtroppo non poteva farlo per il semplice fatto che oltre ad aver compiuto un'azione di hacking si era anche introdotto fisicamente nei posti dove alloggiavano i tram e questa è un'azione punito dalla legge, è come se avesso rubato qualcosa. In line a moooooooolto larga qualche pazzoide avrebbe anche potuto denunciarlo per spionaggio industriale, ma nessuno è cosi pazzo...o forse si? :D
          • virgult scrive:
            Re: Che genio!
            Mah, da un po' a quanto pare si è diffusa la moda dell'ingegneria sociale... gli hacker ricorrono anche a trucchetti molto "fisici".
      • MeMedesimo scrive:
        Re: Che genio!
        - Scritto da: gohan
        c'è da dire che s'è introdotto più volte nel
        deposito dei tram per analizzare il sistema di
        controllo, non ha crackato il sistema con un
        telecomando del
        televisore.
        è un po' come se io andassi nel deposito delle
        ambulanze e rubassi (o cmq riuscissi a copiare il
        suo codice identificativo) il segnalatore che fa
        diventare verde i semafori e poi lo metto sulla
        mia auto in modo da avere sempre il semaforo
        verde quando giro per
        strada....ehm,....... non hai capito una sega che e' dentro l'americana quell'arnese se no me lo sarei portato a casa non sai quante volte (e non solo io) quando stavo nel 118 LOL
    • Abusivo scrive:
      Re: Che genio!
      Tanta ammirazione per questo ragazzino non la capisco. E non credo che se uno è tanto intelligente da fare una cosa del genere, poi sia così stupido da non intuirne le conseguenze.A me sembra solo un criminale.
  • Francesco scrive:
    E la legge?
    Il fatto che qualcuno lasci la porta di casa a perta non vuol dire che chiunque sia autorizzato ad entrare e a rubargli in casa.L'uso abusivo del sistema rimane.Che sia un genio e' tutto da dimostrare.Gli smanettoni in genere sono bravi a sfasciarele le cose, mai a costruirle.Avete mai sentito di un pirata che ha fatto una cosa lodevole?Son tutti capaci a distruggere il lavoro altrui. Ma a farne del proprio?Rimane il fatto che questo piccolo criminale si debba sottomettere alla giustizia, invece di farlo passare come un eroe.Qualcuno poteva morire, e dare le colpe a chi ha "inventato" il sistema di scambio ferroviario mi sembra una corbelleria.Se craccava un sistema di cifratura per gli scambi forse era anche piu' geniale, ma resta il fatto che e' un piccolo criminale che va trattato come si conviene.
    • Antani scrive:
      Re: E la legge?
      - Scritto da: Francesco
      Il fatto che qualcuno lasci la porta di casa a
      perta non vuol dire che chiunque sia autorizzato
      ad entrare e a rubargli in
      casa.Sono d'accordo, ma tu cosa diresti se chi ti ha venduto la porta blindata l'avesse progettata male e chiunque potesse entrare in casa tua quando vuole?Il ragazzo ha sbagliato, in fondo è un ragazzo, ha fatto una bravata, solo un po' più grossa delle altre.In compenso chi ha progettato e venduto il sistema è un incompetente e un criminale.
      • Francesco scrive:
        Re: E la legge?
        Grazie per la tua cortese risposta.Sono d'accordo con te, ho voluto solo cogliere una sfumatura che mi sembrava fosse stata ignorata.Francesco
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: E la legge?
      - Scritto da: Francesco
      Il fatto che qualcuno lasci la porta di casa a
      perta non vuol dire che chiunque sia autorizzato
      ad entrare e a rubargli in
      casa.
      L'uso abusivo del sistema rimane.
      Che sia un genio e' tutto da dimostrare.
      Gli smanettoni in genere sono bravi a sfasciarele
      le cose, mai a
      costruirle.
      Avete mai sentito di un pirata che ha fatto una
      cosa
      lodevole?
      Son tutti capaci a distruggere il lavoro altrui.
      Ma a farne del
      proprio?
      Rimane il fatto che questo piccolo criminale si
      debba sottomettere alla giustizia, invece di
      farlo passare come un
      eroe.
      Qualcuno poteva morire, e dare le colpe a chi ha
      "inventato" il sistema di scambio ferroviario mi
      sembra una
      corbelleria.
      Se craccava un sistema di cifratura per gli
      scambi forse era anche piu' geniale, ma resta il
      fatto che e' un piccolo criminale che va trattato
      come si
      conviene.E te come saresti da trattare? Non hai un briciolo di umanità e di buon senso...Forse appeso in piazza?
    • luc scrive:
      Re: E la legge?
      - Scritto da: Francesco
      Il fatto che qualcuno lasci la porta di casa a
      perta non vuol dire che chiunque sia autorizzato
      ad entrare e a rubargli in
      casa.
      L'uso abusivo del sistema rimane.Concordo. Ciò non toglie che, ben sapendo come vanno le cose, ognuno di noi dovrebbe prestare attenzione a tenere ben chiusa la porta di casa. Altrimenti se qualcuno entra la colpa è anche un po' nostra, perché non abbiamo fatto nulla per impedirlo...
      Che sia un genio e' tutto da dimostrare.Può essere vero ma probabilmente è più brillante di tanti altri, a prescindere da come abbia deciso di usare le sue facoltà.
      Gli smanettoni in genere sono bravi a sfasciarele
      le cose, mai a
      costruirle.
      Avete mai sentito di un pirata che ha fatto una
      cosa
      lodevole?
      Son tutti capaci a distruggere il lavoro altrui.
      Ma a farne del
      proprio?Questo proprio no. Chi credi che abbia sviluppato i protocolli di comunicazione che usi quotidianamente? Gli amministratori delegati? Ma per favore...Se nessuno testasse, ad esempio, le vulnerabilità software, i prodotti in circolazione sarebbero molto più scadenti di quanto non siano.Esistono poi, come in ogni categoria, degli imbecilli che si divertono a far danni. Non facciamo di tutte le erbe un fascio...
      Rimane il fatto che questo piccolo criminale si
      debba sottomettere alla giustizia, invece di
      farlo passare come un
      eroe....Deve sicuramente essere punito, altrimenti tanti altri sarebbero in un certo senso invitati a compiere simili bravate. Nondimeno, a mio avviso, andrebbe un po' ringraziato per aver messo in luce la vicenda.Del resto che vogliamo farci, al giorno d'oggi funziona così: le cose vengono migliorate solo quando la loro obsolescenza è evidente all'opinione pubblica! Se nessuno se ne accorge, o non si verifica qualche "incidente" palese, tutto rimane com'è.In quest'ottica sarei felice se, dopo la punizione che merita, questo ragazzo si ritrovasse a 18 anni con una bella poltrona da consulente... Ed uno stipendio migliore del nostro ;)luc_
    • virgult scrive:
      Re: E la legge?
      - Scritto da: Francesco
      Che sia un genio e' tutto da dimostrare.
      Gli smanettoni in genere sono bravi a sfasciarele
      le cose, mai a
      costruirle.
      Avete mai sentito di un pirata che ha fatto una
      cosa
      lodevole?Se per "pirata" intendi "genio, hacker" come nelle righe precedenti, posso citarti un certo Linus Torvalds. In caso contrario, la tua frase non ha fondamentalmente senso. È come se io ti dicessi "hai mai sentito di un ladro che non ha mai rubato nulla?".
      Rimane il fatto che questo piccolo criminale si
      debba sottomettere alla giustizia, invece di
      farlo passare come un
      eroe.
      Qualcuno poteva morire, e dare le colpe a chi ha
      "inventato" il sistema di scambio ferroviario mi
      sembra una
      corbelleria.Su questo concordo: la sua "genialità" poteva tenersela per qualcos'altro.
      Se craccava un sistema di cifratura per gli
      scambi forse era anche piu' geniale, ma resta il
      fatto che e' un piccolo criminale che va trattato
      come si
      conviene.Beh, qui dipende da cosa vai a craccare: se si tratta di un sistema una-tantum per poter togliere ogni lucchetto ad un disco blu-ray, legge o non legge, ci metterei la firma. :-D
  • Nome e cognome scrive:
    In prigione!!!!
    Non voglio che la sicurezza delle persone sia affidata a degli INCAPACI!!! Chi ha progettato quel sistema totalmente insicuro, mettendo a rischio la vita delle persone deve pagare.
    • rossi scrive:
      Re: In prigione!!!!
      - Scritto da: Nome e cognome
      Non voglio che la sicurezza delle persone sia
      affidata a degli INCAPACI!!! Chi ha progettato
      quel sistema totalmente insicuro, mettendo a
      rischio la vita delle persone deve
      pagare.Ok, ma sarebbe molto meglio rendere più sicuri gli attuali sistemi di trasmissione delle informazioni degli scambi dei treni.Questo si può fare prima o contemporaneamente all'imprigionamento (phff.... siamo in italia) di questi tizi.
  • Chitto scrive:
    Piuttosto
    Invece di condannare questo ragazzo, perché non fanno un po' d'esame di coscienza?Come è possibile che con un razzo di telecomando uno possa addirittura deragliare un treno?Ma dico io, con la tecnologia che c'è oggi, comunicazioni cifrate e tutto il resto, questi bamba affidano la sicurezza dei loro passeggeri ad un banale telecomando????
    • Franz87 scrive:
      Re: Piuttosto
      - Scritto da: Chitto
      Invece di condannare questo ragazzo, perché non
      fanno un po' d'esame di
      coscienza?

      Come è possibile che con un razzo di telecomando
      uno possa addirittura deragliare un
      treno?non un qualunque ragazzo... UN 14ENNE...bah....
      • Chitto scrive:
        Re: Piuttosto
        - Scritto da: Franz87
        - Scritto da: Chitto

        Invece di condannare questo ragazzo, perché non

        fanno un po' d'esame di

        coscienza?



        Come è possibile che con un razzo di telecomando

        uno possa addirittura deragliare un

        treno?

        non un qualunque ragazzo...
        UN 14ENNE...

        bah....Si ma lascia stare questo... poteva anche avere 3 anni... ma dico io... con un telecomando ad infrarossi tu mi controlli il posizionamento delle rotaie??? Tanto valeva che lasciassero una normale leva con su scritto "per favore non deragliate il treno, grazie".
    • ciao ciciu scrive:
      Re: Piuttosto
      beh va che siamo in Polonia... e' gia' tanto che ce li hanno i tram!! eheheh
      • .rob scrive:
        Re: Piuttosto
        piccolo razzista, evientemente non sei mai uscito da casetta italia, in polonia (ma anche in r.ceca, slovacchia ungheria..) i tram ce li hanno e funzionano ben, mentre in molte citta italiane non ce li hanno, hanno autobus che non sanno manco cosa sia una tabella di marcia.ma tanto tu sei uno di quelli che pensa che noi siamo meglio perche siamo "campioni del mondo" ....
        • imorgillo scrive:
          Re: Piuttosto
          - Scritto da: .rob
          piccolo razzista, evientemente non sei mai uscito
          da casetta italia, in polonia (ma anche in
          r.ceca, slovacchia ungheria..) i tram ce li hanno
          e funzionano ben,Quoto in pieno. Ho vissuto 6 mesi a Varsavia. I mezzi che hanno la': bus, metro e tram, non li avremo nemmeno fra 10 anni in Italia. Per la cronaca, abbonamento bus+tram+metro per 3 mesi == 21 euro.Viaggiate prima di criticare. E' l'unico modo per capire che in Italia stiamo "con le pezze a c*ulo".
          • relax scrive:
            Re: Piuttosto
            peccato che si riescano a controllare con un telecomando della TV!!!!!!Ah ah aha ahahahahahahah
          • Manuel_Cala vera scrive:
            Re: Piuttosto
            Il telecomando era modificato... Bastava qualsiasi dispositivo ad infrarossi...L'ignoranza dilaga..
          • imorgillo scrive:
            Re: Piuttosto
            - Scritto da: relax
            peccato che si riescano a controllare con un
            telecomando della
            TV!!!!!!In effetti noi siamo salvi. Il treno che prendo per andare all'universita' e' diesel. E' al sicuro da telecomandi, bachi, virus...
          • .rob scrive:
            Re: Piuttosto
            ecco ti lamentarai quando ti ammalerai d'asma
          • imorgillo scrive:
            Re: Piuttosto
            - Scritto da: .rob
            ecco ti lamentarai quando ti ammalerai d'asmaCosa ti e' sfuggito della mia frase?! Ah, gia'... ho dimenticato il tag . Un treno diesel nel 2008?!?! Se ne puo' essere fieri!? Siete talmente ossessionati dall'attaccare gli altri utenti che spegnete il cervello dopo aver letto l'articolo e passate a commentare, in modalita' . Questa conversazione e' chiusa.
          • virgult scrive:
            Re: Piuttosto
            - Scritto da: imorgillo
            Cosa ti e' sfuggito della mia frase?! Ah, gia'...
            ho dimenticato il tag . Un treno
            diesel nel 2008?!?! Se ne puo' essere fieri!?In UK, le linee ferroviarie che collegano il centro di Londra con la Greater London hanno locomotive diesel: la cosa aveva sorpreso anche me, ma credo che un tubo di scappamento in funzione, in cima alla motrice, lasci ben pochi dubbi.
        • gerry scrive:
          Re: Piuttosto
          - Scritto da: .rob
          in polonia (ma anche in
          r.ceca, slovacchia ungheria..) i tram ce li hanno
          e funzionano benI tram di Praga me li ricordo non proprio nuovissimi ma ben funzionanti. Fra l'altro mi ricordo anche di avere visto più controllori a Praga in una settimana che in un anno di FS italiane.
          • MeMedesimo scrive:
            Re: Piuttosto
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: .rob

            in polonia (ma anche in

            r.ceca, slovacchia ungheria..) i tram ce li
            hanno

            e funzionano ben

            I tram di Praga me li ricordo non proprio
            nuovissimi ma ben funzionanti.


            Fra l'altro mi ricordo anche di avere visto più
            controllori a Praga in una settimana che in un
            anno di FS
            italiane.cazzora e vero! e poi non vale fa finta di non capire come fanno qua in italia xd
      • Jack scrive:
        Re: Piuttosto
        - Scritto da: ciao ciciu
        beh va che siamo in Polonia... e' gia' tanto che
        ce li hanno i tram!!
        ehehehNon conosco lo stato dei tram in polonia, ma la metropolitana di budapest non è la più vecchia (e profonda) d'europa?Guarda che possiamo dirlo qui in italia "è già tanto che ce li ABBIAMO i tram....
        • Josafat scrive:
          Re: Piuttosto
          La metropolitana di Budapest è la seconda per anzianità (la prima rimane "The Tube" di Londra, eheh), ma effettivamente c'è una linea che "potrebbe" essere la più profonda, vista che passa *sotto* il Danubio.A Torino, Capitale del mondo del libro 2006, città di olimpiadi e universiadi invernali, hanno da poco aperto una mezza linea metropolitana: il pezzo mancante, che collegherà il Lingotto con Portanuova (la terza e la prima stazione ferroviara di Torino), sarà pronta per la bellezza di fine 2010! Sarà anche bellina questa nuova linea di metropolitane, ma per il momento siamo ancora indietro...
      • Moref scrive:
        Re: Piuttosto
        A milano tolgono i tram per essere sicuri che nessun 14enne li devii
      • anna scrive:
        Re: Piuttosto
        - Scritto da: ciao ciciu
        beh va che siamo in Polonia... e' gia' tanto che
        ce li hanno i tram!!
        ehehehma come ti permetti???? razista di m....
    • A.E.I.O.U.Y . scrive:
      Re: Piuttosto
      - Scritto da: Chitto
      Come è possibile che con un razzo di telecomando
      uno possa addirittura deragliare un
      treno?anche incastrando un tondino di ferro in uno scambio si può far deragliare un treno, eppure dobbiamo star qui a chiederci come sia possibile farlo o ci preoccupiamo di scoprire e punire i responsabili?il ragazzo ha compiuto un sabotaggio doloso provocando feriti, per questo va punito, indipendentemente da come l'ha fatto.
      • Daniele scrive:
        Re: Piuttosto

        il ragazzo ha compiuto un sabotaggio doloso
        provocando feriti, per questo va punito,
        indipendentemente da come l'ha
        fatto.Quoto in toto.Se poi cifrassero anche i comandi per gli scambi sarebbe meglio. Ma questo nn scagiona il ragazzo.
Chiudi i commenti