Tutto è speaker

Ecco come far vibrare a ritmo di musica anche gli oggetti più insignificanti

Amate la musica così tanto da desiderare di avere sempre con voi un incredibile sistema di speaker per ascoltarla a tutto volume? Se siete audiofili vorreste sempre il meglio, ma a volte le casse di qualità sono così ingombranti e di difficile trasportabilità. C’è però chi ha pensato ad una soluzione differente: invece che portare gli speaker, bisogna fare in modo che gli oggetti chi si trovano a disposizione ovunque si vada diventino un altoparlante. Come? Con Vibroy.

Vibroy

Venduto online da ThinkGeek al prezzo di 30 dollari, questo gadget prodotto dalla coreana Xenics è capace di trasformare qualsiasi oggetto in uno speaker, grazie alle vibrazioni.

In pratica, non si fa altro che collegare Vibroy all’uscita per cuffie minijack da 3,5 mm del proprio dispositivo audio, mentre l’altro capo lo si appiccica al cartone del latte, alla superficie del tavolo, al bicchiere in vetro, alla tazza del caffè e ognuno di questi oggetti si trasformerà in uno speaker.
Ovviamente, la qualità dell’audio cambierà in base al materiale a cui Vibroy è collegato, come dimostrano questi video: il primo dimostra l’uso di Vibroy con una scatola, il secondo con un contenitore in plastica e il terzo con una bicchiere in vetro.

Vibroy è compatibile con tutti i dispositivi audio che hanno un minijack in uscita e ha una risposta in frequenza compresa fra i 300 Hz e i 10000 Hz, con un’impedenza di 40 Ohm e un rapporto rumore/segnale pari a 78 dB. Viene alimentato da 2 batterie di tipo AAA oppure può ricevere corrente attraverso un cavo USB. Ulteriori informazioni sono disponibili presso le pagine del produttore.
Insomma, con Vibroy tutto vibra a ritmo di musica!

(via 7Gadgets )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Francesco_Holy87 scrive:
    Wow
    hanno praticamente inserito Picnik in Google+! Bella mossa, ma Facebook copierà anche questo.
  • Anonymous scrive:
    Supporta anche gli Hashtags
    Se si scrive qualcosa e si mette un hashtag, questo diverrà un link e clickandoci sopra, appariranno tutti i post pubblici o delle cerchie estese, contenenti la parola.Il problema però, è che m'aspettavo che il "What's hot" presentasse una lista stile Trending Topics di Twitter. Così l'impatto sarebbe stato decisamente molto meglio. Il fatto di usare G+, con la possibilità di post molto più lunghi di twitter, ed ordinati secondo la logica di Facebook, agganciato agli hashtags e ai "trending topics", credo sarebbe il giusto connubio perchè il servizio diventi utile, almeno più di quanto lo sia ora.
    • TuttoaSaldo scrive:
      Re: Supporta anche gli Hashtags
      - Scritto da: Anonymous
      Se si scrive qualcosa e si mette un hashtag,
      questo diverrà un link e clickandoci sopra,
      appariranno tutti i post pubblici o delle cerchie
      estese, contenenti la
      parola.
      Il problema però, è che m'aspettavo che il
      "What's hot" presentasse una lista stile Trending
      Topics di Twitter. Così l'impatto sarebbe stato
      decisamente molto meglio. Il fatto di usare G+,
      con la possibilità di post molto più lunghi di
      twitter, ed ordinati secondo la logica di
      Facebook, agganciato agli hashtags e ai "trending
      topics", credo sarebbe il giusto connubio perchè
      il servizio diventi utile, almeno più di quanto
      lo sia
      ora.Vero. Ottimo.
Chiudi i commenti