TV Full HD? Roba vecchia

Entusiasta perfino il ministro delle Comunicazioni nipponico, che finanzia il progetto. L'alta definizione attuale, anche se Full HD, sarà superata entro il 2015. Parola di NHK

Roma – “Il Super Hi-vision offre immagini così realistiche che gli spettatori penseranno di essere fisicamente sul luogo delle riprese e si sorprenderanno a voler toccare ciò che si vede sullo schermo”. Così esordisce la presentazione di Super Hi-Vision , lo standard televisivo appena annunciato , sviluppato dagli Science & Technical Research Laboratories di NHK, emittente televisiva giapponese.

La proiezione Super Hi-vision all'Expo 2005 di Aichi Le specifiche parlano chiaro: sistema ultrahigh-definition, wide-screen, 4000 linee. Reali, ovviamente. La risoluzione in pixel? Lo rivela Afterdawn : 7680 x 4320 pixel .

Dev’essere certamente una bella esperienza poter assistere al funzionamento di un tal gioiello, la cui prima esibizione sperimentale è avvenuta presso l’Expo 2005 di Aichi (vedi foto). Talmente entusiasmante che il ministro delle Comunicazioni giapponese decise di investirci su. Sono così arrivati 300 milioni di yen (poco meno di 2 milioni di euro) che il broadcaster giapponese ha potuto riversare nel progetto per uno standard TV da ben 33,2 megapixel entro il 2015.

NHK ha sviluppato un codec per comprimere i 24 gigabit/secondo necessari ad una così alta definizione a un valore compreso tra 180 e 600 megabit/secondo. L’audio passa da 28 megabit/secondo a valori oscillanti tra 7 e 28. Valori molto alti, ma esatti: 18 minuti di video richiedono circa 3,5 terabyte di spazio in formato raw , si legge su BHFO .

Per i più curiosi, ulteriori informazioni sullo standard sono presenti anche su Wikipedia e sul sito di IEEE, eseguendo questa ricerca.

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • TheDoc scrive:
    Stetoscopio Littmann 4100WS
    Non sarebbe assolutamente il primo stetoscopio digitale come riportato nell'articolo: il Littmann 4100WS (evoluzione del 4000) è disponibile da anni, integra una riduzione del rumore e la registrazione delle auscultazioni e successiva esportazione a PC.http://solutions.3m.com/wps/portal/3M/it_IT/Littmann/stethoscope/electronic-auscultation/model-4100/sinceramente non vedo l'utilità di far girare un intero OS in uno stetoscopio, quando può essere composto da una circuiteria elettronica vista come semplice periferica USB da un qualsiasi PC...comunque avendolo provato di persona e avendo sentito le opinioni di altri che l'hanno provato, uno stetoscopio con noise reduction non è utile come sembra: conta decisamente di più l'orecchio e l'esperienza di chi l'adopera. Senza contare che il peso e soprattutto l'autonomia (20 ore, col rischio che ti abbandoni quando serve) lo rendono poco pratico in ambito ospedaliero. Meglio un semplice Littmann Classic II SE o un Cardiology III.
  • asrafel scrive:
    re:vaccino di Sabin
    questo perchè viviamo in un mondo di merda ma avrà la riconoscenza di tutti noi per il grande aiuto dato all'umanità.
  • mes.id scrive:
    IL PINGUINO NEI/DEI NOSTRI CUORI
    Questa notizia e' l'ennesima batosta per il cultori del sofware closed source con licenza restrittiva. questo apparacchio e' gia' un successo, non solo e' sicuramnte molto piu' affidabile non che' immune da virus, e' anche open source. Un medico che volesse applicare delle migliorie e' libero di farlo, generando un utile immenso per l'intera comunity.Lo spirito open source e' proprio questo. Condivisione, cosa succederebbe se un medico scoprisse una terapia nuova per sconfiggere una malattia rara e non la condividesse on il mondo? Sarebbe ignorato e vivrebbe nell'oblio. Il programmatore open source ha molto in comune con il medico e proprio per questo sono contento che pi abbia scelto una notizia così significativa.Questo e' uno degli infiniti esempi si come linux sia ambito in campo profesisonale e che il sofware open source puo' solo superare quello closed in ogni campo.Se da una aprte ci sono i milioni di dollari dio investimenti da parte dei potentati del software, dall'altra esiste linux con il suoi milioni di programmatori, pronti a mettere il pinguino ogni qualdove ve ne sia il bisogno.
    • po lloo oo scrive:
      Re: IL PINGUINO NEI/DEI NOSTRI CUORI
      - Scritto da: mes.id
      Questa notizia e' l'ennesima batosta per il
      cultori del sofware closed source con licenza
      restrittiva. questo apparacchio e' gia' un
      successo, non solo e' sicuramnte molto piu'
      affidabile non che' immune da virus, e' anche
      open source.

      Un medico che volesse applicare delle migliorie
      e' libero di farlo, generando un utile immenso
      per l'intera
      comunity.
      Lo spirito open source e' proprio questo.
      Condivisione, cosa succederebbe se un medico
      scoprisse una terapia nuova per sconfiggere una
      malattia rara e non la condividesse on il mondo?
      Sarebbe ignorato e vivrebbe nell'oblio.

      Il programmatore open source ha molto in comune
      con il medico e proprio per questo sono contento
      che pi abbia scelto una notizia così
      significativa.
      Questo e' uno degli infiniti esempi si come linux
      sia ambito in campo profesisonale e che il
      sofware open source puo' solo superare quello
      closed in ogni
      campo.
      Se da una aprte ci sono i milioni di dollari dio
      investimenti da parte dei potentati del software,
      dall'altra esiste linux con il suoi milioni di
      programmatori, pronti a mettere il pinguino ogni
      qualdove ve ne sia il
      bisogno.quoto ogni virgolapurtroppo dubito che il software dello stetoscopio sarà rilasciato sotto gpl, ma già usare il kernel linux (moddato..uclinux) fa capire la qualità che c'è dietro (certo..si può fare sempre di + e infatti si sta facendo!)un grazie di cuore a tutti i programmatori del mondo che rilasciano software libero!
    • uibbs2 scrive:
      Re: IL PINGUINO NEI/DEI NOSTRI CUORI

      Condivisione, cosa succederebbe se un medico
      scoprisse una terapia nuova per sconfiggere una
      malattia rara e non la condividesse on il mondo?
      Sarebbe ignorato e vivrebbe nell'oblio.Cito dalla Wikipedia) (http://it.wikipedia.org/wiki/Albert_Sabin ): Il vaccino di Sabin, autorizzato in Italia nel 1963, ha provocato la scomparsa della malattia nel nostro Paese, come in tutti gli altri dove è stato reso obbligatorio.Sabin non brevettò la sua invenzione, rinunciando allo sfruttamento commerciale, per garantire una più vasta diffusione della cura. Anche per questo motivo, oggi, la poliomelite è praticamente debellata.Non ricevette il premio Nobel per le sue scoperte mediche. Quindi attenzione, che anche i medici che hanno condiviso le proprie scoperte senza offrirne uno sfruttamento commerciale non se la sono passata troppo bene...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 gennaio 2008 10.58-----------------------------------------------------------
      • TheDoc scrive:
        Re: IL PINGUINO NEI/DEI NOSTRI CUORI
        non dimentichiamo che prima di Sabin è stato Jonas Salk a trovare un vaccino contro la polio, Sabin poi lo ha perfezionato e reso più efficace e affidabile.Anche Salk regalò il suo vaccino al mondo, sue le parole:"Who owns my polio vaccine? The people! Could you patent the sun?"
  • doc scrive:
    Veramente...
    non è proprio il primo... la littmann (una delle migliori marche di stetoscopi, se non la migliore) produce da anni un modello capace di registrare i suoni e trasferirli sul pc, dove un programmino apposito permette di visualizzare addirittura il fonogramma... Ben venga questa alternativa open-source (magari costa anche un po' meno), ma l'idea non è certo nuova...
Chiudi i commenti