Twitter, Biz Stone lascia

Un altro dei cofondatori del tecnofringuello lascia il posto di comando per dedicarsi ad altri progetti. Tra i quali una start-up che vede la presenza di altri fondatori di Twitter

Roma – Un congedo illustre in casa Twitter. Biz Stone, cofondatore del servizio di microblogging, ha annuciato che lascerà la propria poltrona per dedicarsi ad altri progetti.

Lo stesso Stone ha dichiarato di voler dedicarsi al supporto di scuole, organizzazioni non profit, alla consulenza aziendale e al sostegno The Biz and Livia Stone Foundation . Ma il vero progetto che aspetta l’ex-CEO si chiama Obvious Corporation , azienda IT che vede raccolti altri “ex” di Twitter , tra cui Evan Williams e Jason Goldman.

La piattaforma cinguettante, dunque, rimarrà sotto la piena gestione dell’attuale CEO Dick Costolo. ( C.S. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vinnie scrive:
    Sembra una barzelletta...
    ma non si vergognano nemmeno un po'?
  • AnX scrive:
    Democrazia a modo loro questa
    Sembra di essere tornati alla caccia alle strege contro Mitnick. Non poter più usare internet!? Ma stiamo scherzando? Ha fatto più danni lui ad attaccare qualche sito o loro che gli sopprimono libertà di espressione e informazione?
    • aracosta scrive:
      Re: Democrazia a modo loro questa
      Ricordati che chi comanda ha sempre ragione, quindi per avere ragione bisogna arrivare al comando.
      • . . . scrive:
        Re: Democrazia a modo loro questa
        Vero, per poi essere rovesciato da quelli sotto... ;-)
        • aracosta scrive:
          Re: Democrazia a modo loro questa
          E' come l'altalena, uno sale e l'altro scende. Solo che quando scendiamo noi troviamo il paletto, altri trovano il cuscino :|
    • Get Real scrive:
      Re: Democrazia a modo loro questa
      - Scritto da: AnX
      Ha fatto più danni lui ad
      attaccare qualche sito o loro che gli sopprimono
      libertà di espressione e
      informazione?Non è questione di chi ha fatto più danni, ma di chi ha più potere.Lui non ne ha, paga e paga duramente. L'esempio scoraggerà altri.Loro ne hanno e governano con pugno di ferro.
Chiudi i commenti