Twitter chiude il becco al P2P

Due account relativi ad altrettanti tracker torrent sono stati sospesi. Abuso delle condizioni d'uso del servizio o violazione del copyright?

Roma – Due account Twitter relativi a due siti crocevia per file torrent sono stati bloccati e oscurati alla vista di tutti i follower. Nel motivare la decisione i responsabili del tecnofringuello hanno parlato solamente di abuso dei termini di servizio: entrambi i siti bloccati cinguettavano regolarmente informazioni relative al traffico di torrent .

Nonostante gli addetti ai lavori sospettino che dietro a questo provvedimento ci sia una questione di copyright, le regole di Twitter stabiliscono espressamente che qualora il flusso di cinguettii contenga una quantità eccessiva di link l’account possa essere sospeso.

Lo scorso febbraio decine di migliaia di utenti del tecnofringuello si erano visti resettare la propria password per contrastare quello che si temeva essere uno scam organizzato su vasta scala per colpire tramite gli account Twitter.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    non mi fido dei cinesi!
    non so voi, ma io non metterei un chip chinese nel mio computer.Peccato che gia ce li abbiamo.....Pero' un ocntrollino a campione, qualche bella analisi ai raggi X ai chip di rete, a router, e roba del genere MADE IN CHINA io la farei.....
    • guast scrive:
      Re: non mi fido dei cinesi!
      LOL ti preoccupi dei chip ? Le tue paure sono inutili e tranquillamente ignorate visto che Huawei non vende solo solo i chip ma sistemi per le telecom. Molti operatori di telecomunicazioni le hanno già comprate visti i prezzi molto più bassi di Nokia e Siemens
Chiudi i commenti