Twitter, situazione di stallo

Dall'ultima trimestrale si avverte un po' di recupero, ma i dati sono ancora poco confortanti. Calano le perdite, ma la crescita è tutt'altro che positiva e progressiva, a partire dal numero di utenti attivi

Roma – Il secondo trimestre dell’anno per Twitter non è stato (ancora una volta) dei migliori. Anche in questo caso si conferma il trend negativo del servizio di microblogging che soffre di una stagnazione per quanto riguarda il numero di utenti e di un’ormai cronica sofferenza economica dovuta alle note difficoltà di monetizzazione (non è casuale che nella trimestrale Q2 si sia registrato un calo dell’8 per cento di raccolta pubblicitaria). Fin dalla prima pubblicazione della nota agli investitori la reazione è stata accompagnata da un forte crollo del titolo in borsa (toccando punte negative del 14 per cento).

Nonostante qualche piccolo progresso per quanto concerne il recupero delle numerose perdite accumulate negli anni precedenti, il futuro di Twitter sembra purtroppo essere piatto. Rimane scarso l’appeal commerciale dal punto di vista degli inserzionisti pubblicitari, e parimenti il bacino di utilizzatori continua a rimane stabile a quota 328 milioni attivi nel mese (come nel precedente trimestre).


Jack Dorsey, amministratore delegato di Twitter, indora la pillola dimostrandosi fiducioso. Per lui i progressi fatti, seppur piccoli, sono incoraggianti. Il suo sguardo si volge nello specifico al recupero delle perdite, che si attestano sui 107 milioni di dollari. Ma c’è poco da esultare se si considera l’ennesima caduta dei ricavi : Twitter rinuncia ad un ulteriore 5 per cento, fermandosi a quota 574 milioni di dollari , nonostante gli analisti fossero stati più pessimisti ipotizzando una quota di 537 milioni di dollari.


A ben guardare dunque, i dati sono solo tiepidamente incoraggianti, ma manca un andamento di crescita stabile. Gli oltre 9 milioni di nuovi utenti che si sono aggiunti al bacino degli utilizzatori nel primo trimestre dell’anno avevano fatto tirare una boccata di ossigeno. Ma ancora una volta alla crescita segue un rallentamento. Un andamento altalenante che spaventa gli investitori (che hanno alle spalle un 2016 di grandi cambiamenti e risultati discreti) e che si distacca nettamente dai concorrenti, in particolare Facebook. Il social network di Zuckerberg che ha appena festeggiato i due miliardi di utenti e risultati finanziari con crescita a due cifre, è l’esempio più riuscito di prodotto maturo che continua a cavalcare l’onda senza timori e in maniera diffusa.

Per Twitter, invece, la crescita del 9 per cento di utenti attivi nel mese acclamata da Anthony Noto, CFO dell’azienda, è una magra consolazione. Si tratta infatti di una crescita localizzata negli Stati Uniti , che potrebbe aver beneficiato di influssi positivi a seguito della scelta di Donald Trump di usare il servizio di microblogging come canale ufficiale per le sue comunicazioni. Ancora una volta effetti stagionali (come li ha definiti il Whashington Post), che non offrono robuste garanzie.

A questo punto Twitter deve continuare a proporre nuovi servizi che sappiano competere con i concorrenti, aumentando la fedeltà degli utenti da un lato e attirando inserzionisti dall’altro. E in tal senso ha già lanciato una funzionalità che permette di amplificare tutti i messaggi in modo automatico . Si tratta di un modo comodo e intuitivo per garantire visibilità ai tweet. Al momento però presenta delle limitazioni, come l’impossibilità di targetizzare su base geografica e interessi contemporaneamente. Il servizio si basa su una sottoscrizione mensile dal costo di 99 dollari (il primo mese è gratuito) adatto ad un pubblico entry level. Per quello professionale si sta valutando invece l’introduzione di una fee per l’utilizzo di TweetDeck, interfaccia utile per migliorare la navigazione all’interno del servizio. Per tutti si continua a investire sulle opportunità legate al formato video su cui Twitter insiste ormai da un anno .

Mirko Zago

Fonte immagini: 1 , 2

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti