Ubuntu, Canonical svela i telefonini

La società britannica annuncia i primi partner per la commercializzazione di smartphone basati su Ubuntu, promettendo l'integrazione tra desktop e mobile entro breve. Mentre i grandi player di settore si preparano per il MWC di Barcellona

Roma – Archiviata (o forse solo rimandata) l’ operazione Edge , Canonical ha affidato il debutto sul mercato del suo Ubuntu per cellulari (Ubuntu Touch) a due produttori di terminali specializzati in prodotto a basso costo, vale a dire la spagnola BQ e la cinese Meizu.

Ad annunciare le partnership è stato Mark Shuttleworth in persona, che ha altresì annunciato la disponibilità dei due nuovi terminali entro il 2014: si tratterà, a quanto pare, di due smartphone già esistenti a cui Canonical avrà adattato il codice mobile di Ubuntu per ottimizzare l’esperienza utente.

E parlando di ottimizzazioni, Shuttleworth ha quantificato nel 95 per cento il codice condiviso tra Ubuntu versione PC e quella per gadget mobile, mentre l’obiettivo finale è naturalmente la “convergenza” e la condivisione totale del codice tra i due mondi. Tempo di raggiungere il 2015 e il risultato sarà raggiunto, sostiene il founder di Canonical.

Shuttleworth ha poi colto l’occasione per “spifferare” quello che dovrebbe essere uno dei segreti inerenti il nuovo iPhone: Apple avrebbe rastrellato una fornitura di schermi di zaffiro bastevole per tre anni, ha dichiarato Shuttleworth, un tipo di schermo che Canonical pianificava di adottare per il suo Edge e che potrebbe invece ora far parte della dotazione standard del futuro iPhone 6.

Le anticipazioni su Ubuntu Touch, iPhone di zaffiro e convergenza tra sistemi operativi arrivano con leggero anticipo sul Mobile World Congress (MWC) di Barcellona, manifestazione di settore dove si prevede un’inondazione di terminali per ogni marca e fascia di prezzo e dove non mancheranno i grandi nomi del mondo mobile.

E i grandi nomi hanno in realtà già cominciato il loro battage pre-MWC facendosi sfuggire informazioni e fotografie dei nuovi terminali come il G2 Mini di LG , una versione rinnovata di HTC One , il nuovo smartphone di punta di Huawei Ascend P7 e i terminali di fascia media e bassa di Acer Liquid E3 e Liquid Z4 .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Perche' non lo fanno loro?
    Questa cosa e' assurda e paradossale.C'e' una ampia fetta di mercato disposta a pagare per questo servizio.C'e' una azienda disposta a fornire il servizio.E i detentori, invece di essere loro a fornire il servizio in modo da raggiungere anche quella fetta di mercato che cosa fanno? Strillano che il loro business viene danneggiato.Ma perche' non offrono loro questo servizio, allora?
    • iRoby scrive:
      Re: Perche' non lo fanno loro?
      Ssshhhh, già la TV è una merda nell'etere, vuoi che la portino pure su Internet che poi vogliono la banda dei provider tutta per spararci quella merda di Amici, Grande Fratello, e porcate varie?Ed a noi per informarci, leggere, scambiare file ecc. Ci va a scatti e soffriamo...Lascia che la TV resti nel televisore.
      • thebecker scrive:
        Re: Perche' non lo fanno loro?
        - Scritto da: iRoby
        Ssshhhh, già la TV è una merda nell'etere, vuoi
        che la portino pure su Internet che poi vogliono
        la banda dei provider tutta per spararci quella
        merda di Amici, Grande Fratello, e porcate
        varie?

        Ed a noi per informarci, leggere, scambiare file
        ecc. Ci va a scatti e
        soffriamo...

        Lascia che la TV resti nel televisore.La TV spazzatura è già su Internet :( :Dhttp://www.video.mediaset.it/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 febbraio 2014 18.31-----------------------------------------------------------
    • bubba scrive:
      Re: Perche' non lo fanno loro?
      - Scritto da: panda rossa
      Questa cosa e' assurda e paradossale.

      C'e' una ampia fetta di mercato disposta a pagare
      per questo
      servizio.
      C'e' una azienda disposta a fornire il servizio.

      E i detentori, invece di essere loro a fornire il
      servizio in modo da raggiungere anche quella
      fetta di mercato che cosa fanno? Strillano che il
      loro business viene
      danneggiato.

      Ma perche' non offrono loro questo servizio,
      allora?sembra illogico, ma a loro PIACE mantenere il loro sistema di 'paga e incassa', fatto di library, royalties, licenze ecc e frotte di azzeccagarbugli, cosi' com'e'... quella e' una perturbazione nella Forza, molto fastidiosa.Tra l'altro sembrava, come linkato anche da p.i, che avessero gia' portato alla corte suprema sta roba (che e' obiettivamente borderline, secondo il solco legale creato dai portaborse delle major nei decenni) nel 2009... e che avessero deciso per il si. Le major sono peggio dei pirhana..
      • Leguleio scrive:
        Re: Perche' non lo fanno loro?

        Le major sono peggio dei
        pirhana..Piranha oppure piragna. In Venezuela li chiamano caribes.
        • fantozzi scrive:
          Re: Perche' non lo fanno loro?
          - Scritto da: Leguleio

          Le major sono peggio dei

          pirhana..

          Piranha oppure piragna. In Venezuela li chiamano
          caribes.a volte invece di chiamarli li mangiano.[img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/1/17/2010-0117-Peru-piranha.jpg/799px-2010-0117-Peru-piranha.jpg[/img]
        • se mi intessava lo cercavo su google scrive:
          Re: Perche' non lo fanno loro?
          - Scritto da: Leguleio
          Piranha oppure piragna. In Venezuela li chiamano
          caribes.se mi intessava lo cercavo su google e trovavo molti più dettagli di quelle due parole in croce ched hai scritto:The native common name piranha and caribe are names that were determined by Dr. G. S. Myers (1949, 1960, 1965, 1972), to apply only to the potentially dangerous piranhas or true piranha in genus Pygocentrus of Brazil and surrounding areas. The common name caribe applies only to the potentially dangerous true caribe in genus Pygocentrus found in Venezuela. Native South Americans are the folks responsible for determining what a common name is for their native fish. You will occasionally read my use of piranha in describing all the species. Please be aware that the common name piranha and sometimes caribe is used here as a loose application only when addressing majority of these species. There is also legal precedent for these two (2) native common names as well (see State of Oregon vs. Magallanes, 1993). First, let's pronounce the name correctly; it's "pee-ron-yah" or pih-ron-yah." The name comes from a hybrid language composed of Tupi-Guarani, split and combined to create one name (pira=fish...ranha or sanha=tooth). Caribe; pronounced kah-ree-bay is a Spanish name derived from Caribbean Indians. Some authors have erroneously assumed that this name translates to cannibal however that is not the case. The Caribs were so named by the discoverer of Cuba, Christopher Columbus, and from the Spanish cariba, meaning a valiant man or brave man. They were man-eating cannibals in reality, and gave the English language that word by corruption and as a pun, caribal being transuded into cannibal in allusion to the canine voracity of the race. When the conquistadors saw the cannibalistic nature of the piranha fish and the feeding frenzy of the species, it only was natural, they used the epithet caribe or caribito (meaning little Carib) for the fish. The name remained locally though lesser known than the widely used name "piranha" which is frequently attached to all piranha-like fishes imported into the U.S. Over the years, piranhas have been grouped in several scientific names, sometimes split apart then regrouped as a single genus. Today, scientists recognize 4 groups of fish which are represented by 4 names; Pygocentrus, Serrasalmus, Pygopristis, and Pristobrycon. The Indians of South America recognize piranhas by common names they use to describe the fish. I also think it wise to at least acknowledge that Venezuelan piranhas are called by Spanish names too, while the Brazilian portions of South America are called by Portuguese or Tupi-Guarani names.
          • Leguleio scrive:
            Re: Perche' non lo fanno loro?

            se mi intessava lo cercavo su google Se a bubba interessava fare colpo sui lettori lo scriveva giusto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 febbraio 2014 20.55-----------------------------------------------------------
          • bubba scrive:
            Re: Perche' non lo fanno loro?
            Modificato dall' autore il 22 febbraio 2014 20.55
            --------------------------------------------------Ma l'ho fatto. era la furio trap n. 183
          • Leguleio scrive:
            Re: Perche' non lo fanno loro?

            Ma l'ho fatto. era la furio trap n. 183Guardi troppi film di Verdone.
          • fantozzi scrive:
            Re: Perche' non lo fanno loro?
            - Scritto da: Leguleio

            Ma l'ho fatto. era la furio trap n. 183

            Guardi troppi film di Verdone.E tu decisamente mangi troppa esca...Per questo passi da mangiante a mangiato.[img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/1/17/2010-0117-Peru-piranha.jpg/799px-2010-0117-Peru-piranha.jpg[/img]
          • Leguleio scrive:
            Re: Perche' non lo fanno loro?

            E tu decisamente mangi troppa esca...
            Per questo passi da mangiante a mangiato.
            [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commonsCon i pomodori a fette e il limone, però. Vuoi mettere?
Chiudi i commenti