UK, condanna per un wardriver

Se la cava con la condizionale un 24enne inglese accusato di aver utilizzato abusivamente una connessione wireless a banda larga


Londra – Ci sono andati giù pesanti i magistrati britannici che hanno dovuto giudicare quello che probabilmente è stato il primo processo in UK contro un wardriver , un uomo che con il proprio portatile Wi-Fi si era connesso ad una rete wireless ad alta velocità in modo definito “abusivo”.

Il tribunale di Isleworth a Londra ha infatti condannato a 500 sterline di multa e a 12 mesi di carcere con la condizionale il 24enne Gregory Straszkiewicz. Una sentenza motivata dal fatto che non solo l’uomo aveva “ottenuto in modo disonesto l’accesso ad un sistema di comunicazione” ma anche perché è stato trovato “in possesso di equipaggiamento pensato per l’uso fraudolento dei servizi di comunicazione”.

Ciò che Straszkiewicz stava facendo quando è stato “pizzicato” dalla polizia è quanto ancora fanno moltissimi : poiché molte reti wireless non vengono configurate per impedire l’accesso da remoto, c’è chi si connette a quei network per navigare a sbafo, una pratica assai diffusa nota come wardriving . Ancora oggi ci sono esperti che verificano con metodi analoghi quante sono in città le reti “disponibili” perché poco protette.

L'”equipaggiamento” di cui parla la sentenza non sembra avere nulla di speciale, trattandosi di un portatile la cui unica caratteristica, condivisa da tutti i notebook di nuova generazione, è quella di potersi collegare appunto alle reti wireless. Stando alla polizia l’uomo è stato individuato dopo che in diverse occasioni aveva tentato di accedere a quei network.

Il caso per molti versi ricorda quello che negli Stati Uniti nelle scorse settimane ha portato all’ arresto di un wardriver accusato di “accesso abusivo ad un sistema informatico”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Jihad = guerra santa
    un'ideologia alla base del proselitismo islamico da circa 1000 anni?
    • Anonimo scrive:
      Re: Jihad = guerra santa
      - Scritto da: Anonimo
      un'ideologia alla base del proselitismo islamico
      da circa 1000 anni?E altrimenti cosa?
      • Anonimo scrive:
        Re: Jihad = guerra santa
        La Jihad non è la guerra santa. Questo termine è dovuto a una cattiva traduzione tutta europea.Sono gli europei quelli che hanno fatto le guerre sante forse è per questo che si sono confusi...Jihad vuol dire guerra di difesa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Jihad = guerra santa
          Il fatto è che sono i terroristi a usarla con il significato di "guerra santa", e non certo di difesa. E stavamo parlando di un'organizzazione che spalleggia il terrorismo, non è saltato fuori dal nulla il nome jihad.- Scritto da: Anonimo
          La Jihad non è la guerra santa. Questo termine è
          dovuto a una cattiva traduzione tutta europea.
          Sono gli europei quelli che hanno fatto le guerre
          sante forse è per questo che si sono confusi...

          Jihad vuol dire guerra di difesa.
  • Anonimo scrive:
    manca "MESSAGGIO PUBBLICITARIO"
    Non si riesce a leggere la scritta"MESSAGGIO PUBBLICITARIO".A che pro mettere questa news?Forse che gli arabi hanno bisogno di un parco buoi per le azioni della Best Italia Holding?(che menzionata in un articolo in italianodove si parla di investitori stranieri sembrail nome di una azienda italiana, cosa che non e`)
    • Anonimo scrive:
      Re: manca "MESSAGGIO PUBBLICITARIO"

      A che pro mettere questa news?Massi' che ci frega di quello che succede in Siria, sono arabi!!ps. ovviamente sono sarcastico, colpa del simpaticone che ha aperto questo thread inutile
  • Anonimo scrive:
    stampa online jihadista
    Ma sapete cos'è la jihad?
Chiudi i commenti