Un computer scoverà i comportamenti anomali

In pubblico, specialmente in aeroporti e stazioni, sarà bene comportarsi nel modo più prevedibile per evitare di essere scambiati per terroristi

Roma – Un sistema informatico capace di cogliere segnali di comportamento sospetto e trasmetterli alle forze dell’ordine. Su questo, e nientemeno, stanno lavorando gli scienziati del NICTA , laboratorio finanziato dal governo federale australiano.

L’idea, che spaventa qualcuno, è che sia possibile anche tra la folla individuare chi si comporta in modo sospetto e che, di conseguenza, meriti di essere fermato per accertamenti. Il tutto in una logica anti-terrorismo.

Secondo CSOonline.com , il progetto già dispone di un fondo da 380mila euro garantito da Canberra.
Uno dei ricercatori spiega:

“Ci sono già tecnologie che segnalano quando, ad esempio, un bagaglio viene abbandonato in un luogo pubblico, ma noi stiamo lavorando su algoritmi non solo capaci di individuare persone basandosi sul riconoscimento del volto ma anche di analizzare il livello della minaccia analizzando il comportamento, per raccogliere informazioni preliminari capaci di indicare se sta accadendo qualcosa di inusuale. Questo aumenterebbe la possibilità di individuare una minaccia reale” .

Come segnala TechDirt , possiamo attenderci una gran quantità di falsi allarmi o, come indica qualcuno, di gente pronta ad agire in modo sospetto per farsi poi quattro risate. Per non parlare di chi ha abitualmente comportamenti tanto anomali quanto perfettamente leciti. Almeno fino ad oggi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    I filtri Cisco già bloccano il P2P
    Fastweb ne fa un uso massiccio in Italia (oltre allo schifo di rete senza IP dinamico pubblico che danno per limitare l'uso della connessione) Anche Telecom ogni tanto li attiva.
    • Anonimo scrive:
      Re: I filtri Cisco già bloccano il P2P
      - Scritto da:
      Fastweb ne fa un uso massiccio in Italia (oltre
      allo schifo di rete senza IP dinamico pubblico
      che danno per limitare l'uso della connessione)

      Anche Telecom ogni tanto li attiva.Ma va? Questa storia di Fastweb non la sapevo. Dici che possa dipendere da questo il fatto che un mio amico per settimane non è riuscito ad utilizzare e-Mule? Lui ha il contratto con Fastweb.
    • Anonimo scrive:
      Re: I filtri Cisco già bloccano il P2P
      Potrebbe farne uso x le reti esterne anche se non e' sempre vero a volte scarico oltre 600kb/s da un solo utente dall'estero, mentre con le reti dc++ interne di FW o Adunanza viaggia alla grande anche 1MB/s volendo...
  • AndreaRimicci scrive:
    Non tutto il male vien dal torrent...
    Questione trita e ritrita: se l'assassino uccide col coltello, allora si impedisca la vendita dei coltelli. Metafora che calza a pennello nella questione del bittorrent.La condivisione non autorizzata di materiale, qualunque esso sia, non solo mp3 o film, esisteva molto prima dell'avvento del torrent e, bene o male, questa e' stata sempre una questione mai affrontata a fondo, sino ad arrivare ad oggi, dove l'espansione di un problema mai affrontato e' ora a livelli planetari.Tralasciando il tema del perché si e' arrivati alla situazione attuale, mi limito alla riflessione che per risolvere un problema, la semplice repressione di uno dei tanti mezzi usati per commettere un reato, semplicemente non estinguerà il reato stesso. Non credo che ci vogliano anni di esperienza in indagini anticrimine per ipotizzare questo scenario.A meno che, scenario fantascientifico, non si voglia utilizzare la lotta al reato specifico come strumento per l'introduzione di nuovi mezzi di controllo delle persone e dell'informazione che viaggia in rete, che ovviamente e casualmente potranno essere usati anche per scopi che esulano da quello originale che sarà, potremmo dirlo, mero pretesto.Torniamo ora in argomento... il torrent e' uno strumento in grado di offrire dati e permettere di ridistribuire i flussi dati tra gli utenti connessi, questo e' un enorme vantaggio per tutti, per chi distribuisce perché ha il controllo di quanta banda passante usare, qualunque sia il numero di utenti, e per chi riceve, perché la velocità di ricezione non e' limitata a solo quella data a disposizione dal fornitore.Il fatto che venga usato anche per commettere reati, non implica che questo sia uno strumento illegale. Altrimenti non potremmo comprare un coltello per tagliare le nostre pietanze...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non tutto il male vien dal torrent..
      Quarda che in questo caso non e' questione di legalita' o meno.Semplicemente gli ISP vogliono continuare il loro "overbooking", vendere (e farsi pagare) "100" per poi permetterti di usare solo "10".Loro vogliono che la banda rimanga a disposizione di coloro che pagano ulteriormente per loro servizi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non tutto il male vien dal torrent..
        Poi viene usato non soltanto per la condivisione di file protetti da diritto, ma di file liberi, come distro di Linux o viene usato spesso incluso in alcuni software come ad esempio molti giochi per la diffusione di patch di aggiornamento per alleggerire il lavoro del server e ridurre i costi.
  • Guybrush scrive:
    E io annullo il contratto.
    Il giorno che il mio provider mi sega la banda, che io ho regolarmente pagato, io non gli rinnovo il contratto.Inoltre in tutti i contratti tra le possibilita' di recesso vi e' la clausola legata alle variazioni di contratto.Se il provider varia la qualita' del servizio erogato (e per me questa diventa una perdita di qualita') senza variare il prezzo in modo sfavorevole al cliente, quest'ultimo puo' recedere con effetto immediato.
    GT
    • Anonimo scrive:
      Re: E io annullo il contratto.
      - Scritto da: Guybrush
      Il giorno che il mio provider mi sega la banda,
      che io ho regolarmente pagato, io non gli rinnovo
      il
      contratto.

      Inoltre in tutti i contratti tra le possibilita'
      di recesso vi e' la clausola legata alle
      variazioni di
      contratto.

      Se il provider varia la qualita' del servizio
      erogato (e per me questa diventa una perdita di
      qualita') senza variare il prezzo in modo
      sfavorevole al cliente, quest'ultimo puo'
      recedere con effetto
      immediato.


      GT
      • Anonimo scrive:
        Re: E io annullo il contratto.


        Il giorno che il mio provider mi sega la banda,

        che io ho regolarmente pagato, io non gli
        rinnovo

        il

        contratto.



        Inoltre in tutti i contratti tra le possibilita'

        di recesso vi e' la clausola legata alle

        variazioni di

        contratto.



        Se il provider varia la qualita' del servizio

        erogato (e per me questa diventa una perdita di

        qualita') senza variare il prezzo in modo

        sfavorevole al cliente, quest'ultimo puo'

        recedere con effetto

        immediato.




        GT
        leggi bene il contratto potresti scoprire che il
        tuo provider queste modifiche puo' farle
        tranquillamente. Comunque dare disdetta in casi
        simili e' l'unico modo che si ha per
        protestare.... e continuare a pagare l'anno che resta prima della scadenza :D
        • Anonimo scrive:
          Re: E io annullo il contratto.
          il problema che poi anche se tutti disdiranno ADLS non si porranno il dubbio del motivo..ma diranno:"in italia non credono nell'online".. blablabla..e daranno incentivi alle aziende fornitrici di connettività -_-
          • Anonimo scrive:
            Re: E io annullo il contratto.
            io l'ho gia fatto (X LIBERO) e mi sono accorto di stare benissimo senza adsl
          • Anonimo scrive:
            Re: E io annullo il contratto.
            - Scritto da:
            io l'ho gia fatto (X LIBERO) e mi sono accorto di
            stare benissimo senza
            adslBoh... a me Infominchia/Wind non mi ha tolto nulla, e DC++ viaggia che è una bellezza... :)
          • Anonimo scrive:
            Re: E io annullo il contratto.
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            io l'ho gia fatto (X LIBERO) e mi sono accorto
            di

            stare benissimo senza

            adsl


            Boh... a me Infominchia/Wind non mi ha tolto
            nulla, e DC++ viaggia che è una bellezza...
            :)Beato te perchè io sono arrivato al punto che se scaricavo la posta non riuscivo a navigare e viceversa, per non parlare poi di p2p! 4 k al secondo... Neanche con un 56K!Ah (per evitare vaneggiamenti vari) sono un'informatico e so cosa entra ed esce dal mio pc, quindi no virus, spam, trojan, zombie etc...
          • Anonimo scrive:
            Re: E io annullo il contratto.
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            io l'ho gia fatto (X LIBERO) e mi sono accorto

            di


            stare benissimo senza


            adsl





            Boh... a me Infominchia/Wind non mi ha tolto

            nulla, e DC++ viaggia che è una bellezza...

            :)

            Beato te perchè io sono arrivato al punto che se
            scaricavo la posta non riuscivo a navigare e
            viceversa, per non parlare poi di p2p! 4 k al
            secondo... Neanche con un
            56K!
            Ah (per evitare vaneggiamenti vari) sono
            un'informatico e so cosa entra ed esce dal mio
            pc, quindi no virus, spam, trojan, zombie
            etc...Ne conosco pochi di "informatici" proLinux, sistemisti, ingegneri e così via che si credono bravissimi e se ne vantano ma poi alla prova dei fatti....
      • Guybrush scrive:
        Re: E io annullo il contratto.
        L'ho letto benissimo, a differenza di molti.Tutte le volte che c'e' una modifica che si traduce in un aggravio dei costi o in una penalizzazione dell'utente (taglio della banda per il P2P, ad esempio) scatta il diritto di recesso.Questa clausola c'e' per legge e non puo' essere aggirata pena l'annullamento del contratto.
        GT
    • Anonimo scrive:
      Re: E io annullo il contratto.
      - Scritto da: Guybrush
      Il giorno che il mio provider mi sega la banda,
      che io ho regolarmente pagato, io non gli rinnovo
      il
      contratto.

      Inoltre in tutti i contratti tra le possibilita'
      di recesso vi e' la clausola legata alle
      variazioni di
      contratto.

      Se il provider varia la qualita' del servizio
      erogato (e per me questa diventa una perdita di
      qualita') senza variare il prezzo in modo
      sfavorevole al cliente, quest'ultimo puo'
      recedere con effetto
      immediato.


      GT
  • Anonimo scrive:
    Fino a quando....
    ... un giorno qualcuno realizzerà un plugin per Azureus per un attacco DDoS ai siti delle società e dei provider coinvolti....Ovviamente scherzo.... forse! 8)
  • Anonimo scrive:
    le cose sono 2
    decriptare un pacchetto criptato è illegale anche perchè si violerebbe la legge sulla privacy (e la società se la prenderebbe in quel posto)se un programma che uso per criptare potesse essere decriptato da chiunque in modo così facile non sarebbe un buon programma e userei un programma x criptare + efficiente (e la società se la prenderebbe in quel posto)
    • uguccione500 scrive:
      Re: le cose sono 2
      - Scritto da:
      decriptare un pacchetto criptato è illegale anche
      perchè si violerebbe la legge sulla privacy (e la
      società se la prenderebbe in quel
      posto)

      se un programma che uso per criptare potesse
      essere decriptato da chiunque in modo così facile
      non sarebbe un buon programma e userei un
      programma x criptare + efficiente (e la società
      se la prenderebbe in quel
      posto)BAH! La privacy in primo luogo NON ESISTE, è una finzione per farti sentire protetto da chissà cosa...Ogni programma di criptatura DEVE AVERE PER LEGGE una chiave che le forze preposte al controllo DEVONO AVERE PER LEGGE e che PER LEGGE ti apre qualsiasi altra chiave...O nessuno mai te l'ha detto???
      • Anonimo scrive:
        Re: le cose sono 2
        Si ma i provider rientrano tra "le forze preposte al controllo" ?
        • uguccione500 scrive:
          Re: le cose sono 2
          ...i provider: se sono nominati da un ordinanza di vigilanza sul traffico sicuramente: solo che penso che i provider non lo facciano per questioni economiche: se io so che Telecozza mi controlla e mi blocca determinate cose a suo piacimento e ho una valida alternativa, disdico e passo alla valida alternativa...se però lo fanno tutti perchè obbligati e minacciati di favoreggiamento...BAH!
      • Anonimo scrive:
        Re: le cose sono 2

        Ogni programma di criptatura DEVE AVERE PER LEGGE
        una chiave che le forze preposte al controllo
        DEVONO AVERE PER LEGGE e che PER LEGGE ti apre
        qualsiasi altra
        chiave...
        O nessuno mai te l'ha detto???Lol, non ho parole per descrivere le risate che ho fatto mentre leggevo questa frase, un lol nn basta. Naturalmente non è assolutamente vero!
        • uguccione500 scrive:
          Re: le cose sono 2
          - Scritto da:

          Ogni programma di criptatura DEVE AVERE PER
          LEGGE

          una chiave che le forze preposte al controllo

          DEVONO AVERE PER LEGGE e che PER LEGGE ti apre

          qualsiasi altra

          chiave...

          O nessuno mai te l'ha detto???

          Lol, non ho parole per descrivere le risate che
          ho fatto mentre leggevo questa frase, un lol nn
          basta. Naturalmente non è assolutamente vero!

          Si,si...vivi nel mondo dei puffi...salutami il grande puffo che sicuramente ti ha consigliato di non crederci!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: le cose sono 2

            Si,si...vivi nel mondo dei puffi...salutami il
            grande puffo che sicuramente ti ha consigliato di
            non
            crederci!!!Povero te!Mi raccomando paura e terrore!Evidentemente non nutri molta fiducia nei sistemi informatici (oltre a non capirne una cippa)...
          • Anonimo scrive:
            Re: le cose sono 2

            Si,si...vivi nel mondo dei puffi...salutami il
            grande puffo che sicuramente ti ha consigliato di
            non
            crederci!!!hahaha!ma guarda che non siamo noi a darti torto...ma i numeri stessi!!!!ridicolissimo+ignorante!
          • Anonimo scrive:
            Re: le cose sono 2
            Già te l'hanno chiesto : numero e anno della legge, per favore. Altrimenti ... stai banfando !
      • uguccione500 scrive:
        Re: le cose sono 2

        Un conto è la chiave in mano alle forze
        dell'ordine (Polizia, Carabinieri, Guardia di
        Finanza sono i soli organi preposti a tali
        controlli, oltre ai servizi segreti), tutt'altra
        cosa è se tale chiave viene utilizzata da un
        soggetto privato come l'ISP che non ha alcuna
        facoltà giuridica o legale sui dati trasportati
        per nostro conto sulle reti di
        comunicazione....e se fossero le stesse forze dell'ordine a chiedere "aiuto" in quel senso e li obbligasse pena qualche denuncina penale per favoreggiamento???
    • Anonimo scrive:
      Re: le cose sono 2
      - Scritto da:
      decriptare un pacchetto criptato è illegale anche
      perchè si violerebbe la legge sulla privacy (e la
      società se la prenderebbe in quel
      posto)

      se un programma che uso per criptare potesse
      essere decriptato da chiunque in modo così facile
      non sarebbe un buon programma e userei un
      programma x criptare + efficiente (e la società
      se la prenderebbe in quel
      posto)Esistono chiavi universali di sblocco degli algoritmi di criptazione che non sono ovviamente rese pubbliche dalle multinazionali.
      • Anonimo scrive:
        Re: le cose sono 2
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        decriptare un pacchetto criptato è illegale
        anche

        perchè si violerebbe la legge sulla privacy (e
        la

        società se la prenderebbe in quel

        posto)



        se un programma che uso per criptare potesse

        essere decriptato da chiunque in modo così
        facile

        non sarebbe un buon programma e userei un

        programma x criptare + efficiente (e la società

        se la prenderebbe in quel

        posto)

        Esistono chiavi universali di sblocco degli
        algoritmi di criptazione che non sono ovviamente
        rese pubbliche dalle
        multinazionali.Ma sei folgorato o cosa?Studiati un po' di algoritmi di criptazione e capirai che è impossibile.Che poi mica sono stati tutti inventati dalle multinazionali..
  • Anonimo scrive:
    Mascherare il p2p da pagina web
    E far girare tutto sulla porta 80.Coi codici html validi e tutto, col corpo della pagina ovviamente contenente quello che deve contenere (Cioè il pacchetto di trasmissione criptato del file in corso di download).Poi come faranno a capire se sto guardando una pagina piena di caratteri assurdi o se sto scaricando l'ultimo album di Ramazzotti?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mascherare il p2p da pagina web
      Nel dubbio...
    • Anonimo scrive:
      Re: Mascherare il p2p da pagina web
      - Scritto da:
      E far girare tutto sulla porta 80.
      Coi codici html validi e tutto, col corpo della
      pagina ovviamente contenente quello che deve
      contenere (Cioè il pacchetto di trasmissione
      criptato del file in corso di
      download).
      Poi come faranno a capire se sto guardando una
      pagina piena di caratteri assurdi o se sto
      scaricando l'ultimo album di
      Ramazzotti?80 non è https
      • Anonimo scrive:
        Re: Mascherare il p2p da pagina web
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        E far girare tutto sulla porta 80.

        Coi codici html validi e tutto, col corpo della

        pagina ovviamente contenente quello che deve

        contenere (Cioè il pacchetto di trasmissione

        criptato del file in corso di

        download).

        Poi come faranno a capire se sto guardando una

        pagina piena di caratteri assurdi o se sto

        scaricando l'ultimo album di

        Ramazzotti?

        80 non è httpsE allora?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mascherare il p2p da pagina web
      - Scritto da:
      E far girare tutto sulla porta 80.
      Coi codici html validi e tutto, col corpo della
      pagina ovviamente contenente quello che deve
      contenere (Cioè il pacchetto di trasmissione
      criptato del file in corso di
      download).
      Poi come faranno a capire se sto guardando una
      pagina piena di caratteri assurdi o se sto
      scaricando l'ultimo album di
      Ramazzotti?Beh, pagina piena di caratteri assurdi e Ramazzotti sono la stessa cosa, quindi.... ti beccano lo stasso!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Mascherare il p2p da pagina web
      - Scritto da:
      E far girare tutto sulla porta 80.
      Coi codici html validi e tutto, col corpo della
      pagina ovviamente contenente quello che deve
      contenere (Cioè il pacchetto di trasmissione
      criptato del file in corso di
      download).
      Poi come faranno a capire se sto guardando una
      pagina piena di caratteri assurdi o se sto
      scaricando l'ultimo album di
      Ramazzotti?Acuisition per MacOs X gestisce il traffico bittorrent sulla porta 80
  • Anonimo scrive:
    Zappa sui piedi....
    Se i provider fremono per fare la stessa fine dei produttori italiani di supporti CD e DVD, che si sono visti costretti a cessare la produzione causa il crollo delle vendite in seguito all'introduzione dell'obolo obbligatorio alla SIAE.....beh facciano pure! :sLa mia disdetta la riceveranno immediatamente, contestualmente al cambio del numero del c/c su cui mi vengono fatti gli addebiti @^Venitemi poi a chiedere la penale!!!!(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Zappa sui piedi....
      - Scritto da:
      Se i provider fremono per fare la stessa fine dei
      produttori italiani di supporti CD e DVD, che si
      sono visti costretti a cessare la produzione
      causa il crollo delle vendite in seguito
      all'introduzione dell'obolo obbligatorio alla
      SIAE.....beh facciano pure!certo, ti ci vedo a fare un abbonamento adsl con un provider tedesco (che sono anche piu' stronzi dei nostri)
    • Anonimo scrive:
      Re: Zappa sui piedi....
      - Scritto da:
      La mia disdetta la riceveranno immediatamente,
      contestualmente al cambio del numero del c/c su
      cui mi vengono fatti gli addebiti
      @^

      Venitemi poi a chiedere la penale!!!!(rotfl)Chiudere il conto corrente costa una cifra.Personalmente mi è bastato dare ordine alla banca di non pagare più (ordine puntualmente eseguito).Due anni dopo sono arrivate le minaccie di una società di recupero credito, seguite da vari scambi epistolari tra avvocati (ringrazio l'associazione dei consumatori che mi ha supportato). La cosa non è ancora finita, ma come giustamente fai notare tu, è il debitore in vantaggio con la legge italiana che c'è.Intanto non pago, poi si vedrà, che facciano causa.(Ovviamente nel mio caso sono in una botte di ferro, ho seguito le procedure previste dal codice civile per la disdetta, visto che il servizio non funzionava più e loro non solo non hanno risposto nei termini della diffida ad adempiere, ma si sono ben guardatida rispondere del tutto). Non consiglio la stessa strada ai deboli di cuore, comunque.
Chiudi i commenti