Un grido di pace lanciato dal satellite

di Carlo Gubitosa. I piccoli Davide della televisione proseguono la loro sfida con i Golia dell'emittenza privata. Giovedì il messaggio di pace lanciato da Dario Fo e Franca Rame raggiungerà tutte le parabole d'Italia


Dopo il recente exploit delle tv di quartiere, che il 22 febbraio hanno esteso il circuito “Telestreet” con più di venti nuove emittenti a corto raggio, il video-attivismo si sta muovendo anche nell’ambito delle trasmissioni satellitari. La necessità di produrre informazioni indipendenti sul conflitto in Iraq ha rilanciato due progetti già avviati di televisione via satellite: Global Tv, che ha aperto le sue trasmissioni durante il Forum Sociale Europeo, e No War Tv, “battezzata” durante le fiaccolate pacifiste del 10 dicembre organizzate dal cartello “Fuori l’italia dalla guerra”.

Global Tv è una emittente di area antagonista che si definisce “disobbediente, ma non dei disobbedienti”, e i suoi attivisti (tutti volontari) spiegano che “contro l’imbroglio dei media democratici,imparziali, astratti, rivendichiamo la nostra appartenenza ad un contesto politico reale e condiviso. Non vogliamo leggere o interpretare la realtà, ma partecipare alla sua costruzione”.

Oltre al racconto del forum fiorentino, il “curriculum” di Global Tv comprende la cronaca del 15 febbraio, giornata mondiale per la pace, e la diretta del capodanno 2003 a Termini Imerese, con più di 15 ore di trasmissione direttamente dagli stabilimenti della FIAT.

Queste nuove esperienze di produzione televisiva portano il segno della “generazione internet”, e sul sito www.tvglobal.org sono già disponibili materiali video sulle manifestazioni di sabato 22, oltre agli archivi delle trasmissioni effettuate finora. Tutto ruota attorno al concetto di “polimedialità”, un neologismo coniato per definire l’utilizzo “ibrido” di più tecnologie, con un felice matrimonio tra la rete (libertaria e decentrata, ma al tempo stesso elitaria) e la televisione (popolare e diffusa, ma di fatto monopolizzata).

Accanto alla “tv disobbediente” c’è anche la “tv intellettuale”: No War TV, che nasce dal lavoro di una “task force” culturale guidata dal giornalista Giulietto Chiesa. La sede dell’emittente è Roma, scelta tra l’altro per la presenza di due riviste che hanno dato il loro sostegno all’iniziativa: il settimanale “Carta” e il quotidiano “Il Manifesto”.

Tra i promotori di No War Tv troviamo Luciana Castellina, don Luigi Ciotti, Mario Monicelli, Gianfranco Mascia e Alessandro Dalai, amministratore delegato della “cooperativa di professionisti dell’informazione” creata attorno a questo progetto di videocomunicazione satellitare.

La sostenibilità economica di No War Tv è stata garantita da un finanziamento di circa 100 mila euro erogato da Banca Etica, e strada facendo anche l’Arci e trenta comuni della Toscana si sono aggregati all’iniziativa. Insomma una bella squadra, a cui si è aggiunto perfino un premio Nobel.

Si tratta di Dario Fo, che assieme a Franca Rame giovedì 27 marzo alle 20,30 porterà in scena sulla neonata tv satellitare uno spettacolo comico intitolato “Ubu Ba Va alla guerra”.

Questa performance teatrale è stata registrata lunedì 24 al teatro Nazionale di Milano, rivelando un tono grottesco e satirico che lascia spazio anche all’informazione, con documenti e interviste: la registrazione di un dialogo tra Dario Fo e Giorgio Bocca, un intervento di Daniele Luttazzi e una inchiesta inedita di una televisione svizzera, mai trasmessa in Italia.

“In questo momento – spiegano Dario Fo e Franca Rame – sentiamo la necessità di tentare di raggiungere il pubblico più vasto possibile per raccontare alcuni fatti che le televisioni censurano sulla guerra in Iraq e in Afghanistan, sul petrolio e sugli interessi che stanno dietro a questi conflitti. Abbiamo deciso di affiancare le iniziative televisive che il movimento sta sviluppando con le televisioni di strada, Global Tv e No War Tv, con uno spettacolo di tipo teatrale. Se ci riusciremo sarà un risultato positivo dal punto di vista dell’informazione ma anche un esperimento nel processo di creazione di una Tv indipendente”.

Secondo Giulietto Chiesa “questa guerra, fin dalle prime battute, dimostra che tutti stanno cascando nella trappola di inseguire i carri armati nel deserto. Vediamo solo l’informazione militare che il Pentagono organizza per il mondo. Uno dei modi in cui noi non faremo informazione è questo: cercheremo invece di parlare con la gente in tutto il mondo, per raccontare come il mondo e l’Italia reagiscono alla guerra”.

Le due tv satellitari trasmettono a fasce orarie alterne sul canale 498 del “Goldbox” collegato alla parabola, e a partire dal 13 marzo anche il canale “Planete” (bouquet Tele+ Digitale, canale 35) diffonde ogni giorno il segnale di Global Tv, dalle undici a mezzanotte. Le trasmissioni satellitari vengono anche catturate e ritrasmesse in analogico da varie emittenti del circuito Telestreet.

Carlo Gubitosa

NOTA: Questo articolo è liberamente distribuibile, pubblicabile e utilizzabile su riviste e siti web. In caso di utilizzo di prega di contattare l’autore all’indirizzo di posta elettronica.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mMPUdWtSVdb scrive:
    gjsZGFKTVZGULWb
    comment2, http://adjarias.ru/|ÐеÑÑкие ХалаÑÑ , http://best-beagle.ru/|ÑвадебнÑе ÑÑжеÑÑ Ð´Ð»Ñ ÑампанÑкого , http://admt8.ru/|поÑÑелÑное белÑе из жаккаÑда , http://all-other.ru/|ÑÑжеÑÑ Ð¿Ð°Ñа ,
  • KLJOElMbwoA fgezkVzt scrive:
    LWdRjAxUCZODsZsZzk
    comment2, http://whitechristmasblogs.com 240 mm cigarettes, http://mommynightowl.com newport cigarettes, http://friendsofaaci.org rolling cigarettes, http://clubpenguincpz.com Marlboro, http://peersbuildingjustice.org Winston, http://ateaseabq.com camel cigs, http://eduart-garcival.com Camel, http://pcfire.org newport cigarettes,
  • SeitBgUvjEc Roar scrive:
    QJUIUZGUYAJGWKUrYZ
    comment4, http://pa-books.com/augmentin.html buy generic augmentin, http://pbnelearning.com/elimite.html buy elimite permethrin online, http://pa-books.com/buspar.html cats buspar, http://paradaobrigada.com/celexa.html citaxin, http://pa-books.com/celebrex.html buy celebrex, http://pbnelearning.com/effexor.html effexor detox, http://rdesigngroup.com/lipitor.html lipitor,
  • ciftWmwTgbT scrive:
    BNsTNrPdmb
    comment3,
  • PUDUezhNNi scrive:
    AFbKcyyqkLDi
    comment3,
  • Anonimo scrive:
    GNOME: Armageddon
    http://dot.kde.org/1048780349/1048849685/
    • Anonimo scrive:
      Re: GNOME: Armageddon

      http://dot.kde.org/1048780349/1048849685/bellissimogli utenti linux hanno un OS gratis e vari WM sempre gratispossono scegliere si dice sempresi lamentano sempre perche' linux e' migliore di windows ma non prende piede sui desktopallora i vari team che sviluppano i WM o i DE tipo gnome e kde, cercano di semplificare le cose per attrarre piu' utentia quel punto si scatenano gli zealot che dicono che e' tutto troppo semplice, banale e noiosodove sono le mie vecchie opzioni da power user che non servono a un cazzo ma fanno figo?e tutto questo nonstante il fatto che il 90% degli utenti linux non contribuisca in nessun modo allo sviluppone economicamente, ne col proprio lavoroprendono, installano e poi hanno anche il coraggio di lamentarsida sviluppatore, anche di software GPL, mi sento preso per culo da questa gente!!!non ti piace la direzione che ho preso?fai un fork e vai nella tua direzione!!!!non rompere le palle con le tue lagne...il bello dell'open e' proprio l'essere slegati dalle logiche di mercato.Faccio quello che mi pare, perche' mi va di farlo in quel modo!altrimenti si diventa tutti tante piccole MS che per non scontentare nessuno dei suoi utenti, aggiunge opzioni a screzio, senza una logicae a questo punto penso che facciano bene loro...cosi' il power user ha tutte le sue opzioni avanzate e l'utonto usa solo l'1% delle funzioni senza venir confuso dalle tante potenzialita' aggiuntive del software (perche' il software non fa nulla per rendergliele note) , ed e' felice...l'esempio lampante e' il browser Galeon, abbandonato dal suo autore originale perche' gli altri sviluppatori non erano d'accordo sulla SUA visione dell'evoluzione del SUO progetto!!!assurdo...se si va avanti cosi, si muore...
  • Anonimo scrive:
    Semplicità o possibilità?
    Personalmente, non definirei le funzionalità di Mozilla degli inutili o incomprensibili orpelli. Né trovo funzioni ridondanti al suo interno. Probabilmente, è perché sono un informatico e non faccio assolutamente fatica ad usare le mille features di Mozilla. Naturalmente, riconosco che chi non è un informatico possa ritenere caotica l'interfaccia di Mozilla. Nonostante questo, credo che la soluzione sia sempre in una via di mezzo. Ok la semplicità, che fa bene a tutti, ma le funzionalità avanzate dovrebbero sempre esserci (almeno le principali, non dico certo il DOM Inspector). Penso che sarebbe buono avere la maggiore possibilità di personalizzazione possibile. A mio avviso, un gestore di cookie come quello di Mozilla è una manna del cielo, per tutti. Il software deve essere semplice, ma anche completo e *facilmente personalizzabile*. Se l'utente non sa usare il cookie manager, ok, può non usarlo. Si forniscono impostazioni predefinite ottimali, e pace fatta. Ma concediamo questro strumento a chi sa usarlo, e magari cerchiamo di studiarlo in un modo che gli utenti meno esperti possano, prima o poi, comprenderlo ed usarlo.Riconosco che Mozilla possa apparire troppo complesso, ma non credo che la soluzione consista nello sfoltire la maggior parte delle sue funzionalità. Credo che bisognerebbe solo riorganizzarle meglio.Personalmente, apro una parentesi, proprio non tollero che i PDF o altri documenti di questo tipo vengano aperti direttamente dentro il browser. Ma questa è solo la mia preferenza.In definitiva, non condivido a pieno gli scopi di questo nuovo browser, tuttavia faccio un grande augurio a tutti i suoi sviluppatori. Più scelta c'è, meglio è! Buon lavoro!
  • Anonimo scrive:
    Libertà di scelta
    Potremo scegliere, questo è il vantaggio di avere un nuovo progetto :)
  • Anonimo scrive:
    Redazione
    "MPG: Il porto è in teoria possibile"
  • Anonimo scrive:
    [OT] Redazione
    E di cui spesso non ha neppure biogno..."bisogno":)
    • la redazione scrive:
      Re: [OT] Redazione
      Corretto, grazie ;)- Scritto da: Anonimo
      E di cui spesso non ha neppure biogno...

      "bisogno"

      :)
  • Anonimo scrive:
    POLEMICA:L'informatica agli informatici?
    la morale di parecchi interventi che ho letto qui sotto e':"un umanista non puo' programmare".qualcuno e' cosi' cortese di DIMOSTRARMI la validita' di questo enunciato?ho una laurea in filosofia e sto prendendone un'altra in matematica.io programmo, quando lo faccio, per divertimento e spesso e' successo che ho dato una mano -con qualche ottimo suggerimento- a degli amici informatici con i quali il rapporto e' ottimo.uno di questi poi si sta laureando in fisica teorica...ma allora una volta presa la laurea non sara' piu' "informatico"?oppure sara' un "fisico-informatico?" ed io: hi mi vieta, nonostante che sia "filosofo-(quasi)-matematico" di avere qualche buona idea e di tradurla in un buon programma?morale della favola (a mio parere):....mamma mia, "informatici-professionisti-non-umanisti":quanto siete limitati!!!questo a casa mia si chiama ragionare a compartimenti stagni e non penso che porti a nulla di buono.ciauuuu, "boys"!
    • Altf4 scrive:
      Re: POLEMICA:L'informatica agli informatici?
      Tutta la mia solidarietà!!! (sono un altro filosofo che lavora nel web;-))Sergio
      • Anonimo scrive:
        Re: POLEMICA:L'informatica agli informatici?
        ciao,sono sempre quello che ha fatto il primo post.Ho dimenticato che -a parziale difesa di chi ragiona (penso in totale buona volonta') a compartimenti stagni- c'e' da notare che oramai da tempo immemorabile la cultura italiana si e' scissa in due: "umanistica" e "tecnico-scientifica".Io ho "assaggiato" tutte e due le "torte" e vi assicuro che sono:1) entrambe ghiottissime & gustosissime2) perfettamente digeribili & compatibili!...mah forse non sono bravo a fare la pubblicita' ma un invito (anzi due...) mi sento di farlo:1) "Informatici": quando avete 2 minutini di tempo, provate a leggere la storia della filosofia occidentale di bertrand russell2) "Umanisti": quando avete 2 minutini di tempo, provate a leggere "i trent'anni che sconvolsero la fisica" di geroge gamow vi giuro che vi pago una cena se resterete delusi!.....ciao a tutti & gia' che ci sono compliment alla redazione per tutto l' "ensemble"!
        • Anonimo scrive:
          Re: POLEMICA:L'informatica agli informatici?
          - Scritto da: Anonimo
          Ho dimenticato che -a parziale difesa di chi
          ragiona (penso in totale buona volonta') a
          compartimenti stagni- c'e' da notare che
          oramai da tempo immemorabile la cultura
          italiana si e' scissa in due: "umanistica" e
          "tecnico-scientifica".Aveva ragione Gino Bramieri. Che, come tutti gli umoristi (v. Twain, Wodehouse, Campanile, Jerome...) era un ottimo filosofo."Non esistono barzellette «nuove», solo barzellette che qualcuno non ha ancora sentito".E infatti eccoci qui su PI a rinverdire la disputa tra William Blake ("la scienza ha ridotto il mistero divino dell'esperienza immediata agliatomi di Democrito e alle particelle di luce di Newton"), e Charles Darwin (dall'autobiografia: "Milton mi appare intollerabilmente sciocco, e Shakespeare tanto noioso da provarne un malessere fisico"). Atteggiamenti che, in mancanza di sostanza, siperpetuano (soprattutto, occorre dirlo per correttezza, da parte umanista) ancor oggi, negli innumerevoli epigoni dei due personaggi. Come ai tempi di Charles Snow (a cui si deve appunto l'espressione "due culture") vs F.R.Leavis, o come nella recente (e cocente) beffa di Alan D. Sokal. A quanto pare nessuno si è mai preso la briga di leggere (e capire !) J. D. Barrow, oppure Quine... scienza ed arte come facce complementari, ed ambedue indispensabili, di un'unica moneta. A discapito degli "informatici" vi è poi un ulteriore, grossolano equivoco: un informatico è solo un matematico applicativo specializzato. Dunque a fortiori un Matematico, un fisico teorico particolarmente versati nella logica e nell'uso del calcolatore e dei linguaggi di programmazione (scienza ed arte che s'apprende al 90% SUL CAMPO) possono fare ANCHE quello che fa un informatico in una vasta maggioranza di casi, che non dipendono da fogli di carta ma dall'inclinazione e capacità personale. Si possono altresì citare numerosi settori di nicchia nei quali, senza una solidissima preparazione matematica o fisico-modellistica specifica, l'informatico medio in-quanto-tale serve a poco o nulla davanti ad una tastiera, dai controlli industriali al calcolo numerico.E l'esperienza degli anni 80 dimostra che gli alfieri dell'informatica fattuale erano giustappunto matematici, fisici applicativi, ed anche ingegneri (elettronici, giocoforza). Esisteva una laurea in informatica, come no, filiata da matematica alla fine degli anni '60: ma frequentata pochissimo, per la verità, fino ai primi '90. Le statistiche del CNR e dei vari headhunters parlano assai chiaro in merito.
        • SiN scrive:
          Re: POLEMICA:L'informatica agli informatici?
          -
          Ho dimenticato che -a parziale difesa di chi
          ragiona (penso in totale buona volonta') a
          compartimenti stagni- c'e' da notare che
          oramai da tempo immemorabile la cultura
          italiana si e' scissa in due: "umanistica" e
          "tecnico-scientifica".

          Io ho "assaggiato" tutte e due le "torte" e
          vi assicuro che sono:

          1) entrambe ghiottissime & gustosissime
          2) perfettamente digeribili & compatibili!e per chi non ci credesse...http://www.enel.it/it/enel/magazine/golem/Puntata26/articolo.asp?id=1183&num=26&sez=341&tipo=&mpp=&ed=&as=
    • Anonimo scrive:
      Re: POLEMICA:L'informatica agli informatici?
      - Scritto da: Anonimo
      "un umanista non puo' programmare".
      qualcuno e' cosi' cortese di DIMOSTRARMI la
      validita' di questo enunciato?nessuno, suppongo.
      ho una laurea in filosofia e sto prendendone
      un'altra in matematica.congratulazioni.
      io programmo, quando lo faccio, per
      divertimento e spesso e' successo che ho
      dato una mano -con qualche ottimo
      suggerimento- a degli amici informatici con
      i quali il rapporto e' ottimo.Io programmo per diletto e per professione. Consenti che ti esprima il mio punto di vista (da "formichina"). Gli informatici, gli ingegneri informatici ed in genere i "tecnici del byte" vengono spesso accusati di "razzismo tecnologico" ogni volta che rivendicano le proprie competenze professionali. Pare che sia opinione diffusa che "per scrivere quattro righe di codice" non occorra una gran preparazione. Il risultato di questo atteggiamento e' che ci troviamo tra i piedi migliaia di sistemi software malfunzionanti, scomodi, irrazionali e chi piu' ne ha piu' ne metta, scritti da persone che non avevano le conoscenze necessarie. Il mercato dell'informatica e' rovinato da personaggi che falsano i costi lavorando per quattro soldi, con pesanti impatti sulla qualita' dei sistemi; potrei continuare per ore a descriverti il disagio di chi fa l'informatico di professione.Per carita', io non voglio istituire un sistema di caste chiuse, ma proprio non ci sto a sentirmi dire che il mio lavoro lo puo' fare chiunque. Questa e' una bugia enorme e credervi porta danni, tanto quanto credere che chiunque sia capace di insegnare, di scrivere sui giornali, di fare il cuoco ecc. ecc. ecc.
      questo a casa mia si chiama ragionare a
      compartimenti stagni e non penso che porti a
      nulla di buono.puo' essere, ma dubito che tu ti faresti curare da un matematico o che affideresti la manutenzione della tua auto al fruttivendolo o il rifacimento del tuo impianto elettrico al dentista. Va bene, lo ammetto, non e' escluso a priori che il tuo dentista sia anche un genio degli interruttori, ma da qui a generalizzare...
      • Anonimo scrive:
        Re: POLEMICA:L'informatica agli informatici?
        ditto!
      • Anonimo scrive:
        Re: POLEMICA:L'informatica agli informat

        ogni volta che rivendicano le proprie
        competenze professionali. Pare che sia
        opinione diffusa che "per scrivere quattro
        righe di codice" non occorra una gran
        preparazione. Il risultato di questo
        atteggiamento e' che ci troviamo tra i piedi
        migliaia di sistemi software malfunzionantiCondivido al 100%La scorsa settimana ho messo mano ad un DB di un programma (scritto da questi informatici della domenica)... non era neppure normalizzato! Certo, il programma apparentemente "funzionava", ma l'archivio, come puoi ben immaginare, era un vero caos, con conseguente difficoltà nel recupero dei dati.
        • Anonimo scrive:
          Re: ANCORA POLEMICA! :=

          Ciao a tuttisono ancora quello che ha aperto il thread.OK: i denti me li faccio curare dal dentista ed il PC me lo faccio curare dall'informatico.ma chi e' ESATTAMENTE l'informatico?1) il laureato in informatica2) il laureato in informatica OR ingegneria3) ...non voglio fare polemica od offendere la professionalita' di nessuno, credetemi!il problema e' che ammetto che sull'argomento io sono il primo ad avere le idee poco chiare!!!ciao a tutti e comunque (senza scherzi) complimenti a tutti per la vostra "vivacita' intellettuale"!!
          • Anonimo scrive:
            Re: ANCORA POLEMICA! :=


            ma chi e' ESATTAMENTE l'informatico?

            1) il laureato in informatica
            2) il laureato in informatica OR ingegneria
            3) ...1) L'informatico (come professione) non esite, o meglio, si divide in: Programmatore, analista,tecnico,amministratore di sistema ecc..2) Per essere una figura legata all'informatica, prima di tutto si devono avere i titoli (diploma o laurea in informatica o affini). Non vedrai MAI un concorso pubblico come programmatore in cui NON chiedono un diploma o laurea in informatica o equivalenti, come NON potrai MAI iscriverti all'albo degli informatici se non hai un titolo di studio specifico, come NON verrai MAI chiamato da tribunali per fare perizie su apparati informatici se non hai i titoli per farlo, come non diventerai mai tecnico o insegnante di informatica ecc...Il problema è che gente che oggi, chiunque ha una conoscenza di base dell'informatica, si sente programmatore, analista, tecnico, amministratore di sistema ecc.. anche senza titoli o studi specifici e si buttano nell'informatica aprendo aziende, spacciandosi come esperti nel settore. Una cosa che dico sempre è questa: "Siamo in un mondo di informatici" ## mia opinione personale ##Tutti gli "informatici" autodidatti (quelli che imparano la programmazione a casa), li considero hobbisti e nulla più e difficilmente diventeranno capaci come chi ha studiato e ha le basi di informatica.#######################
          • Anonimo scrive:
            Re: ANCORA POLEMICA! :=


            ## mia opinione personale ##
            Tutti gli "informatici" autodidatti (quelli
            che imparano la programmazione a casa), li
            considero hobbisti e nulla più e
            difficilmente diventeranno capaci come chi
            ha studiato e ha le basi di informatica.
            #######################Tutti gli informatici ad alti livelli hanno cominciato da hobbisti, poi possono anche aver proseguito con la laurea. Diversamente da altri campi, lo studio individuale ed hobbistico, ha una preponderanza su quello istituzionale. Uno non diventa Avvocato perchè a 16 anni si mette a studiare il codice civile, mentre un informatico si. In questo campo puoi anche prendere il pezzo di carta, ma sono la passione e l'approfondimento individuale che fanno la differenza. Gli esempi di persone che hanno fatto la storia dell'informatica senza laurea si sprecano. Linus Torvalds ha scritto un sistema operativo senza avere la laurea; l'italiano Arcangeli, uno dei principali programmatori del kernel di Linux, ha il diploma dell'ITIS...e potrei andare molto avanti.
          • Anonimo scrive:
            Re: ANCORA POLEMICA! DOV'E' L'ORDINE?
            Ciao, sono ancora quello della prima post.senti..saro' imbranato io (da buon filosofo e quasi-matematico...) ma con una ricerca su google l'albo dell'ordine degli informatici non l'ho trovato.mi puoi dare la URL?in compenso ho trovato che:1)l'odine degli ingegneri ha riservato agli specializzati in informatica una loro sezione d'albo2) diverse associazioni (AIP, ALSI, ecc) premono per avere un ordinema finora niente....ovviamente se sbaglio sono ben felice di essere corretto.sbaglio?ciao a tutti
          • Anonimo scrive:
            Re: ANCORA POLEMICA! :=

            - Scritto da: Anonimo
            2) Per essere una figura legata
            all'informatica, prima di tutto si devono
            avere i titoli (diploma o laurea in
            informatica o affini). Risposta alquanto farraginosa. Particolarmente carente la definizione di "affini", falsa e tendenziosa la premessa sulla necessarietà del possesso di titoli, come vedremo nel seguito.
            Non vedrai MAI un
            concorso pubblico come programmatore in cui
            NON chiedono un diploma o laurea in
            informatica o equivalenti I concorsi pubblici non sono certo il paradigma della correttezza metodologica. Le carte vengono richieste per sbrigarsi e limitare lo sforzo di selezione.
            come NON potrai
            MAI iscriverti all'albo degli informatici se
            non hai un titolo di studio specificoL'albo degli informatici non esiste e giammai esisterà, anche per volontà positiva della comunità europea. Esiste solo una sezione dell'albo degli ingegneri, in cui rientrano meccanici, civili, nucleari, idraulici e chi più ne ha più ne metta. Come cliente ci penserei su due volte prima di affidarmi ad una simile congerie di persone per puro amore del nominalismo. Meglio scegliere un informatico veramente capace tramite i normali meccanismi del mercato.
            hai i titoli per farlo, come non diventerai
            mai tecnico o insegnante di informaticaFalso come una banconota da tre euro. La scuola italiana è stracolma di fisici, chimici, biologi che insegnano matematica (la buon'anima del professor Gian Carlo Rota se ne lamentava spesso: la matematica ai matematici, altrochè !), ma anche elettronica o informatica. La rete della selezione per il pubblico impiego, dietro un'apparenza di rigore e bizantinismi, ha maglie talmente larghe che per anni (tra concorsoni e giochetti di "punteggi") sono finiti ad insegnare nei licei e ITIS personaggi in possesso di un misero diploma o licenza liceale.Non ci raccontiamo le barzellette, per cortesia...
            ## mia opinione personale ##
            Tutti gli "informatici" autodidatti (quelli
            che imparano la programmazione a casa), li
            considero hobbisti e nulla più e
            difficilmente diventeranno capaci come chi
            ha studiato e ha le basi di informatica.
            #######################Le opinioni contano poco. E' invece una realtà il fatto che negli anni '80 il tipico informatico (quelli che oggi sono classe dirigente e analisti di primissimo livello) aveva mediamente frequentato un biennio scientifico o poco più. Oggi forse la situazione è variata, per l'esplosione del mercato e l'introduzione di "lauree brevi" equivalenti a quel livello culturale, ma dieci anni di esperienza in un settore complesso sono sicuramente assai più "pesanti" - e le aziende lo sanno benissimo - di un pezzo di carta.Come in pochi altri settori industriali, la valutazione delle capacità di un "informatico" in senso generico è basata all'80% sull'esperienza ed al 20% sui titoli. Ci sono "dilettanti" laureati in matematica che scrivono compilatori di compilatori, programmi di calcolo o loop di controllo predittivi multivariabile per controlli realtime con una naturalezza ed una capacità che nessun pezzo di carta potrà mai dare.
    • Anonimo scrive:
      Finiamo la POLEMICA? :=

      Ciao,sempre io: il primo che ha iniziato.mi piace il paragone tra informatici e dottori: ce ne sono dei bravi, dei nobel e dei macellai, a prescindere dalle lauree, bolli, ecc.certo c'e' piu' probabilita' che un medico laureato in una universita' prestigiosa sia piu' bravo di uno stregone...ma non e' detto a priori! ...e soprattutto non esistono nella realta' casi che richiedono paragoni cosi' estremi.sono piuttosto portato a pensare che il "bravo-informatico-senza-laurea-specifica" sia una persona che se avesse tempo e voglia la laurea in informatica se la prenderebbe, proprio perche':1. e' bravo2. le piace l'argomentocerto che poi ci sono i fatti contingenti riassumibili in una spietatissima algebra:mutuo prima casa + lavori di fine settimana (su prima casa, per risparmiare un po' di soldini...) + famiglia + lavoro + 37 (anni) = ora mi prendo questa laurea (qualunque essa sia) e poi non ci penso piu'!!!...almeno fino all'universita' della terza eta'. :=

      ......certo che se pero' le universita' cominciassero a fare dei corsi serali.....mmhhh...SLURP!!! :=

      • Anonimo scrive:
        Re: Finiamo la POLEMICA? No dai !
        - Scritto da: Anonimo
        Ciao,Ciao a te
        sempre io: il primo che ha iniziato.e io sempre il cita-dentista
        mi piace il paragone tra informatici e
        dottori: ce ne sono dei bravi, dei nobel e
        dei macellai, a prescindere dalle lauree,
        bolli, ecc.ci sarebbe da parlarne per un bel po'...
        ......certo che se pero' le universita'
        cominciassero a fare dei corsi
        serali.....mmhhh...SLURP!!! :=

        fai un figlio/a e poi ti accorgi quanta voglia hai di studiare la sera... per intenderci, non e' un "lamento"... e' che o non hai piu' energieo le dedichi all'infante, che e' piu' divertente. Altro che universita'! Esami ogni giorno! Il mio "cucciolo" e' tre anni che mi chiede "perche'?". Senza pieta'! :)ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Continuamos! :=

          Ciao,ti posso capire bene:io ho due nipoti che ogni tanto mi "tocca tenere".ti spiego le virgolette: soffro...ma sono contento!!!e' vero: sono dei veri e propri assorbenti di energia vitale tanto che io e la mia lei, una informatica di quelle "vere" con la laurea "vera" (mi sta picchiando alla schiena mentre scrivo queste righe... :=

          ) ci abbiamo "ri-pensato" all'ipotesi di farne uno dopo che abbiamo provato i nipotini per qualche giorno!ma e' giusto cosi': ormai per quanto mi riguarda e' giusto pensare alla LORO laurea ed al LORO futuro: per quanto mi riguarda, lauree o non lauree, ordini o non ordini, io il mio l'ho fatto......ciao!!
  • Anonimo scrive:
    per motivi di lavoro:
    cut-
    poi per ragioni di lavoro e simili, alcuni di coloro che stavano dalla mia parte hanno dovuto lasciare
    • stevie scrive:
      Re: per motivi di lavoro:
      - Scritto da: Anonimo
      cut-

      poi per ragioni di lavoro e simili, alcuni
      di coloro che stavano dalla mia parte hanno
      dovuto lasciare

      l'open finche qualcuno ti finanzia ok poi la
      vita costa e allora cambia la musica.Non mi risulta che gli sviluppatori del kernel siano pagati, eppure molti (Ingo Molnar, ad esempio) continuano da parecchi anni...Regards,Stevie
      • Anonimo scrive:
        Re: per motivi di lavoro:
        Per precisione, Ingo lavora per la RedHat, ma ci sono molti altri che non sono assunti.
        • stevie scrive:
          Re: per motivi di lavoro:
          - Scritto da: Anonimo
          Per precisione, Ingo lavora per la RedHat,
          ma ci sono molti altri che non sono assunti.Sì, è vero, scusa. Me ne ero dimenticato :-))Regards,Stevie
    • Anonimo scrive:
      Re: per motivi di lavoro:

      cut-

      poi per ragioni di lavoro e simili, alcuni
      di coloro che stavano dalla mia parte hanno
      dovuto lasciare

      l'open finche qualcuno ti finanzia ok poi la
      vita costa e allora cambia la musica.piu'che altro la parte piu' agghiacciante e' il fatto che la'utore di galeon ha dovuto abbandonare il suo progetto perche' non era d'accordo con gli altri sviluppatori sulla direzione che il browser stava prendendo.In pratica altri hanno deciso cosa fare del suo lavoro e della sua idea...pazzesco....
    • Anonimo scrive:
      Re: per motivi di lavoro:
      - Scritto da: Anonimo
      cut-

      poi per ragioni di lavoro e simili, alcuni
      di coloro che stavano dalla mia parte hanno
      dovuto lasciare

      l'open finche qualcuno ti finanzia ok poi la
      vita costa e allora cambia la musica.E chi ti dice che i lavori dei quali parla non siano collegati all'open-source ?E' proprio vero, usare software proprietario restringe il cervello !
  • Anonimo scrive:
    nuvo tester
    epiphany..ne avevo proprio bisogno!non programmando l'unico aiuto che posso dare è per i bug report.buon lavoro
  • Anonimo scrive:
    Spero che Pesenti non programmi
    Ho letto l'articolo, mi auguro che Pesenti intervenga come coordinatore, e non come programmatore, vista la preparazione umanistica.
    • Anonimo scrive:
      Inutile inutile inutile
      Mettersi a fare un altro browser è come fare un visualizzatore di immagini. La cosa più inutile che si possa fare. Chissenefrega della versione basic, tanto mica "costa meno" o "va meglio". Stiamo parlando di un BROWSER, mica di CAD o simili.Avanti, indietro, stop. Capirai che complessità ci sarà mai in Mozilla, Netscazzi o Explorer, suvvia. Ci mettiamo pure a fare un browser nuovo (un po' umanista)? Ma per favoreeeeee.
      • Anonimo scrive:
        Re: Inutile inutile inutile
        - Scritto da: Anonimo
        Mettersi a fare un altro browser è come fare
        un visualizzatore di immagini. La cosa più
        inutile che si possa fare. Chissenefrega
        della versione basic, tanto mica "costa
        meno" o "va meglio". Stiamo parlando di un
        BROWSER, mica di CAD o simili.ha meno orpelli e meno opzioni da configurare. per alcuni quindi "va meglio", esattamente come dici tu. ti da tanto fastidio?
        Avanti, indietro, stop. Capirai che
        complessità ci sarà mai in Mozilla,
        Netscazzi o Explorer, suvvia.vedo che non apri molto spesso le preferences. buon per te, che ti devo dire?! ma un utente non esperto ci si perde facilmente.
        Ci mettiamo
        pure a fare un browser nuovo (un po'
        umanista)? Ma per favoreeeeee.ma che c'è di male, si può sapere? tanto più che il motore di rendering *non* viene toccato minimamente. e poi come fai a sapere che lo stesso progetto non può essere utile allo sviluppo di altri tool più "utili"?
    • Anonimo scrive:
      Altro browser = percentuali + basse

      che nessuno scaricherà mai? e chi l'ha detto? tu?
      hai idee poco chiare su come funzionano questi progetti... Forse, ma tu hai le idee meno chiare sulle statistiche di utilizzo dei browser. Aggiungere un browser nuovo sarà solo un modo per rendere felici quelli che lo hanno realizzato. Al resto del mondo, salvo alcuni smanettoni umaniusti/filosofi dell'opensource, non gliene fregherà una beata mazza.
      • Anonimo scrive:
        Re: Altro browser = percentuali + basse
        uhm .. nn capisco il "topic" ?!Percentuali + basse di cosa !?Sbaglio o si è detto che usa Gecko come motore di interfaccia !?quindi sull'User-Agent ci sarà sempre (Gecko yyyymmdd) o no ?!Casualmente .. i check delle statistiche per mozy e cuginetti vari lo fanno sul nome !? che so Mozilla/1.0 o secondo "consigli" sulla parte ( e versione) relativa al motore di rendering ... (il Gecko appunto) ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Altro browser = percentuali + basse
          Sbaglio o si è detto che usa Gecko come motore di interfaccia !? quindi sull'User-Agent ci sarà sempre (Gecko yyyymmdd) o no ?! ------------------------------Aaaaaaah quindi mi vuoi dire che il mondo usa browser basati su gecko MA SI CAMUFFANO TUTTI e quindi tutte le statistiche sbaglianoAh si, certo certo. SICURAMENTE :)
      • Elendil scrive:
        Re: Altro browser = percentuali + basse
        - Scritto da: Anonimo
        Forse, ma tu hai le idee meno chiare sulle
        statistiche di utilizzo dei browser.
        Aggiungere un browser nuovo sarà solo un
        modo per rendere felici quelli che lo hanno
        realizzato. Al resto del mondo, salvo alcuni
        smanettoni umaniusti/filosofi
        dell'opensource, non gliene fregherà una
        beata mazza.E a chi interessano le statistiche di utilizzo dei browser? A Microsoft e Netscape, e a qualche smanettone come te... poi a nessun altro!Qualche mese fa ho scoperto Phoenix, mi è piaciuto, e con l'aiuto del gruppo MozDoesIT ne ho tradotto l'interfaccia in italiano.Ormai l'ho installato a 12 pesone che puoi considerare dei principianti assoluti (fra cui anche un anziano di 82 anni...) ai quali ho nascosto IE.Adesso tutte queste persone mi stanno ringraziando perche in 10 minuti di lavoro e 6-7MB di installazione gli ho dato un browser che: - Non gli installa Dialer/Spyware/Trojan a loro (quasi) insaputa (per il quasi mi riferisco al Gator...). - Non necessita di una patch a settimana per rimanere un po' sicuro. - E' più veloce a scaricare le pagine. - Rende più facili ricerche su internet. - Non apre decine di finestre di popup che rimangono nascoste sotto la finestra del browser durante la navigazione. - Blocca i banner porno di Libero.Tutto ciò grazie all'opensource ed in barba a tutte le statistiche.Ti devo dire di più?
        • Anonimo scrive:
          Re: Altro browser = percentuali + basse
          -----------------a chi interessano le statistiche di utilizzo dei browser? A Microsoft e Netscape, e a qualche smanettone come te... poi a nessun altro! -------------Non hai capito. La gente Usa fondamentalmente IE, poi qualcuno usa Netscape, ben pochi (pochissimi) mozilla. Altri browser in circolazione? Non se li caga nessuno.Bella cagata mettersi a vendere una Graziella in un paese dove tutti usano le bici da corsa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse
            - Scritto da: Anonimo
            Non hai capito. La gente Usa
            fondamentalmente IE, poi qualcuno usa
            Netscape, ben pochi (pochissimi) mozilla.
            Altri browser in circolazione? Non se li
            caga nessuno.TU non hai capito...Specialmente il fatto che Netscape=Mozilla=Galeon=Epiphany.(stesso motore, interfaccia diversa....).
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse

            TU non hai capito...
            Specialmente il fatto che
            Netscape=Mozilla=Galeon=Epiphany.
            (stesso motore, interfaccia diversa....).
            e stessi bugHi,executingt = new Packages.sun.plugin.javascript.navig5.JSObject(1,1);crashes Netscape 7.02 and Opera 7 on Windows XP.The active JVM in both tested browsers is Java 1.4.1_02 from Sun.This liveconnect (javascript-2-java-communication) stuff seemsto be still very dangerous.SincerelyMarc Schoenefeld
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse
            - Scritto da: Anonimo

            TU non hai capito...

            Specialmente il fatto che

            Netscape=Mozilla=Galeon=Epiphany.

            (stesso motore, interfaccia diversa....).



            e stessi bug

            Hi,

            executing


            t = new
            Packages.sun.plugin.javascript.navig5.JSObjec


            crashes Netscape 7.02 and Opera 7 on Windows
            XP.
            The active JVM in both tested browsers is
            Java 1.4.1_02 from Sun.Diciamo che ti sei sforzato a dire l'idiozia più grossa che potevi.... ma i risultati si sono visti.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse

            Diciamo che ti sei sforzato a dire l'idiozia
            più grossa che potevi.... ma i risultati si
            sono visti.....
            bugtraq docetse non la leggete che cazzo volete da me?e' di stasera
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse
            - Scritto da: Anonimo


            Diciamo che ti sei sforzato a dire
            l'idiozia

            più grossa che potevi.... ma i risultati
            si

            sono visti.....



            bugtraq docet
            se non la leggete che cazzo volete da me?
            e' di staseraFurbone, guarda che ti avevo avvertito, ma visto che non sei neppure in grado di documentarti meglio sulle vaccate che scrivi:----------------------------
            Netscape=Mozilla=Galeon=Epiphany.
            (stesso motore, interfaccia diversa....).
            e stessi bugHi,executingt = new Packages.sun.plugin.javascript.navig5.JSObject(1,1);crashes Netscape 7.02 and Opera 7 on Windows XP. The active JVM in both tested browsers is Java 1.4.1_02 from Sun.This liveconnect (javascript-2-java-communication) stuff seemsto be still very dangerous. -------------------Opera _NON_ utilizza il motore di Netscape/Mozilla (Geko), ma ne utilizza uno suo proprietario.Il bug non è ne di Netscape/Mozilla ne di Opera, visto che è della Java Virtual Machine di Sun. La JVM è un componente separato rispetto ad un browser, infatti in questo caso è fornito da Sun e non da Mozilla o da Opera. Inoltre può essere installato o meno sul browser. Inoltre può essere utilizzato da applicativi Java in locale, quindi senza browser.In pratica l'esempio che hai fatto è come se avessi detto che se per caso GetRight ha un baco, allora sia IExplorer che Mozilla sono bacati perchè li posso utilizzare con GetRight..... Lascia quindi perdere i bugtraq, che non fanno per te, e mettiti a studiare i fondamenti di informatica, che è molto meglio....
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse

            Lascia quindi perdere i bugtraq, che non
            fanno per te, e mettiti a studiare i
            fondamenti di informatica, che è molto
            meglio....ahahahahahhahaeccone un altro che sa tutto luiallora perche' pur avendo io installato la jvm di Sun con internet explorer non ho problemi???leggi bene bugtraq (anzi leggila e basta, perche' a quanto pare non sai manco cosa sia) invece di fare lo stronzetto....==============================================I tested it on the two versions of linux/mozilla I have immediatelyavailable:Crashes Mozilla 1.2a (Mozilla/5.0 (X11; U; Linux i686; en-US; rv:1.2a) Gecko/20020910)Does not crash Mozilla 1.0 (Mozilla/5.0 (X11; U; Linux i686; en-US; rv:1.0.0) Gecko/20020605)-- Wayne D. Hoxsie Jr.wayne@hoxnet.comhttp://www.hoxnet.comPGP Key ID 138BCEE1============================================================================================Also crashes Mozilla 1.2.1 Mozilla/5.0 (Windows; U; Windows NT 5.0; en-US; rv:1.2.1) Gecko/20021130, using Java Plug-in 1.3.1_04 for Netscape Navigator (DLL Helper).Mischa.-- ----------------Mischa D. Krilovmischa@irev2.com504/525-2557x321fax 504/525-6963============================================================================================ti basta questo o devo contnuare???e guarda che uso SOLO mozilla sia come browser, che come client mail/news...per cui non sono prevenuto...ciao coccochi e' che dovrebbe studiare???
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse
            - Scritto da: Anonimo

            Lascia quindi perdere i bugtraq, che non

            fanno per te, e mettiti a studiare i

            fondamenti di informatica, che è molto

            meglio....

            ahahahahahhaha
            eccone un altro che sa tutto lui
            allora perche' pur avendo io installato la
            jvm di Sun con internet explorer non ho
            problemi???
            leggi bene bugtraq (anzi leggila e basta,
            perche' a quanto pare non sai manco cosa
            sia) invece di fare lo stronzetto....1) Se il bug è di JVM è di JVM. Punto.2) Opera non centra un cazzo con Mozilla.3) Stronzetto lo vai a dire a tuo padre.4) Vatti a studiare l'informatica e la buona educazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse

            1) Se il bug è di JVM è di JVM. Punto.
            falsoe crasha mozilla, netscape (il 7, non il 4), opera ma non IE, ad esempio...
            2) Opera non centra un cazzo con Mozilla.
            ma va????ma se tu avessi letto l'advisory avresti capito che l'errore non sta nella jvm, ma nello strato che permette a javascript di instanziare oggetti javache e' peculiarita' SOLO del plugin java di mozilla che e' lo stesso che usano netscape 7 e opera...probabilmente a questo punto anche i vari galeon e konqueror sono vulnerabili
            3) Stronzetto lo vai a dire a tuo padre.
            non sono io che ho consigliato agli altri di andare a studiare, dandogli impicitamnente dell'ignorante, quando non ero abbastanza informato sull'argomento di cui si discuteva...
            4) Vatti a studiare l'informatica e la buona
            educazione.brucia quando si viene smerdati in pubblico.....eh se brucia...ti consiglio il malox per l'acidita' di stomaco...non saro' un genio dell'informatica, d'altronde 15 anni di esperienza sul campo sono pochi, lo ammetto, ma avendo due genitori che lavorano nel settore sanitario da 40 anni, puoi fidarti delle mie conoscenze farmaceutiche.
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse
            - Scritto da: Anonimo

            1) Se il bug è di JVM è di JVM. Punto.



            falso
            e crasha mozilla, netscape (il 7, non il 4),
            opera ma non IE, ad esempio...


            2) Opera non centra un cazzo con Mozilla.



            ma va????
            ma se tu avessi letto l'advisory avresti
            capito che l'errore non sta nella jvm, ma
            nello strato che permette a javascript di
            instanziare oggetti java
            che e' peculiarita' SOLO del plugin java di
            mozilla che e' lo stesso che usano netscape
            7 e opera...
            probabilmente a questo punto anche i vari
            galeon e konqueror sono vulnerabiliScusami, mi daresti il link dove scaricare il plugin Java di mozilla ? Grazie.Già che ci sei, potresti dirmi da dove arriva il suddetto plugin ? E magari che cosa centra con Mozilla ?


            3) Stronzetto lo vai a dire a tuo padre.



            non sono io che ho consigliato agli altri di
            andare a studiare, dandogli impicitamnente
            dell'ignorante, quando non ero abbastanza
            informato sull'argomento di cui si
            discuteva...Implicitamente ? No.Esplicitamente.Cafone ed ignorante.


            4) Vatti a studiare l'informatica e la
            buona

            educazione.

            brucia quando si viene smerdati in
            pubblico.....
            eh se brucia...
            ti consiglio il malox per l'acidita' di
            stomaco...
            non saro' un genio dell'informatica,
            d'altronde 15 anni di esperienza sul campo
            sono pochi, lo ammetto, ma avendo due
            genitori che lavorano nel settore sanitario
            da 40 anni, puoi fidarti delle mie
            conoscenze farmaceutiche.Allora fatti prescrivere del guttalax, così puoi fare bene l'unica cosa che sai fare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Altro browser = percentuali + basse

            Scusami, mi daresti il link dove scaricare
            il plugin Java di mozilla ? Grazie.

            Già che ci sei, potresti dirmi da dove
            arriva il suddetto plugin ? E magari che
            cosa centra con Mozilla ?
            ma sei stupido o lo fai apposta?non basta installare una jvm per poter usare java dal browser...questo almeno spero lo sappiae se crasha un plugin, il browser non dovrebbe andargli appresso...spero che tu sappia anche questo...e ti ripeto che non cell'ho con mozilla....non e' una crociata contro questo o quel browser
            Cafone ed ignorante.
            ommiodiomi ha detto cafone!!!!quale onta!!!come faro' a continuare a vivere adesso?
            Allora fatti prescrivere del guttalax, così
            puoi fare bene l'unica cosa che sai fare.vado gia regolare senzagrazie per l'interessamentovedo che gli argomenti a supporto delle tue tesi scarseggiano...
          • Anonimo scrive:
            MA si certo. Va beneeeee
            Amore lo so benissimo che sono basati sullo stesso engine (gecko). Ma il punto è cheNESSUNOsi caga i browser minori. C'è già da leccarsi i baffi se unaBASSISSIMApercentuale si scarica Mozilla. Figurati se ha senso anche solo sperare (pregare?) che qualcuno si fili Epifanio. Resterà un open-project destinato ai soli sviluppatori, come sempre in questi casi.
      • stevie scrive:
        Re: Altro browser = percentuali + basse
        - Scritto da: Anonimo

        che nessuno scaricherà mai? e chi l'ha
        detto? tu?

        hai idee poco chiare su come funzionano
        questi progetti...

        Forse, ma tu hai le idee meno chiare sulle
        statistiche di utilizzo dei browser.Beh, non c'entra molto con quello che dici dopo... :-)E poi, è ovvio che tra i più utilizzati c'è explorer (purtroppo)...
        Aggiungere un browser nuovo sarà solo un
        modo per rendere felici quelli che lo hanno
        realizzato. Infatti Linux è nato proprio "just for fun", chiedilo a Linus!
        Al resto del mondo, salvo alcuni
        smanettoni umaniusti/filosofi
        dell'opensource, non gliene fregherà una
        beata mazza.Un umanista non può programmare? Dov'è scritto? Forse sono disinformato... gradirei dei puntatori a documenti dove c'è scritta questa cosa!Regards,Stevie
  • Akiro scrive:
    mi sfugge qualkosa...

    Nel caso dei browser, credo che i fork di Phoenix ed Epiphany
    nascano con lo stesso obiettivo: ovviare alla complessità di
    Mozilla. Se saranno in grado di trovare una soluzione
    soddisfacente sarà stato un fork positivo; altrimenti non credo
    che avranno danneggiato Galeon e Mozilla.dov'è che Mozilla è difficile? a livello di codice?io cmq non vedo 'sto grande bisogno di un nuovo browser....
    • gerry scrive:
      Re: mi sfugge qualkosa...
      - Scritto da: Akiro
      dov'è che Mozilla è difficile? a livello di
      codice?Mozilla ha un sacco di cose inutili per l'utente medio, che finiscono per appesantirlo.Ha un javascript debugger, un DOM inspector, una gestione dei cookies utile ma che richiede un po' di competenza per essere sfruttata.
      io cmq non vedo 'sto grande bisogno di un
      nuovo browser....Ci può stare, la cosa parte da una base comune (gecko) per dare poi a tutti la possibilità di concepire un prodotto diverso per ogni fascia di utilizzatori.Io che sono un poweruser apprezzo molto tutti gli orpelli di mozzilla perchè mi permettono di lavorare, altri non li usano e non li vogliono.Il discorso dell'intervistato non lo condivido appieno però. La semplicità a tutti i costi è un bene solo per gli utenti comuni, bisogna sempre lasciare ai powerusers la possibilità di avere strumenti più complessi.Di solito la semplicità implica anche un certo limite di sfruttamento, che gli utenti esperti raggiungono in fretta.
      • Valkadesh scrive:
        Re: mi sfugge qualkosa...
        - Scritto da: gerry

        Il discorso dell'intervistato non lo
        condivido appieno però.
        La semplicità a tutti i costi è un bene solo
        per gli utenti comuni, bisogna sempre
        lasciare ai powerusers la possibilità di
        avere strumenti più complessi.
        Di solito la semplicità implica anche un
        certo limite di sfruttamento, che gli utenti
        esperti raggiungono in fretta.Ma quando lo strumento, già dal momento della sua ideazione, si rivolge agli utenti comuni, la semplicità è d'obbligo.Quando gli utenti esperti avranno raggiunto il limite, potranno passare a Mozilla senza problemi.
  • Anonimo scrive:
    Anche io ho fatto un programma
    È un visualizzatore di immagini. Sta su una sim per telefonini. Compatibile Vic20 e C=64.Non serve a un cazzo e io nella vita faccio il bagnino, però è open source (*ding!*) per cui spero mi cagherete per la vostra rubrica "software inutile per riempire pagine del giornale".
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche io ho fatto un programma
      - Scritto da: Anonimo
      È un visualizzatore di immagini. Sta su una
      sim per telefonini. Compatibile Vic20 e
      C=64.

      Non serve a un cazzo e io nella vita faccio
      il bagnino, però è open source (*ding!*) per
      cui spero mi cagherete per la vostra rubrica
      "software inutile per riempire pagine del
      giornale".
      Il curriculum vitae vale qualcosa: il Pesenti Gritti con Galeon ha fatto un browser che per alcuni è IL migliore al mondo, e per tutti è uno dei migliori.È logico che se mette mani a un nuovo browser, la cosa suscita interesse.Tit.
    • Anonimo scrive:
      Bravo eh
      ma che bisogno c'è di essere così polemico?Get a life and move on.
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche io ho fatto un programma
      - Scritto da: Anonimo
      È un visualizzatore di immagini. Sta su una
      sim per telefonini. Compatibile Vic20 e
      C=64.se fosse vero saresti un grande!fai galeon e poi ripassa.
  • Anonimo scrive:
    PESENTI!!!! non PRESENTI!!! :)))
    Correggete ;)
  • Anonimo scrive:
    Redazione
    Non è fondamentale, nè pregiudica la lettura dell'articolo, però lo stile scelto (domanda in corsivo, risposta in carattere normale) non è sempre rispettato... soprattutto nelle ultime pagine.
    • la redazione scrive:
      Re: Redazione
      Corretto, grazie ;)- Scritto da: Anonimo
      Non è fondamentale, nè pregiudica la lettura
      dell'articolo, però lo stile scelto (domanda
      in corsivo, risposta in carattere normale)
      non è sempre rispettato... soprattutto nelle
      ultime pagine.
Chiudi i commenti