Un Linux che sembri Macintosh

Questo il progetto di una start-up californiana che promette di trasformare Linux in un sistema operativo user friendly come quello dei Macintosh


Palo Alto (USA) – Per divenire una vera alternativa a Windows, Linux deve riuscire a conquistare il grosso del mercato, ossia la fascia di utenti desktop. Nonostante tutti gli sforzi dei distributori tradizionali e ultimamente anche di Corel , Linux rimane però un sistema operativo pieno di insidie e ancora dominato dai tecnicismi e dalla linea di comando.

Eazel , una start-up californiana di Palo Alto, ha annunciato una nuova sfida: rendere Linux facile come il MacOS. Possibile? A giudicare dalle “menti” che hanno partorito il progetto, fra cui due ex Apple di vecchia data ed un ex AOL /Netscape, si può certamente ben sperare.

Lo scopo della società è quello di sviluppare, partendo dall’interfaccia utente Gnome, una GUI (Graphical User Interface) che possa finalmente offrire un’ambiente a finestre completamente autonomo dalla consolle di Linux e capace, tramite wizard, di guidare l’utente nelle operazioni più complesse.

Eazel rilascerà la sua GUI sotto licenza open source, guadagnando, come già molte altre società Linux, attraverso la vendita di servizi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti