Un nido per gli auricolari

Una soluzione semplice per dire addio ai fastidiosi grovigli

Chiavi di casa, portafogli, cellulare e auricolari: tutto in borsa e via! Al mattino è certamente la fretta a far da padrona e in molti non sono sicuramente attenti nel riporre ordinatamente gli auricolari con filo prima di uscire. Ed ecco che in metro, in autobus o alla guida dell’automobile sono tutti alle prese con i grovigli dei cavi, consapevoli che, prima di poter connettere gli auricolari al proprio lettore mp3 o al cellulare, devono sapersi districare tra i fili annodati. Ma non tutti sono capaci di munirsi di così tanta pazienza. In tanti hanno pensato di passare all’utilizzo dell’auricolare Bluetooth per risolvere il problema, ma tra questi c’è chi non soddisfatto della qualità dell’audio ha deciso di riprendere le vecchie abitudini.
Ecco, dunque, la soluzione: The Nest Earbud Protector.

The Nest Earbud Protector

Si tratta un disco in silicone che consente di racchiudere ordinatamente gli auricolari con filo in pochi e semplici gesti. Di dimensioni contenute, può essere utilizzato anche da chi generalmente è abituato a riporre gli auricolari nel taschino della giacca o nella tasca dei pantaloni. Inoltre il materiale protegge gli auricolari dagli urti, preservando così i padiglioni e, dunque, gli altoparlanti.

L’utilizzo è semplice: basta avvolgere il cavo intorno al cilindretto in silicone e ripiegare quest’ultimo su se stesso. I padiglioni trovano alloggio all’interno del “nido”. Quando si ha necessità di utilizzarli, basterà sfilare dapprima gli altoparlanti e a seguire tutto il cavo.

Attualmente questi gadget sono disponibili al prezzo di 10 dollari.

(via Gigaom )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rico scrive:
    copia files
    Meglio di Teracopy? ne dubito...
  • SuperMario scrive:
    cavolata
    ... non capisco il suo algoritmo... O legge O scrive ... quindi di fatto raddoppia il tempo di lettura/scrittura con 2 dischi diversi... e dovrebbe velocizzare?cestinato.
  • ... scrive:
    Interessante
    Lo proverò, se è vero che la velocità di copia è un limite fisico del disco, è anche vero che ottimizzando gli spostamenti si risparmia tempo. Certo, credo che il risparmi si aggiri nell'ordine di qualche punto percentuale, forse si arriva al 10%.
    • sdfsdf scrive:
      Re: Interessante
      - Scritto da: ...
      Lo proverò, se è vero che la velocità di copia è
      un limite fisico del disco, è anche vero che
      ottimizzando gli spostamenti si risparmia tempo.
      Certo, credo che il risparmi si aggiri
      nell'ordine di qualche punto percentuale, forse
      si arriva al
      10%.se fosse così sarebbe comunque notevole.... cosa di cui dubito, invece.il maggior risparmio si ha togliendo gli antivirus.ma... su windows? :-S
Chiudi i commenti