Un orizzonte da assaporare, con la lingua

Una ricerca d'Oltremanica esplora gli incroci sensoriali. A un soldato ferito in battaglia si prova a restituire la vista tramite un'interfaccia collegata alle papille gustative

Roma – L’appuntato Craig Lundberg, ventiquattrenne di Liverpool, ha perso la vista a causa dell’esplosione di una granata mentre era in missione in Iraq: ora, però, può tornare a vedere. O almeno alcune forme e alcuni contorni, quanto basta per camminare senza bisogno di guide, o per distinguere le parole su un libro. A compiere il miracolo è un apparecchio chiamato BrainPort, in fase di sperimentazione, che gli permetterà di sentire l’ambiente circostante tramite la lingua .

Il soldato è stato selezionato direttamente dal Ministero della Difesa britannico per sperimentare il nuovo equipaggiamento: si tratta di un sistema che sfrutta una mini videocamera (installata su un paio di occhiali) e un’apparecchiatura sensoriale che permette di convertire le immagini così riprese.

La vera innovazione è proprio nella tecnologia in grado di trasformare le immagini visive in una serie di pulsioni elettriche che vengono inviate (tramite una sorta di linguetta di plastica da tenere sulla lingua) e che possono essere “interpretate” dalle papille gustative. Per il momento sono 400 i punti che fungono da ricettori, ma gli sviluppatori sperano di arrivare a 4mila: risultato che garantirebbe nitidezza all’immagine così trasferita. Un’ulteriore possibilità di sviluppo è quella di ridurre le dimensioni del dispositivo di trasmissione, in modo che possa essere fissato permanentemente dietro i denti o sul palato superiore. In modo, per esempio, di garantire la possibilità di parlare o mangiare a coloro che lo stanno utilizzando.

Per quanto sia ancora un prototipo, per altro, la testimonianza del soldato parla di un grande aiuto fornitogli nella vita di tutti i giorni: “Mi permette già di raccogliere oggetti al primo tentativo, senza doverci riprovare più volte come prima”. “Vedi linee e contorni delle cose – spiega – come un’immagine in bianco e nero proiettata sulla tua lingua. Quasi come un leggero formicolio”.

L’equipaggiamento, comprensivo di addestramento all’utilizzo, dovrebbe costare al Ministero della Difesa 18mila sterline.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti