Un rilevatore di sarcasmo? Che invenzione utile!

Ricercatori israeliani hanno studiato tweet e commenti su Amazon per trovare la formula dell'ironia. E no, non è uno scherzo

Roma – Un gruppo di ricerca israeliano avrebbe sviluppato un algoritmo con il quale sarebbe in grado di riconoscere il sarcasmo con una precisione del 77 per cento.

“Anche gli uomini a volte non riconoscono il sarcasmo e l’ironia: le macchine possono fare meglio?”: è questa la domanda da cui sono partiti i ricercatori israeliani che hanno deciso di lavorarci. Alla fine hanno sviluppato un algoritmo, chiamato “semi-supervised sarcasm identification algorithm” (SASI) che verrà presentato all’ International Conference for Weblog and Social Media di Washington, che sarebbe in grado di identificare il sarcasmo.

Per farlo utilizza un sistema di apprendimento automatico nel quale un piccolo numero di frasi sarcastiche (in inglese) funziona da punto di partenza per far imparare al software secondo un meccanismo di generalizzazione.

Tali frasi di partenza sono state selezionate direttamente dagli scienziati e da esse si sono mossi per isolare le formule lessicali e lo stile più comunemente usato per fare del sarcasmo: a quel punto l’algoritmo ha iniziato il suo lavoro di apprendimento/analisi, esplorando stormi di cinguettii e ben 66mila commenti su Amazon.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    Complimenti alla redazione
    FAGS
  • Nome e cognome scrive:
    Fastweb *moooolto* meglio
    Salve, sono un operatore telecom, volevo informarla che abbiamo stretto un accordo per toglierle il canone. La interessa?Solo dopo ripetute richieste l'operatore ammette di lavorare per Fastweb.Poi, chiaro, sono quelli di Telecom Italia i disonesti, non chi NATta migliaia di clienti dietro lo stesso indirizzo IP, filtra il traffico in base alla tipologia, reindirizza chi visita Pirate Bay al sito di IFPI e altre amenitàBuffoni!
Chiudi i commenti