Una realtà i bancomat accessibili?

Lo sostengono BPM e NCR che presentano i nuovi ATM con i comandi vocali: d'ora in poi le macchinette sputasoldi - dicono - potranno essere utilizzate anche da molti disabili


Milano – Sono tra le macchinette automatiche più toccate dagli italiani, persino più degli onnipresenti distributori di bibite gassate sebbene meno dei parcometri che affollano le strade cittadine: sono gli ATM (Automatic Teller Machine), per gli amici “bancomat”, le postazioni informatiche che sputano soldi a chi fornisce loro un adeguato pezzetto di plastica. Un’operazione semplice che può rivelarsi invece complessa e difficile per chi è disabile. Su questo ora stanno lavorando le aziende leader del settore.

Nell’annunciare la propria partecipazione alla manifestazione piacentina dedicata alle tecnologie assistive e più in generale all’integrazione dei disabili HandItalia 2005 , NCR e Banca Popolare di Milano hanno presentato il programma che garantisce “la piena compatibilità degli sportelli NCR con le line guida di accessibilità dei bancomat emanate da Co.Ge.Ban. alla fine dello scorso anno”. Si tratta, in altre parole, del progetto appoggiato dall’ Associazione Bancaria Italiana per dare una spinta evolutiva agli sportelli sputasoldi, da tempo sfruttati per un numero sempre più elevato di funzionalità, dal pagamento di certe bollette alla ricarica dei cellulari.

Il fatto che NCR sia promotrice del progetto non è secondario, visto che una parte consistente dei bancomat italiani viene installato e gestito dalla corporation americana che in tutto il mondo conta più di 28mila dipendenti.

“Una concreta applicazione di questo protocollo – si legge in una nota distribuita dall’azienda – è costituita dal bancomat a guida vocale realizzato in collaborazione con l’ Unione Italiana Ciechi “. Dotati di un jack per l’inserimento di cuffie, “gli sportelli automatici NCR permettono all’utente non vedente di essere guidato nello svolgimento delle operazioni attraverso messaggi vocali, invece di leggere le informazioni a video”.

A questo si aggiungono poi alcuni dettagli, come un “rilievo tattile” posto sul tasto “5” e capace, quindi, di fornire l’orientamento necessario a conoscere la disposizione degli altri pulsanti numerici sulla tastierina del bancomat. Ma NCR cita anche “la posizione ergonomica di ogni periferica, dall’erogatore di contante posto sopra la tastiera al lettore di carta facilmente individuabile al tatto”.

Sull’argomento vedi anche:
L’elettronica svuota i Bancomat?
In Giappone i bancomat biometrici
Il cellulare DoCoMo scalza il bancomat

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • weboy scrive:
    Sono un tecnico
    e confermo il problema e' diffusissimo ,anche in grandi aziende le conoscenze e la sicurezza sono minime il problema e' davvero grosso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono un tecnico
      - Scritto da: weboy
      e confermo il problema e' diffusissimo ,anche in
      grandi aziende le conoscenze e la sicurezza sono
      minime il problema e' davvero grosso.Ehi bimbo :|qui siamo tutti tecnici. Il problema e' Windows 8)
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono un tecnico


        Ehi bimbo :|
        qui siamo tutti tecnici. Il problema e' Windows 8)
        E aggiungerei i modem USB (e quei pochi modelli ethernet senza il NAT) .... ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono un tecnico

        qui siamo tutti tecnici. Il problema e' WindowsIo non sono un tecnico, sono solo appasionato di informatica,computer.Per mè il problema è ............ l'utente al quale non frega niente assoluto della sicurezza. Te lo assicuro, garantito al 1000%.Io non sò che gente conosci tu ma tra una decina che conosco io che utilizzano un computer sono l'UNICO che si assicura che sia tutto aggiornato e sta attento alle normali norme di sicurezza in rete anche informandomi qui su punto informatico ( un poco diciamo).Solo andargli a dire che e' utile aggiornare anche soltanto l'antivirus o il Firewall (non oso pronunciare assolutamente l'aggiornamento del sistema operativo sennò adesso non sarei qui a scrivere :D ) sembra di creargli un problema IMMENSO (forse anche esistenziale ( perchè sono qui,perchè devo aggiornare,chi è che devi aggiornare?,etc...:D)) e alla fine abbandono questo disperato tentativo.Se questi utenti userebbero Linux la situazione secondo me sarebbe immutata. Scaricherebbero applicazioni contenenti virus-trojan senza accertarsi dell'affidabilità della provenienza dei file e li eseguirebbero da root per la felicità di tutti gli scrittori di virus-malware.Ciao.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sono un tecnico
          - Scritto da: Anonimo
          Se questi utenti userebbero Linux la situazione
          secondo me sarebbe immutata.Psst... quando bisognerossi necessitare di deducere tutto sanza nulla da compiacescere per quel che volimmo o non volimmo imparare dalla civitate umana, ma non certo i verbi...[mia vecchia poesia sul diario di scuola]Passando a cose piu` serie, forse proprio immutata immutata no. Davvero, guarda: la MS ha un talento particolare nel concepire software che stende il famoso tappeto rosso per i virus, con tanto di fanfare di benvenuto. Anche se certo non sarebbe la soluzione finale, sarebbe gia` un notevole passo avanti... e ci metto anche MacOS, che ancora non ho provato, ma e` difficile che riescano a ottenere le performance di Microsoft nell'esecuzione di codice malevolo senza previa conferma dell'utente. I sistemi MS eseguono automaticamente e silenziosamente... un po' tutto quello che gli capita... mai gravare l'utente con dialogs di conferma...[ps. ma fra l'altro anche a dargliele, tanto pigia subito si`]==================================Modificato dall'autore il 13/06/2005 21.42.54
          • Anonimo scrive:
            Re: Sono un tecnico
            -
            Psst... quando bisognerossi necessitare di
            deducere tutto sanza nulla da compiacescere per
            quel che volimmo o non volimmo imparare dalla
            civitate umana, ma non certo i verbi...

            [mia vecchia poesia sul diario di scuola]

            Anche se certo non
            sarebbe la soluzione finale, sarebbe gia` un
            notevole passo avanti... Signora prof, si dice:"anche se certo non fosse la soluzione finale, sarebbe gia' un notevole passo avanti".
          • Anonimo scrive:
            Re: Sono un tecnico

            Passando a cose piu` serie, forse proprio
            immutata immutata no. Davvero, guarda: la MS ha
            un talento particolare nel concepire software che
            stende il famoso tappeto rosso per i virus, con
            tanto di fanfare di benvenuto. Anche se certo non
            sarebbe la soluzione finale, sarebbe gia` un
            notevole passo avanti... e ci metto anche MacOS,
            che ancora non ho provato, ma e` difficile che
            riescano a ottenere le performance di Microsoft
            nell'esecuzione di codice malevolo senza previa
            conferma dell'utente. I sistemi MS eseguono
            automaticamente e silenziosamente... un po' tutto
            quello che gli capita... mai gravare l'utente con
            dialogs di conferma...

            [ps. ma fra l'altro anche a dargliele, tanto
            pigia subito si`]Sono quello al quale hai dato risposta.Ammetto che forse sono stato un pò troppo drastico ma non serve aggiungere nulla di più a quello che hai scritto. Sono daccordissimo con tutto.Questa te la quoto ancora perchè purtroppo anche la mia esperienza mi ha insegnato che è propio cosi nella maggioranza dei casi:
            [ps. ma fra l'altro anche a dargliele, tanto
            pigia subito si`]Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Il titolo dell'articolo va cambiato in..
    ..."Windows? Così com'è è un rischio per tutti"
    • Anonimo scrive:
      Re: Il titolo dell'articolo va cambiato
      - Scritto da: Anonimo
      ..."Windows? Così com'è è un rischio per tutti"quoto e sottoscrivo al 100%. il problema è quella merda di winzoz, però nessuno ha il coraggio di mettere il dito sulla piaga, se nn la solita minoranza di coloro che si fanno in 4 per promuovere e diffondere valide alternative.
      • Anonimo scrive:
        Winzoz

        il problema è quella merda di winzoz.Io uso quella m_rda di winzoz e mi spieghi come mai se faccio una scansione con AntiVir non mi trova niente di niente ( e non hò appena riformattato).Dici che devo cambiare antivirus? A sentire tè e quelli che la pensano come tè dovrei avere il sistema pieno di virus e spyware.Sono felice comunque di constatare il fatto che PER FORTUNA non lo sia.Devo però riconoscere che sono protetto pure da un router d-link ( ho usato linux per un pò di tempo e potrei tornare ad usarlo in futuro ) che credo come firewall usi iptables che fa parte del kernel linux se non mi sbaglio.Quando lo avevo messo, ho notato che il Norton ( l'ho usato per un pò di tempo purtroppo,un macigno ora uso il kerio personal anche perchè norton mi bloccava folding-home anche se con molta cortesia e attenzione configuravo le opzioni per farlo passare (è un problema riscontrato nelle vecchie versioni)) non mi segnalava più attacchi. Poi navigo sempre come limited-user e non uso internet exploder (qualche errore possiamo concederlo a Microsoft) .Non sono uno che è pro a tutti i costi verso Window, per mè ognuno può utilizzare il sistema operativo che più gli aggrada. Infatti anche se ora uso Window,sono contro i brevetti perchè credo nella libertà di scelta e nella competizione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Winzoz
          - Scritto da: Anonimo

          il problema è quella merda di winzoz.
          Io uso quella m_rda di winzoz e mi spieghi come
          mai se faccio una scansione con AntiVir non mi
          trova niente di niente ( e non hò appena
          riformattato).Dici che devo cambiare antivirus? A
          sentire tè e quelli che la pensano come tè dovrei
          avere il sistema pieno di virus e spyware.Sono
          felice comunque di constatare il fatto che PER
          FORTUNA non lo sia.
          Devo però riconoscere che sono protetto pure da
          un router d-link ( ho usato linux per un pò di
          tempo e potrei tornare ad usarlo in futuro ) che
          credo come firewall usi iptables che fa parte del
          kernel linux se non mi sbaglio.
          Quando lo avevo messo, ho notato che il Norton (
          l'ho usato per un pò di tempo purtroppo,un
          macigno ora uso il kerio personal anche perchè
          norton mi bloccava folding-home anche se con
          molta cortesia e attenzione configuravo le
          opzioni per farlo passare (è un problema
          riscontrato nelle vecchie versioni)) non mi
          segnalava più attacchi.
          Poi navigo sempre come limited-user e non uso
          internet exploder (qualche errore possiamo
          concederlo a Microsoft) .Il problema allora non sei tu che (alla faccia dell'user frendly ) ti configuri perbene firewall, antivirus, antispyware router, ecc...Sono la media di qualche migliaio di nuovi windows evirati ogni ora, che evidentemente hanno creduto alle puibblicita' quando hanno acquistato la loro copia di Windows. Credo semplicemente che se tutta questa gente avesse preso quanto meno un Mac, a parita' di facilita' d'uso non aveva questi problemi.
          Non sono uno che è pro a tutti i costi verso
          Window, per mè ognuno può utilizzare il sistema
          operativo che più gli aggrada. Infatti anche se
          ora uso Window,sono contro i brevetti perchè
          credo nella libertà di scelta e nella
          competizione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Winzoz

            Il problema allora non sei tu che (alla faccia
            dell'user frendly ) ti configuri perbene
            firewall, antivirus, antispyware router, ecc...Il sistema operativo è semplice (poi dipende cosa uno ci deve fare). Il firewall è a parte. (niente firewall integrato del sp2) ed è semplice pure lui da configurare.Il problema è che la maggior parte delle persone non ne ha voglia.Fine della storia, almeno per quello che riguarda le persone che conosco io.
            Sono la media di qualche migliaio di nuovi
            windows evirati ogni ora, che evidentemente hanno
            creduto alle puibblicita' quando hanno acquistato
            la loro copia di Windows. Dai cavolo, stiamo parlando di persone adulte o di ragazzini che maneggiano il loro primo computer. Almeno la consapevolezza che la pubblicita sia a volte ingannevole o esalti troppo delle caratteristiche. Non lo fa solo Microsoft.Non si può pretendere che Microsoft dica che Window fa schifo.Scusa se sono stato troppo ovvio.
            Credo semplicemente che
            se tutta questa gente avesse preso quanto meno un
            Mac, a parita' di facilita' d'uso non aveva
            questi problemi.Io il Mac non l'hò mai provato ma ne hò sentito parlare molto bene nella ditta dove lavoro. Vedrò in futuro.Ciao :):):)
          • Anonimo scrive:
            Re: Winzoz
            - Scritto da: Anonimo

            Il problema allora non sei tu che (alla faccia

            dell'user frendly ) ti configuri perbene

            firewall, antivirus, antispyware router, ecc...
            Il sistema operativo è semplice (poi dipende cosa
            uno ci deve fare). Il firewall è a parte. (niente
            firewall integrato del sp2) ed è semplice pure
            lui da configurare.Questo riguarda ogni sistema operativo.
            Il problema è che la maggior parte delle persone
            non ne ha voglia.Fine della storia, almeno per
            quello che riguarda le persone che conosco io.Questo riguarda ogni sistema operativo.

            Sono la media di qualche migliaio di nuovi

            windows evirati ogni ora, che evidentemente

            hanno creduto alle puibblicita' quando hanno

            acquistato la loro copia di Windows.
            Dai cavolo, stiamo parlando di persone adulte o
            di ragazzini che maneggiano il loro primo
            computer. Almeno la consapevolezza che la
            pubblicita sia a volte ingannevole o esalti
            troppo delle caratteristiche. Non lo fa solo
            Microsoft.Abbiamo detto che e' semplice o dovrebbe esserlo,, potrebbero tranquillamente essere al loro primo computer.
            Non si può pretendere che Microsoft dica che
            Window fa schifo.Scusa se sono stato troppo
            ovvio.

            Credo semplicemente che

            se tutta questa gente avesse preso quanto meno

            un Mac, a parita' di facilita' d'uso non aveva

            questi problemi.
            Io il Mac non l'hò mai provato ma ne hò sentito
            parlare molto bene nella ditta dove lavoro. Vedrò
            in futuro.
            Ciao :):):)Provalo, ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Winzoz
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Il problema allora non sei tu che (alla faccia


            dell'user frendly ) ti configuri perbene


            firewall, antivirus, antispyware router,
            ecc...Ok. Secondo tentativo:DSi sono daccordo con te. Antivirus e antispyware riguardano per ora escusivamente window.Però credo siamo daccordo che per essere infettati da un virus bisogna prima scaricarsi il programma infetto ed ESEGUIRLO. E' questo il punto che non mi è chiaro. Per un utente desktop dove sta la sicurezza ( lo so che adesso non ce nè )in piu fra l'usare window o linux nell'ambito dei virus.Con window fai doppio clic sull'exe e te lo becchi, con linux metti la tua password di root e te lo becchi.Il motivo dei pochi virus per linux credo sia da ricercare nel fatto di avere una maggioranza di utenza esperta che lo utilizza.Posso sbagliare.Per gli spyware i programmi open source possono essere esaminati anzi mi ricordo che era possibile creare con ( make install
            nomefile ) un file contenente tutte le instruzioni eseguite durante l'installazione.Ma come si fa a sapere se programmi closed source installati sotto linux non contengano spyware? Posso sbagliarmi, la mia è una domanda.
            Abbiamo detto che e' semplice o DOVREBBE ESSERLO,, Non mi sembri molto convinto.
            potrebbero tranquillamente essere al
            loro primo computer.
          • Anonimo scrive:
            Re: Winzoz


            Abbiamo detto che e' semplice o DOVREBBE
            ESSERLO,, Comunque se ti interessa io ho detto ad alqune persone di provare ad installare Linux Mandrake perche è FACILE (quindi non ritengo facile solo window) da installare e da usare.Loro avevano dei timori. Però poi non so cos'abbiano fatto perchè erano stagisti.Hai miei amici ho provato a fargli provare linux ma non hanno voluto soppratutto per i giochi commerciali( è una loro scelta incontestabile ).Ciao
        • Anonimo scrive:
          Winzoz
          A scusa avevo dimenticato di dire che AntiVir è aggiornato a ieri (oggi lo devo ancora aggiornare), fa la sua differenza.Comunque io tutti questi problemi di virus non li hò mai riscontrati (giuro senza incrociare le dita). Certo che se la gente scarica keygen ( in realtà virus-trojan ) da e___e per far funzionare giochi che non richiedono neanche l'introduzione del seriale e poi li esegue senza fare neanche una scansione del file.... ...Che ti devo dire. :'(:'(:'( . Ecco hò trovato.
  • Anonimo scrive:
    Basta che non mi chiudano le porte
    Lobby X ---
    Legge X ---
    firewall X ---
    chiuse le porte TCP e UDP agli utenti...
  • Anonimo scrive:
    adsl a consumo in arrivo?
    scometto che tutta sta caciara e solo per arrivarea a far pagare l'adsl a consumo ( un po come per il gprs)ovverto fino a un tot scaricate gratis e poi dovete pagare....(fra l'altro la tariffa flat e 'una promozione mica offerta definitiva no?)cosi eliminano il peer to peer e i pc zombie sempre collegati prede di worm troian o che altro..
  • Anonimo scrive:
    antivirus di stato e banda UP
    per rendere internet uno strumento del futuro serve uno sviluppo OPENSOURCE mondiale degli antivirus, magari da affidare _a pagamento_ alle università, che possono mettersi in concorrenza o suddividersi il lavoro, ma comunque rilasciando antivirus gratuiti in modo da avere un paese "digitale" più sicuro ...e per non lasciare che internet diventi un televisore col mouse, ma che i cittadini abbiano una vera finestra sul mondo virtuale, serve smetterla con quel diavolo di diavrio tra banda in download e upload.ok, "asincrono", ma la banda in upload non dovrebbe essere meno di due terzi di quella in down!!!PIU' BANDA IN UP PER TUTTImi consenta
    • francescor82 scrive:
      Re: antivirus di stato e banda UP

      per rendere internet uno strumento del futuro
      serve uno sviluppo OPENSOURCE mondiale degli
      antivirus, magari da affidare _a pagamento_ alle
      università, che possono mettersi in concorrenza o
      suddividersi il lavoro, ma comunque rilasciando
      antivirus gratuiti in modo da avere un paese
      "digitale" più sicuro ...Perchè, non esistono già antivirus Open Source e gratuiti? ClamAV tanto per dire il primo che mi viene in mente.
      e per non lasciare che internet diventi un
      televisore col mouse, ma che i cittadini abbiano
      una vera finestra sul mondo virtuale, serve
      smetterla con quel diavolo di diavrio tra banda
      in download e upload.

      ok, "asincrono", ma la banda in upload non
      dovrebbe essere meno di due terzi di quella in
      down!!!

      PIU' BANDA IN UP PER TUTTIIn linea teorica sono perfettamente d'accordo con te, ma:1) "Asincrono"? Non era "Asimmetrico"?2) Dubito fortemente che gli ISP vogliano farti avere più banda in upload, non sarebbe nei loro interessi.3) http://en.wikipedia.org/wiki/Adsl La banda in download può salire fino a 8MB/s, mentre quella in upload fino ad un massimo di 1MB/s. Il rapporto 2/3 che chiedi è irrealizzabile con ADSL, se la vuoi sfruttare. L'alternativa è usare VSDL o altre tecnologie, ma non credo sia una cosa fattibile in tempi brevi.
    • Anonimo scrive:
      Re: antivirus di stato e banda UP

      PIU' BANDA IN UP PER TUTTIpiù pilu per tutti :pla maggior parte delle operazioni per un utenza media necessita di
      banda in download, non è un caso che il limite sia 8DW-1UP.discorso a parte se vuoi farti un webserver o una radio locale, ma questi sono casi poco comuni.e poi si sa che i fornitori di hosting spingono per un consumo di servizi, piu che una creazione autonoma di servizi da parte dell' utenza individuale.della serie: consumate, consumate dalle brave e buone multinazionali, ma state attenti a non condividere nulla.
  • Anonimo scrive:
    mapercortesia
    adesso diamo la colpa all'adsl per i vari attacchi subitima impartate a settare i s.o. e poi parliamoneps mai sentito parlare di proxy multiping socks wingate etc?mi sa di no
  • Anonimo scrive:
    Banda Larga ?
    DOVE, DOVE, DOVE, che mezza italia (si, con la i minuscola) e' ancora a 56k in discesa ed in favoredi vento .... coi fondi poi destinati alla banda larga, chegia' sono NULLA per annullare il digital divide ...Ma ci vuole cosi' tanto ad installarsi antivirus e firewall, per chi si ostina a farsi del male con windows, o i neuroni han deciso di restare in ferie ?
  • beka scrive:
    Piccole medie aziende
    Io penso che il problema sia di due tipi:perchè il computer lo lasci sempre acceso?eperchè non sei protetto?Al primo problema la risposta la dà il tipo di connessione: always on ------
    always downloading! Chi è che ha l'adsl, capisce un attimo di informatica e non scarica qualsiasi cosa gli capiti sotto il cursore? E la situazione non fa che peggiorare.Quindi sempre più computer always on e incustoditi.Al secondo problema la risposta non la so dare, certo è che, QUALSIASI sistema operativo tu voglia usare, ci sono certe precauzioni da prendere, SEMPRE. Firewall o antivirus o disabilitazione di servizi o disattivazione di login remoti che siano. Più naturalmente aggiornamenti appena disponibili.Poi, gli utenti si dividono in due categorie:utenti privati: e sono fatti nostri, espressione dell'analfabetismo informatico che regna quasi sovrano in Italia.Dovresti rieducarli ad uno ad uno...possibile?piccole medie aziende che dovrebbero avere qualcosina di meglio ma spesso non hanno investimenti da fare e vengono viste da molte altre aziende medio piccole di assistenza come vache da mungere, quindi se ogni tanto ti prendi un virus, e che male può fare? (vedi alla voce "diritto di chiamata")
    • Anonimo scrive:
      Re: Piccole medie aziende
      - Scritto da: beka
      Io penso che il problema sia di due tipi:

      perchè il computer lo lasci sempre acceso?

      e

      perchè non sei protetto?

      Al primo problema la risposta la dà il tipo di
      connessione: always on ------
      always
      downloading! Chi è che ha l'adsl, capisce un
      attimo di informatica e non scarica qualsiasi
      cosa gli capiti sotto il cursore? E la situazione
      non fa che peggiorare.Quindi sempre più computer
      always on e incustoditi.

      Al secondo problema la risposta non la so dare,
      certo è che, QUALSIASI sistema operativo tu
      voglia usare, ci sono certe precauzioni da
      prendere, SEMPRE. Firewall o antivirus o
      disabilitazione di servizi o disattivazione di
      login remoti che siano. Più naturalmente
      aggiornamenti appena disponibili.

      Poi, gli utenti si dividono in due categorie:

      utenti privati: e sono fatti nostri, espressione
      dell'analfabetismo informatico che regna quasi
      sovrano in Italia.Dovresti rieducarli ad uno ad
      uno...possibile?

      piccole medie aziende che dovrebbero avere
      qualcosina di meglio ma spesso non hanno
      investimenti da fare e vengono viste da molte
      altre aziende medio piccole di assistenza come
      vache da mungere, quindi se ogni tanto ti prendi
      un virus, e che male può fare? (vedi alla voce
      "diritto di chiamata")Il problema è che quando chiami in causa le leggi per risolvere un problema tecnico, di fatto hai fallito.Per quanto riguarda l'analfabetismo informatico: interfacce grafiche e sistemi operativi user friendly hanno abbassato le barriere nell'uso dei PC, permettendone l'uso anche ad utenti che non sanno di fatto come funziona. Adesso che creano problemi su Internet, cosa succede, torniamo indietro? Quegli utenti non devono usare il PC? La colpa secondo me è del sistema operativo, che non è a prova dell'utente medio al quale si rivolge...
  • Anonimo scrive:
    La solita lagnanza italiana
    Non capisco dove vogliono arrivare questi qua.E' chiaro! Ora ci sto arrivando ... ci vuole un bollino che attesti la sicurezza del pc e un certificato che attesti la compentenza in sicurezza del proprietario del pcDai! facciamo una legge che obbliga tutti a prendere il patentino per guidare il pc. Niente patentino, niente pc.Altri soldi da tirare fuori e tempo da perdere in aggiornamenti in sicurezza a discapito della nostra competitività.Non sarebbe meglio preoccuparsi invece della sicurezza sulle strade? Io non ho ancora sentito di un pc o di una adsl fare morti. Sulla strada invece la gente muore. Eccome!La adsl invece toglie le persone dalle strade e rende virtuali gli spostamenti fisici. La adsl ti salva la vita!Il rischio è sulla strada! La strada, un rischio per tutti.
  • Anonimo scrive:
    Toh pensa ....
    Toh ! Hanno scoperto l'acqua calda e ora vogliono eliminare gli scaldabagni.
  • Anonimo scrive:
    CLUSIT ...
    scusate ma domani, posso uscire di casa o sono a rischio? DDOS anche nel citofono?Tanto per cambiarepoco meno di un'ora fa qui a Torino c'e' stato il terremoto. Che sia stato un DDOS nella mia ADSL?Ma domani telefono a Raoul C. e gli chiedo se la cosa e' possibile.;)
  • Anonimo scrive:
    Bisognerebbe fare una legge
    Obbligo di passare un esame sulla sicurezza informatica.E il divieto di vendere in Italia sistemi operativi che si rivelano scadenti dal punto di vista della sicurezza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisognerebbe fare una legge
      - Scritto da: Anonimo
      E il divieto di vendere in Italia sistemi
      operativi che si rivelano scadenti dal punto di
      vista della sicurezza.Cioe` tutti? L'esame andrebbe fatto ai programmatori di oggi, altro che` agli utenti. Scusate la cinica franchezza, ma il creeping featurism m'ha ormai rotto le scatole in maniera definitiva, su tutti i sistemi piu` diffusi. E` come coi detersivi: dato che piu` o meno tutti lavano, bisogna trovare il modo di renderli piu` appetitosi coi fronzoli.A quando un buon vecchio sistema composto da al massimo una decina di megabytes dei software? Suona cosi` alieno?
      • ishitawa scrive:
        Re: Bisognerebbe fare una legge
        come al solito la novità di internet ci fa vedere "assurde" cose che in altri campi diamo per scontatoper guidare la macchina ci vuole la patente perchè possiamo provocare dannigiustoallora perchè non anche per collegarci a internet?e se abbiamo un incidente la colpa può essere nostra (90% dei casi) o dell'auto. idem per i virusnon per dire "io qui, io la" ma per la mia esperienza, sono collegato ad internet dal 94 a partire da win31, attualmente uso sia linux che winXP che winME, MAI, dico MAI preso un virus, un trojan, uno spywareWIndows è bucato, ma lo si può parare, cosi come se so che la PAnda non tiene, evito di fare le curve con le gomme che fischiano
    • scorpioprise scrive:
      Re: Bisognerebbe fare una legge
      - Scritto da: Anonimo
      Obbligo di passare un esame sulla sicurezza
      informatica.

      E il divieto di vendere in Italia sistemi
      operativi che si rivelano scadenti dal punto di
      vista della sicurezza.Chi potrebbe dire che un sistema operativo è "sicuro"? Io uso più o meno indistintamente MacOsX, WinXP, Linux. Però mi capita una volta ogni mezz'ora di incappare in un virus (cancellato con l'antivirus) o in un programma che vuol connettersi a internet (e che blocco puntualmente con il firewall) per un qualunque motivo Un sistema lo si può avere già sicuro? O si può rendere sicuro? L'unico sistema sicuro al mondo, mi spiace ammetterlo, è quello isolato. Staccate un computer dalla rete, non passategli dati su dischetti o su cd, meno che mai via ethernet. Vedrete che quel sistema non potrà mai essere attaccato da virus o da pirati che cerchino di entrare. NB: la mia affermazione è a metà strada tra l'ironico e il serio....
      • Anonimo scrive:
        Re: Bisognerebbe fare una legge
        - Scritto da: scorpioprise

        - Scritto da: Anonimo

        Obbligo di passare un esame sulla sicurezza

        informatica.



        E il divieto di vendere in Italia sistemi

        operativi che si rivelano scadenti dal punto di

        vista della sicurezza.

        Chi potrebbe dire che un sistema operativo è
        "sicuro"?
        Io uso più o meno indistintamente MacOsX, WinXP,
        Linux. Però mi capita una volta ogni mezz'ora di
        incappare in un virus (cancellato con
        l'antivirus) o in un programma che vuol
        connettersi a internet (e che blocco puntualmente
        con il firewall) per un qualunque motivo
        E con quale dei tre ti capita?
        Un sistema lo si può avere già sicuro? O si può
        rendere sicuro? Diciamo che se l'azienda si prova che non ha fatto il massimo possibile per rendere quel sistema sicuro, anche a distanza di anni della messa in vendita del prodotto, quell'azienda deve essere penalizzata in qualche modo.
      • matteo.moro scrive:
        Re: Bisognerebbe fare una legge
        - Scritto da: scorpioprise

        Un sistema lo si può avere già sicuro? O si può
        rendere sicuro?
        MacOS X e Ubuntu GNU/Linux, ad esempio, come default non lasciano porte aperte, WindowsXP si. Già questo mi sembra un passo avanti.ciao.Matteohttp://www.MatteoMoro.net==================================Modificato dall'autore il 13/06/2005 2.59.21
        • Anonimo scrive:
          Re: Bisognerebbe fare una legge
          - Scritto da: matteo.moro
          MacOS X e Ubuntu GNU/Linux, ad esempio, come
          default non lasciano porte aperte, WindowsXP si.
          Già questo mi sembra un passo avanti.Lo e`, in effetti.Ma e` uno dei tanti dettagli: se un sistema dev'essere davvero fail-safe, dovrebbe essere progettato tale fin dall'inizio. Ammesso che il sistema fail-safe in assoluto, come tutti gli assoluti, non esista: un conto e` progettarne uno che ha come scopi supportare tutto il supportabile, funzionare in maniera carina e user-friendly, e presentare innovazioni nel piu` breve tempo possibile (tanto i fix e i service packs verranno dopo, casomai); un conto e` progettarne uno che ha come scopo primario la sicurezza e la robustezza (tanto le interfacce user-friendly verranno dopo, casomai).Premesso che ovviamente Linux e` la scelta migliore per la questione della sicurezza in rete, ci sono un sacco di cose che di per se` sono state progettate in maniera insicura (ivi comprese le implementazioni dei protocolli di rete in primo luogo, visto che in tutti i sistemi presi in considerazione sono parimenti raw socket access hosts , e tutti possono eseguire DDoS e DRDoS se opportunamente "stimolati" in modo malizioso). La complessita` dei sistemi moderni, oltre a farmi venire il mal di testa, e` secondo me una delle prime cause di sviste e rappezzi, cosa in cui il supporto open-source mostra evidenti vantaggi, ma... a me piacerebbe che innanzi tutto ci fossero meno sviste e rappezzi, meno righe di codice, meno errori, meno moduli e meno possibili interazioni non previste.Vero che Linux si puo` "restringere" fino a micro-distribuzioni "pelle e ossa", ma che me ne faccio di farne una per me se poi il grande pubblico esige che un'applicazione debba far affidamento alle parti mancanti? Faccio programmi in console solo per me? Siamo stati... come dire... abituati male. Resto con la netta impressione che dietro le cliccheggianti e colorate realta` odierne da miliardi di bytes si nascondono le insidie, i crash, le ombre. Perche`... beh, perche` una volta si poteva davvero blindare un sistema MS-DOS, per quanto cavolo... non sapesse nemmeno dove stessero di casa le tecniche di protezione degli indirizzi: oggi non piu`. Perche` non sappiamo piu` cosa c'e`, e dov'e`: non sono in grado di tenerne traccia. Voi lo siete?
          • Anonimo scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            Va a gusti ma secondo me la scelta migliore per la sicurezza in rete è OpenBSD (volendo guardare anche una cosa banale come il numero di vulnerabilità).Un esempio su tutti ... OpenBSD (e pochi altri) implementano W^X (write or execute), altri hanno dovuto aggiungere roba alla cpu x avere la stessa funzione.
          • Chernobyl scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            - Scritto da: Alex¸tg
            - Scritto da: matteo.moro


            MacOS X e Ubuntu GNU/Linux, ad esempio, come

            default non lasciano porte aperte, WindowsXP si.

            Già questo mi sembra un passo avanti.

            Lo e`, in effetti.

            Ma e` uno dei tanti dettagli: se un sistema
            dev'essere davvero fail-safe, dovrebbe essere
            progettato tale fin dall'inizio. Ammesso che il
            sistema fail-safe in assoluto, come tutti gli
            assoluti, non esista: un conto e` progettarne uno
            che ha come scopi supportare tutto il
            supportabile, funzionare in maniera carina e
            user-friendly, e presentare innovazioni nel piu`
            breve tempo possibile (tanto i fix e i service
            packs verranno dopo, casomai); un conto e`
            progettarne uno che ha come scopo primario la
            sicurezza e la robustezza (tanto le interfacce
            user-friendly verranno dopo, casomai).Piu' che altro e' inutile tentare di far diventare un coltellino svizzero qualcosa di complesso come un sistema operativo. Windows e' fatto per giocare, Linux ERA fatto per i server, adesso non e' ne carne ne pesce. Preferisco passare ad un sistema BSD, come OpenBSD o FreeBSD, almeno in queste fazioni ci sono meno persone spinte dalla moda o dalle riviste.
            Premesso che ovviamente Linux e` la scelta
            migliore per la questione della sicurezza in
            rete, ci sono un sacco di cose che di per se`
            sono state progettate in maniera insicura (ivi
            comprese le implementazioni dei protocolli di
            rete in primo luogo, visto che in tutti i sistemi
            presi in considerazione sono parimenti raw
            socket access hosts , e tutti possono eseguire
            DDoS e DRDoS se opportunamente "stimolati" in
            modo malizioso). La complessita` dei sistemi
            moderni, oltre a farmi venire il mal di testa, e`
            secondo me una delle prime cause di sviste e
            rappezzi, cosa in cui il supporto open-source
            mostra evidenti vantaggi, ma... a me piacerebbe
            che innanzi tutto ci fossero meno sviste e
            rappezzi, meno righe di codice, meno errori, meno
            moduli e meno possibili interazioni non previste.Per questo preferisco considerare migliori i sistemi BSD: "poca" gente che ci lavora sopra, pochi acquirenti, obbligando a fare prodotti di qualita'. Se poi scappa il bug, peccato, ma almeno non devo tenere sotto controllo venti mailing-list (differenza fra www.openbsd.org e www.kernel.org)
            Vero che Linux si puo` "restringere" fino a
            micro-distribuzioni "pelle e ossa", ma che me ne
            faccio di farne una per me se poi il grande
            pubblico esige che un'applicazione debba far
            affidamento alle parti mancanti? Faccio programmi
            in console solo per me? Anche questo e' vero: a che servono migliaia di distribuzioni, se tanto dopo quelle buone sono sempre le solite (Slackware, Debian, Suse, Mandrake, Fedora, Knoppix) ?
            Siamo stati... come dire... abituati male. Resto
            con la netta impressione che dietro le
            cliccheggianti e colorate realta` odierne da
            miliardi di bytes si nascondono le insidie, i
            crash, le ombre. Perche`... beh, perche` una
            volta si poteva davvero blindare un sistema
            MS-DOS, per quanto cavolo... non sapesse nemmeno
            dove stessero di casa le tecniche di protezione
            degli indirizzi: oggi non piu`. Perche` non
            sappiamo piu` cosa c'e`, e dov'e`: non sono in
            grado di tenerne traccia. Voi lo siete?Hai detto bene, abituati male: vogliamo tutto, anche se fatto un po' male. Non vogliamo piu' poche cose anche se fatte bene
          • Anonimo scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            - Scritto da: Chernobyl
            Per questo preferisco considerare migliori i
            sistemi BSD: "poca" gente che ci lavora sopra,
            pochi acquirenti, obbligando a fare prodotti di
            qualita'. Se poi scappa il bug, peccato, ma
            almeno non devo tenere sotto controllo venti
            mailing-list (differenza fra www.openbsd.org e
            www.kernel.org)Mmmh... e` l'ennesima volta che sento nominare i BSD come abbastanza sicuri e affidabili. Va a finire che li provo davvero, se non altro per soddisfazione di vedere che un prodotto del genere esiste... purtroppo per necessita` di "audience" dovro` continuare a sorbirmi XP, ma pazienza...
          • Chernobyl scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            - Scritto da: Alex¸tg
            - Scritto da: Chernobyl


            Per questo preferisco considerare migliori i

            sistemi BSD: "poca" gente che ci lavora sopra,

            pochi acquirenti, obbligando a fare prodotti di

            qualita'. Se poi scappa il bug, peccato, ma

            almeno non devo tenere sotto controllo venti

            mailing-list (differenza fra www.openbsd.org e

            www.kernel.org)

            Mmmh... e` l'ennesima volta che sento nominare i
            BSD come abbastanza sicuri e affidabili. Va a
            finire che li provo davvero, se non altro per
            soddisfazione di vedere che un prodotto del
            genere esiste... purtroppo per necessita` di
            "audience" dovro` continuare a sorbirmi XP, ma
            pazienza...Fermo, se vuoi provare ok, ma spero di non averti eccessivamente convinto. Non mi piace fare proselitismo.Se vivi tranquillo con Windows, rimanici. Non mi piace quello che sta succedendo/successe con LinuxBuon lavoro
        • Vide scrive:
          Re: Bisognerebbe fare una legge
          - Scritto da: matteo.moro

          MacOS X e Ubuntu GNU/Linuxperchè solo GNU/Linux? Di default mi pare arrivi con un'interfaccia grafica, quindiUbuntu GNU/XOrg/Gnome/Linux(se non si è capito mi fanno ridere questi talebanismi GNU, per quanto cmq Stallman mi stia il 90% delle volte simpatico)In ogni caso la distro in questione di chiama Ubuntu Linux e stop.
          • matteo.moro scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            - Scritto da: Vide

            (se non si è capito mi fanno ridere questi
            talebanismi GNU, per quanto cmq Stallman
            mi stia il 90% delle volte simpatico)
            A me fa ridere l'uso di questi "neologismi televisivi" quando esiste la parola "integralismo".

            In ogni caso la distro in questione di chiama
            Ubuntu Linux e stop.
            Essendo derivata da Debian e chiamandosi Debian "Debian GNU/Linux" ogni tanto mi confondo.ciao.Matteohttp://www.MatteoMoro.net==================================Modificato dall'autore il 13/06/2005 12.21.15
          • Anonimo scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            - Scritto da: matteo.moro
            - Scritto da: Vide



            (se non si è capito mi fanno ridere questi

            talebanismi GNU, per quanto cmq Stallman

            mi stia il 90% delle volte simpatico)


            A me fa ridere l'uso di questi "neologismi
            televisivi" quando esiste la parola
            "integralismo".Lo sapevate che Richard Stallman per farsi intervistare al The Linux Link Techshow ha preteso che il nome della trasmissione cambiasse in The Gnu/Linux Link Techshow e che tutti i riferimenti sul sito a linux contenessero la parola Gnu.E ovviamente durante l'intervista dovevano dire sempre Gnu/Linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bisognerebbe fare una legge
        Ci sono sistemi operativi (pochi purtroppo) pensati con l'obiettivo primario di essere sicuri (il 100% è un'utopia ma ci si avvicina molto).Ok il software non è mai al 100% sicuroOk non è bello ne comodo come windowsperò io uso OpenBSD sul pc che mi fa da routermai un virusmai un "programmino che cerca di collegarsi"mai un blocco/reboot/shutdown/rallentamento ingiustificatoMi rendo conto che purtroppo non tutti possano mettersi li ad imparare un altro sistema operativo ... ma l'alternativa c'è. Vuoi una sicurezza maggiore ? Impara
        • Anonimo scrive:
          Re: Bisognerebbe fare una legge
          - Scritto da: Anonimo
          Ci sono sistemi operativi (pochi purtroppo)
          pensati con l'obiettivo primario di essere sicuri
          (il 100% è un'utopia ma ci si avvicina molto).

          Ok il software non è mai al 100% sicuro

          Ok non è bello ne comodo come windows

          però io uso OpenBSD sul pc che mi fa da routerRicordo che fino a un mese fa, OpenBSD aveva problemi di performance da PAURA col PPPoE, rendendolo di fatto inadatto a fare da router ADSL anche a velocità ridotte (il problema si manifestava quando ancora avevo l'ADSL 256/256)Adesso hanno integrato il PPPoE nel kernel, eliminando l'incredibile gap di performance rispetto agli altri OS.

          mai un virus

          mai un "programmino che cerca di collegarsi"

          mai un blocco/reboot/shutdown/rallentamento
          ingiustificato

          Mi rendo conto che purtroppo non tutti possano
          mettersi li ad imparare un altro sistema
          operativo ... ma l'alternativa c'è. Vuoi una
          sicurezza maggiore ? ImparaOpenBSD è molto sicuro, è vero, ma solo nella configurazione di default. Che serve a poco. Inoltre poiché vuole essere il sistema più sicuro al mondo è anche quello più attaccato dagli hacker.Infine sarà perché si focalizza sulla sicurezza, dal punto di vista delle performance latita su tutti i fronti.In pratica è sicuro ma LENTO.
          • Chernobyl scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            Ci sono sistemi operativi (pochi purtroppo)

            pensati con l'obiettivo primario di essere
            sicuri

            (il 100% è un'utopia ma ci si avvicina molto).



            Ok il software non è mai al 100% sicuro



            Ok non è bello ne comodo come windows



            però io uso OpenBSD sul pc che mi fa da router

            Ricordo che fino a un mese fa, OpenBSD aveva
            problemi di performance da PAURA col PPPoE,
            rendendolo di fatto inadatto a fare da router
            ADSL anche a velocità ridotte (il problema si
            manifestava quando ancora avevo l'ADSL 256/256)

            Adesso hanno integrato il PPPoE nel kernel,
            eliminando l'incredibile gap di performance
            rispetto agli altri OS.Su questo non posso esprimermi, mai avuto un'adsl. Certo, se mi faceva schifo la velocita' mettevo qualcosa di migliore, Slackware per esempio.



            mai un virus



            mai un "programmino che cerca di collegarsi"



            mai un blocco/reboot/shutdown/rallentamento

            ingiustificato



            Mi rendo conto che purtroppo non tutti possano

            mettersi li ad imparare un altro sistema

            operativo ... ma l'alternativa c'è. Vuoi una

            sicurezza maggiore ? Impara

            OpenBSD è molto sicuro, è vero, ma solo nella
            configurazione di default. Che serve a poco.
            Inoltre poiché vuole essere il sistema più sicuro
            al mondo è anche quello più attaccato dagli
            hacker.Quello e' per ripicca. Ho un bell'exploit chiamato "sshutup_theo" o qualcosa del genere. Praticamente un exploit per ssh, che prendeva molto in giro Theo. Questioni politiche insomma
            Infine sarà perché si focalizza sulla sicurezza,
            dal punto di vista delle performance latita su
            tutti i fronti.
            In pratica è sicuro ma LENTO.Io preferisco qualcosa di lento ma piu' sicuro. Vuoi avere un carro armato che non va sopra i 60 all'ora o una mercedes che raggiunge i 200 all'ora ? Dipende solo da te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge


            Infine sarà perché si focalizza sulla sicurezza,

            dal punto di vista delle performance latita su

            tutti i fronti.

            In pratica è sicuro ma LENTO.
            Io preferisco qualcosa di lento ma piu' sicuro.
            Vuoi avere un carro armato che non va sopra i 60
            all'ora o una mercedes che raggiunge i 200
            all'ora ? Dipende solo da te.Il precedente e seguente discorso sull'ADSL non si applica a OpenBSD 3.7, tuttavia vorrei farti presente:un Pentium 3 con 512 mb di RAM e OpenBSD 3.x (x
          • Chernobyl scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge

            Perfomance PPPoE in linux/*bsd:
            http://www.jraitala.net/comp/articles/2002/pppoe/

            Performance in vari benchmark linux/*bsd:
            http://bulk.fefe.de/scalability/
            Va considerato comunque come sia piu' attivamente sviluppato netfilter che pfctl.Poi stando ad alcune ricerchine netfilter riesce a gestire meglio, sotto carichi pesanti, la banda e il numero di regole. Il meglio non sta solo da una parte insomma.
          • Anonimo scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            Si aveva problemi col PPPoE ma intanto con OpenBGPD lasciava dietro i cisco ... io l'ho attaccato ad una 100 mbit ... ok non è come linux (in termini di velocità) ma quel margine di scarto lo pago volentieri per avere molta più sicurezza.Non mi ricordo chi diceva che è sicuro con l'installazione di defaul ... e con quella non ci fai nulla ... certo se sei abituato ad avere 10 gb di distribuzione linux con dentro tutto l'immaginabile e di + (che poi tanto sappiamo entrambi che non userai mai) lo credo bene che non ci fai nulla. Io da parte mia dopo aver installato il sistema (15 minuti) metto quel che mi serve dai ports (o dai pacchetti) (3 minuti) e ho un sistema perfetto per le mie necessità.Meglio avere un s.o. vuoto a cui posso aggiungere che averne uno pieno zeppo a cui devo togliere robe.
          • Anonimo scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            - Scritto da: Anonimo
            Si aveva problemi col PPPoE ma intanto con
            OpenBGPD lasciava dietro i cisco ... io l'ho
            attaccato ad una 100 mbit ... ok non è come linux
            (in termini di velocità) ma quel margine di
            scarto lo pago volentieri per avere molta più
            sicurezza.

            Non mi ricordo chi diceva che è sicuro con
            l'installazione di defaul ... e con quella non ci
            fai nulla ... certo se sei abituato ad avere 10
            gb di distribuzione linux con dentro tutto
            l'immaginabile e di + (che poi tanto sappiamo
            entrambi che non userai mai) lo credo bene che
            non ci fai nulla. Io da parte mia dopo aver
            installato il sistema (15 minuti) metto quel che
            mi serve dai ports (o dai pacchetti) (3 minuti) e
            ho un sistema perfetto per le mie necessità.

            Meglio avere un s.o. vuoto a cui posso aggiungere
            che averne uno pieno zeppo a cui devo togliere
            robe.Per ogni decisione si ha sempre un tradeoff, è chiaro. Io ad esempio non accettavo che il collo di bottiglia fosse il mio "router" e non la linea ADSL... immagino però che per altri possa andare bene.Il banner sulla homepage specifica esattamente:"Only one remote hole in the default install, in more than 8 years!": che significa esattamente ciò che c'è scritto e sottolineo "in the default install" e "remote hole". E' comunque impressionante, sono d'accordo.Infine, si, siamo d'accordo che è meglio avere un SO vuoto e aggiungere, piuttosto che uno pieno e togliere, in modo di aver tutto sotto controllo. Tuttavia se devi aggiungere qualcosa lo fai a tuo rischio, i ports non sono sicuri come lo è il sistema appena installato, e se ti entrano a causa di qualche servizio che hai aggiunto, beh, parliamo dei "non remote holes" :)Insomma il punto della mia osservazione è: scegliete OpenBSD e va bene valutare i PRO, ma attenzione anche ai CONTRO.
          • Chernobyl scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            - Scritto da: Anonimo
            Per ogni decisione si ha sempre un tradeoff, è
            chiaro. Io ad esempio non accettavo che il collo
            di bottiglia fosse il mio "router" e non la linea
            ADSL... immagino però che per altri possa andare
            bene.Esatto, punti di vista
            Il banner sulla homepage specifica esattamente:
            "Only one remote hole in the default install, in
            more than 8 years!": che significa esattamente
            ciò che c'è scritto e sottolineo "in the default
            install" e "remote hole". E' comunque
            impressionante, sono d'accordo.D'accordo, impressionante. Ma non bisogna fermarsi solo a quello.
            Tuttavia se devi aggiungere qualcosa lo fai a tuo
            rischio, i ports non sono sicuri come lo è il
            sistema appena installato, e se ti entrano a
            causa di qualche servizio che hai aggiunto, beh,
            parliamo dei "non remote holes" :)Qui ci va la differenza. L'albero dei ports non e' cosi' facilmente manipolabile. Praticamente i ports contenuti vengono controllati dal "core team". Questo assicura due cose:1) il ports viene esaminato da gente che probabilmente ne sa piu' di me,te o altri, trovando eventuali problemi2) la lista dei ports sara' quasi sempre inferiore alle tue necessita'
            Insomma il punto della mia osservazione è:
            scegliete OpenBSD e va bene valutare i PRO, ma
            attenzione anche ai CONTRO.Un sistema operativo non deve sostituire la propria capacita' critica, credo che su questo siamo tutti d'accordo.
        • matteo.moro scrive:
          Re: Bisognerebbe fare una legge
          - Scritto da: Anonimo

          però io uso OpenBSD sul pc che mi fa da router
          mai un virus
          mai un "programmino che cerca di collegarsi"
          mai un blocco/reboot/shutdown/rallentamento
          ingiustificato
          Negli ultimi 3 anni mi è successa esattamente la stessa cosa, ma con Debian GNU/Linux (stable).ciao.Matteohttp://www.MatteoMoro.net
      • francescor82 scrive:
        Re: Bisognerebbe fare una legge

        Chi potrebbe dire che un sistema operativo è
        "sicuro"?
        Io uso più o meno indistintamente MacOsX, WinXP,
        Linux. Però mi capita una volta ogni mezz'ora di
        incappare in un virus (cancellato con
        l'antivirus) o in un programma che vuol
        connettersi a internet (e che blocco puntualmente
        con il firewall) per un qualunque motivo Virus o programmi che vogliono connettersi ad Internet anche per GNU/Linux? Tanto per curiosità, mi sapresti indicare come hai fatto?
        Un sistema lo si può avere già sicuro? O si può
        rendere sicuro?

        L'unico sistema sicuro al mondo, mi spiace
        ammetterlo, è quello isolato. Staccate un
        computer dalla rete, non passategli dati su
        dischetti o su cd, meno che mai via ethernet.
        Vedrete che quel sistema non potrà mai essere
        attaccato da virus o da pirati che cerchino di
        entrare.Verissimo. E cosa ci faccio? Niente, ma questo era il senso della tua provocazione, giusto?.Ma si può ottenere comunque un ottimo grado di sicurezza con vari accorgimenti: installare e tenere aggiornati firewall e antivirus, evitare di usare programmi noti per i loro difetti (p.e.: vecchie versioni di OE o di IE)...Non è di corsi e di patentini che si ha bisogno, ma di un'informazione più completa fornita da chi ha competenze. E magari di un maggior buon senso da parte degli utenti; dopo che le prime volte si sono trovati con il computer "bucato", si spera che facciano maggiore attenzione.
        • scorpioprise scrive:
          Re: Bisognerebbe fare una legge
          - Scritto da: francescor82
          Virus o programmi che vogliono connettersi ad
          Internet anche per GNU/Linux? Tanto per
          curiosità, mi sapresti indicare come hai fatto?(non dirlo a nessuno, erano solo per windows....:( e mi dispiace, perchè lo uso spesso)
          era il senso della tua provocazione, giusto?.Ovviamente ;)
          Ma si può ottenere comunque un ottimo grado di
          sicurezza con vari accorgimenti: installare e
          tenere aggiornati firewall e antivirus, evitare
          di usare programmi noti per i loro difetti (p.e.:
          vecchie versioni di OE o di IE)...
          Non è di corsi e di patentini che si ha bisogno,
          ma di un'informazione più completa fornita da chi
          ha competenze. E magari di un maggior buon senso
          da parte degli utenti; dopo che le prime volte si
          sono trovati con il computer "bucato", si spera
          che facciano maggiore attenzione.Assolutamente si, una volta che uno si brucia impara a non bruciarsi più: la prima volta che mio padre si è collegato a internet con l'ADSL (col suo portatile win) ha contratto subito Blaster... La *prima* cosa da fare è, dopo l'installazione del sistema operativo, installare antivirus e firewall! (per la cronaca, uso sempre Firefox e Thunderbird)
          • Chernobyl scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge
            - Scritto da: scorpioprise
            Assolutamente si, una volta che uno si brucia
            impara a non bruciarsi più: la prima volta che
            mio padre si è collegato a internet con l'ADSL
            (col suo portatile win) ha contratto subito
            Blaster... La *prima* cosa da fare è, dopo
            l'installazione del sistema operativo, installare
            antivirus e firewall! (per la cronaca, uso sempre
            Firefox e Thunderbird)Non voglio fare il trollone, ma hai visto i buchi di cui soffre Firefox ? Detto questo, io utilizzo solo Firefox, anche su Windows
          • francescor82 scrive:
            Re: Bisognerebbe fare una legge

            Non voglio fare il trollone, ma hai visto i buchi
            di cui soffre Firefox ? Detto questo, io utilizzo
            solo Firefox, anche su WindowsBeh, ma intanto Firefox è il male minore, e quindi rientra coerentemente nel discorso sicurezza: dovendo USARLO, il computer, scegli quello che sembra meno rischioso. Poi ovviamente tutti si possono sbagliare.
  • Anonimo scrive:
    Calma, siete troppo avanti
    Questi a malapena stanno appresso al wi-fi e voi a parlargli di botnet, di DoS, cracker...E' come parlare di astrofisica ad un bambino delle elementari, prima fategli contare le stelline (senza le paperelle, magari...)
Chiudi i commenti