USA, alert SMS per crisi ed emergenze

FCC intende promuovere un sistema per avvisare la popolazione in modo massivo. Da utilizzare solo in caso di estremo bisogno

Roma – Le comunicazioni, nell’eventualità di catastrofi naturali e altre situazioni di crisi, sono sempre compromesse. Può essere però opportuno sfruttarle in modo preventivo, quando è possibile attuare misure per salvare vite umane in presenza di un’emergenza. È con questo obiettivo che FCC , l’authority TLC USA, intende promuovere un sistema nazionale di emergenza, attraverso l’invio di SMS di massa in caso di crisi.

Come spiega Paul Davidson su USA Today , l’ente regolatore federale vuole formulare un capitolato tecnico con norme e altri requisiti per porre in atto questo sistema di alerting . Una misura tecnicamente non necessaria per gli operatori mobili, che quotidianamente fanno circolare sulle proprie reti milioni di messaggini, ma che comunque dovrà essere rispettata dalle telco qualora l’introduzione di questo sistema venisse approvata.

L’obiettivo di FCC è quello di fornire alla popolazione, attraverso le unità di crisi, informazioni tempestive sulle misure da adottare nei casi di emergenza. Non solo per catastrofi naturali come twister o l’uragano Katrina, ma anche per salvaguardare vite umane in caso di attacchi terroristici o atti di follia che coinvolgano innocenti. I quattro operatori mobili AT&T, Verizon, Sprint Nextel e T-Mobile si sono dichiarati già favorevoli a quanto FCC intende introdurre, e intenzionati a far parte della commissione tecnica che definirà il funzionamento del sistema.

Fra le regole proposte dall’Authority, il vincolo di inviare messaggi in lingua inglese e della lunghezza massima di 90 caratteri.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pepice Vito Nicola scrive:
    elenco telefonico Telecom non ricevuto
    non solo la Napoli ma anche a Conegliano progredito nord-est della provincia di Treviso l'elenco telefonico della Telecom equidistribuzione finiti 28 agosto. Non c'è segno di vita per averlo. Interlocutrice del 187 è disposta scalarmi tra euro dalla bolletta telefonica piuttosto che fare arriva elenco
  • ... scrive:
    Napoleone ha vinto a Waterloo...
    Per un'azienda abituata a vincere come Napoleone a Waterloo direi che è naturale farsi pagare anche per gli elenchi del telefono non consegnati...http://www.corriere.it/cronache/08_aprile_05/waterloo_luciani_telecom_video_82f51e0e-02de-11dd-a6a3-00144f486ba6.shtml
  • fra1027 scrive:
    anche in calabria..
    .. non arriva l'elenco e solo dopo innumerevoli chiamate al 187. Sarò che sto in una zona fuorimano però dell'addebito non si scordano mai! ;)
Chiudi i commenti