USA, anche Motorola ferma alla frontiera

ITC blocca alcuni dispositivi Android in conseguenza di denunce Microsoft. Motorola, incassata l'approvazione della Cina per l'acquisizione da parte di Google, potrà fare appello

Roma – L’ International Trade Commission ha deciso di mettere al bando alcuni dispositivi Android prodotti da Motorola che secondo l’accusa di Microsoft violerebbero il brevetto numero 6,370,566 relativo alla gestione delle agende sui dispositivi mobile.

L’ITC ha dunque dato ragione a Redmond che contesta la violazione della sua proprietà intellettuale, e torto a Google che faceva appello all'”interesse pubblico” e alla non proporzionalità dell’ordine di esclusione.
Prima di diventare effettiva la sentenza deve essere approvata dal presidente della commissione: questa situazione dà a Motorola altri 60 giorni di operatività sul mercato , tuttavia deve mettere da parte “33 centesimi di dollari per ogni dispositivo Android” immesso in commercio, come parziale garanzia basata su un calcolo di royalty dovute.

Contro la decisione dell’ITC Motorola potrà, e presumibilmente lo farà, ricorrere in appello. Per il momento si è limitata a riferire che “anche se siamo delusi dalla decisione della Commissione secondo cui alcuni prodotti Motorola Mobility violano un brevetto, attendiamo di leggere il parere completo relativo alla decisione ed esploreremo tutte le opzioni a nostra disposizione, tra cui l’appello”.

In attesa di una nuova decisione, per superare il blocco, Motorola potrebbe decidere di modificare i suoi prodotti rimuovendo la funzione contestata da Microsoft, così come HTC sta cercando di fare, in parte con successo , per superare le accuse mosse da parte di Apple e che hanno portato l’ITC ad una simile sentenza di bando.

Alternativamente Motorola può unirsi alla lunga schiera di produttori Android che hanno ceduto alla pressione di Microsoft sottoscrivendo una licenza per i suoi brevetti: tuttavia questa ipotesi diventerà poco plausibile nel momento in cui si concretizzerà l’acquisizione di Motorola da parte di Google, operazione milionaria che attende ancora l’approvazione da parte delle diverse autorità nazionali antitrust: proprio in questi, giorni, d’altronde, dopo il via libera di USA e UE è arrivato quello della Cina. A Pechino Google avrebbe promesso di mantenere Android libero e disponibile per tutti per “almeno cinque anni”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ana Trollo scrive:
    Acqua calda
    La scoperta dell'acqua calda... Facebook raccoglie dati, spia gli utenti... ma perche' hanno aspettato l'IPO per divulgare la class action????
    • voluisti birotam scrive:
      Re: Acqua calda
      - Scritto da: Ana Trollo
      ma perche'
      hanno aspettato l'IPO per divulgare la class
      action????Giustizia ad orologeria? (newbie)O non è invece PI che ha aspettato l'IPO per divulgare la notizia del <b
      18 maggio 2012 </b
      ? 8)notare la data:http://mashable.com/2012/05/18/facebook-user-tracking-lawsuit/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+Mashable+%28Mashable%29http://www.zdnet.com/blog/facebook/facebook-hit-with-15-billion-class-action-user-tracking-lawsuit/13358http://techcrunch.com/2012/05/18/16b-should-just-about-cover-it-heres-the-15b-privacy-class-action-complaint-against-facebook/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+Techcrunch+%28TechCrunch%29
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Acqua calda
        di grazia, che cosa intendi dimostrare? che esattamente il giorno dell'ipo, 18 maggio, è uscita la notizia? quindi? :)
        • voluisti birotam scrive:
          Re: Acqua calda
          - Scritto da: Luca Annunziata
          di grazia, che cosa intendi dimostrare?
          che esattamente il giorno dell'ipo, 18 maggio, è uscita la notizia?

          quindi? :)- Scritto da: voluisti birotam
          - Scritto da: Ana Trollo

          ma perche'

          hanno aspettato l'IPO per <b
          divulgare la class action </b
          ????
          Giustizia ad orologeria? (newbie)

          O non è invece PI che ha aspettato l'IPO per
          divulgare la notizia del <b
          18 maggio
          2012 </b
          ?
          8)

          notare la data:
          http://mashable.com/2012/05/18/facebook-user-track

          http://www.zdnet.com/blog/facebook/facebook-hit-wi

          http://techcrunch.com/2012/05/18/16b-should-just-aSemplicemente ho fatto notare che l'articolo su Punto Informatico, pubblicato il 21 maggio alle 16.09, riporta notizie vecchie di 3 giorni.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Acqua calda
            ok, e quindi?sei qui a leggerlo...
          • krane scrive:
            Re: Acqua calda
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ok, e quindi?
            sei qui a leggerlo...Sbagliando si impara...
          • voluisti birotam scrive:
            Re: Acqua calda
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ok, e quindi?Quindi la divulgazione della class action e la collocazione del titolo in borsa NON sono eventi contemporanei, ma la prima precede la seconda di (almeno) 3 gg.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Acqua calda
            non ti seguola quotazione c'è stata ven, la notifica di class action purenoi abbiamo pubblicato la seconda ieriribadisco la domanda: e quindi?
          • voluisti birotam scrive:
            Re: Acqua calda
            - Scritto da: Luca Annunziata
            non ti seguo
            la quotazione c'è stata ven, la notifica di class
            action pure
            noi abbiamo pubblicato la seconda ieri

            ribadisco la domanda: e quindi?Scoperto l'inghippo! Avevo letto del crollo del valore delle azioni avvenuto il lunedì (cosa che davo per scontata sarebbe successa subito, a meno di pesanti interventi a reggere il bluff), poi ho iniziato a leggere questo articolo ("Facebook, privacy che vale miliardi"), quindi seguendo il link a "Facebook, quotazioni e figli maschi" http://punto-informatico.it/3522567/PI/News/facebook-quotazioni-figli-maschi.aspxdatato sempre lunedì 21 che parlava dell' <b
            esordio </b
            (parola usata più volte senza citare esplicitamente la parola "chiusura") e, complice una lettura veloce, ne avevo tratto l'impressione errata che l'articolo trattasse di quanto era sucXXXXX all'apertura delle contrattazioni col titolo collocato quel giorno stesso (il 21) e che poi nel resto delle contrattazioni era sceso notevolmente. In seguito ai tuoi post ho scoperto che invece il titolo era stato collocato già venerdì 18, e quel giorno aveva sostanzialmente tenuto.E quindi i due eventi sono contemporanei!Ma allora è proprio "giustizia ad orologeria"! :|
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Acqua calda
            :Ddirei che è solo una coincidenza, complice anche il fatto che ora - essendo azienda quotata - FB deve dare comunicazione IMMEDIATA di ogni questione del genere
Chiudi i commenti