USA, boy-scout delatori contro i pirati

Anche L.A. si dota di un singolare armata antipirateria, pronti a diffondere la cultura del copyright e denunciare le violazioni perpetrate da amici, parenti e genitori. In nome di Hollywood

Los Angeles (USA) – A volte la Cina copia dagli Stati Uniti, altre volte accade il contrario: i boy-scout dell’area metropolitana di Los Angeles, in California, hanno deciso di fare come i colleghi di Hong Kong e dedicarsi attivamente alla lotta contro la pirateria . I giovani potranno partecipare ad un programma d’addestramento per essere annoverati tra gli “ufficiali” del reparto dedicato alla protezione del copyright.

In entrambi i casi c’è lo zampino delle major: MPAA , l’associazione dei cinematografici americani, ha stipulato questo insolito accordo con i boy-scout di Los Angeles per assicurarsi una vero e proprio gruppo di pressione che diffonda la cosiddetta “cultura del copyright” e del rispetto della proprietà intellettuale.

la mostruosa patch - da BoingBoing.net I giovani che aderiranno al progetto verranno informati sulle dinamiche del file sharing e saranno chiamati a difendere i diritti delle major in qualsiasi occasione: a casa, sul luogo di studio e tra gli amici. Finora gli aderenti sono oltre 52mila e Dan Glickman, presidente della MPAA, si è detto molto soddisfatto: “Lavorare con gli scout di Los Angeles”, ha dichiarato, “serve per educare le nuove generazioni sul valore dei film e della proprietà intellettuale”.

Il curriculum del programma d’addestramento antipirateria, rivolto ai giovani d’età compresa tra i 6 ed i 21 anni, richiede agli scout di saper identificare e denunciare ogni violazione del copyright – nella vita reale così come nello spazio digitale di Internet. I ragazzi vengono incoraggiati alla diffusione ed all’uso di Parent File Scan , un apposito software che serve per identificare e catalogare i programmi P2P ed i file multimediali contenuti sui dischi rigidi di un computer.

Nel frattempo, la pirateria continua a proliferare nonostante i grandi sforzi da parte dell’industria multimediale e delle autorità. Il fenomeno ha iniziato a toccare il continente africano , raggiungendo definitivamente uno status globale. Secondo alcuni, la pirateria è un vero e proprio modello di business alternativo a quello legittimo, che non va combattuto con le armi della persecuzione legale ma con nuove dinamiche di distribuzione per i prodotti d’ingegno.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • stefano ventura scrive:
    censura youtube
    questo non è nient'altro che censura...copy-right su filmati di reti generaliste???????ma fatemi il piacere...e allora quando STUDIO APERTO fa servizi con i video di YOUTUBE?dovremmo chiedere soldi a Mediaset per diritti d'autore???????VERGOGNA!!!
  • Anonimo scrive:
    Violenza...
    Jack Straw, a capo della camera bassa del Parlamento britannico, vorrebbe fare qualcosa per regolare la diffusione di video autoprodotti e pubblicati sul Web. "Sono preoccupato per gli atti di violenza che vengono registrati su cellulare", ha detto Straw, "e diffusi sul Web per essere mostrati al grande pubblico".La violenza televisa invece non esiste? Ma anche se...chissene...Ma nel frattempo loro friggono vivi gli iraqeni con le bombe al fosforor.
  • Anonimo scrive:
    Ci mancava anche la censura
    a questo punto direi proprio che YouTube non ha davvero più niente da offrire.. non che prima ce lo avesse :)già non capivo prima come milioni di utenti si accontentassero dei video a pessima qualità e per la maggior parte brevissimi (pochi minuti neanche) che YouTube offriva, ora voglio proprio vedere se staranno ancora lì (i milioni di utenti) a farsi censurare i propri video da loro prodotti, magari anche con fatica, no, scusate ho detto 'na cavolata, data la bassa qualità non possono essere stati prodotti con fatica.Comunque voglio proprio vedere se oltre alla pessima qualità ora si sorbiranno pure le censure! hahahah :D :Dse lo fanno sono proprio.... e non dico altro! (rotfl)(rotfl)
  • meksONE scrive:
    paura paura! arrivano i video gratis!
    molto divertenti le prese di posizioni della major, delle persone AMPIE DI VEDUTE che abitano l'inghilterra e, stranamente, dei giapponesi...passeranno solo pochi anni e tutto crollerà. Internet è ovunque, finalmente, la gente comincia a capire che si trova tutto, MA PROPRIO TUTTO, e le major e le multinazionale corrono ai ripari facendo cosa? Blindando e cercando di proteggere la poca merce che hanno. Si, perchè di merce buona ce n'è davvero poca, c'è molto di meglio in giro. Notizie, cultura, contenuti e prodotti in gran parte gratuiti e creati dalla gente della Rete. Hanno paura, si, il loro orticello sta per essere calpestato, è solo una questione di tempo...
  • Anonimo scrive:
    Dove arriva google arriva la censura?
    Google censurato per far piacere al regime comunista cinese.A cos'altro assisteremo?Email su gmail censurate prima ancora di aprire la casella di posta?
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove arriva google arriva la censura?
      La censura? C'era prima di Google. Ci sara' anche dopo.O vuoi forse darci intendere che se i detentori dei diritti video fanno causa a un sito che li distribuisce gratis, e' colpa di google?
      • Anonimo scrive:
        Re: Dove arriva google arriva la censura
        - Scritto da:
        La censura? C'era prima di Google. Ci sara' anche
        dopo.
        O vuoi forse darci intendere che se i detentori
        dei diritti video fanno causa a un sito che li
        distribuisce gratis, e' colpa di
        google?in effetti il titolo doveva essere "Dove arriva google, arrivano i $ sicuri", e via di campagne di avvocati contro il tubo. il Tubo ha sempre avuto roba che e' (c) di qualcuno ,solo che finche resti un po nell'ombra, le major dormono.. attendendo il momento propizio :P
  • MandarX scrive:
    quand'è che....
    JASRAC, l'equivalente nipponico della SIAE, ha costretto l'azienda recentemente acquistata da Google a rimuovere 30mila videoclip con l'accusa di violazione del copyright. 30mila videoclip? li hanno visto ad uno ad uno?chissa quante persone pagate per farlo e pensare che c'è chi si guarda i video gratis (cioe senza essere pagato) quand'è che brevetteranno la scrittura cosi potranno denunciare tutto il mondo per aver fatto uso della scrittura o meglio possono brevettare la parola cosi per parlare dobbiamo pagare qualcuno, altrimenti DENUNCIA
    • Anonimo scrive:
      [OT] Re: quand'è che....
      - Scritto da: MandarX
      JASRAC, l'equivalente nipponico della SIAE, ha
      costretto l'azienda recentemente acquistata da
      Google a rimuovere 30mila videoclip con l'accusa
      di violazione del copyright.


      30mila videoclip? li hanno visto ad uno ad uno?
      chissa quante persone pagate per farlo e pensare
      che c'è chi si guarda i video gratis (cioe senza
      essere
      pagato)

      quand'è che brevetteranno la scrittura
      cosi potranno denunciare tutto il mondo per aver
      fatto uso della scrittura

      o meglio possono brevettare la parola cosi per
      parlare dobbiamo pagare qualcuno, altrimenti
      DENUNCIAio voglio il bollino SIAE sul quaderno a scuola, se il compagno di banco mi copia il compito in classe deve andare in galera!
    • Anonimo scrive:
      Re: quand'è che....
      Uh?! Anche la scrittura adesso? Devo essermi perso qualcosa...Comunque, ti aggiorno sulle ultimissime notizie in via confidenziale: pare che volgiano mettere una tassa sull'aria: stai respirando e non hai pagato? DENUNCIA!!
  • Anonimo scrive:
    Addio Youtube....
    La prossima mossa quale sarà ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Addio Youtube....
      - Scritto da:
      La prossima mossa quale sarà ?piastrelle-telecamera autotassanti biometriche con data retention autodenunciante e autocensurante in uscita, il tutto in cella, dove nascerai e morirai, potendoti eventualmente - a pagamento s'intende - spostarti in altre celle di altri prigionieri del pianeta, purchè sotto controllo e pagando
  • Anonimo scrive:
    Re: Bravo Gino Paoli.
    beh effettivamente era ora , a noi ci rompono le èpalle subito a you tube niente .. c'era di tutto
  • Anonimo scrive:
    Ottima notizia
    Mi sembra un'ottima notizia. Anche se Youtube dovrebbe fare di più. Ad esempio invece di stipulare accordi del cavolo per l'utilizzo di musiche di proprietà di una multinazionale, dovrebbe spingere gli utenti ad utilizzare musiche con licenza CC o simili. Stessa cosa per il video, molti più suggerimenti su come creare i propri invece di prendere spezzoni di altri. Tutto questo favorirebbe la crescita culturale di tutti. Se su Youtube non ci fosse neanche uno spezzone di filmato che violi qualche licenza, vedremmo le major implorare per metterne qualcuno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ottima notizia
      - Scritto da:
      Mi sembra un'ottima notizia. Anche se Youtube
      dovrebbe fare di più. Ad esempio invece di
      stipulare accordi del cavolo per l'utilizzo di
      musiche di proprietà di una multinazionale,
      dovrebbe spingere gli utenti ad utilizzare
      musiche con licenza CC o simili. Stessa cosa per
      il video, molti più suggerimenti su come creare i
      propri invece di prendere spezzoni di altri.
      Tutto questo favorirebbe la crescita culturale di
      tutti. Se su Youtube non ci fosse neanche uno
      spezzone di filmato che violi qualche licenza,
      vedremmo le major implorare per metterne
      qualcuno.Si, visto che vivono di contributi altrui dovrebbero aiutare la gente a migliorarsi. Penso anche a corsi on-line su ripresa e montaggio, software sponsorizzati da loro per ripulire i filmati da inviare, ecc.Se la qualità media sale, il filmato professionale commerciale non mi serve più ad attirare la gente. Se poi qualcuno si fa un nome grazie a YouTube, certamente ne guadagna in promozione anche il sito.Le Major purtroppo sono Idre a cui non si riesce mai a tagliare tutte le teste che subito ricrescono. Cercasi Ercole disperatamente... @^
      • Anonimo scrive:
        Re: Ottima notizia

        Le Major purtroppo sono Idre a cui non si riesce
        mai a tagliare tutte le teste che subito
        ricrescono. Cercasi Ercole disperatamente...
        @^Prova con Kratos!
  • Anonimo scrive:
    Re: Bravo Gino Paoli.
    vivi bene tu!nel tuo mondo perfetto. sei un venditore di kirby?vendi contratti tele2?
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravo Gino Paoli.
      - Scritto da:
      vivi bene tu!
      nel tuo mondo perfetto.
      sei un venditore di kirby?
      vendi contratti tele2?Vendo dei kirby che aspirano contratti tele2. Una rivoluzione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bravo Gino Paoli.
        SMETTETELA DI DIRE MINCHIATE......BASTA CAPRONI!!AHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHYOU TUBE,NON SERVE A NULLA.....VIDEO BANALI....E STUPIDI.....CHE REATI FANNO BOH....MAHHH..!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Bravo Gino Paoli.
          ti si è incastrato il capslock mentre dicevi le cose intelligenti che tu sai dire
          • Anonimo scrive:
            Re: Bravo Gino Paoli.

            cose intelligenti che tu sai
            direcose intelligenti? dove?ne ha viste un paio una volta qui in giro, ma poi...(newbie)
        • Anonimo scrive:
          Re: Bravo Gino Paoli.
          Quando i reati fanno "boh",Si blocca il Caps Lock, si blocca il Caps Lock...
  • Anonimo scrive:
    Pessimo affare
    L'acquisizione di YouTube da parte di Google è stato un pessimo affareAi limiti della truffaProbabilmente a causa di questa disastrosa manovra "commerciale" Google falliràQuesto è l'inizio della fine
    • Athlon64 scrive:
      Re: Pessimo affare

      L'acquisizione di YouTube da parte di Google è
      stato un pessimo
      affare
      Ai limiti della truffa
      Probabilmente a causa di questa disastrosa
      manovra "commerciale" Google
      fallirà
      Questo è l'inizio della fineCerto, come no... al limite chiudono il sito e amen...
    • lucamascaro scrive:
      Re: Pessimo affare
      - Scritto da:
      L'acquisizione di YouTube da parte di Google è
      stato un pessimo
      affare
      Ai limiti della truffa
      Probabilmente a causa di questa disastrosa
      manovra "commerciale" Google
      fallirà
      Questo è l'inizio della fineCon un investimento d'acquisto di circa 1/8 del fatturato annuo dell'anno scorso di google questo problema di sicuro non c'è, inoltre lo stesso problema è stato paventato da anni sia per i link da google al materiale illegale sia per altri servizi di google (es: books)
    • Anonimo scrive:
      Re: Pessimo affare
      - Scritto da:
      L'acquisizione di YouTube da parte di Google è
      stato un pessimo
      affare
      Ai limiti della truffa
      Probabilmente a causa di questa disastrosa
      manovra "commerciale" Google
      fallirà
      Questo è l'inizio della fineUna volta tanto vorrei vedere questa fine che tutti dicono continuamente che inizia.Quante volte si e' letto "inizio della fine del mondo, della sony, della MS, della Apple, di Linux..." ecc.In previsioni voi "iniziofinologi" ci azzeccate davvero poco, evidentemente non ci capite davvero nulla del mondo.
      • LockOne scrive:
        Re: Pessimo affare
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        L'acquisizione di YouTube da parte di Google è

        stato un pessimo

        affare

        Ai limiti della truffa

        Probabilmente a causa di questa disastrosa

        manovra "commerciale" Google

        fallirà

        Questo è l'inizio della fine

        Una volta tanto vorrei vedere questa fine che
        tutti dicono continuamente che
        inizia.

        Quante volte si e' letto "inizio della fine del
        mondo, della sony, della MS, della Apple, di
        Linux..."
        ecc.
        In previsioni voi "iniziofinologi" ci azzeccate
        davvero poco, evidentemente non ci capite davvero
        nulla del
        mondo.
        Vero. Vogliamo parlare del baco del Duemila?
        • Anonimo scrive:
          Re: Pessimo affare
          - Scritto da: LockOne
          Vero. Vogliamo parlare del baco del Duemila?Manovra commerciale per vendere soluzioni di conversione a peso d'oro.Il pericolo era non nullo, ma e' stato ampiamente sovradimensionato. Era talmente tanto il FUD sparso in quei giorni che io personalmente sono stato interpellato piu' volte da conoscenti preoccupati che un aereo di linea gli cascasse sulla testa (scherzo, ma di preoccupazione ne girava parecchia).Addirittura, venivano nominati responsabili al controllo che si sono dovuti fare quel capodanno sul posto di lavoro.Gli unici veri problemi in realta' risiedevano nei database e nei software legacy (c'e' pure una barzelletta sul cobol, in materia) datati. Solo che, anche in caso di problemi, i danni sarebbero stati facilmente riparabili (mai sentito parlare di backup?).Senonche' si sono venduti un monte di software di analisi di tali sorgenti, a prezzi non particolarmente modici.k1
          • Anonimo scrive:
            Re: Il duemila era un campanello
            [snip "la soluzione sta nei backup"]
            Che cosa vuoi farci di un backup? I sistemiConsideravo i casi in cui potevano avvenire cancellazioni di record tramite query.In effetti la cosa e' rimasta tra cervello e tastiera... ^_^;
            Il duemila è stato un campanello d'allarme, e per
            la prima volta in molte aziende si è cominciato a
            parlare di business continuity e qualità del
            codice; passata la paura - purtroppo - in molti
            se ne sono dimenticati almeno fino all'undici
            settembre (oltre al dramma umano, centinaia di
            aziende hanno avuto i servizi informatici
            compromessi o distrutti, o scollegati per
            giorni).Felice di sentire qualcuno che la cosa l'ha vissuta in pieno (personalmente mi ha toccato solo di striscio, in quanto non avevamo niente a rischio).Riporto solo un altro dato: le Pubbliche Amministrazioni presenti sul territorio ad un certo punto furono chiamate dalla Prefettura a raccontare la loro esperienza e definire il loro stato in merito alla cosa. Ricordo che il risultato se non roseo risulto' accettabile; la cosa mi colpi' favorevolmente.Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pessimo affare
      - Scritto da:
      L'acquisizione di YouTube da parte di Google è
      stato un pessimo
      affare
      Ai limiti della truffa
      Probabilmente a causa di questa disastrosa
      manovra "commerciale" Google
      fallirà
      Questo è l'inizio della finesi, moriremo tuttilentamentee dolorosamentee quando saremo li li sul finirepasseranno "LORO" (i cattivi) e ci daranno una botta sui maroni
    • Anonimo scrive:
      Re: Pessimo affare
      - Scritto da:
      L'acquisizione di YouTube da parte di Google è
      stato un pessimo
      affare
      Ai limiti della truffa
      Probabilmente a causa di questa disastrosa
      manovra "commerciale" Google
      fallirà
      Questo è l'inizio della fineE' arrivato il manager per eccellenza!
      • Anonimo scrive:
        Re: Pessimo affare
        pessimo affare?? adesso uno o usa youtube o googlevideo......ciò vuol dire monopolio che nn mi è mai sembrato un pessimo affare p)
    • xWolverinex scrive:
      Re: Pessimo affare
      Si, certo. Ti ricordo che il responsabile e' chi uploada e non chi fornisce il servizio (nel caso di aziende + piccole vale il contrario, ma solo xke' non possono pagarsi gli avvocati). Al massimo renderanno pubblico l'ip di chi posta cosi' ti assumi la tua responsabilita'. Punto.
  • Anonimo scrive:
    Un Oceano di guai per Google 2
    http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1689370&m_id=1689706&r=PIe qualcuno diceva che non avevo ragione...Tonno Nostradamus
    • Anonimo scrive:
      Re: Un Oceano di guai per Google 2
      i guai saranno per gli utenti visto che prima di upaare uno si prende la responsabilità che il materiale n nsia protetto...(troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: Un Oceano di guai per Google 2
        E mi sembra anche il minimo! Se uppi qualcosa di illegale è colpa tua mica di chi ti ha messo a disposizione il sito!
  • Anonimo scrive:
    Google
    guarda caso tutto questo dopo una settimana dalla tanto discussa acquisizione
    • Anonimo scrive:
      Re: Google
      - Scritto da:
      guarda caso tutto questo dopo una settimana dalla
      tanto discussa
      acquisizioneLa JASRAC si era attivata da un pezzo, non sono azioni legali che si preparano in fretta e furia in una settimana.Inoltre nulla dinuovo, e' loro prassi condurre azioni legali di continuo in merito all'argomento.http://www.jasrac.or.jp/ejhp/release/index.htmlE YouTube non ha di questi problemi solo da una settimana a questa parte, lo dice anche l'articolo stesso: "...major, che spesso hanno attaccato YouTube per la distribuzione abusiva di contenuti multimediali d'autore."Quindi il tuo "guarda caso", non ci dice nulla se non che sei fortemente paranoico ma senza argomenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Google
      - Scritto da:
      guarda caso tutto questo dopo una settimana dalla
      tanto discussa
      acquisizionequesto non certo per "colpa" di Google, ovviamente
  • Anonimo scrive:
    Non vedo il motivo
    Non vedo il motivo di preoccuparsi di filmati che non hanno tutta questa qualità. La gente che si è vista qualche spezzone di partita probabilmente voleva vedersi alcuni pezzi che aveva perso oppure vedere match storici tutto qui. Di certo non li avrebbe comperati se ci fosse stato il dvd. Tutte queste lobby hanno paura di perdere soldi, pensassero a fare cose dalla migliore qualità.Xile!
    • avvelenato scrive:
      Re: Non vedo il motivo
      - Scritto da:
      Non vedo il motivo di preoccuparsi di filmati che
      non hanno tutta questa qualità. La gente che si è
      vista qualche spezzone di partita probabilmente
      voleva vedersi alcuni pezzi che aveva perso
      oppure vedere match storici tutto qui. Di certo
      non li avrebbe comperati se ci fosse stato il
      dvd. Tutte queste lobby hanno paura di perdere
      soldi, pensassero a fare cose dalla migliore
      qualità.

      Xile!Non è che hanno paura di perdere soldi, piuttosto vogliono il pizzo da chiunque.
Chiudi i commenti