USA: broad band solidale per tutti

La banda larga come servizio universale: i cittadini americani che utilizzano servizi di TLC finanzieranno l'allargamento della copertura broad band


Washington (USA) – Se va in porto al Congresso una modifica legislativa dell’ultim’ora, gli Stati Uniti potrebbero riuscire ad indicare la strada ai molti paesi che fanno grandi sforzi per diffondere l’accesso a banda larga sull’interezza del proprio territorio.

Una proposta che sta raccogliendo vasti consensi nel parlamento americano, infatti, prevede che tutti gli utenti di servizi di telecomunicazione, anche quelli dei servizi internet, contribuiscano al Fondo nazionale per il servizio universale , un fondo che è nato a suo tempo per sviluppare la telefonia sul territorio. Via via si è sviluppato per allargare le proprie attività a tutti i settori delle telecomunicazioni. Domani, nonostante le molte polemiche che da sempre circondano il Fondo, potrebbe rappresentare un nuovo strumento contro il digital divide.

La partecipazione al fondo coinvolge oggi pressoché tutti gli operatori di telefonia, wired e wireless, ma esclude i provider: dato che le imprese riversano buona parte degli oneri del Fondo sugli utenti, ciò significa che al momento proprio gli utenti che si avvantaggiano dei servizi di connettività più veloci non partecipano “solidalmente” alla diffusione del broad band laddove la redditività per gli ISP e gli altri operatori non può essere garantita.

Ma non è solo questo. Scopo del Fondo è anche quello di fornire gli strumenti di telecomunicazione a chi non può permetterseli, a chi non può spendere per un abbonamento mensile ADSL o una connessione via cavo. Da qui, dunque, l’esigenza voluta dai promotori della modifica legislativa di aumentare il contributo al Fondo da parte degli operatori, una proposta che rischia però di sollevare le ire delle imprese del settore.

La determinazione dei parlamentari sembra comunque elevata. “Noi – hanno scritto in 62 in una lettera indirizzata ai membri della commissione del Commercio della Camera dei Rappresentanti – dobbiamo garantire politiche atte a tutelare le infrastrutture che rendono disponibili a tutti negli Stati Uniti i servizi avanzati, compreso il broad band”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    h-t eu ripulito spazzini di gates & C
    come risulterà chiaro domani sera
  • Anonimo scrive:
    L'hi-tech europeo sarà pulito?!
    Vedrete che bel repulisti ci sarà quando questi stolti politici europei faranno passare la brevettabilità del software ! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: L'hi-tech europeo sarà pulito?!
      - Scritto da: Anonimo
      Vedrete che bel repulisti ci sarà quando questi
      stolti politici europei faranno passare la
      brevettabilità del software ! :DDimenticavo, altro che hi-tech europeo pulito!
  • Anonimo scrive:
    voi non avete idea...
    ...degli abnormi sprechi ed inefficenze energetiche che ci sono dappertutto nelle grosse strutture statali e non.(a cominciare ovviamente da computer e schermi lasciati accesi 24/7, inutilizzati, senza uno straccio di power management, ma magari la cosa si fermasse li`...)pero` da un certo punto di vista e` un bene, perche` significa che il giorno che realmente saremo senza energia (crisi del petrolio imminente), c'e` un'ENORME fonte a cui attingere a volonta` ovvero la riduzione degli sprechi
    • Anonimo scrive:
      Re: voi non avete idea...
      - Scritto da: Anonimo
      pero` da un certo punto di vista e` un bene,
      perche` significa che il giorno che realmente
      saremo senza energia (crisi del petrolio
      imminente), c'e` un'ENORME fonte a cui attingere
      a volonta` ovvero la riduzione degli sprechiNoo ma piuttosto metteranno tutto a carbone... :(
  • Anonimo scrive:
    Hi-Tech europeo?
    Coi brevetti sulle idee, forse le multinazionali USA ci lasceranno usare macchine a vapore e grammofoni a cilindro cerato.
  • Anonimo scrive:
    Il problema non e' solo LI'
    l'altra meta' si chiama consumismo + menefreghismo.E' pieno di bestie.
  • Anonimo scrive:
    abbassare del 20% il consumo elettrico !
    Mi sa che ci faremo grasse risate ! :D :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: abbassare del 20% il consumo elettrico !
      - Scritto da: Anonimo
      Mi sa che ci faremo grasse risate ! :D :D :D che novità
      • Anonimo scrive:
        Re: abbassare del 20% il consumo elettrico !
        che tra l'altra basta vedere le direttive per gli automezzi quello che hanno fatto, non sarebbe cambiato niente senza di quelle
        • Anonimo scrive:
          Re: abbassare del 20% il consumo elettri
          - Scritto da: Anonimo
          che tra l'altra basta vedere le direttive per gli
          automezzi quello che hanno fatto, non sarebbe
          cambiato niente senza di quellei SUV sono automezzi ?
          • Anonimo scrive:
            Re: abbassare del 20% il consumo elettri
            - Scritto da: Anonimo

            che tra l'altra basta vedere le direttive per gli

            automezzi quello che hanno fatto, non sarebbe

            cambiato niente senza di quelle

            i SUV sono automezzi ?Sì e inquinerebbero molto di più senza le direttive europee, non credo siano nati per colpa di esse.
          • Anonimo scrive:
            Re: abbassare del 20% il consumo elettri
            Non sono i SUV ad inquinare, ma quello che si mette nel serbatoio.Quando ci sarà la convenienza economica si passerà all'era dell'idrogeno, ma per arrivarci l'idrogeno dovrà avere prezzi molto più bassi del petrolio perchè sarà tutta la catena dell'energia che dovrà essere sostituita (non solo le auto, anche le pompe, le centrali che producono idrogeno ecc...).
          • Anonimo scrive:
            Re: abbassare del 20% il consumo elettri
            - Scritto da: Anonimo
            Non sono i SUV ad inquinare, ma quello che si
            mette nel serbatoio.

            Quando ci sarà la convenienza economica si
            passerà all'era dell'idrogeno, ma per arrivarci
            l'idrogeno dovrà avere prezzi molto più bassi del
            petrolio perchè sarà tutta la catena dell'energia
            che dovrà essere sostituita (non solo le auto,
            anche le pompe, le centrali che producono
            idrogeno ecc...).dove si trova l'idrogeno in natura?l'idrogeno è un mezzo per immagazzinare energia, mi sta bene l'uso dell'idrogeno se l'energia che hai prodotto e vuoi immagazzinare proviene da una fonte pulita (solare, eolico ...)inoltre mi sta bene se la produzione di idrogeno non è inquinanteci sono troppi "se" nel mio ragionamento?
    • Anonimo scrive:
      Re: abbassare del 20% il consumo elettri
      Cominciamo col spegnere i vibratori, eh?
  • Anonimo scrive:
    non ci crederò mai
    come da oggetto
Chiudi i commenti