Valve, videogioco usato non si vende

Il titolo acquistato resta vincolato all'account del primo acquirente. Secondo la giustizia tedesca il codice videoludico non può passare di mano, a differenza di una copia fisica

Roma – I giochi non sono un prodotto rivendibile per Valve: una volta che l’utente ne ha acquisito la licenza, il contratto lo vincola ad esserne l’unico detentore. Le condizioni d’uso hanno vinto sull’orientamento europeo in materia di software usato: il tribunale di Berlino ha scelto di chiudere il caso con cui i consumatori tedeschi rivendicavano il proprio diritto ad essere in tutto e per tutto proprietari del codice acquistato sulla piattaforma videludica Steam, e quindi il diritto di cederlo a terzi.

L’associazione Verbraucherzentrale Bundesverband (VZBV) sta agendo da tempo contro le politiche di Valve: secondo i consumatori il contratto che viene imposto agli utenti sarebbe iniquo, in quanto non permette di trasferire, a pagamento o a titolo gratuito, i titoli acquistati , vincolati all’account del singolo gamer. I consumatori vorrebbero dunque far valere il principio di esaurimento del diritto di distribuzione che spetta originariamente al detentore dei diritti, secondo cui, analogamente alla dottrina statunitense del first sale , il primo acquirente può poi scegliere di regalare o vendere a terzi un prodotto protetto da proprietà intellettuale.

Le richieste di VZBV, apparentemente supportate dal parere della Corte di Giustizia dell’Unione Europea che, espressasi su un caso tedesco , aveva riconosciuto al sito usedSoft la possibilità di rivendere licenze Oracle “di seconda mano”, si sono però scontrate con il parere della Corte di Berlino, che ha archiviato il caso , confermando di fatto la validità del contratto di licenza disposto da Valve.

La corte non ha dunque ritenuto valido il principio dell’ esaurimento del diritto di distribuzione in riferimento ai videogiochi venduti senza supporto fisico : le motivazioni della decisione non sono ancora state rese pubbliche ma, secondo gli osservatori , per quanto il caso sollevato di fronte alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea sia simile a quello che coinvolge Valve, differisce nel quadro normativo di riferimento. Se le autorità europee hanno deliberato riguardo al software per computer così come descritto dalla Direttiva 2009/24/CE , il tribunale tedesco ha dovuto prendere una decisione in materia di videogiochi, prodotto più complesso che integra del materiale audiovisivo, e che ricade nell’alveo della Direttiva 2001/29/CE , che garantisce il principio di esaurimento della distribuzione ma che non entra nei dettagli della casistica correlata alla distribuzione di prodotti immateriali.

In attesa delle motivazioni, in attesa di conoscere le prossime mosse dei consumatori tedeschi, certo è che Valve potrà continuare a perseguire le proprie politiche di distribuzione legate agli account, godendo della leggerezza del digitale senza però rinunciare ai vantaggi pratici del supporto fisico .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kristal cerqua scrive:
    aiutoooooooooooooo
    voglio eliminare il mio account wechat. come devo fare? lo detesto!
  • zupermario scrive:
    ah beh ma allora ci fate!
    Perche' su SISTEMA OPERATIVO c'e' il disegnino della mela bacata, non lo sapete che c'e' anche per android???
  • millo scrive:
    la mia esperienza
    In fuga da whatsapp l'ho provato. Una volta iscritto praticamente non puoi più cancellare l'account, in teoria basterebbe scrivere al team di supporto, fatto più volte... ricevuto solo pubblicità. Le funzioni "shake" e "persone vicine", be... a 300 metri ho un tipo con l' avatar con una sua immagine mentre si smanetta... tralascio il suo commento. Ho dovuto usare un' email usa&getta per eliminare il più possibile i miei dati personali e meno male che non ho figli che la potrebbero usare. Poi i soldi per pagare messi, belen, eccetera........ da dove li prendatanno?
    • Cr4z33 scrive:
      Re: la mia esperienza
      - Scritto da: millo
      In fuga da whatsapp l'ho provato.
      Una volta iscritto praticamente non puoi più
      cancellare l'account, in teoria basterebbe
      scrivere al team di supporto, fatto più volte...
      ricevuto solo pubblicità.

      Le funzioni "shake" e "persone vicine", be... a
      300 metri ho un tipo con l' avatar con una sua
      immagine mentre si smanetta... tralascio il suo
      commento.

      Ho dovuto usare un' email usa&getta per eliminare
      il più possibile i miei dati personali e meno
      male che non ho figli che la potrebbero usare.

      Poi i soldi per pagare messi, belen,
      eccetera........ da dove li
      prendatanno?Ammazza.. come prima esperienza è stata proprio tragica... asd. :D
    • Cr4z33 scrive:
      Re: la mia esperienza
      - Scritto da: millo
      In fuga da whatsapp l'ho provato.
      Una volta iscritto praticamente non puoi più
      cancellare l'account, in teoria basterebbe
      scrivere al team di supporto, fatto più volte...
      ricevuto solo pubblicità.

      Le funzioni "shake" e "persone vicine", be... a
      300 metri ho un tipo con l' avatar con una sua
      immagine mentre si smanetta... tralascio il suo
      commento.

      Ho dovuto usare un' email usa&getta per eliminare
      il più possibile i miei dati personali e meno
      male che non ho figli che la potrebbero usare.

      Poi i soldi per pagare messi, belen,
      eccetera........ da dove li
      prendatanno?Ammazza.. come prima esperienza è stata proprio tragica... asd. :D
    • ndr scrive:
      Re: la mia esperienza

      Poi i soldi per pagare messi, belen,
      eccetera........ da dove li
      prendatanno?Si ma anche te......ti affidi a un prodotto che per farsi pubblicità si affida a Belen......te le vai a cercare!E, di grazia, perchè scappavi da wahatsapp? Cos'ha che non va? E non dire "privacy" perchè anche i bambini sanno che TUTTE le app gratuite vivono grazie ai tuoi dati personali.........
      • sbrotfl scrive:
        Re: la mia esperienza
        - Scritto da: ndr

        Poi i soldi per pagare messi, belen,

        eccetera........ da dove li

        prendatanno?

        Si ma anche te......ti affidi a un prodotto che
        per farsi pubblicità si affida a Belen......te le
        vai a
        cercare!

        E, di grazia, perchè scappavi da wahatsapp?
        Cos'ha che non va? E non dire "privacy" perchè
        anche i bambini sanno che TUTTE le app gratuite
        vivono grazie ai tuoi dati
        personali.........Whatsapp non è gratuita... in pratica paghi la sodomizzazione :D
    • king volution scrive:
      Re: la mia esperienza
      - Scritto da: millo
      In fuga da whatsapp l'ho provato.
      Una volta iscritto praticamente non puoi più
      cancellare l'account, in teoria basterebbe
      scrivere al team di supporto, fatto più volte...
      ricevuto solo pubblicità.

      Le funzioni "shake" e "persone vicine", be... a
      300 metri ho un tipo con l' avatar con una sua
      immagine mentre si smanetta... tralascio il suo
      commento.

      Ho dovuto usare un' email usa&getta per eliminare
      il più possibile i miei dati personali e meno
      male che non ho figli che la potrebbero usare.

      Poi i soldi per pagare messi, belen,
      eccetera........ da dove li
      prendatanno?non bastava la pubblicità alla mela marcia mascherata da recensione... adesso si pubblicizzano pure i malware...
Chiudi i commenti