VIA e Pinguino 3msc

Il chipmaker annuncia una iniziativa che lo porterà a condividere con la comunità open source driver, documentazione tecnica, codici sorgente e specifiche relative ai propri chipset ed altri componenti hardware

Austin (USA) – Seppure non sia stata esattamente un successo, sembra proprio che la recente petizione in cui si chiedeva a VIA di aprire i propri driver, non sia rimasta inascoltata. Ieri, in occasione del Linux Foundation Collaboration Summit , il produttore taiwanese ha infatti svelato una iniziativa con la quale intende fornire pieno supporto alla community di sviluppatori open source.

un chip VIA Come primo passo di questa iniziativa, VIA aprirà entro questo mese il proprio sito ufficiale dedicato a Linux : linux.via.com.tw , al momento attuale ancora inesistente. Il sito ospiterà inizialmente driver, documentazione tecnica, codici sorgente e informazioni riguardanti i chipset VIA CN700, CX700/M, CN896 e il nuovo VIA VX800, con la previsione di aggiungere forum ufficiali e supporto ad ulteriori prodotti entro l’anno.

Alcuni dei chipset di cui VIA rilascerà codice e documentazione si trovano all’interno di alcuni noti modelli di mini notebook e UMPC, tra i quali l’appena presentato Mini-Note 2133 di HP .

Nei prossimi mesi VIA ha inoltre promesso di collaborare con la comunità Linux per migliorare, sulla piattaforma open source, le performance 2D, 3D e di accelerazione video dei propri chipset grafici integrati.

“Per migliorare ulteriormente la cooperazione con la community, VIA seguirà tempistiche in linea con le evoluzioni del kernel e con il rilascio delle nuove release delle principali distribuzioni Linux”, ha affermato VIA. “Le beta release, saranno inoltre pubblicate sul sito complete di bug report e tracking feature”.

“Questo annuncio è il primo passo nell’attuazione della nostra nuova iniziativa volta a rispondere al meglio alle necessità della community Open Source”, ha commentato Richard Brown, vicepresidente del corporate marketing di VIA. “Siamo fortemente impegnati a migliorare i livelli di collaborazione con la community e favorire un approccio ancora più semplice alle piattaforme VIA”.

Nel testo della petizione che, lo scorso gennaio, chiedeva a VIA di migliorare il proprio supporto all’open source, si sostiene che i driver per Linux forniti dall’azienda sono pieni zeppi di bug, vulnerabilità di sicurezza e problemi di performance. Ma le cose, promette adesso VIA, miglioreranno presto. E di sicuro c’è chi verificherà attentamente che il produttore mantenga quanto promesso a milioni di sviluppatori.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tutti o nessuno scrive:
    servizio di élite per pochi
    avevo scaricato i moduli di iscrizione per editori ma non si capisce quasi niente, sono molti, complicati e burocratizzati, quasi a voler scoraggiare la partecipazione... in pratica possono aderire solo le grosse aziende... forse vogliono comprare e vendere pubblicità esclusivamente tra di loro?http://www.audiweb.it/links/index.php
  • Nilok scrive:
    Certamente: gli asini volano.
    Ave.Chi potrebbe mettere in dubbio ciò che direbbero "i rilevamenti"????In realtà non dormivo la notte al pensiero che si rifacessero vivi costoro e che FINALMENTE ricalcolassero ciò che DEVE essere monitorato per sfamamre quella BESTIA VORACE chiamata "Pubblicità"!!!A prestoNilok
    • MegaJock scrive:
      Re: Certamente: gli asini volano.
      No, non "a presto". Sparisci o ti attacco ad un e-meter collegato al traliccio dell'alta tensione e ti faccio un auditing terminale.
Chiudi i commenti