Virus bio-nano-ingegnerizzati nelle batterie next gen

L'ennesimo, clamoroso avanzamento nelle tecnologie degli accumulatori energetici passa dai virus. Promettendo in breve di far partire la rivoluzione verde

Roma – Le celle a combustibile portatili sono quasi pronte per la commercializzazione , le batterie al litio “più verdi” costano ma ci sono già, quelle al gusto di metallo fuso sono in fase di ricerca e quelle con la super-ricarica quasi le si può scorgere all’orizzonte. Che cosa manca all’appello? Manca una tecnologia di accumulazione energetica totalmente “verde”, composta da materiali il più possibile naturali e che magari contenga un tocco di bioingegneria nanoscopica applicata.

Ora quella tecnologia c’è , ed è stata presentata al mondo (attraverso la rivista Science ) da ricercatori facenti capo a quello stesso Massachusetts Institute of Technology da cui provengono già gli accumulatori liquidi e quelli con la super-ricarica di cui sopra. In questo caso gli esperti hanno sviluppato batterie alquanto innovative, basate su virus comuni geneticamente modificati per catalizzare i processi chimici assieme a particolari qualità di materiali.

Le notizie che arrivano ora dal MIT si basano sui risultati di una ricerca pregressa risalente a tre anni fa, nel corso della quale Angela Belcher e il suo team riuscirono a bioingegnerizzare un virus per far sì che esso desse “vita” a un catodo legandosi all’ossido di cobalto e all’oro, autoassemblandosi infine nella forma di un nanotubo. Il virus impiegato era un comune batteriofago, innocuo per gli esseri umani ma letale per gli organismi batterici.

La variabile mancante nell’equazione energetica era però il catodo da accoppiare con l’anodo virale, un elemento più complicato da costruire: avrebbe dovuto essere altamente conduttivo per essere un elettrodo efficiente. La nuova ricerca del MIT ci è però riuscita, realizzando il prototipo di una batteria in formato “moneta” rispettosa dell’ambiente quanto più è possibile.

L’accumulatore viene infatti costruito operando a temperatura ambiente, non include l’impiego di solventi organici pericolosi e contiene materiali atossici. Per ottenere questo autentico miracolo , i ricercatori hanno ancora una volta fatto ricorso alla bioingegneria e alle nanotecnologie, istruendo geneticamente il già citato batteriofago a coalizzarsi con il fosfato di ferro e poi a legarsi chimicamente con un nanotubo di carbonio , ottenendo come risultato finale un materiale ad alta conduttività elettrica.

L’impiego dei nanotubi di carbonio (attraverso cui il flusso di elettroni fluisce veloce ed efficiente) ha portato vantaggi senza precedenti come l’aggiunta della suddetta conduttività al netto di un aumento eccessivo di peso, e una capacità energetica che dura nel corso del tempo molto più che nelle tradizionali batterie li-ion, con i test di laboratorio che hanno escluso qualsiasi perdita di capacità dopo 100 cicli di carica e scarica.

Più efficienti, rispettose dell’ambiente, più leggere e facili da realizzare, le bio-batterie virali del MIT potrebbero invadere tutti i settori dell’elettronica di consumo e non solo, dalle unità UPS nei server dei data center al cellulare o al netbook. Per il momento le ricerche continuano, e gli esperti provano a ingegnerizzare materiali in grado di garantire voltaggi e capacità superiori. La next gen delle batterie virali sarà presto pronta per il mercato, promettono dal MIT.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ultrastudio scrive:
    Le avvisaglie di qualcosa di grosso?
    L'ultima grande fusione nel mercato del software è stata quella del tutto inaspettata di Macromedia con Adobe, che ha creato il più grande produttore di software grafici e di web developing che si fosse visto.Sicuramente i movimenti delle grandi aziende in questi mesi fanno pensare che nell'aria c'è qualcosa di grosso, ma cosa sia proprio facile da capire non è: non è affatto detto che la situazione di Sun Microsystem sia il nodo della questione (come non lo è stato Yahoo!). Secondo me ci stupiranno con qualche cosa che non si era pensata da qui a poco tempo (...in estate, poco prima della chiusura estiva?).Magari alla fine IBM si comprerà Sun per avere sotto mano Java (e web/figliolanze) e Solaris (come sostituto di OS/2?). Del resto ormai si è capito che tipo di target non vuole Big Blue: al settore hardware di consumo lascia fare ai cinesi di Lenovo.
    • Shu scrive:
      Re: Le avvisaglie di qualcosa di grosso?
      - Scritto da: ultrastudio
      Magari alla fine IBM si comprerà Sun per avere
      sotto mano Java (e web/figliolanze) e Solaris
      (come sostituto di OS/2?).Io la vedo in modo leggermente diverso.Java ormai e` open source quasi del tutto, e IBM ci punta molto, quindi probabilmente ne vuole un controllo piu` diretto.Ma Solaris, ormai, ha, rispetto a Linux, solo due cose: il nome e il filesystem.Puo` darsi che IBM prenda il fs e lo integri in Linux (speranza di molti), e che l'acquisto di Sun sia soprattutto per avere altri brevetti da usare in eventuali guerre e know-how (i programmatori, in pratica) per lo sviluppo di altre applicazioni (che possono essere il suddetto Java, ma anche Eclipse o Linux o altri dei molti progetti di IBM).Bye.
      • Alex scrive:
        Re: Le avvisaglie di qualcosa di grosso?
        Solaris è il miglior *nix sulla piazza, ed è l'unico vero sistema operativo innovativo per sistemi enterprise midrange e high-end. E rispetto a Linux ne ha a quintali di vantaggi.Piuttosto IBM farebbe bene a levare AIX e utilizzare un port di Solaris per system-P e Mainframe (che c'è gia tra l'altro), cosa che mi auguro succeda nel caso di acquisizione.
Chiudi i commenti