Vodafone: le femtocelle sono sicure

La società controbatte alla presunta individuazione di una vulnerabilità nella sua tecnologia di connettività indoor: la falla, dice, è stata scoperta e corretta già l'anno scorso

Roma – Gli hacker accusano: i dispositivi Vodafone Booster , ripetitori di segnale wireless in grado di estendere la connettività mobile anche nel luoghi non coperti dalla rete 3G, sono affetti da una grave vulnerabilità che li può trasformare in strumenti di spionaggio e intercettazioni senza pari. La vulnerabilità c’era, dice la multinazionale britannica, ma è stata sistemata già da un anno.

La scoperta dell’esistenza della vulnerabilità arriva da The Hacker’s Choice : gli smanettoni hanno avuto successo con il reverse engineering di un dispositivo Vodafone Booster, scoprendo la password di root (“newsys”) e modificando il box in modo da poter condurre ogni genere di azione “illecita” sulla rete wireless di Vodafone.

La femtocella “crackata” è stata aperta ai terminali esterni, mettendo in piedi un efficace strumento di intercettazione delle comunicazioni capace di ascoltare tutte le chiamate, accedere a ogni genere di informazione riservata. È inoltre possibile trasformare la femtocella in una vera e propria mini-stazione cellulare Vodafone in terra straniera, risparmiando così sui costi di roaming avendo a disposizione solo un laptop e un accesso a Internet in banda larga in locale.

La risposta di Vodafone alla scoperta di THC ha subito trasformato lo “scandalo” delle femtocelle vulnerabili in una tempesta in un bicchier d’acqua: si, è vero, quella vulnerabilità era già stata individuata, conferma Vodafone in Italia e all’ estero , ma il buco è stato chiuso già nel 2010 con una patch automatica inviata a tutti i dispositivi Vodafone in grado di funzionare da femtocella per la connettività wireless.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • aid85 scrive:
    e usare normali polaroid ?
    se uno li ha già non deve comperare nullavabbè la maggior parte dei multisala hanno dei proiettori con luminosità ridicola (che ai bambini piace tanto) quindi in effetti forse usare degli occhiali dedicati polarizzati ma poco scuri è meglio...io invece vado a vedere lo spettacolo 2d e risparmioche prila!
    • ciccio pasticcio quello vero scrive:
      Re: e usare normali polaroid ?
      - Scritto da: aid85
      se uno li ha già non deve comperare nulla

      vabbè la maggior parte dei multisala hanno dei
      proiettori con luminosità ridicola (che ai
      bambini piace tanto) quindi in effetti forse
      usare degli occhiali dedicati polarizzati ma poco
      scuri è
      meglio...

      io invece vado a vedere lo spettacolo 2d e
      risparmio

      che prila!se le lenti dei normali polaroid sono orientate correttamente, sì. altrimenti rischi di non vedere nulla, o di vedere doppio cmq.io i film in 3d che meritano vado a vederli nelle sale serie, e godo come un riccio.
  • sheldon cooper scrive:
    non ci credo...
    ...hanno trasformato il loro stesso pesce d'aprile in realtahttp://www.thinkgeek.com/interests/looflirpa/e8be/ :D
  • Roby10 scrive:
    bello ma...
    Prendo 2 occhiali 3d comprati al cinema, smonto le lenti e le rimonto scambiandone una destra con una sinistra, ed ecco che ho 2 paia di occhialini "trasforma 2D" al costo di 2 euro... Va bene lucrare, ma a tutto c'è un limite.
  • Iuri La Rosa scrive:
    Oppure te li fai gratis
    Oppure te li fai gratis prendendo due occhialetti e scambiando una lente in modo incrociato.
Chiudi i commenti