VodaTele2, via libera da Bruxelles

La Commissione Europea ha valutato e approvato l'acquisizione di Tele2 Italia e Spagna da parte dell'operatore mobile Vodafono

Bruxelles – Vodafone Group potrà procedere all’ acquisizione da 775 milioni di euro di Tele2 Italia e Tele2 Spagna, lo ha stabilito la Commissione Europea.

“L’operazione non ostacolerà in maniera significativa una concorrenza effettiva nello Spazio economico europeo o in una sua parte sostanziale” si legge in una nota da Bruxelles.

Le offerte dell’operatore mobile e quelle di Tele2 si sovrappongono solo nel mercato al dettaglio dell’accesso fisso a Internet a banda larga e nel mercato al dettaglio dei servizi di telefonia fissa: la quota di mercato combinata si limiterebbe a questi ambiti e si manterrebbe comunque al di sotto del 10%, spiega la Commissione. Nessun problema nemmeno sul fronte della concorrenza sui mercati all’ingrosso per l’accesso alle reti mobili e per la terminazione sulle reti fisse e mobili nei due paesi europei.

L’operazione consentirà a Vodafone di proporre offerte improntate alla convergenza fisso-mobile e di estendere a Italia e Spagna la propria presenza broad band sul mercato europeo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Simone scrive:
    Il caso...
    questo decreto a me ha creato solo problemi, è da maggio che cerco in qualche modo di ottenere questa fantomatica "Licenza", dopo un lungo peregrinare di ufficio in ufficio, scopro che dal 15 di settembre non era più possibile ottenere permessi perchè entro tale data il governo avrebbe dovuto emanare una nuova legge che avrebbe recepito appieno le direttive europee in materia.Purtroppo ciò non è stato fatto, io fino al 1/1/08 non posso lavorare, e questo è il ringraziamento per incentivare l'imprenditoria giovanile... 7 mesi buttati.PS: io non voglio aprire un internet point ma una più semplice scuola di formazione, ma dato che la gente utilizza i miei computer collegati a internet, in quanto tutti i miei servizi sono via internet, rientro nel caso del decreto.
  • DAVIDEPSY scrive:
    RETI WIRELESS??
    Se qualcuno cerca un accesso ad internet senza problemi di questo genere cercherebbe una delle tante reti wireless aperte.Ed i terroristi sono sicuramente più competenti di chi cerca di fare certe leggi.Proprio l'Italia che vanta di una grossa percentuale di analfabeti dell'informatica complica ancora di più la sua situazione.A qualcuno magari fa comodo che rimanga così... prendendo scuse che vanno in conflitto con il nostro sviluppo: cosa che alla nostra politica sembra non interessare.Destra o Sinistra, siamo sempre sotto lo stesso "regime"..... Hanno anche la faccia tosta di chiamarla democrazia....
  • Luca scrive:
    Ma i terroristi
    Ma i terroristi usano l'internet per far scoppiare gli autobus o abbattere i grattacieli?No, perchè a me risulta che usino le bombe... e che si incontrino di persona per preparare i piani. Magari in qualche campo di addestramento.Forse ci sarà qualche terrorista che usa l'email, molto più probabilmente a volte userenno il telefono. Però per le cabine del telefono non ci vuole il documento... dovremmo richiederlo anche lì?I mafiosi non usano nemmeno il telefono, si scambiano i bigliettini codificati con la Bibbia. Forse i terroristi islamici crittografano i bigliettini col Corano. Dovremmo chiedere il documento anche per acquistare una Bibbia, un Corano e addirittura carta e penna?Ma, di grazia, qualcuno mi spiega che pericolo comporta un terrorista su internet? Forse pubblica i filmati amatoriali degli sgozzamenti su youtube?
  • JLopez scrive:
    Solo l'Italia delle capre
    Solo l'Italia delle capre può ritenere che il decreto Pisanu abbia una qualche utilità. Se un individuo è realmente malintenzionato, non ci mette granché a presentare un documento falso.Il problema è queste cose per i cervelli medi sono impensabili. Il ragionamento diviene: se ti registro, un tuo qualunque reato sarà tracciato. E soprattutto, se nn ho niente da nascondere, nn ho motivo di non darti i documenti. Niente di più sciocco (per nn dire peggio...). Sia per i tempi d'indagine, che per la tipologia di dati salvati negli internet café (solo i log di navigazione, intesi come URL dei siti visitati, associati all'identità di chi naviga). Questo vi sembra un decreto utile? O la solita stupidata di politicanti impreparati.E vi sembrano persone pensanti quelle che applaudono a simili sfaceli? L'Italia delle capre sta lì a guardare... E trova anche delle motivazioni per sembrare meno imbecille, non ciò che è, ma di ciò che nn può neppure quantificare d'essere. Bel decreto per bella gente.Cosa si può augurare a chi progetta e sostiene simili trovate? Solo la peggiore fine, qualunque essa sia. Purché molto dolorosa.
    • concorde scrive:
      Re: Solo l'Italia delle capre
      purtroppo quello che dici è VERO.Gli italiani sono sempre più disorientati da norme assurde che spesso servono solo per far "cassa" all'ente di turno che giudistifica GIUSTO interpretare (spesso a proprio vantaggio) le normative poco intelligenti o per assecontare il mantenumento del potere. I politici hanno imparato che per manntenere la loro posizione devono saper (a) non ripondere a domande provocanti (i soliti populisti...) (b) se si critica la casta si è demagoghi e populisti (c) se li si accusa di aver ridotto l'Italia ad un paese allo sfascio, scaricano le responsabilità ad altri (qui sono bravissimi)Ma si sa gli italiani e sopratutto i loro politici non brillano per preparazione e/o intelligenza. Troppo spesso si abusa di qualche genio italiano vissuto qualche centanaio di anni fa o dei miseri premi Nobel italiani (dei quali però viene per comodità tacciuto che tutti, hanno studiato all'estero). All'estero mostrando il mio passaporto i commenti ironici sul bel paese ormai si sprecano. Però, come tutti gli italiani, vado orgoglioso che (a) abbiamo vinto i mondiali (b) da noi si mangia bene (c) il mare della Sardegna è il più bello del mondo (d) da noi c'è il Papa (e) non mi viene in mente altro.
  • omeroc scrive:
    complicazioni inutili
    per i gestori è una complicazione di non poco contovero è che è una norma pensata proprio per gli internet point gestiti senza regole dagli stranierima è complicato anche per chi gestisce un'attività seriamente, non solo per l'obbligo di registrare tutti gli utenti (e se a qualcuno serve solo di controllare la posta, ad esempio, è piu' il tempo che impiega per la registrazione che quello che passa al computer), ma anche per la conservazione dei dati di navigazione, conservazione dei dati degli utenti nel rispetto della privacy...insomma una folliasia considerato che, per mia esperienza diretta, almeno in grecia e francia nessuno ti chiede nullasia, soprattutto, perché se vuoi fare qualche danno, non hai bisogno di andare all'internet point...
  • Mario scrive:
    Norme contro il terrorismo? Una scusa!
    Siccome l'Italia spiona, mai paga di intrufolarsi nei c..zi degli altri, OCCULTA la morbosa attidudine poliziesca (che solo gli sbirri hanno per loro natura infame)di spiare tutto e tutti, con la dicitura "norme antiterrorismo"! Macchè! Solo una volgare scusa per violare la privacy delle persone!
  • eddy scrive:
    la legge
    la legge
    • eddy scrive:
      Re: la legge
      la legge di Pisanu andrebbe bene. Il fatto e' che viene applicata male dagli operatori dei Net point della mia citta' (tutti pakistani). La fotocopia dei documenti la fanno e prendono i dati dell'utente, ma non scrivono l'ora di arrivo ed omettono l'ora di abbandono della postazione.Per giunta nella scheda non indicano il numero del computer. Lasciando questi dati in bianco, possono quindi affibbiare le colpe di chiunque a chiunque....Sarebbe bene lasciare loro solo la frutta e verdura o fare loro un corso accelerato in diritto civile.
  • Enzo Salvetti scrive:
    Chiusi 8 net Point
    Chi non ha nulla da nascondere non ha nulla da temere nel farsi riconoscere. Non trovo nulla di lesivo della libertà nel decreto Pisanu, trovo estremamente lesivo nei conffronti della mia libertà il comportamento di chi le regole non le rispetta.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Chiusi 8 net Point
      Per lavoro ho girato tutta Europa. L'italia e' l'unico paese nel quale in un aereoporto mi e' stato chiesto di mettere un documento davanti alla webcam per iniziare a navigare (ovviamente _dopo_ essersi mangiato 3 euro). Ho mollato tutto e li ho mandati a quel paese.Io non ho niente da nascondere, niente da temere, vivo in un paese in cui per entrare in un pub ti viene chiesto un documento (per tenere fuori i minori, giustamente), ma non accetto di essere schedato (da un ente privato, per di piu') per fare una cosa banale come leggere il giornale online. Se lo applichi a internet, va applicato anche al telefono, al fax, a quando entri in un negozio a comprare il pane.Il problema e' che in italia si pensa di risolvere i problemi mettendo fuorilegge tutti e incastrando chi rompe le palle con le diecimila leggi e leggette che nessuno conosce e che tutti giocoforza infrangono. Spiacente, non funziona cosi'. Il medioevo chiama, rivuole il vassallaggio indietro.
      • merced scrive:
        Re: Chiusi 8 net Point
        - Scritto da: Nome e cognome
        Per lavoro ho girato tutta Europa. L'italia e'
        l'unico paese nel quale in un aereoporto mi e'
        stato chiesto di mettere un documento davanti
        alla webcam per iniziare a navigare (ovviamente
        _dopo_ essersi mangiato 3 euro). Ho mollato tutto
        e li ho mandati a quel
        paese.

        Io non ho niente da nascondere, niente da temere,
        vivo in un paese in cui per entrare in un pub ti
        viene chiesto un documento (per tenere fuori i
        minori, giustamente), ma non accetto di essere
        schedato (da un ente privato, per di piu') per
        fare una cosa banale come leggere il giornale
        online. Se lo applichi a internet, va applicato
        anche al telefono, al fax, a quando entri in un
        negozio a comprare il
        pane.

        Il problema e' che in italia si pensa di
        risolvere i problemi mettendo fuorilegge tutti e
        incastrando chi rompe le palle con le diecimila
        leggi e leggette che nessuno conosce e che tutti
        giocoforza infrangono. Spiacente, non funziona
        cosi'. Il medioevo chiama, rivuole il
        vassallaggio
        indietro.peccato che da un netpoint se sei un malintenzionato puoi fare molti più danni che andando a comprare il pane, quindi questi paragoni evitali dato che sono ridicoli. Io sono stato in austria, germania, grecia, olanda, inghilterra e sempre , ripeto SEMPRE mi è stato chiesto il documento per navigare nei net point, quindi per l'ennesima volta evita di scrivere stronzate demagogiche. grazie.
        • giovanna di massa scrive:
          Re: Chiusi 8 net Point
          Ti posso dire con certezza che siamo l'unico paese in Europa che registra gli utenti all'entrata. La legge Pisanu ha delle carenze, che sono importanti, come ad esempio il corretto mantenimento degli hard disk qualora dismettessi un pc, giusto per dirne uno, e finiamola con la storia che chi non ha niente da nascondere i documenti li esibisce, perchè personalmente anche io leggo le notizie on line e sapere che anche garantendo la privacy nn si fa uso del mio documento, non è piacevole lasciare fotocopie in giro dei propri dati anagrafici.
          • Enzo Salvetti scrive:
            Re: Chiusi 8 net Point
            Ho il vago sentore che milti non abbiano la più pallida idea di come funzionino le cose nel resto d'europa. Non in tutti i paesi si devono esibire i documenti verissimo, peccato viga l'obblico di compilare una scheda di auto certificazione che viene poi consegnata alla polizia (vedi alberghi etc.) Tutto bello.......????? Provate a dichiarare dati mendaci, e vi trovere con una ulteriore denuncia per falso in atto pubblico!
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Chiusi 8 net Point
            - Scritto da: Enzo Salvetti
            peccato viga l'obblico di
            compilare una scheda di auto certificazione che
            viene poi consegnata alla polizia (vedi alberghi
            etc.)Sono stato in vari alberghi europei. Nessuno mi ha chiesto i documenti. In Italia invece ho dovuto lasciare carta d'identita' e carta di credito.
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Chiusi 8 net Point
          - Scritto da: merced
          peccato che da un netpoint se sei un
          malintenzionato puoi fare molti più danni che
          andando a comprare il paneUnabomber ha fatto perdere mani e dita a un sacco di gente, ma non per questo devi dare i documenti ogni volta che vai alla coop. Ti farebbe sentire piu' tranquillo se fosse cosi'?
        • Marco Cucinato scrive:
          Re: Chiusi 8 net Point
          In Francia no. In Irlanda neanche.
        • www.aleksfa lcone.org scrive:
          Re: Chiusi 8 net Point
          Se sono un malintenzionato, ci metto poco ad entrare nel netpoint col mio bel documento falso. Al contrario, un esercizio privato non ha il diritto di obbligarmi ad esibire un documento. Può al massimo chiedermi di declinare le mie generalità e registrarle. In caso di sospetti dovrà chiedere l'intervento della forza pubblica per un ulteriore controllo. Come si vede, il decreto è del tutto inutile ai fini della sicurezza ed ha come unico effetto pratico la violazione della privacy e la dissuasione degli stranieri ad occuparsi in attività lecite. Ovvero dare problemi agli onesti ed aumentare i disonesti.La riduzione della libertà individuale non ha mai assicurato sicurezza e benessere. Demagogo è chi vuole farcelo credere.
        • dino capponi scrive:
          Re: Chiusi 8 net Point
          io sono stato in olanda in aprile e nessuno mi ha chiasto il documento solo in italia chiedono il documento e quindi sei tu che dici stronzate e non sei neanche uscito dalla tua città figuriamoci se hai girato l'europa
    • peb scrive:
      Re: Chiusi 8 net Point
      Ti spiego cosa non va bene in questo testo di legge medioeval-italiota:Vai a Londra (dove tra l'altro hanno avuto attentati terroristici) e puoi connetterti liberamente a Internet mentre aspetti il bus in una postazione sponsorizzata da Yahoo, oppure ci sono wi-fi spot liberi dai quali ti puoi connettere con qualsiasi dispositivo.Invece nell'Italia delle banane tutto ciò non è possibile, non puoi connetterti ad Internet ovunque, dove e quando vuoi, e siamo relegati al medioevo informatico.
      • gino scrive:
        Re: Chiusi 8 net Point
        Ma hai difensori della legge non viene il dubbio che i dati personali possano venir usati anche contro chi non ha fatto niente di male? Anzi, molto più spesso contro gli innocenti che contro i terroristi o i mafiosi (che notoriamente crackano le banche svizzere dagli Internet point).
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Chiusi 8 net Point
          - Scritto da: gino
          Ma hai difensori della legge non viene il dubbio
          che i dati personali possano venir usati anche
          contro chi non ha fatto niente di male?Ti dico qualcosa di piu'.Al legislatore non viene in mente che e' potenzialmente pericoloso mettere nelle mani di un pakistano/turco/blabla (che secondo il legislatore stesso, relativamente allo scopo non velato di questa legge, e' un potenziale terrorista, e che secondo l'evidenza materiale e' spesso il gestore di internet point) i dati personali e documenti di centinaia di cittadini di qualsivoglia nazionalita'?Questo e' semplicemente un metodo per mettere a tutti un bel mirino legislativo addosso, da applicare alla bisogna. Non ottiene niente dal punto di vista della protezione al cittadino, anzi...
  • peb scrive:
    Manca poco alla fine dell'anno
    Speriamo che questo decreto medioevale vada in pensione e che non venga rinnovato, men che meno trasformato in legge.
    • peb scrive:
      Re: Manca poco alla fine dell'anno
      http://www.parlamento.it/leggi/05155l.htmLegge 31 luglio 2005, n. 155Art. 7.Integrazione della disciplina amministrativa degli esercizi pubblici di telefonia e internet1. A decorrere dal quindicesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto e fino al 31 dicembre 2007, chiunque intende aprire un pubblico esercizio o un circolo privato di qualsiasi specie, nel quale sono posti a disposizione del pubblico, dei clienti o dei soci apparecchi terminali utilizzabili per le comunicazioni, anche telematiche, deve chiederne la licenza al questore. La licenza non e' richiesta nel caso di sola installazione di telefoni pubblici a pagamento, abilitati esclusivamente alla telefonia vocale.
  • panemetcirc enses scrive:
    panifici
    Se è per quello hanno chiuso anche dei panifici per tre scontrini non infilati nel sacchetto trovati dentro al cesto del furgone.
  • Mario tobini scrive:
    Decreto Pisanu
    Non ho capito perchè mai ci siano teste di cazzo che continuano a definire 'famigerato' il decreto Pisanu.
Chiudi i commenti