Volare col MIT nel futuro

Due concept trapelano dai laboratori dell'istituto statunitense. Dovrebbero rappresentare le linee guida per gli ingegneri aeronautici di domani. Attenti a efficienza ed ecologia

Roma – Vulcano islandese permettendo , l’aviazione commerciale si troverà a dover far fronte a una espansione costante: è stato calcolato che nel 2035 il traffico aereo sarà raddoppiato ma per venire incontro alle esigenze economiche e ambientali dovranno essere radicalmente rivisti i paradigmi di progettazione dei velivoli. Ne sono convinti gli scienziati del MIT che a tal proposito, guidati da Edward Greitzer, hanno presentato due concept futuristici che, secondo loro, rappresentano gli aerei del futuro.

Una delle caratteristiche più evidenziate dai maggiori costruttori di aeromobili è quella dell’efficienza, ovvero il basso consumo di carburante a parità di prestazioni con modelli più “anziani”. Basti pensare al 787 Dreamliner , annunciato da Boeing come l’aereo commerciale più fuel efficient che abbia mai volato. I disegni presentati nel Massachussets vanno addirittura oltre gli stravolgimenti apportati dagli ingegneri di Seattle e, calcolando con una certa approssimazione le specifiche tecniche del futuro, potrebbero garantire un’efficienza energetica maggiore del 70 per cento rispetto agli attuali giganti dei cieli.

d-series

Denominati semplicemente D-series e H-series , i due concept sono stati pensati per sostituire due precise tipologie di aeromobile : dalla D dovrebbero derivare nuovi aerei di corto-medio raggio da 180 passeggeri come il Boeing 737 o l’Airbus 320, mentre il disegno H dovrebbe ispirare i progettisti a ideare velivoli da 350 passeggeri per le rotte più lunghe come quelle intercontinentali, attualmente in mano ai modelli più grandi di Airbus e Boeing.

Ciò che salta all’occhio è la struttura della fusoliera, non più tubolare come quelle viste negli ultimi 60 anni ma costituita da due sezioni semi-cilindriche affiancate che portano all’estremo il concetto di wide-body predominante nell’industria aeronautica degli ultimi anni. Diversa, anche se non proprio inusuale, la collocazione dei motori in prossimità degli impennaggi di coda (ove presenti), non ai lati come già visto sul celebre MD-80 “Mad Dog” ma sopra la fusoliera, approfittando della larghezza maggiorata dovuta alla struttura delle stessa anche se sono attualmente allo studio diverse varianti.

H-series

Sempre per quanto riguarda la propulsione dovrà essere rivista anche la progettazione dei motori poiché il flusso d’aria che si rileva in quella sezione dell’aereo è differente da quello rilevato sotto le ali, dove vengono posizionate quasi di default le gondole dei motori in fase di progettazione: per far fronte a questo problema gli ingegneri di Pratt&Whitney, che hanno collaborato alla realizzazione dei progetti, hanno ideato un sistema chiamato Boundary Layer Ingestion (BLI), che dovrebbe consentire al motore di utilizzare meno carburante mantenendo però una spinta equivalente a quella prodotta dai turbofan attuali.

Il progetto è stato finanziato dalla NASA con 2,1 milioni di dollari nell’ambito del programma N+3 , volto a sondare le possibilità di costruzione in 25 anni di una nuova generazione di aerei commerciali dai costi più contenuti e con un impatto ambientale ancora minore rispetto ai predecessori.

Giorgio Pontico

fonte immagine: MIT

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sospettoso scrive:
    sospetto
    ma dai...
    il marito - già titolare di un account relativo alla TV via cavo -
    decideva di abbonarsi, sempre con Rogers Wireless, anche ai servizi
    Internet e telefono fissoe questo tecnologico Rogers Wireless spedisce ancore delle bolette cartacee?sarà...
  • maga 73 scrive:
    risarcimento esagerato
    Lo sbaglio c'è stato. Tuttavia la signora che sapendo di avere un amante si fa inviare a casa la bolletta con tanto di elenco delle chiamate è un po' sprovveduta. Poteva benissimo capitare che la lettera venisse aperta erroneamente. Se sai di rischiare così tanto da pretendere risarcimenti da 600 mila dollari ti organizzi per scongiurare ogni possibile fraintendimento o errore anche da parte di altri !!
    • Valeren scrive:
      Re: risarcimento esagerato
      Eh? No!!!Se il marito fosse venuto in contatto con quei tabulati ed avesse chiesto il divorzio, si sarebbe preso delle sonore batoste in tribunale per violazione della corrispondenza.Ma visto che i tabulati erano stati inviati a lui, aveva tutto il diritto di leggerli e verificarli.Poche storie: l'operatore ha fatto un errore colossale.
  • rover scrive:
    Re: azienda troppo attenta
    Tutti santi e morigerati in questa discussione.Sembra che non lo facesse con l'intera Toronto, ma con un solo personaggio. E forse le telefonate rivelano un'interesse relazionale e non solo sessuale.Comunque è qui che si vede il clima da bar sport: XXXXXXX e poco furba.Direi che non abbiamo elementi ne' per definirla XXXXXXX ne' per definirla morigerata. Comunque la signora aveva preso le sua precauzioni, che il provider ha allegramente ignorato.Oppure è il marito che era curioso e ha comunicato al call center di accorpare tutto?
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: azienda troppo attenta

      Comunque è qui che si vede il clima da bar sport:
      XXXXXXX e poco
      furba.io non l' ho definita XXXXXXX, forse ti riferivi ad un altro utente più in alto.Però il "poco furba" quello si: se devi parlare con l' amante magari ti fai una SIM riservata solo per quello e senza farti mandare la fattura cartacea a domicilio.
      Oppure è il marito che era curioso e ha
      comunicato al call center di accorpare
      tutto?Potrebbe anche essere, ma da come è stato buttato giù l' articolo si evince che sia stata un' iniziativa del' azienda.
  • eymerich scrive:
    Fammi capire
    Già il fatto che questa chieda i danni per essere stata non solo XXXXXXX, ma pure poco furba, lascia perplessi ...... ma in tutto questo cosa c'entra il fatto che la deficente sia stata pure licenziata?
    • iRoby scrive:
      Re: Fammi capire
      No, non hai capito...La signora aveva espressamente chiesto un rispetto della privacy, chiedendo la spedizione della bolletta telefonica al suo cognome da nubile. Perché il marito rispettasse il segreto epistolare e solo lei leggesse la propria bolletta con i resoconti delle telefonate all'amante.Anche a casa mia io non apro mai e lo stesso la mia compagna, le lettere della banca con le comunicazioni di bonifico e i movimenti, che sono intestate ad ognuno di noi.La violazione del segreto epistolare è un reato penale. E nel 2003 io stavo per denunciare un collega che ha aperto una lettera indirizzata a me da una collega di un'altra sede italiana dell'azienda. Anche se la comunicazione riguardava il nostro team di lavoro, avrebbe dovuto chiedermi almeno il permesso.Poteva essere una comunicazione di lavoro che riguardava il team ma anche una che mi avvisava in modo discreto di iniziative nei confronti di qualche membro del team che non andava, come anche la collega poteva essere una mia amante... Di certo solo io avevo il diritto di aprirla.Nel caso canadese l'azienda telefonica ha deciso arbitrariamente di smettere di mandare la bolletta della telefonia mobile col cognome da signorina, e l'ha accorpata ad un altro servizio della famiglia legittimando così anche il marito ad aprire quelle comunicazioni epistolari.Io spero che la signorina vinca questa causa, perché ha pienamente ragione, XXXXXXX o non XXXXXXX.
      • eymerich scrive:
        Re: Fammi capire

        La signora aveva espressamente chiesto un
        rispetto della privacy, chiedendo la spedizioneBè, il tradimento è comunque una violazione di un impegno contrattuale. Se non altro per coerenza doveva starsene zitta.
        La violazione del segreto epistolare è un reato
        penale. E nel 2003 io stavo per denunciare unMichia ... aprire una lettera per sbaglio può capitare a chiunque, specie quando indirizzo o ufficio sono i tuoi. Una denuncia è decisamente esagerata.E comunque se la trota aveva preso così poche precauzioni per difendere la sua privacy vuol dire che era lei, in primo luogo, a non curarsene in maniera sufficente.
        • Valeren scrive:
          Re: Fammi capire
          Cosa doveva fare di più, farsi mandare i resoconti ad un indirizzo falso?Le hanno cambiato i recapiti senza informarla, ed è MOLTO sbagliato.Inoltre se mi dovessero aprire la posta mi incazzerei a morte - mia madre si è presa una strigliata quando avevo 18 - 19 anni ed adesso se arriva qualcosa per me a casa sua mi chiama ed aspetta il mio permesso per aprirla.Si chiamano "privacy" e "civiltà".
    • jiraya scrive:
      Re: Fammi capire
      in teoria era disattenta al lavoro perche' l'hanno lasciata :O ... anche se non capisco che disattenzione potesse avere visto che poteva stare al telefono quanto voleva con l'amante visto che si era lasciata col marito....mi domando dove trovi i soldi per le spese legali piuttosto.Cmq se l'e' cercata... che pianga se stessa...
Chiudi i commenti